Dan Henderson

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dan Henderson
Dan Henderson 2007 (crop).jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 180 cm
Peso 93,9 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Lotta greco-romana, Lotta libera, Pugilato
Squadra Stati Uniti Team Quest (1999-presente)
Carriera
Soprannome Hendo
Hollywood
Combatte da Stati Uniti Temecula, Stati Uniti
Vittorie 30
per knockout 14
Sconfitte 12
 

Daniel Jeffrey Henderson (Downey, 24 agosto 1970) è un lottatore di arti marziali miste ed ex lottatore olimpico statunitense.

Combatte nella divisione dei pesi mediomassimi per la promozione UFC.

È stato l'ultimo campione dei pesi mediomassimi Strikeforce e l'ultimo peso welter (83.5 kg) e peso medio (93 kg) campione della defunta Pride Fighting Championships. È stato l'unico lottatore di MMA a detenere contemporaneamente due titoli in due differenti classi di peso nelle federazioni maggiori di arti marziali miste. Henderson inoltre ha vinto il torneo dei pesi medi UFC 17, il torneo dei pesi leggeri Brazil Open 1997, il torneo RINGS King of Kings del 1999 e il torneo Pride 2005 Welterweight Grand Prix.

Ha fatto anche da allenatore nella nona stagione del reality show The Ultimate Fighter.

Henderson possiede il marchio di abbigliamento Clinch Gear MMA.

Per i ranking ufficiali dell'UFC è il contendente numero 7 nella divisione dei pesi mediomassimi.

Background[modifica | modifica wikitesto]

Dan Henderson è nato a Downey, California e cresciuto nell'Apple Valley, California. Ha frequentato la Victor Valley High School a Victorville, California, partecipando e vincendo medaglie ai California State Wrestling Championships nel 1987 e 1988. È stato membro della squadra di wrestling della Victor Valley High School, campioni dello stato nel 1987. Henderson praticò la lotta libera sia alla Cal State Fullerton che alla Arizona State University, partecipando ai campionati NCAA nel 1993. Ha rappresentato gli Stati Uniti nelle olimpiadi del 1992 e del 1996 nella lotta greco-romana.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Inizio carriera ed UFC[modifica | modifica wikitesto]

Henderson inizia ad allenarsi nelle arti marziali nel 1997 quando si unisce al Real American Wrestling team (RAW). Nel suo primo anno di competizioni nelle arti marziali miste vince il Brazil Open, un torneo a cui prendono parte quattro pesi massimi. L'anno successivo vince l'UFC 17 tournament battendo Allan Goes e Carlos Newton. In questo anno nelle MMA sconfigge cinque avversari nel corso di due eventi. Per raggiungere il titolo di RINGS King of Kings il 28 ottobre 1999 a Tokyo, Giappone, vince due combattimenti per qualificarsi alle fasi finali dove supera nell'ordine Gilbert Yvel, Antônio Rodrigo Nogueira e Renato Sobral il 26 febbraio 2000 vincendo il torneo.

Pride Fighting Championships[modifica | modifica wikitesto]

Henderson in seguito inizia a competere nel Pride Fighting Championships combattendo principalmente nella categoria dei pesi medi. Nel Pride, Hendo si scontra con alcuni tra i fighter d'élite del proprio sport, tra cui Wanderlei Silva, Renzo Gracie, Antônio Rodrigo Nogueira, Ricardo Arona, Murilo Rua, Murilo Bustamante, Yuki Kondo, Ryo Chonan e Akihiro Gono.

Quando il Pride inizia la sua divisione bushido, Henderson vince il primo torneo riservato ai welterweight (83 kg), sconfiggendo Ryo Chonan e Akihiro Gono per K. O. e in seguito Bustamante per decisione (maggioranza) in finale. A Pride Bushido 10, Henderson batte Kazuo Misaki per decisione unanime dopo averlo colpito con numerosi colpi. Dan in seguito entra nel secondo Pride Welterweight Grand Prix perdendo in un rematch con Misaki.

L'ultimo scontro di Henderson nel Pride è un rematch con Wanderlei Silva a Pride 33 a Las Vegas, Nevada il 24 febbraio 2007 dove mette a segno una vittoria per knockout diventando Middleweight Champion mentre ancora detiene il titolo dei pesi welter. Henderson diventa il primo fighter della storia a detenere contemporaneamente titoli in due differenti classi di peso in una delle principali organizzazioni di MMA al mondo.

