Rashad Evans

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Rashad Evans
UFC 145 press conference.jpg
Dati biografici
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Altezza 180 cm
Peso 93 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Lotta libera, Kickboxing
Squadra Stati Uniti Jackson's Submission Fighting
Stati Uniti Blackzilians
Carriera
Soprannome Suga
Shad
Combatte da Stati Uniti Lansing, Stati Uniti
Vittorie 19
per knockout 8
per sottomissione 2
per decisione 12
altro 1
Sconfitte 3
Pareggi 1
 

Rashad Anton Evans (Niagara Falls, 25 settembre 1979) è un lottatore di arti marziali miste statunitense.

Combatte nella categoria dei pesi mediomassimi per l'organizzazione statunitense UFC, nella quale è stato campione di categoria tra il 2008 ed il 2009, quando vinse il titolo contro Forrest Griffin e lo perse assieme alla propria imbattibilità nel successivo incontro per mano dell'altro lottatore imbattuto Lyoto Machida; Evans vinse anche il torneo dei pesi massimi della seconda stagione del reality show The Ultimate Fighter, e nel 2012 ebbe la possibilità di tornare campione dei mediomassimi con la sfida contro Jon Jones, sfida vinta da quest'ultimo. Prima dell'inizio della sua carriera in UFC è stato campione dei pesi mediomassimi nella promozione californiana Gladiator Challenge.

Ha fatto anche da allenatore nella decima stagione del reality show The Ultimate Fighter.

Per i ranking ufficiali dell'UFC è il contendente numero 4 nella divisione dei pesi mediomassimi.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Rashad Evans può vantare un curriculum di tutto rispetto nella lotta libera a livello scolastico, avendo sempre ottenuto ottimi piazzamenti nei vari tornei a livello statale ed essendo stato un lottatore di prima divisione NCAA, nonché uno dei soli quattro lottatori ad essere riusciti a sconfiggere la leggenda della lotta libera statunitense Greg Jones, atleta che terminò la propria carriera collegiale con un record personale di 126-4.

Sotto l'ala protettiva dell'ex campione UFC Dan Severn Evans iniziò la sua carriera da professionista delle arti marziali miste nel 2004, combattendo in meno di due mesi ben cinque incontri e vincendoli tutti, compresa la sfida contro Jaime Jara per il titolo dei pesi mediomassimi Gladiator Challenge.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica wikitesto]

Rashad Evans firma autografi ai propri fan

Nel 2005 partecipa alla seconda stagione del reality show The Ultimate Fighter come lottatore dei pesi massimi nel team allenato da Rich Franklin, benché di natura Evans fosse molto più leggero di tutti gli altri atleti di tale categoria di peso. Nonostante il gap fisico Evans riesce ad imporsi nel torneo dei pesi massimi con una serie di quattro vittorie, tutte ai punti, ai danni rispettivamente di Tom Murphy, Mike Whitehead, Keith Jardine ed il finalista Brad Imes, ottenendo quindi un contratto con l'UFC; subito dopo la vittoria Evans si unisce al team Greg Jackson's Submission Fighting assieme a Keith Jardine.

Tornato nei pesi mediomassimi, categoria nella quale poteva rendere il massimo, Evans nel successivo incontro la spunta a fatica contro il modesto Sam Hoger. Successivamente affronta il pericoloso grappler Stephan Bonnar, vincendo ancora una volta ai punti ma questa volta con una prestazione più convincente grazie ad un'ottima dimostrazione delle sue abilità come wrestler. Sempre nel 2006 venne abbinato all'ex campione WEC Jason Lambert, che in quel momento vantava una striscia di otto vittorie consecutive: Evans si impose per KO nel secondo round.

Nel 2007 venne scelto per affrontare il debuttante Sean Salmon, un forte wrestler collegiale, contro il quale Evans vinse con uno spettacolare KO realizzato con un calcio alla testa.

Con un record personale di 10-0 Rashad poté affrontare una leggenda dello sport quale è Tito Ortiz, allora il più dominante campione UFC grazie al suo regno nei pesi mediomassimi durato dal 2000 al 2003 e appena uscito sconfitto da una nuova sfida per il titolo contro il campione in carica Chuck Liddell; Evans si fece sorprendere dal più esperto Ortiz che avrebbe vinto l'incontro ai punti se non fosse stato penalizzato per aver afferrato la rete della gabbia, punizione che decretò il pareggio tra i due contendenti.

Nel novembre 2007 Evans affrontò l'imbattuto kickboxer britannico Michael Bisping, riuscendo a strappare una discutibile vittoria ai punti: dopo tale vittoria Evans decise in segreto di cambiare totalmente tipo di allenamento, concentrandosi maggiormente sul migliorare il combattimento in piedi.

Nel 2008 venne opposto ad un'altra leggenda UFC di categoria, tal Chuck Liddell che fu campione tra il 2005 ed il 2007, lottatore dal pesantissimo striking e dotato di un'ottima difesa dalle prese della lotta libera: dato nettamente per sfavorito, Evans stupì tutti sfoderando un'ottima boxe e stendendo uno specialista del mestiere come Liddell; Evans venne premiato con i riconoscimenti Knockout of the Night e Knockout of the Year 2008.

