Takanori Gomi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Takanori Gomi
Takanori Gomi.jpg
Dati biografici
Nazionalità Giappone Giappone
Altezza 173 cm
Peso 71,7 kg
Arti marziali miste MMA pictogram.svg
Dati agonistici
Specialità Pugilato, lotta libera
Squadra Giappone Kugayama Rascal
Stati Uniti American Kickboxing Academy
Carriera
Soprannome The Fireball Kid
Combatte da Giappone Tokyo, Giappone
Vittorie 34
per knockout 13
per sottomissione 6
Sconfitte 9
 

Takanori Gomi (Kanagawa, 22 settembre 1978) è un artista marziale misto giapponese.

Combatte nella categoria dei pesi leggeri per l'organizzazione UFC, ed in passato è stato il primo ed unico campione dei pesi leggeri Pride e campione dei pesi welter Shooto; inoltre è stato per ben quattro volte vincitore del campionato All Japan Combat Wrestling Championships di submission wrestling.

A metà degli anni 2000, durante la sua permanenza nell'organizzazione Pride, era considerato il peso leggero più forte del mondo. In tredici anni di carriera non è mai stato messo KO, e vanta il KO più veloce della storia dell'associazione Pride, avendo steso il brasiliano Ralph Gracie in soli 6 secondi.

Carriera nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

Inizi[modifica | modifica sorgente]

Gomi iniziò a lottare nel 1994 nella squadra scolastica di pugilato; contemporaneamente praticava anche il baseball.

Successivamente iniziò a praticare la lotta libera e le tecniche di grappling in genere, divenendo un ottimo atleta di livello nazionale e arrivando terzo all'All Japan Combat Wrestling Championships del 1998.

Da quel momento Gomi iniziò la sua carriera nelle arti marziali miste continuando contemporaneamente a gareggiare nei campionati All Japan Combat Wrestling Championships di lotta, campionati che vinse nel 2001, 2002, 2003 e 2007 sconfiggendo tra gli altri Mitsuhiro Ishida.

Shooto[modifica | modifica sorgente]

Gomi esordì nel novembre 1998 con l'associazione Shooto, dimostrando subito le sue enormi qualità sconfiggendo tre suoi connazionali. Contemporaneamente prese parte ad eventi organizzati dalla statunitense SuperBrawl.

Il cammino di Gomi nella Shooto fu inarrestabile e con un record di 10-0, seppur con molte vittorie ai punti, poté sfidare il campione dei pesi welter Shooto Rumina Sato: Gomi vinse per decisione dei giudici di gara e di conseguenza nel 2001 divenne campione Shooto di categoria.

Successivamente riuscì a difendere il titolo mettendo KO Dokonjonosuke Mishima, ma nel 2003 dovette arrendersi ai punti e cedere il titolo al norvegese Joachim Hansen; fu la sua prima sconfitta dopo un record di 14-0 in più di quattro anni e tale sconfitta fu una sorpresa in quanto Hansen era considerato di un livello inferiore rispetto al lottatore giapponese.

Pride Fighting Championships[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver perso il titolo Shooto Gomi prende parte ad un evento organizzato dall'organizzazione statunitense Rumble on the Rock e affronta il fuoriclasse B.J. Penn, venendo sconfitto al terzo round per sottomissione.

Nel 2004 entra nella prestigiosa federazione Pride ed esordisce nella serie di eventi Pride Bushido: qui Gomi emerge del tutto come uno dei pesi leggeri più forti del pianeta vincendo sette incontri di fila e mettendo KO la leggenda dell'UFC Jens Pulver dopo il capolavoro su Ralph Gracie, messo KO in soli 6 secondi (knock out più veloce della storia di Pride).

Nel 2005 prende parte al torneo Pride 2005 Lightweight Grand Prix per decretare il più forte peso leggero dell'associazione: Gomi sottomette Tatsuya Kawajiri nei quarti di finale, in semifinale vince ai punti contro Luiz Azeredo e in finale vince per KO al primo round contro il connazionale Hayato Sakurai, divenendo quindi il primo campione dei pesi leggeri Pride, categoria nata nell'associazione giapponese proprio quell'anno.