Ritorno in UFC[modifica | modifica wikitesto]

L'8 settembre 2007 Henderson ritorna in UFC per affrontare il light heavyweight champion Quinton Jackson ad UFC 75 a Londra. Un combattuto incontro vede vittorioso "Rampage" Jackson per decisione unanime alla fine del quinto round che conquista anche il Pride middleweight title.

Il 17 novembre 2007 viene annunciato ad UFC 78 che Henderson avrebbe lottato contro l'UFC middleweight champion Anderson Silva per unificare i titoli UFC e Pride. Il 1º marzo 2008 ad UFC 82, tenuto alla Nationwide Arena a Columbus, Ohio, si svolge il match che vede Henderson perdere per sottomissione al secondo round tramite una rear naked choke.

Henderson si rifà dell'infausta partenza in UFC con la vittoria contro l'asso del brazilian jiu jitsu Rousimar Palhares ad UFC 88 per decisione unanime. Questa è la sua prima vittoria in UFC dopo oltre dieci anni. Dopo l'incontro Dan ridendo afferma: "Spero di non dover attendere altrettanto prima della mia prossima vittoria".

In seguito Henderson ritorna alla light heavyweight division per affrontare l'ex UFC Middleweight champion Rich Franklin. Hendo vince per decisione (maggioranza) dopo un dito un dito nell'occhio all'avversario dopo il quale molti, incluso Franklin, fosse intenzionale. In seguito viene scelto per guidare il Team U. S contro Team UK guidato da Michael Bisping nella nona stagione del reality The Ultimate Fighter.

Coach ad Ultimate Fighter e nuovo abbandono dell'UFC[modifica | modifica wikitesto]

Il reality show, che partorisce una rivalità tra i due coach che continuerà fino al loro match, viene trasmesso da Spike TV con la finale svoltasi il 20 giugno 2009 a Las Vegas. Dan riceve una Land Rover pluriaccessoriata per essere stato allenatore dello show insieme a Bisping.

L'11 luglio 2009 ad UFC 100, tenutosi al Mandalay Bay Events Center a Las Vegas, Henderson e Bisping regolano i propri conti in sospeso con Hendo che diviene il primo uomo a mettere K. O. Bisping nel secondo round con un potente gancio destro alla mascella di Bisping. Questa vittoria frutta a Dan una title shot per l'UFC Middleweight Championship e il premio "Knockout of the Night", il quale finisce per diventare uno dei più famosi nella storia di questo sport, venendo premiato KO of the Year ai Fighters Only World MMA Awards nel 2009[1].

Una controversia sorge da questo combattimento poiché Henderson, immediatamente dopo il suo pugno del K. O., colpisce un Bisping steso a terra con un avambraccio volante prima che l'arbitro Mario Yamasaki dichiari il combattimento concluso al minuto 3.20. Nell'intervista post-gara, Henderson giustifica il colpo finale dopo il knockout affermando: "Normalmente non combatto in questa maniera. So se il mio avversario è fuori combattimento e in quel caso tendo a fermarmi. Sapevo di averlo colpito e pensavo che quel primo colpo sarebbe servito solo a farlo stare un po' zitto"[2].

In seguito il presidente UFC Dana White afferma che Hendo avesse rilasciato tali dichiarazioni per scherzo mentre Dan tenta di chiarire dicendo: "quando sei in trance agonistica, e l'arbitro non ha ancora fermato l'incontro, non puoi sapere cosa accadrà, se lui possa rialzarsi. L'ho davvero colpito solo due volte, una volta col mio piede e una volta quand'era al tappeto. Non ho continuato, non ho continuato dopo che l'arbitro aveva tentato di fermarmi, non ho fatto nulla di tutto ciò. È stata una mia reazione continuare finché non sono stato bloccato, anche se mi ha fatto sentire bene[3].

Strikeforce[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 dicembre 2009 Dan Henderson firma un contratto di quattro incontri per la durata di sedici mesi con la Strikeforce, una volta scaduto il proprio contratto con l'UFC. Il debutto avviene il 17 aprile 2010 a Strikeforce on CBS contro Jake Shields. Dan cercava anche un incontro per un match di pesi medi contro Gegard Mousasi ed esprime anche l'interesse per un eventuale scontro con Fedor Emelianenko durante la durata del suo contratto. Dan perde il suo debutto nella nuova federazione e malgrado l'aver mandato al tappeto Shields durante il primo round, perde per decisione unanime (49–46, 49–45, 48–45).

In seguito Henderson sconfigge Renato Sobral il 4 dicembre 2010 a Strikeforce: Henderson contro Babalu per K. O. al primo round e Rafael Cavalcante per K. O. al terzo round vincendo lo Strikeforce Light Heavyweight Championship a Strikeforce 32.