Lo stesso anno grazie al proprio record di 13 vittorie e nessuna sconfitta Evans poté affrontare il campione in carica Forrest Griffin: dopo un primo round sofferto Evans cresce di minuto in minuto e nel terzo round manda al tappeto Griffin e lo finisce con un ground and pound, divenendo il nuovo campione dei pesi mediomassimi UFC.

Nel 2009 venne chiamato a difendere per la prima volta il titolo contro l'imbattuto karateka brasiliano Lyoto Machida: Evans sottovalutò l'abilità nello striking dell'avversario, e per la prima volta in carriera venne sconfitto con un brutale KO che consentì a Machida di divenire il nuovo campione e di portare il proprio record di imbattibilità a 15 incontri consecutivi.

Lo stesso anno partecipò alla decima stagione del reality show The Ultimate Fighter in qualità di allenatore opposto ad un altro ex campione dei pesi mediomassimi UFC quale era Quinton Jackson; tra i suoi allievi vi erano anche Brendan Schaub e Roy Nelson. Evans avrebbe dovuto affrontare Quinton Jackson nell'evento UFC 107, ma l'avversario diede forfait perché in quel periodo era impegnato come attore nel film A-Team: al suo posto Evans affrontò Thiago Silva a UFC 108, vincendo meritatamente ai punti. La sfida tra Evans e Quinton Jackson avvenne nel maggio 2010 e terminò con una vittoria di Rashad che fece valere la propria boxe e la sua ottima lotta libera.

A quel punto Evans si guadagnò la possibilità di sfidare il campione in carica Mauricio Rua, al tempo infortunato ed indisponibile fino a metà 2011; successivamente però fu Evans ad infortunarsi ed allora venne sostituito dal compagno di squadra ed astro nascente Jon Jones nella sfida titolata contro Rua, con Evans che avrebbe affrontato il campione uscente una volta ripresosi dal suo infortunio. Jon Jones divenne il nuovo campione e Evans lasciò la Greg Jackson's Submission Fighting per potersi allenare al meglio per affrontare Jones, fondando il team Blackzilians di Boca Raton e formato prevalentemente da afroamericani e lottatori brasiliani che lasciarono la American Top Team. Nell'agosto 2011 si sarebbe dovuto tenere il match tra Evans e Jones, ma il campione in carica diede forfait per infortunio e venne sostituito dall'imbattuta stella nascente Phil Davis; anche Davis si ritirò per infortunio e di conseguenza venne organizzato il rematch contro un Tito Ortiz ormai prossimo al pensionamento: Evans si impose per KO tecnico durante la seconda ripresa.

Evans e Jones vennero abbinati nuovamente per il dicembre 2011, ma questa volta fu Evans ad infortunarsi e ad essere sostituito con Lyoto Machida.

Nel 2012 affrontò Phil Davis per il definitivo posto come contendente al titolo detenuto da Jon Jones: Evans vinse ai punti imponendosi nella lotta libera, specialità che sarebbe stato il punto forte di Davis.

Finalmente nell'aprile 2012 prese vita la tanto attesa sfida tra Evans e Jon Jones: pur essendo riuscito a portare qualche colpo importante all'avversario, in particolare nel primo round, Evans soccombe al miglior allungo di Jones e alle sue tremende gomitate e ginocchiate in salto che garantiscono la terza difesa del titolo da parte del campione in carica che si impone con un punteggio di 49-46, 49-46 e 50-45.

Torna a combattere quasi un anno dopo nel febbraio 2013 contro Antônio Rogério Nogueira: qui Evans subisce la terza sconfitta in carriera, venendo battuto nella boxe dal rivale brasiliano e subendo un pesante upset.

Si rifà in giugno con una risicata vittoria sul pluricampione di MMA Dan Henderson. Si ripete cinque mesi dopo contro il popolare wrestler Chael Sonnen, il quale fu per due volte contendente al titolo dei pesi medi e per una volta contendente al titolo dei pesi mediomassimi: Evans si impose anche nella parte di lotta portando il proprio avversario a terra e imponendo lo stop per KO tecnico per mezzo di un ground and pound.

Nel febbraio 2014 avrebbe dovuto affrontare l'ex campione dei pesi massimi Strikeforce Daniel Cormier con l'evento UFC 170: Rousey vs. McMann, ma proprio Evans s'infortunò alla gamba e il match tra i due saltò.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica wikitesto]

Gli incontri segnati su sfondo grigio si riferiscono ad incontri di esibizione non ufficiali o comunque non validi per essere integrati nel record da professionista.

