Call of Duty: World at War

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Call of Duty: World at War
Cod WaW Logo.jpg
Logo del gioco
Sviluppo Treyarch
Pubblicazione Activision Blizzard
Serie Call of Duty
Data di pubblicazione
Europa 14 novembre 2008
Stati Uniti 11 novembre 2008[1]
Genere Sparatutto in prima persona
Tema Seconda guerra mondiale
Modalità di gioco Giocatore singolo, multigiocatore 1-2(solo su Nintendo Wii) e on-line 1-4
Piattaforma Microsoft Windows, Xbox 360, PlayStation 3, Nintendo Wii, PlayStation 2, Nintendo DS, Telefono cellulare
Supporto Blu-ray, DVD-ROM, Disco ottico Wii, Cartuccia
Requisiti di sistema S.O.: Windows XP o Windows Vista

PROCESSORE: Intel Pentium 4 a 3.0 GHz o AMD Athlon 64 3200+ o superiore
RAM: 512 MB di RAM (1 GB per Vista)
SCHEDA VIDEO: 256 MB NVIDIA Geforce 6600GT o superiore o ATI Radeon 1600XT o superiore
SCHEDA AUDIO: Scheda audio compatibile al 100% con DirectX 9.0c
SPAZIO SU DISCO: 8 GB
INTERNET: Connessione a banda larga

Fascia di età BBFC: 15
ESRB: M
GRB: 18
OFLC (AU): MA15+
OFLC (NZ): R16
PEGI: 18, violenza, turpiloquio, online
USK: 18
Periferiche di input Sixaxis o DualShock 3, Controller Wireless, Gamepad, mouse, tastiera, Wiimote con Nunchuck, DualShock2, Touch Screen
Preceduto da Call of Duty 4: Modern Warfare
Seguito da Call of Duty: Modern Warfare 2

Call of Duty: World at War (spesso abbreviato in CoD: WaW) è un videogioco sparatutto in prima persona sviluppato da Treyarch e pubblicato da Activision Blizzard per Nintendo Wii, Playstation 3, Xbox 360, Microsoft Windows, Playstation 2 e Nintendo DS. È il quinto episodio della serie Call of Duty, escludendo i vari spin-off ed espansioni. A fare da scenario ritorna la seconda guerra mondiale, dopo che il precedente capitolo, Call of Duty 4: Modern Warfare, era stato ambientato ai giorni nostri. Il gioco è stato pubblicato nel Nord America l'11 novembre 2008 e in Europa il 14 novembre 2008. Ne è stata fatta una versione per telefono cellulare da Glu Mobile, con trama e missioni diverse rispetto a quelle delle altre versioni. Il motore grafico è stato leggermente potenziato rispetto a quello di Call of Duty 4 con l'aggiunta di maggiori effetti audiovisivi.

Negli Stati Uniti è stato il secondo gioco più venduto nel novembre 2008, con ben 1,41 milioni di unità. Nel Regno Unito, invece, nella sua prima settimana di messa in vendita, ha venduto più del doppio delle copie di Call of Duty 4, diventando il terzo videogioco venduto più velocemente di sempre nella storia britannica. Per quanto riguarda la critica, il gioco ha ottenuto recensioni molto positive, venendo lodato soprattutto per la stupenda rappresentazione della seconda guerra mondiale e per la modalità in multigiocatore. Secondo quanto riportato da Game Rankings, attualmente la media voto del gioco è dell'85% di preferenze.[2][3][4][5]

Trama[modifica | modifica sorgente]

La trama del gioco si concentra sulle battaglie del Pacifico e del fronte orientale, che coinvolsero Stati Uniti, Impero giapponese, Unione Sovietica e Germania nazista. Il giocatore impersona due personaggi: il marine Miller, appartenente al Corpo dei Marine, e il soldato Dimitri Petrenko, appartenente all'Armata Rossa.

Modalità di gioco[modifica | modifica sorgente]

Immagine di gioco

Nel gioco sarà possibile eseguire alcune scelte morali. Alcune di esse prevedono la modalità di uccisione dei nemici, la strada da percorrere, o l'uccisione di nemici in fin di vita. Tutte queste scelte saranno a completa discrezione del giocatore, che potrà scegliere il da farsi.

Giocatore singolo: le missioni[modifica | modifica sorgente]

La campagna per giocatore singolo di Call of Duty: World at War conta 15 missioni, più una bonus. Nella versione Wii mancano l'undicesima missione e quella bonus.

