Jake Shields

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jake Shields
Jake Shields.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 183 cm
Peso 77 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Categoria Pesi medi
Pesi welter
Squadra Stati Uniti Cesar Gracie Jiu-Jitsu
Stati Uniti El Niño Sports
Thailandia Fairtex Gym
Stati Uniti American Kickboxing Academy
Carriera
Combatte da Stati Uniti San Francisco, Stati Uniti
Vittorie 30
per knockout 3
per sottomissione 11
Sconfitte 7
Pareggi 1
 

Jake Shields (Summertown, 9 gennaio 1979) è un lottatore di arti marziali miste statunitense.

Combatte nella divisione dei pesi welter per la promozione WSOF.

È stato campione dei pesi medi Strikeforce e Shooto, nonché l'ultimo campione Rumble on the Rock nella categoria dei 79 kg e il primo e ultimo campione dei pesi welter EliteXC.

Dal 2010 al 2014 ha combattuto nell'organizzazione Ultimate Fighting Championship, nella quale è stato un contendente al titolo dei pesi welter nel 2011 quando venne sconfitto dal campione in carica Georges St-Pierre, e venne licenziato con un record parziale di 4-3 quando era ancora classificato tra i primi 15 pesi welter della promozione.

Oltre alle cinture vinte Shields vanta un notevole curriculum di vittorie contro top fighter e leggende delle MMA, tra questi Dan Henderson, Carlos Condit, Robbie Lawler, Demian Maia, Yushin Okami, Dave Menne e Paul Daley.

Nel submission grappling può vantare un terzo posto all'ADCC Submission Wrestling World Championship del 2005 nella categoria fino ai 77 kg, e dal 2014 compete anche nell'organizzazione Metamoris.

Shields si è allenato intensivamente con Cesar Gracie ed è membro dello "scrap pack" che include ex studenti di Cesar Gracie come Dave Terrell, Nick Diaz, Nate Diaz e Gilbert Melendez. Dopo la sua sconfitta con Akira Kikuchi ha vinto 15 incontri consecutivi nell'arco di 6 anni, fino alla sua sconfitta contro Georges St-Pierre. Jake definisce il suo stile come American Jiu jitsu[1]. È vegetariano[2].

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue vittorie più importanti si trovano Martin Kampmann, Dan Henderson, Paul Daley, Hayato Sakurai, Dave Menne, Carlos Condit e Yushin Okami. Compilò una striscia di 15 vittorie consecutive, finendo otto dei suoi undici avversari prima di essere battuto da George St. Pierre. Ha battuto Nick Thompson per l'Elite XC Welterweight World Championship nel primo round con una guillotine Choke. Ha conquistato il vacante Strikeforce Middleweight World Championship vincendo per decisione unanime contro Jason 'Mayhem' Miller. Più recentemente ha battuto la leggenda del Pride Fighting Championships Dan Henderson il 17 aprile 2010, mantenendo il suo middleweight title.

Strikeforce[modifica | modifica wikitesto]

A Strikeforce: Lawler vs. Shields combatté contro l'ultimo EliteXC's middleweight champion ed ex due volte ICON Sport middleweight champion a un peso catchweight di 182 libbre (83 kg). Lawler prese il centro della gabbia e sembrò a suo agio a combattere in piedi. Robbie Lawler nell'intervista post-match disse: "I suoi colpi erano buoni. Ha tirato un sacco di calci (...) Ha tirato molti pugni e di sicuro non era a disagio a lottare in piedi, questo è sicuro." Due minuti dopo l'inizio del primo round, Shields chiuse l'avversario in una guillotine choke finendolo al minuto 2:02.

At Strikeforce: Fedor vs. Rogers lottò contro Jason 'Mayhem' Miller per il vacante titolo dei pesi medi dopo che Cung Le abbandonò il titolo per perseguire la sua carriera di attore. Shields superò Miller per decisione unanime (49–46, 49–46 e 48–47) vincendo la cintura.

