Villa Politi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Villa Politi
Villa Politi 01.jpg
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneSicilia
LocalitàSiracusa
Indirizzovia Politi, 2
Coordinate37°04′43.02″N 15°17′35.63″E / 37.078618°N 15.293231°E37.078618; 15.293231Coordinate: 37°04′43.02″N 15°17′35.63″E / 37.078618°N 15.293231°E37.078618; 15.293231
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1862
UsoAlbergo
Piani2

La Villa Politi è una villa nobiliare di Siracusa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce nel 1862, con il nome di Grand Hotel Villa Politi (oggi è un hotel a quattro stelle), venne progettato da una nobil donna austriaca, Maria Theresa Laudien, la quale s'innamorò e sposò Salvatore Politi, siracusano appartenente ad una nota famiglia di pittori, definito "l'Ultimo dei Greci" dal militare e storico prussiano Von Wartemburg. Dalla loro unione nacque questa struttura situata sopra la Latomia dei Cappuccini e adornata in stile liberty; soffitti a mansarde, vasti saloni, eleganti linee architettoniche la rendono uno dei palazzi più apprezzati della città. Tra i suoi ospiti più celebri ci sono principi e re provenienti da tutta Europa, come i Principi di Piemonte, gli scrittori italiani Gabriele D'Annunzio ed Edmondo De Amicis, il capo di Stato d'lnghilterra, Sir Winston Churchill,[1] che giunse a Villa Politi con sua moglie, Lady Clementine. Ed è proprio la visita di quest'ultimo ad aver suscitato più curiosità, dato il periodo post-bellico nel quale giunse, la durata della sua permanenza a Siracusa e l'importanza del personaggio. Difatti la Villa oggi ha dato il nome di Churchill a una delle sue sale riunioni.

La Villa Politi fu requisita dagli Alleati, durante la seconda guerra mondiale; fino al 1944 i soldati inglesi, che occuparono Siracusa nel luglio 1943, usarono la Villa come loro base operativa. Finita la guerra, Villa Politi, che fu danneggiata dai bombardamenti alleati (si calcolarono danni per oltre 20 milioni di lire nel 1945) venne ristrutturata e a fine del 1946 riuscì a riaprire.

Edmondo De Amicis dedicò dei versi allo scenario paesaggistico che gli si stagliava dinanzi alla Villa Politi:

«Non ricordo nella mia vita di viaggiatore ore più delizione di quelle che passai sulla terrazza del Grand'Albergo Politi, che sorge nell'Acradina sopra le Latomie dei Cappuccini.[2]»

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Fisheyes Ltd - Internet Solutions for Tourism - http://www.fisheyes.it, Grand Hotel Villa Politi Siracusa - Sito Ufficiale - Albergo 4 Stelle Siracusa, su www.villapoliti.com. URL consultato il 7 febbraio 2017 (archiviato dall'url originale il 24 febbraio 2017).
  2. ^ Viaggio di Winston Churchill a Siracusa, su repubblica.it. URL consultato il 25 novembre 2015..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]