  • Semper Fidelis - Sfuggi alla cattura e raggiungi gli incursori di Carlson per un attacco a sorpresa alle fortificazioni giapponesi sull'isola Makin.
  • Scarsa resistenza - Assalta la spiaggia bianca di Peleliu per aprire la strada alla conquista alleata. In questa missione morirà il Sergente Sullivan.
  • Atterraggio brusco - Neutralizza le difese giapponesi presso l'aeroporto di Peleliu.
  • Vendetta - Aiuta il sergente Reznov, ormai ferito, ad assassinare il generale nazista Amsel, fittizio architetto dell'assalto di Stalingrado.
  • Sopra il loro sangue - Sfonda le difese tedesche presso la città di Seelow.
  • Bruciateli tutti - Apriti la strada tra le trincee giapponesi per eliminare le postazioni nemiche di mortai.
  • Inesorabili - Elimina le postazioni d'artigliera giapponesi che difendono l'entroterra di Peleliu.
  • Sangue e ferro - Guida un carro sovietico T-34/85 per abbattere l'ultima linea difensiva tedesca a protezione di Berlino.
  • L'anello d'acciaio - Sfonda il perimetro delle difese di Berlino.
  • Sfratto - Schianta la resistenza tedesca mentre ti apri la strada verso il cuore della capitale.
  • Black Cats - Elimina le navi mercantili giapponesi con l'equipaggio di un idrovolante PBY Catalina e difendi la flotta alleata da un massiccio attacco kamikaze. Solo durante questa missione (non disponibile per la console WII) il giocatore impersona l'artigliere Locke.
  • Stanali e bruciali - Assalta la fortezza giapponese sull'altopiano di Wana.
  • Punto di rottura - Assalta il castello Shuri per eliminare l'ultimo baluardo della resistenza giapponese a Okinawa. In questa missione si deciderà se salvare il Sergente Roebuck o il soldato Polonsky.
  • Il cuore del Reich - Neutralizza le postazioni tedesche all'esterno del Reichstag. In questa missione il Soldato Chernov verrà ferito a morte da un lanciafiamme.
  • La caduta - Conquista il Reichstag per dichiarare la vittoria finale della Madre Russia sulla macchina da guerra tedesca.
  • Nacht der Untoten (noto anche come Nazi Zombies, lett. La notte dei non-morti) - Questa non è una vera e propria missione, poiché non ha un obiettivo, bensì un minigioco sbloccabile con il completamento della campagna in giocatore singolo. Con la nuova versione questa modalità sarà disponibile immediatamente senza dovere completare alcuna missione e giocabile anche online e a split-screen.

Multigiocatore[modifica | modifica sorgente]

Per la prima volta nella serie, è inclusa una modalità cooperativa (eccetto nella versione per PlayStation 2), che supporta fino a due giocatori a livello locale e quattro giocatori online. Il gioco presenta anche una modalità multigiocatore, contenente varie modalità ed un sistema di livellamento che permette di sbloccare armi supplementari.

Nazi Zombies (Zombi Nazisti)[modifica | modifica sorgente]

Nazi Zombies è una modalità a round in cui i giocatori dovranno sopravvivere agli attacchi di ondate di zombi all'interno di una mappa: è possibile giocarla da soli o in compagnia, tramite la cooperativa offline per due giocatori e la cooperativa online con un massimo di quattro giocatori supportati.

L'obiettivo è quello di sopravvivere a quanti più round possibili, guadagnando punti tramite l'uccisione dei non-morti e la ricostruzione delle difese che potranno essere spesi per utilizzare nuove armi o accedere a varie zone della location.

Dato l'enorme successo riscontrato, Nazi Zombies è stato supportato ed ampliato con il rilascio di nuove mappe tramite DLC ed è stato ripreso nei successivi capitoli di Call of Duty sviluppati da Treyarch: Black Ops e Black Ops II. Ad esso è stato dedicato anche un gioco per le piattaforme Apple iOS, sviluppato da Ideaworks Game Studio. Le mappe, in ordine di rilascio, sono:

  • Nacht der Untoten - "La Notte dei Non-Morti" (ottenibile immediatamente giocando online o al termine della campagna).

La prima mappa della modalità Nazi Zombies è una struttura in rovina composta da 2 piani, situata in un paesaggio avvolto nella nebbia. La trama inquadra la storia di un aviatore americano appena precipitato al suolo con il suo aereo. Una volta rifugiatosi nella struttura abbandonata, verrà assalito da un'orda di non-morti nazisti. La modalità è a due livelli con tre stanze apribili e completamente esplorabili.