Shields difese con successo lo Strikeforce Middleweight Title, superando Dan Henderson il 17 aprile 2010 a Strikeforce on CBS. Nel post match ci fu una rissa quando Jason Miller entrò nella gabbia mentre Shields veniva intervista da Gus Johnson di CBS, strappandogli il microfono e chiedendo "Dov'è il mio rematch, amico?". Gilbert Melendez insultò Miller e Nick Diaz tirò il pugno che diede il via alla rissa. Il combattimento fu fermato dagli arbitri, membri dell'angolo di Dan Henderson e membri della security. Shields, Miller e altri quattro ricevettero tre mesi di sospensione e multe tra i 5.000 e i 7.500 dollari.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Shields fu inquadrato dalle videocamere accanto a Dana White al pay per view WEC 48. Dana White, mettendogli un braccio attorno al collo gridò "He's mine!" (è mio!) alimentando le voci di una sua firma con l'UFC. Jake Shields disse poi in un'intervista che la sua permanenza alla Strikeforce sarebbe dipesa dalla qualità degli incontri che la federazione gli avesse messo a disposizione. Lo stesso Dana White affermò in questa intervista che sarebbe stato disposto a pagare un'alta somma di denaro per strappare alla Strikeforce il suo campione.

Il 30 giugno, la Strikeforce rilasciò Shields durante il periodo di rinegoziazione del suo contratto. Shields allora iniziò i suoi colloqui con l'UFC, col suo manager e padre Jack Shields Sr. che disse che suo figlio desiderava lottare coi fighters al top dell'UFC, come Anderson Silva[3]. Nel luglio 2010, fu riportato che Shields era vicino all'accordo con l'Ultimate Fighting Championship per competere nei pesi welter.

Shields fece il suo debutto in UFC contro Martin Kampmann il 23 ottobre 2010, a UFC 121: Lesnar vs. Velasquez.[13] Prima del debutto di Jake, Dana White disse che Shields sarebbe stato il più il più probabile candidato per una title shot per l'UFC Welterweight Championship tra il vincitore di Georges St-Pierre vs. Josh Koscheck se avesse battuto Martin Kampmann a UFC 121.

Georges St-Pierre vinse a UFC 124 contro Josh Koscheck. Shields affrontò St-Pierre per l'UFC Welterweight Championship il 30 aprile 2011 a UFC 129 a Toronto. Shields perse per decisione unanime (50–45, 48–47, 48–47).

Shields affrontò Jake Ellenberger il 17 settembre 2011, perdendo per KO tecnico al primo round. Questa fu la prima volta che Shields fu finito in oltre dieci anni di carriera.

Nel 2012 si riscatta subito in Giappone, vincendo ai punti contro Yoshihiro Akiyama. Lo stesso anno torna a competere nella categoria dei pesi medi e sconfigge per decisione unanime Ed Herman. Due mesi dopo l'incontro venne confermato il fatto che Shields utilizzò delle sostane proibite, e di conseguenza venne sospeso per 6 mesi e il risultato dell'ultimo incontro venne cambiato in "No Contest"[4].

Nel 2013 riprende a combattere nella divisione dei pesi welter, ottenendo una dubbia vittoria ai punti su l'ex Strikeforce Tyron Woodley. Fu discutibile ma comunque di immenso valore anche la successiva vittoria sul fuoriclasse di BJJ e top 10 di categoria Demian Maia, contro il quale Shields si impose con i punteggi 48-47, 47-48 e 48-47.

La striscia positiva di Shields s'interrompe nel 2014 contro l'ex campione dei pesi medi Bellator Hector Lombard che sconfigge con merito il nativo del Tennessee.

Dopo quella sconfitta l'UFC prese a sorpresa la decisione di licenziare il top fighter statunitense quando questi era ancora classificato come il contendente numero 11 nella divisione dei pesi welter: Shields terminò così la sua carriera un UFC con un record parziale di 4 vittorie, 3 sconfitte ed un "No Contest", una sfida per il titolo persa ed un parziale negli ultimi cinque incontri di 3-1 (1).

World Series of Fighting[modifica | modifica wikitesto]

A poche settimane dal licenziamento operato per mano dell'UFC Shields trova una nuova opportunità firmando per la promozione emergente World Series of Fighting.

Avrebbe dovuto esordire nel luglio 2014 contro l'altro ex contendente al titolo dei pesi welter UFC Jon Fitch, ma proprio Shields s'infortunò e diede forfait. Esordì in ottobre in Canada contro il campione della franchigia locale della WSOF Ryan Ford, vincendo per sottomissione al primo round: era dal giugno 2009 che Shields non finalizzava un avversario.