In un incontro non valido per il titolo subisce la sua terza sconfitta della carriera per mano del brasiliano Marcus Aurelio che sottomette Gomi nel primo round, sconfitta vendicata nel novembre 2006, questa volta per difendere il titolo.

Nel 2007 viene sconfitto da Nick Diaz per sottomissione, ma il risultato viene cambiato in un No Contest dopo che Diaz viene trovato positivo ai controlli per utilizzo di marijuana; fu l'ultimo incontro di Gomi per Pride, in quanto l'associazione venne rilevata dalla Zuffa, azienda proprietaria dell'UFC. Gomi termina quindi la sua esperienza da campione Pride con un record nell'associazione di 13-1 (1).

Gli anni 2008 e 2009 li passa ancora a lottare in Giappone con le promozioni World Victory Road e Shooto, collezionando 4 vittorie e 2 sconfitte che gli costano il titolo dei pesi leggeri WVR Sengoku e il riconoscimento "2008 Upset of the Year" da parte del sito Sherdog.com per il più clamoroso upset dell'anno. Il 1 agosto 2009 avrebbe dovuto lottare nell'evento Affliction: Trilogy della promozione statunitense Affliction Entertainment contro Rafaello Oliveira, ma l'evento intero saltò e successivamente l'organizzazione fallì.

Ultimate Fighting Championship[modifica | modifica sorgente]

Gomi fa il suo debutto in UFC il 31 marzo 2010 contro Kenny Florian: un Gomi mai in partita viene sconfitto per sottomissione nel terzo round.

Nel successivo incontro Gomi è il primo lottatore a mettere KO Tyson Griffin, avversario che rimpiazzava Joe Stevenson.

Gomi è un'altra vittima della "maledizione" dei nuovi acquisti dal Giappone, in quanto anche altri idoli delle federazioni nipponiche di arti marziali miste non sono riusciti a rendere altrettanto bene negli Stati Uniti: il 2011 è infatti da dimenticare a causa delle sconfitte patite da Clay Guida e Nate Diaz.

Nell'evento UFC 144: Edgar vs. Henderson organizzato in Giappone Gomi avrebbe dovuto lottare contro George Sotiropoulos, ma quest'ultimo si infortunò e venne sostituito dall'esordiente Eiji Mitsuoka: nel primo round Gomi soffre molto l'ottima boxe dell'avversario, ma domina il secondo round e vince per KO tecnico colpendo ripetutamente Mitsuoka a terra.

Verso fine anno torna a combattere in Asia con il primo evento UFC ospitato da Macao: qui ottiene un'ulteriore vittoria avendo la meglio ai punti su Mac Danzig in quello che fu premiato come il miglior incontro della serata.

Nel 2013 di fronte al pubblico di casa si vede interrotta la striscia positiva a causa di una discutibile sconfitta ai punti contro il vincitore della prima stagione di The Ultimate Fighter ed ex contendente al titolo dei pesi leggeri UFC Diego Sanchez in un incontro catchweight.

Risultati nelle arti marziali miste[modifica | modifica sorgente]

