Upset

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nel basket, l'upset è il termine che definisce la vittoria di una squadra di più bassa classifica su una di posizione più alta. Nel mondo vi sono svariati modi per definire classifiche e ranking, che definiscono poi se una vittoria è da considerarsi o meno un upset. A volte con questo termine, oltre che la vittoria di una singola partita, si definisce anche la vittoria in una serie, in caso di playoff o finali di tornei e campionati. Negli ultimi anni in Italia nella Lega Basket Serie A non si è assistito a clamorosi upset, soprattutto nelle finali.

In NBA invece ne è un esempio abbastanza eclatante la vittoria nel 2004 dei Detroit Pistons sui Los Angeles Lakers guidati da Shaquille O'Neal e Kobe Bryant. In quell'occasione la serie si chiuse in un 4-1 per la squadra della Eastern Conference, mentre prima che essa cominciasse, la stampa dava quelle NBA Finals come una formalità per la franchigia losangelina. Sempre in finale fu altrettanto clamoroso il 4-0 con cui i Golden State Warriors si aggiudicarono il titolo nel 1975 ai danni degli Washington Bullets. Tra gli altri celebri sconvolgimenti dell'NBA c'e sicuramente il 4-2 che i Golden State Warriors, ottava testa di serie, rifilarono ai Dallas Mavericks (prima testa di serie) nel primo turno dei playoffs del 2007. Stessa sorte toccò anche ai Seattle SuperSonics nel 1994, ai Miami Heat nel 1999 e ai San Antonio Spurs nel 2011 per mano di Denver Nuggets, New York Knicks e Memphis Grizzlies.