In novembre partecipò anche all'evento Metamoris V dell'organizzazione statunitense di jiu jitsu brasiliano e grappling Metamoris, dove affrontò il talentuoso Roberto Satoshi de Souza: l'incontro terminò in parità in quanto nessuno dei due atleti riuscì a sottomettere l'avversario.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Stati Uniti Brian Foster WSOF 17: Shields vs. Foster 17 gennaio 2015 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 30-7-1 (1) Canada Ryan Ford Sottomissione (rear naked choke) WSOF 14: Ford vs. Shields 11 ottobre 2014 1 4:29 Canada Edmonton, Canada Debutto in WSOF
Sconfitta 29-7-1 (1) Cuba Hector Lombard Decisione (unanime) UFC 171: Hendricks vs. Lawler 15 marzo 2014 3 5:00 Stati Uniti Dallas, Stati Uniti
Vittoria 29-6-1 (1) Brasile Demian Maia Decisione (non unanime) UFC Fight Night: Maia vs. Shields 9 ottobre 2013 5 5:00 Brasile Barueri, Brasile
Vittoria 28-6-1 (1) Stati Uniti Tyron Woodley Decisione (non unanime) UFC 161: Evans vs. Henderson 15 giugno 2013 3 5:00 Canada Winnipeg, Canada
No Contest 27-6-1 (1) Stati Uniti Ed Herman No Contest (doping) UFC 150: Henderson vs. Edgar II 11 agosto 2012 3 5:00 Stati Uniti Denver, Stati Uniti Incontro di Pesi Medi
Vittoria 27-6-1 Giappone Yoshihiro Akiyama Decisione (unanime) UFC 144: Edgar vs. Henderson 26 febbraio 2012 3 5:00 Giappone Saitama, Giappone
Sconfitta 26–6-1 Stati Uniti Jake Ellenberger KO (ginocchiata e pugni) UFC Fight Night: Shields vs. Ellenberger 17 settembre 2011 1 0:53 Stati Uniti New Orleans, Stati Uniti
Sconfitta 26–5-1 Canada Georges St-Pierre Decisione (unanime) UFC 129: St-Pierre vs. Shields 30 aprile 2011 5 5:00 Canada Toronto, Canada Per il titolo dei Pesi Welter UFC
Vittoria 26–4-1 Danimarca Martin Kampmann Decisione (non unanime) UFC 121: Lesnar vs. Velasquez 23 ottobre 2010 3 5:00 Stati Uniti Anaheim, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Welter UFC
Vittoria 25–4-1 Stati Uniti Dan Henderson Decisione (unanime) Strikeforce: Nashville 17 aprile 2010 5 5:00 Stati Uniti Nashville, Stati Uniti Difende il titolo dei Pesi Medi Strikeforce
Vittoria 24–4-1 Stati Uniti Jason Miller Decisione (unanime) Strikeforce: Fedor vs. Rogers 7 novembre 2009 5 5:00 Stati Uniti Hoffman Estates, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Medi Strikeforce
Vittoria 23–4-1 Stati Uniti Robbie Lawler Sottomissione (ghigliottina) Strikeforce: Lawler vs. Shields 6 giugno 2009 1 2:02 Stati Uniti Saint Louis, Stati Uniti Debutto in Strikeforce
Vittoria 22–4-1 Regno Unito Paul Daley Sottomissione (armbar) EliteXC: Heat 4 ottobre 2008 2 3:47 Stati Uniti Sunrise, Stati Uniti Difende il titolo dei Pesi Welter EliteXC
Vittoria 21–4-1 Stati Uniti Nick Thompson Sottomissione (ghigliottina) EliteXC: Unfinished Business 26 luglio 2008 1 1:03 Stati Uniti Stockton, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Welter EliteXC
Vittoria 20–4-1 Stati Uniti Mike Pyle Sottomissione (rear naked choke) EliteXC: Renegade 10 novembre 2007 1 3:39 Stati Uniti Corpus Christi, Stati Uniti
Vittoria 19–4-1 Brasile Renato Verissimo KO Tecnico (pugni e gomitate) EliteXC: Uprising 15 settembre 2007 1 4:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti Debutto in EliteXC
Vittoria 18–4-1 Israele Ido Pariente Sottomissione (rear naked choke) Dynamite!! USA 2 giugno 2007 1 2:06 Stati Uniti Los Angeles, Stati Uniti
Vittoria 17–4-1 Stati Uniti Ray Steinbeiss Sottomissione (ghigliottina) Bodog Fight: Costa Rica Combat 18 febbraio 2007 1 1:29 Costa Rica Costa Rica
Vittoria 16–4-1 Stati Uniti Steve Berger KO Tecnico (pugni) FCP: Malice at Cow Palace 9 settembre 2006 2 1:36 Stati Uniti San Francisco, Stati Uniti