Risultato Record Avversario Metodo Evento Data Round Tempo Città Note
Stati Uniti Isaac Vallie-Flagg UFC 172: Jones vs. Teixeira 26 aprile 2014 Stati Uniti Baltimora, Stati Uniti
Sconfitta 34-9 (1) Stati Uniti Diego Sanchez Decisione (non unanime) UFC on Fuel TV: Silva vs. Stann 3 marzo 2013 3 5:00 Giappone Saitama, Giappone
Vittoria 34-8 (1) Stati Uniti Mac Danzig Decisione (non unanime) UFC on Fuel TV: Franklin vs. Le 10 novembre 2012 3 5:00 Macao Cotai, Macao
Vittoria 33-8 (1) Giappone Eiji Mitsuoka KO Tecnico (pugni) UFC 144: Edgar vs. Henderson 26 febbraio 2012 2 2:21 Giappone Saitama, Giappone
Sconfitta 32–8 (1) Stati Uniti Nate Diaz Sottomissione (armbar) UFC 135: Jones vs. Rampage 24 settembre 2011 1 4:27 Stati Uniti Denver, Stati Uniti
Sconfitta 32–7 (1) Stati Uniti Clay Guida Sottomissione (ghigliottina) UFC 125: Resolution 1 gennaio 2011 2 4:27 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti
Vittoria 32–6 (1) Stati Uniti Tyson Griffin KO (pugno) UFC Live: Jones vs. Matyushenko 1 agosto 2010 1 1:04 Stati Uniti San Diego, Stati Uniti
Sconfitta 31–6 (1) Stati Uniti Kenny Florian Sottomissione (rear naked choke) UFC Fight Night: Florian vs. Gomi 31 marzo 2010 3 2:52 Stati Uniti Charlotte, Stati Uniti Debutto in UFC
Vittoria 31–5 (1) Stati Uniti Tony Hervey Decisione (unanime) Vale Tudo Japan 2009 30 ottobre 2009 5 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 30–5 (1) Giappone Takashi Nakakura KO (pugni) Shooto: Tradition Final 10 maggio 2009 2 4:42 Giappone Tokyo, Giappone
Sconfitta 29–5 (1) Giappone Satoru Kitaoka Sottomissione (achilles lock) World Victory Road Presents: Sengoku no Ran 2009 4 gennaio 2009 1 1:41 Giappone Saitama, Giappone Per il titolo dei Pesi Leggeri WVR Sengoku
Sconfitta 29–4 (1) Russia Sergey Golyaev Decisione (non unanime) World Victory Road Presents: Sengoku 6 1 novembre 2008 3 5:00 Giappone Saitama, Giappone
Vittoria 29–3 (1) Corea del Sud Seung Hwang Bang Decisione (unanime) World Victory Road Presents: Sengoku 4 24 agosto 2008 3 5:00 Giappone Saitama, Giappone
Vittoria 28–3 (1) Stati Uniti Duane Ludwig KO Tecnico (ferita) World Victory Road Presents: Sengoku 1 5 marzo 2008 1 2:28 Giappone Tokyo, Giappone Debutto in WVR
No Contest 27–3 (1) Stati Uniti Nick Diaz No Contest Pride 33: The Second Coming 24 febbraio 2007 2 1:46 Stati Uniti Las Vegas, Stati Uniti Il risultato venne cambiato quando Diaz venne testato positivo alla Marijuana
Vittoria 27–3 Giappone Mitsuhiro Ishida KO Tecnico (colpi) Pride Shockwave 2006 31 dicembre 2006 1 1:14 Giappone Saitama, Giappone
Vittoria 26–3 Brasile Marcus Aurelio Decisione (non unanime) Pride Bushido 13 5 novembre 2006 2 5:00 Giappone Yokohama, Giappone Difende il titolo dei Pesi Leggeri Pride
Vittoria 25–3 Francia David Baron Sottomissione (rear naked choke) Pride Bushido 12 26 agosto 2006 1 7:10 Giappone Nagoya, Giappone
Sconfitta 24–3 Brasile Marcus Aurelio Sottomissione (triangolo di braccio) Pride Bushido 10 2 aprile 2006 1 4:34 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 24–2 Giappone Hayato Sakurai KO (pugni) Pride Shockwave 2005 31 dicembre 2005 1 3:56 Giappone Saitama, Giappone Vince il Pride 2005 Lightweight Grand Prix e il titolo dei Pesi Leggeri
Vittoria 23–2 Brasile Luiz Azeredo Decisione (unanime) Pride Bushido 9 25 settembre 2005 2 5:00 Giappone Tokyo, Giappone Pride 2005 Lightweight Grand Prix, Semifinale