Il 30 luglio 2011 Henderson combatte contro Fedor Emelianenko a Strikeforce: Fedor contro Henderson in un incontro tra pesi massimi[4]. Henderson sconfigge il prestigioso avversario per KO tecnico al minuto 4.12 del primo round disputando il suo ultimo incontro nella federazione causa scadenza del proprio contratto. Dan esprime in seguito il desiderio di rinnovare per difendere il suo Strikeforce Light Heavyweight Championship ma nel frattempo la compagnia viene rilevata dall'UFC con cui sono rimaste vecchie ruggini dal passato.

Nuovo ritorno in UFC[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo la conferenza stampa pre-combattimento di UFC 133 Dana White commenta riguardo al potenziale ritorno di Henderson in UFC: "Vedremo ciò che accadrà: io e Hendo abbiamo ancora delle discussioni in sospeso, vedremo se riusciremo a combinare qualcosa per riportarlo in UFC[5]". In seguito Henderson commenta: "Penso che il migliore incontro che possa essere promosso sia probabilmente un'unificazione dei titoli con chiunque sia il campione UFC[6]".

L'incontro per il ritorno si rivela essere contro Shogun Rua il 19 novembre 2011 ad UFC 139[7] malgrado Hendo dichiari che avrebbe preferito incontrare subito il campione Jon Jones in una sfida per il titolo[8].

L'incontro tra i due ex campioni del Pride Fighting Championships si rivela un match epico che a più riprese i commentatori americani, Goldberg e Rogan, durante la telecronaca, definiscono uno dei più grandi della storia dell'UFC. Durante i primi tre round il quarantunenne Henderson domina la contesa infliggendo danni seri a Shogun che è ridotto ad una maschera di sangue, andando vicino, alla fine della terza ripresa a chiudere l'incontro. Nel quarto e quinto round invece c'è l'inaspettata riscossa di Shogun, complice l'evidente calo fisico di Hendo. La decisione finale dei giudici assegna la vittoria finale all'americano assegnandogli in tutte le riprese un risultato di 10-9. Nell'intervista post-match Dan, sorretto da un compagno e dallo stesso Rogan, definisce il combattimento come "il più duro della sua carriera"[9]. L'incontro, come prevedibile, viene nominato Fight of the Night dell'evento, in coabitazione con il match tra Wanderlei Silva e Cung Le.

Il 1º settembre 2012 avrebbe dovuto affrontare il campione Jon Jones per il titolo dei pesi mediomassimi UFC, ma un infortunio ad uno dei legamenti subito proprio una settimana prima dell'incontro fece saltare l'intera card, primo caso nella storia dell'UFC, e come suo sostituto nella sfida per la cintura venne scelto Vitor Belfort.

Il 23 febbraio 2013 affronta l'ex campione di categoria Lyoto Machida perdendo ai punti un match molto equilibrato, vedendo così sfumata la possibilità di lottare subito per il titolo.

In giugno Hendo subisce un'altra sconfitta per decisione divisa e ancora una volta contro un ex campione qual è Rashad Evans.

In novembre "Hendo" capitola per la terza volta consecutiva, in questo caso contro il numero 3 dei ranking dei pesi medi ed ex campione dei mediomassimi Vitor Belfort, contro il quale Henderson vinse un incontro nel 2006: la sconfitta fu singolare in quanto per la prima volta lo statunitense venne messo KO in un breve match a senso unico.

