Gino Strada

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gino Strada al 9º incontro nazionale di Emergency a Firenze, nel 2010

Luigi Strada detto Gino (Sesto San Giovanni, 21 aprile 1948) è un chirurgo, filantropo e pacifista italiano, fondatore, assieme alla moglie Teresa Sarti, dell'ONG italiana Emergency.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gino Strada alla marcia della pace Perugia-Assisi, nel 2002

Laureatosi in medicina all'Università Statale di Milano nel 1978 e successivamente specializzatosi in chirurgia d'urgenza, durante gli anni della contestazione è uno degli attivisti del Movimento Studentesco (guida il servizio d'ordine della facoltà di Medicina, la sua squadra è denominata "Lenin"[1]).

Gino Strada è ateo[2], ed amico del noto prete di strada don Andrea Gallo.[3]

Nel 2013 ha dichiarato di non votare alle elezioni da circa trent'anni, per esprimere la propria disapprovazione alla politica italiana[4], ma nel 2014 ha dichiarato di sostenere la lista Tsipras.[5]

Attività di chirurgo di guerra[modifica | modifica wikitesto]

Viene assunto dal nosocomio di Rho e fa pratica nel campo del trapianto di cuore fino al 1988, quando si indirizza verso la chirurgia traumatologica e la cura delle vittime di guerra. In particolare negli anni Ottanta Strada si specializza in chirurgia cardiopolmonare lavorando negli Stati Uniti, alle università di Stanford e Pittsburgh, all'Harefield Hospital (Regno Unito) ed al Groote Schuur Hospital di Città del Capo (Sudafrica), l'ospedale del primo trapianto di cuore di Christiaan Barnard.

Nel periodo 1989-1994 lavora con il Comitato Internazionale della Croce Rossa in varie zone di conflitto: Pakistan, Etiopia, Perù, Afghanistan, Somalia e Bosnia ed Erzegovina.

Emergency e altre attività[modifica | modifica wikitesto]

Questa esperienza sul campo motiva Strada ed un gruppo di colleghi a fondare Emergency, un'associazione umanitaria internazionale per la riabilitazione delle vittime della guerra e delle mine antiuomo che, dalla sua fondazione nel 1994 alla fine del 2010, ha assistito gratuitamente oltre 4 milioni di pazienti[6].

Ha pubblicato due libri che hanno ottenuto un certo successo di pubblico e critica: Pappagalli verdi: cronache di un chirurgo di guerra e Buskashì. Viaggio dentro la guerra.

Nel 2001 è vincitore del premio Colombe d'Oro per la Pace, assegnato annualmente dall'Archivio disarmo ad una personalità distintasi in campo internazionale. Dal 2002 è cittadino onorario della città di Empoli (Toscana), dal 2003 anche della città di Montebelluna (Veneto)[7]. Ha ricevuto alcuni voti nello scrutinio segreto per l'Elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 2006.

Nel marzo 2007, durante il sequestro in Afghanistan del giornalista de La Repubblica, Daniele Mastrogiacomo, ha assunto una posizione di rilievo nelle trattative per la sua liberazione.

Nel 2009 muore la moglie Teresa Sarti. Il ruolo di Presidente di Emergency viene assunto poi dalla figlia Cecilia.[8].

In Italia, Gino Strada ha assunto negli anni posizioni critiche nei confronti dei governi guidati da Massimo D'Alema, Romano Prodi e Silvio Berlusconi, per le loro scelte a sostegno della guerra, per la partecipazione dell'Italia a diversi conflitti recenti, per l'aumento continuo delle spese militari da questi sostenute, per le politiche sull'immigrazione e i respingimenti.

La maggior parte delle critiche sono relative alla partecipazione dell'Italia all'intervento NATO in Afghanistan - noto anche come Operazione ISAF - valutate da Gino Strada e dalla sua organizzazione, che vi opera, come una barbarie commessa contro la popolazione afghana in aperta violazione dell'Articolo 11 della Costituzione della Repubblica Italiana.

Egli si è spinto a tali affermazioni poiché riteneva l'intervento della NATO, e di conseguenza dell'Italia, spinto da interessi economici. Anche se diversi[9] considerano la posizione di Gino Strada come un esempio di pacifismo radicale, moralista e utopico. A questo proposito, Strada stesso ha dichiarato:

« Io non sono pacifista. Io sono contro la guerra»
(Gino Strada, Intervista a Che tempo che fa[10])

Il 13 aprile 2013 viene eletto tra i dieci possibili candidati alla Presidenza della Repubblica alle cosiddette "quirinarie" del Movimento 5 Stelle. Giunto secondo alle spalle di Milena Gabanelli, in seguito alla rinuncia della stessa, diviene un possibile candidato. Poco dopo decide tuttavia di ritirarsi, in favore del terzo possibile candidato, Stefano Rodotà.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.imolaoggi.it/?p=46943
  2. ^ Risposta atea al sig. Ratzinger
  3. ^ È morto don Gallo, il prete partigiano
  4. ^ Gino Strada: io, Ingroia e la sua lista
  5. ^ Gino Strada: “Lista Tsipras, una speranza per cambiare la politica”
  6. ^ 4.149.250 persone, secondo quanto afferma il Report 1994-2010 di Emergency (consultato il 25-12-2011).
  7. ^ Cittadinanza onoraria di Montebelluna
  8. ^ Un acero rosso per Teresa Sarti Strada in La Nazione, 9 settembre 2009. URL consultato il 16 giugno 2011.
  9. ^ L'autore di un'Intervista a Gino Strada porta come esempio il democratico Piero Fassino, che parla di un «pacifismo alla Gino Strada» in opposizione a uno pragmatico e politicamente realista.
  10. ^ Video dell'intervista

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 15670684 LCCN: n2002049972 SBN: IT\ICCU\LO1V\155960