Vittoria 22–2 Giappone Tatsuya Kawajiri Sottomissione (rear naked choke) Pride Bushido 9 25 settembre 2005 1 7:42 Giappone Tokyo, Giappone Pride 2005 Lightweight Grand Prix, Quarti di finale
Vittoria 21–2 Brasile Jean Silva Decisione (unanime) Pride Bushido 8 17 luglio 2005 2 5:00 Giappone Nagoya, Giappone
Vittoria 20–2 Brasile Luiz Azeredo KO (pugni) Pride Bushido 7 22 maggio 2005 1 3:46 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 19–2 Stati Uniti Jens Pulver KO (pugno) Pride Shockwave 2004 31 dicembre 2004 1 6:21 Giappone Saitama, Giappone
Vittoria 18–2 Stati Uniti Charles Bennett Sottomissione (kimura) Pride Bushido 5 14 ottobre 2004 1 5:52 Giappone Osaka, Giappone
Vittoria 17–2 Brasile Fabio Mello KO Tecnico (colpi) Pride Bushido 4 19 luglio 2004 1 8:07 Giappone Nagoya, Giappone
Vittoria 16–2 Brasile Ralph Gracie KO Tecnico (ginocchiate) Pride Bushido 3 23 maggio 2004 1 0:06 Giappone Yokohama, Giappone
Vittoria 15–2 Brasile Jadson Costa KO Tecnico (colpi) Pride Bushido 2 15 febbraio 2004 1 4:55 Giappone Yokohama, Giappone Debutto in Pride
Sconfitta 14–2 Stati Uniti B.J. Penn Sottomissione (rear naked choke) Rumble on the Rock 4 10 ottobre 2003 3 2:35 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti
Sconfitta 14–1 Norvegia Joachim Hansen Decisione (maggioranza) Shooto in Yokohama Gymnasium 10 agosto 2003 3 5:00 Giappone Yokohama, Giappone Perde il titolo dei Pesi Welter Shooto
Vittoria 14–0 Stati Uniti Nick Ertl Sottomissione (armbar) Shooto: 2/23 in Korakuen Hall 23 febbraio 2003 1 4:59 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 13–0 Giappone Dokonjonosuke Mishima KO Tecnico (pugni) Shooto 2002 Year-End Show 14 dicembre 2002 2 0:52 Giappone Urayasu, Giappone Difende il titolo dei Pesi Welter Shooto
Vittoria 12–0 Stati Uniti Chris Brennan Decisione (unanime) Shooto: Treasure Hunt 10 16 settembre 2002 3 5:00 Giappone Yokohama, Giappone
Vittoria 11–0 Brasile Leonardo Santos Decisione (maggioranza) Shooto: Treasure Hunt 7 29 giugno 2002 3 5:00 Giappone Sakai, Giappone
Vittoria 10–0 Giappone Rumina Sato Decisione (unanime) Shooto: To The Top Final Act 16 dicembre 2001 3 5:00 Giappone Urayasu, Giappone Vince il titolo dei Pesi Welter Shooto
Vittoria 9–0 Stati Uniti Ryan Bow Decisione (unanime) Shooto: R.E.A.D. 12 12 novembre 2000 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 8–0 Stati Uniti Paul Rodriguez Decisione (unanime) Shooto: R.E.A.D. 6 16 luglio 2000 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 7–0 Brasile Huanderson Pavao Decisione (unanime) Shooto: R.E.A.D. 3 2 aprile 2000 3 5:00 Giappone Kadoma, Giappone
Vittoria 6–0 Brasile Johnny Eduardo Sottomissione (rear naked choke) Vale Tudo Japan 1999 11 dicembre 1999 3 1:43 Giappone Urayasu, Giappone
Vittoria 5–0 Giappone Takuya Kawabara Decisione (unanime) Shooto: Renaxis 4 5 settembre 1999 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 4–0 Stati Uniti Stephen Palling Sottomissione (rear naked choke) SuperBrawl 12 1 giugno 1999 1 3:06 Stati Uniti Honolulu, Stati Uniti
Vittoria 3–0 Giappone Takuya Kuwabara Decisione (unanime) Shooto: Renaxis 1 28 marzo 1999 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 2–0 Giappone Kazumichi Takada KO Tecnico (pugni) Shooto: Devilock Fighters 15 gennaio 1999 2 3:42 Giappone Tokyo, Giappone
Vittoria 1–0 Giappone Hiroshi Tsuruya Decisione (unanime) Shooto: Las Grandes Viajes 6 27 novembre 1998 3 5:00 Giappone Tokyo, Giappone

Note[modifica | modifica sorgente]



Controllo di autorità VIAF: 96819456