Torna alla vittoria nel marzo 2014 in Brasile mettendo KO Mauricio Rua nel rematch tra i due. Lo stesso anno torna a lottare senza l'utilizzo della terapia sostitutiva con testosterone in quanto essa venne vietata negli Stati Uniti ed in Brasile: in maggio affronta l'imbattuto numero 4 dei ranking Daniel Cormier con un peso di 3 kg inferiore al limite dei pesi mediomassimi, e viene malamente sconfitto dal rivale che domina Henderson per tutto l'incontro e lo finisce con uno strangolamento.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Sconfitta 30-12 Stati Uniti Daniel Cormier Sottomissione (rear naked choke) UFC 173: Barao vs. Dillashaw 24 maggio 2014 3 3:53 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 30-11 Brasile Mauricio Rua KO (pugni) UFC Fight Night: Shogun vs. Henderson 2 23 marzo 2014 3 1:31 Brasile Natal, Brasile
Sconfitta 29-11 Brasile Vitor Belfort KO (calcio alla testa) UFC Fight Night: Belfort vs. Henderson 9 novembre 2013 1 1:17 Brasile Goiânia, Brasile
Sconfitta 29-10 Stati Uniti Rashad Evans Decisione (non unanime) UFC 161: Evans vs. Henderson 15 giugno 2013 3 5:00 Canada Winnipeg, Canada
Sconfitta 29-9 Brasile Lyoto Machida Decisione (non unanime) UFC 157: Rousey vs. Carmouche 23 febbraio 2013 3 5:00 Stati Uniti Anaheim, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 29–8 Brasile Mauricio Rua Decisione (unanime) UFC 139: Shogun vs. Henderson 19 novembre 2011 5 5:00 Stati Uniti San Jose, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 28–8 Russia Fedor Emelianenko KO Tecnico (pugni) Strikeforce: Fedor vs. Henderson 30 luglio 2011 1 4:12 Stati Uniti Hoffman Estates, Stati Uniti Incontro di Pesi Massimi
Vittoria 27–8 Brasile Rafael Cavalcante KO Tecnico (pugni) Strikeforce: Feijao vs. Henderson 5 marzo 2011 3 0:50 Stati Uniti Columbus, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Mediomassimi Strikeforce
Vittoria 26–8 Brasile Renato Sobral KO (pugni) Strikeforce: St. Louis 4 dicembre 2010 1 1:53 Stati Uniti Saint Louis, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Mediomassimi Strikeforce
Sconfitta 25–8 Stati Uniti Jake Shields Decisione (unanime) Strikeforce: Nashville 17 aprile 2010 5 5:00 Stati Uniti Nashville, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Medi Strikeforce
Vittoria 25–7 Regno Unito Michael Bisping KO (pugno) UFC 100 11 luglio 2009 2 3:20 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 24–7 Stati Uniti Rich Franklin Decisione (non unanime) UFC 93: Franklin vs. Henderson 17 gennaio 2009 3 5:00 Irlanda Dublino, Irlanda
Vittoria 23–7 Brasile Rousimar Palhares Decisione (unanime) UFC 88: Breakthrough 6 settembre 2008 3 5:00 Stati Uniti Atlanta, Stati Uniti
Sconfitta 22–7 Brasile Anderson Silva Sottomissione (rear naked choke) UFC 82: Pride of a Champion 1º marzo 2008 2 4:50 Stati Uniti Columbus, Stati Uniti Per l'unificazione col titolo dei Pesi Medi UFC
Sconfitta 22–6 Stati Uniti Quinton Jackson Decisione (unanime) UFC 75: Champion vs. Champion 8 settembre 2007 5 5:00 Regno Unito Londra, Regno Unito Per l'unificazione del titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 22–5 Brasile Wanderlei Silva KO (pugni) Pride 33: The Second Coming 24 febbraio 2007 3 2:08 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Medi Pride
Vittoria 21–5 Brasile Vitor Belfort Decisione (unanime) Pride 32: The Real Deal 21 ottobre 2006 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Incontro di Pesi Mediomassimi
Sconfitta 20–5 Giappone Kazuo Misaki Decisione (unanime) Pride Bushido 12 26 agosto 2006 2 5:00 Giappone Nagoya, Giappone Pride 2006 Welterweight Grand Prix, Quarti di finale
Vittoria 20–4 Giappone Kazuo Misaki Decisione (unanime) Pride Bushido 10 2 aprile 2006 2 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 19–4 Brasile Murilo Bustamante Decisione (non unanime) Pride Shockwave 2005 31 dicembre 2005 2 5:00 Giappone Saitama, Giappone vince il Pride 2005 Welterweight Grand Prix
Vittoria 18–4 Giappone Akihiro Gono KO (pugno) Pride Bushido 9 25 settembre 2005 1 7:58 Giappone Tokyo, Giappone Pride 2005 Welterweight Grand Prix, Semifinale