L'edificio dove si affronteranno gli zombi è molto simile ad un edificio presente nel livello "Atterraggio brusco".

Natch der Untoten è stata inserita come contenuto esclusivo delle edizioni speciali Hardened e Prestige di Call of Duty: Black Ops ed è inoltre presente sotto forma di easter egg nella mappa Green Run (Tranzit) di Call of Duty: Black Ops II.

  • Zombie Verrückt - "Manicomio Zombi" (contenuta nel Map Pack 1, rilasciato 19 marzo 2009)

Verrückt è ambientata nell'abbandonato manicomio Wittenau, a Berlino, già presente in un livello della campagna singolo giocatore. Essendo composta da una decina di stanze esplorabili e da due punti di spawn per i videogiocatori, risulta molto più vasta della mappa iniziale di Nazi Zombies, sebbene l'ambiente di gioco presenti numerosi corridoi stretti e spazi angusti per non far perdere il ritmo serrato che aveva contraddistinto Natch der Untoten. Al fine di arricchire l'esperienza della modalità, sono state aggiunte le bibite (dei perk sbloccabili tramite punti per potenziare le abilità dei personaggi), nuove armi e delle trappole per zombi.

Verrückt è presente in Call of Duty: Black Ops sia come contenuto esclusivo delle edizioni speciali, sia come mappa presente nel DLC Rezurrection Map Pack.

  • Shi No Numa - "Palude della Morte" (contenuta nel Map Pack 2, rilasciato l'11 giugno 2009)

Shi No Numa si sviluppa in una palafitta cadente attorniata da una palude situata in Giappone: per questo motivo, i non-morti non sono più nazisti ma soldati imperiali giapponesi. Questa terza mappa presenta novità sostanziali, inserite per rendere Nazi Zombies una modalità di fondamentale importanza per i Call of Duty sviluppati da Treyarch. È presente un primo, vero accenno ad una trama e i personaggi sono ora ben distinti: il giocatore interpreterà il marine americano Tank Dempsey, il soldato russo Nikolai Belinski, lo scienziato nazista Edward Richthofen e il soldato giapponese Takeo Masaki.

Sono stati aggiunti anche dei nuovi nemici da affrontare, i Mastini Infernali, delle belve infuocate ed esplosive che si materializzeranno occasionalmente nella mappa per interi round.

  • Der Riese - "Il Gigante" (contenuta nel Map Pack 3, rilasciato il 6 agosto 2009)

L'ultimo add-on rilasciato per la modalità Nazi Zombies è ambientato in un centro di ricerca nazista nei pressi di Breslavia. La mappa è dotata di teletrasporti che per essere utilizzati devono essere collegati al mainframe nel tempo richiesto. Inoltre, attivati tutti i teletrasporti, si potrà accedere ad una macchina (Puck a Punch) che potenzia le armi, rendendole più dannose e aumentando la capacità dei caricatori.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nella prima missione è presente un easter egg del film "Salvate il soldato Ryan" Lasciata la prima spiaggia, appena prima di raggiungere le palafitte sull'acqua noterete un giapponese in fiamme che aggredisce un militare il cui nome (visualizzato puntandolo con il mirino dell'arma) risponde a pvt Ryan. Il sergente Roebuck ordinerà di salvarlo.
  • Nella terza missione, durante l'attacco all'aeroporto di Peleliu e la successiva difesa, i giapponesi sono appoggiati da alcuni carri armati medi Type 97 Chi-Ha: nella realtà storica i corazzati nipponici di stanza sull'isola erano 17 carri leggeri Type 95 Ha-Go.[6]
  • Nella quarta missione, ambientata nel settembre del 1942, si intravedono 2 inesattezze storiche: Le shurzen (vale a dire le protezioni aggiuntive ai lati della torretta e dello scafo) furono utilizzate solo alla fine del 1943; inoltre mentre si eseguono gli ordini del sergente di far fuoco aspettando il rombo degli aerei, si può notare un KonigTiger o Tiger II che fu utilizzato solo agli inizi del 1944. L'inizio di questa missione è chiaramente ispirato al film Il nemico alle porte.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ La data di rilascio di Call of Duty 5
  2. ^ Copie vendute (1)
  3. ^ Copie vendute (2)
  4. ^ Copie vendute (3)
  5. ^ Copie vendute (4)
  6. ^ Call of Duty: World at War su TAKIHOME. URL consultato il 31 dicembre 2012.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]