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Vittoria 19-3-1 Stati Uniti Chael Sonnen KO Tecnico (pugni) UFC 167: St-Pierre vs. Hendricks 16 novembre 2013 1 4:05 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 18-3-1 Stati Uniti Dan Henderson Decisione (non unanime) UFC 161: Evans vs. Henderson 15 giugno 2013 3 5:00 Canada Winnipeg, Canada
Sconfitta 17-3-1 Brasile Antônio Rogério Nogueira Decisione (unanime) UFC 156: Aldo vs. Edgar 2 febbraio 2013 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 17–2-1 Stati Uniti Jon Jones Decisione (unanime) UFC 145: Jones vs. Evans 21 aprile 2012 5 5:00 Stati Uniti Atlanta, Stati Uniti Per il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 17–1-1 Stati Uniti Phil Davis Decisione (unanime) UFC on Fox: Evans vs. Davis 28 gennaio 2012 5 5:00 Stati Uniti Chicago, Stati Uniti Eliminatoria per il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 16–1-1 Stati Uniti Tito Ortiz KO Tecnico (ginocchiata al corpo e pugni) UFC 133: Evans vs. Ortiz 2 6 agosto 2011 2 4:48 Stati Uniti Filadelfia, Stati Uniti
Vittoria 15–1-1 Stati Uniti Quinton Jackson Decisione (unanime) UFC 114: Rampage vs. Evans 29 maggio 2010 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 14–1-1 Brasile Thiago Silva Decisione (unanime) UFC 108: Evans vs. Silva 2 gennaio 2010 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Sconfitta 13–1-1 Brasile Lyoto Machida KO (pugni) UFC 98: Evans vs. Machida 23 maggio 2009 2 3:57 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Perde il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 13–0-1 Stati Uniti Forrest Griffin KO (pugni) UFC 92: The Ultimate 2008 27 dicembre 2008 3 2:46 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Vince il titolo dei Pesi Mediomassimi UFC
Vittoria 12–0-1 Stati Uniti Chuck Liddell KO (pugno) UFC 88: Breakthrough 6 settembre 2008 2 1:51 Stati Uniti Atlanta, Stati Uniti
Vittoria 11–0-1 Regno Unito Michael Bisping Decisione (non unanime) UFC 78: Validation 17 novembre 2007 3 5:00 Stati Uniti Newark, Stati Uniti
Parità 10–0-1 Stati Uniti Tito Ortiz Parità UFC 73: Stacked 7 luglio 2007 3 5:00 Stati Uniti Sacramento, Stati Uniti
Vittoria 10–0 Stati Uniti Sean Salmon KO (calcio alla testa) UFC Fight Night: Evans vs Salmon 25 gennaio 2007 2 1:06 Stati Uniti Hollywood, Stati Uniti
Vittoria 9–0 Stati Uniti Jason Lambert KO (pugni) UFC 63: Hughes vs. Penn 2 23 settembre 2006 2 2:22 Stati Uniti Anaheim, Stati Uniti
Vittoria 8–0 Stati Uniti Stephan Bonnar Decisione (maggioranza) UFC Ultimate Fight Night 5 28 giugno 2006 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 7–0 Stati Uniti Sam Hoger Decisione (non unanime) UFC Ultimate Fight Night 4 6 aprile 2006 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Passa ai Pesi Mediomassimi
Vittoria 6–0 Stati Uniti Brad Imes Decisione (non unanime) The Ultimate Fighter 2 Finale 5 novembre 2005 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Vince il torneo dei Pesi Massimi TUF 2
Vittoria NU Stati Uniti Keith Jardine Decisione (unanime) The Ultimate Fighter 2 31 ottobre 2005 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Massimi TUF 2, Semifinale
Vittoria NU Stati Uniti Mike Whitehead Decisione (unanime) The Ultimate Fighter 2 17 ottobre 2005 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Massimi TUF 2, Secondo turno
Vittoria NU Stati Uniti Tom Murphy Decisione (unanime) The Ultimate Fighter 2 19 settembre 2005 3 5:00 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Torneo dei Pesi Massimi TUF 2, Primo turno
Vittoria 5–0 Stati Uniti Jaime Jara Decisione (unanime) GC 27: FightFest 2 3 giugno 2004 3 5:00 Stati Uniti Colusa, Stati Uniti Vince il torneo dei Pesi Mediomassimi GC
Vittoria 4–0 Stati Uniti Hector Ramirez Decisione (unanime) GC 27: FightFest 2 3 giugno 2004 2 5:00 Stati Uniti Colusa, Stati Uniti Torneo dei Pesi Mediomassimi GC, Semifinale
Vittoria 3–0 Stati Uniti Bryan Pardoe KO Tecnico (pugni) GC 26: FightFest 1 2 giugno 2004 1 3:24 Stati Uniti Colusa, Stati Uniti Torneo dei Pesi Mediomassimi GC, Quarti di finale
Vittoria 2–0 Stati Uniti Danny Anderson Sottomissione (pugni) Dangerzone: Cage Fighting 10 aprile 2004 1 3:09 Stati Uniti Osceola, Stati Uniti
Vittoria 1–0 Stati Uniti Dennis Reed Sottomissione Dangerzone: Cage Fighting 10 aprile 2004 1 0:50 Stati Uniti Osceola, Stati Uniti

Note[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 103552827 LCCN: no2009196582