Vittoria 17–4 Giappone Ryo Chonan KO (pugno) Pride Bushido 9 25 settembre 2005 1 0:22 Giappone Tokyo, Giappone Pride 2005 Welterweight Grand Prix, Primo turno
Sconfitta 16–4 Brasile Antônio Rogério Nogueira Sottomissione (armbar) Pride Total Elimination 2005 23 aprile 2005 1 8:05 Giappone Osaka, Giappone Pride 2005 Middleweight Grand Prix, Primo turno
Vittoria 16–3 Giappone Yuki Kondo Decisione (non unanime) Pride Shockwave 2004 31 dicembre 2004 3 5:00 Giappone Saitama, Giappone
Vittoria 15–3 Giappone Kazuhiro Nakamura KO Tecnico (infortunio alla spalla) Pride 28: High Octane 31 ottobre 2004 1 1:15 Giappone Saitama, Giappone
Vittoria 14–3 Brasile Murilo Bustamante KO Tecnico (pugni) Pride Final Conflict 2003 9 novembre 2003 1 0:53 Giappone Tokyo, Giappone Pride 2003 Middleweight Grand Prix, eventuale ripescaggio
Vittoria 13–3 Giappone Shungo Oyama KO Tecnico (pugni) Pride 25: Body Blow 16 marzo 2003 1 3:28 Giappone Yokohama, Giappone
Sconfitta 12–3 Brasile Antônio Rodrigo Nogueira Sottomissione (armbar) Pride 24: Cold Fury 3 23 dicembre 2002 3 1:49 Giappone Fukuoka, Giappone
Sconfitta 12–2 Brasile Ricardo Arona Decisione (non unanime) Pride 20: Armed and Ready 28 aprile 2002 3 5:00 Giappone Yokohama, Giappone
Vittoria 12–1 Brasile Murilo Rua Decisione (non unanime) Pride 17: Championship Chaos 3 novembre 2001 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 11–1 Giappone Akira Shoji KO Tecnico (pugni e ginocchiate) Pride 14: Clash of the Titans 27 maggio 2001 3 3:18 Giappone Yokohama, Giappone
Vittoria 10–1 Brasile Renzo Gracie KO (pugno) Pride 13: Collision Course 25 marzo 2001 1 1:40 Giappone Saitama, Giappone
Sconfitta 9–1 Brasile Wanderlei Silva Decisione (unanime) Pride 12: Cold Fury 9 dicembre 2000 2 10:00 Giappone Saitama, Giappone Debutto in Pride
Vittoria 9–0 Brasile Renato Sobral Decisione (maggioranza) King of Kings Tournament 1999 26 febbraio 2000 2 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Vince il Torneo Rings King of Kings 1999
Vittoria 8–0 Brasile Antônio Rodrigo Nogueira Decisione (non unanime) King of Kings Tournament 1999 26 febbraio 2000 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Torneo Rings King of Kings 1999, Semifinale
Vittoria 7–0 Paesi Bassi Gilbert Yvel Decisione (unanime) King of Kings Tournament 1999 26 febbraio 2000 2 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Torneo Rings King of Kings 1999, Quarti di finale
Vittoria 6–0 Giappone Hiromitsu Kanehara Decisione (maggioranza) King of Kings Tournament 1999 28 ottobre 1999 2 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Torneo Rings King of Kings 1999, Secondo turno
Vittoria 5–0 Georgia Bakouri Gogitidze Sottomissione (ginocchiata alle costole) King of Kings Tournament 1999 28 ottobre 1999 1 2:17 Giappone Tokyo, Giappone Torneo Rings King of Kings 1999, Primo turno
Vittoria 4–0 Canada Carlos Newton Decisione (non unanime) UFC 17: Redemption 15 maggio 1998 1 15:00 Stati Uniti Mobile, Stati Uniti Vince l'UFC 17 Middleweight Tournament
Vittoria 3–0 Brasile Allan Goes Decisione (unanime) UFC 17: Redemption 15 maggio 1998 1 15:00 Stati Uniti Mobile, Stati Uniti UFC 17 Middleweight Tournament, Semifinale
Vittoria 2–0 Stati Uniti Eric Smith Sottomissione (ghigliottina) Brazil Open '97 15 giugno 1997 1 0:30 Brasile Brasile
Vittoria 1–0 Brasile Crezio de Souza KO Tecnico (pugni) Brazil Open '97 15 giugno 1997 1 5:25 Brasile Brasile

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2009 Fighters Only World MMA Awards.
  2. ^ "Henderson Should be Fined for the Additional Hit on Bisping".
  3. ^ Dan Henderson - "It did feel good" to knockout Bisping.
  4. ^ Dan Henderson sul match con Fedor: decisivo il primo round.
  5. ^ UFC President Dana White Cracks Open the Door to Dan Henderson’s Octagon Return.
  6. ^ Dan Henderson Thinks the Biggest Fight Right Now Would be a Title Unification Bout in the UFC.
  7. ^ UFC 139: torna Dan Henderson contro Mauricio “Shogun” Rua.
  8. ^ UFC 139, Dan Henderson: “Prima Shogun e poi Jon Jones”.
  9. ^ UFC 139: Henderson vs. “Shogun” nella storia delle MMA.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 106860717 LCCN: no2010004290