Vittoria 15–4-1 Stati Uniti Carlos Condit Decisione (unanime) Rumble on the Rock 9 21 aprile 2006 3 5:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti Vince il torneo dei Pesi Welter ROTR
Vittoria 14–4-1 Giappone Yushin Okami Decisione (maggioranza) Rumble on the Rock 9 21 aprile 2006 3 5:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti Torneo dei Pesi Welter ROTR, Semifinale
Vittoria 13–4-1 Stati Uniti Dave Menne Decisione (unanime) Rumble on the Rock 8 20 gennaio 2006 3 5:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti Torneo dei Pesi Welter ROTR, Quarti di finale
Vittoria 12–4-1 Stati Uniti Toby Imada Decisione (unanime) Kage Kombat 12 novembre 2005 3 5:00 Stati Uniti California, Stati Uniti
Sconfitta 11–4-1 Giappone Akira Kikuchi Decisione (unanime) Shooto: Year End Show 2004 14 dicembre 2004 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Perde il titolo dei Pesi Welter Shooto
Vittoria 11–3-1 Stati Uniti Ray Cooper Sottomissione (rear naked choke) Shooto Hawaii: Soljah Fight Night 9 luglio 2004 1 3:29 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Welter Shooto
Parità 10–3-1 Giappone Kazuo Misaki Parità Pancrase: Hybrid 10 30 novembre 2003 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 10–3 Giappone Akira Kikuchi Decisione (unanime) Shooto: 8/10 in Yokohama Cultural Gymnasium 10 agosto 2003 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Vince il titolo dei Pesi Welter Shooto sezione Pacifico
Vittoria 9–3 Brasile Milton Vieira Decisione (unanime) Shooto: Midwest Fighting 21 maggio 2003 3 5:00 Stati Uniti Hammond, Stati Uniti
Vittoria 8–3 Giappone Hayato Sakurai Decisione (unanime) Shooto: Year End Show 2002 14 dicembre 2002 3 5:00 Giappone Chiba, Giappone
Sconfitta 7–3 Stati Uniti Ray Cooper Decisione (maggioranza) Warriors Quest'6: Best of the Best 3 agosto 2002 3 5:00 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti
Vittoria 7–2 Stati Uniti Robert Ferguson Decisione (unanime) GC 7: Casualties of War 4 novembre 2001 2 5:00 Stati Uniti Colusa, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Welter Gladiator Challenge
Vittoria 6–2 Stati Uniti Jeremy Jackson Sottomissione (rear naked choke) GC 6: Caged Beasts 9 settembre 2001 1 2:03 Stati Uniti Colusa, Stati Uniti
Vittoria 5–2 Stati Uniti Tracy Hess Decisione (unanime) GC 3: Showdown at Soboba 7 aprile 2001 2 5:00 Stati Uniti Friant, Stati Uniti
Vittoria 4–2 Stati Uniti Randy Velarde Sottomissione (rear naked choke) GC 2: Collision at Colusa 18 febbraio 2001 2 3:19 Stati Uniti Colusa, Stati Uniti Passa ai Pesi Welter
Sconfitta 3–2 Stati Uniti Phillip Miller Decisione (unanime) IFC: Warriors Challenge 9 18 luglio 2000 2 8:00 Stati Uniti Friant, Stati Uniti
Vittoria 3–1 Stati Uniti Shannon Ritch Sottomissione (strangolamento) Best of the Best 4 maggio 2000 1 2:45 Stati Uniti Tempe, Stati Uniti
Sconfitta 2–1 Stati Uniti Marty Armendarez KO Tecnico (pugni) IFC: Warriors Challenge 6 25 marzo 2000 1 7:34 Stati Uniti Friant, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Medi IFC
Vittoria 2–0 Stati Uniti Brian Warren Decisione (unanime) CFF: The Cobra Challenge 1999 11 dicembre 1999 1 10:00 Stati Uniti Anza, Stati Uniti
Vittoria 1–0 Stati Uniti Paul Harrison KO Tecnico (pugni) CFF: The Cobra Qualifier 1999 23 ottobre 1999 1 3:22 Stati Uniti Anza, Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Exclusive interview with Jake Shields.
  2. ^ Vegetarian and Strikeforce Champion Jake Shields.
  3. ^ "Strikeforce Releases Shields; Shields Wants Shot at Anderson Silva".
  4. ^ "Jake Shields' UFC 150 win over Ed Herman ruled a no-contest".

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]