Torri costiere della Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le torri costiere della Sardegna, sono un complesso di strutture fortificate che dall'alto medioevo sino alla metà del diciannovesimo secolo, hanno costituito il sistema difensivo, di avvistamento e di comunicazione della fascia costiera dell'isola.

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

Le incursioni corsare e piratesche contro la Sardegna ebbero inizio nell'ottavo secolo. Il primo attacco documentato risale al 705, periodo della dominazione bizantina, nel quale vi furono due incursioni degli arabi ai quali il presidio bizantino, poco numeroso e piuttosto improvvisato non poté in nessun modo opporsi. Oltre che seminare il terrore tra la popolazione inerme ed impreparata, la razzia fruttò un consistente bottino in beni ma anche di vite umane, infatti decine di uomini e donne furono rapiti per essere ridotti a schiavi. Durante i successivi cinquant'anni gli attacchi seguirono con intensità sempre maggiore: a questo periodo risale la costruzione delle prime torri e castelli lungo le coste della Sardegna.

In seguito anche i Giudicati sardi, di Torres, Cagliari, Gallura e Arborea - le forme di governo della Sardegna dall'VIII al XV secolo - e poi le repubbliche marinare di Pisa e Genova, realizzarono numerose fortificazioni costiere di prima difesa che, all'inizio della dominazione spagnola (1479), ammontavano a circa una sessantina.

Con l'editto del 1502 che decretava la definitiva cacciata dei moriscos dalla Spagna, la pirateria mediterranea ricevette un forte impulso infatti nell'Africa settentrionale si riversò un gran numero di musulmani, profughi della Penisola Iberica appunto, che si unirono ai Berberi del Nord Africa i quali già da secoli vivevano dei proventi della guerra "di corsa". La costa dall'Egitto a Gibilterra divenne base di operazioni piratesche e per tutta la prima metà del Cinquecento le incursioni si moltiplicarono portando terrore e distruzione tra le popolazioni costiere della Sardegna e di gran parte di quelle dell'Italia meridionale e della Spagna; addirittura, dal 1522, anno in cui il condottiero turco-ottomano Khayr al-Din detto Barbarossa si riprese la città di Peñón de Vélez de la Gomera - che insieme ad Algeri divenne la principale base dell'attività corsara, gli assalti diventarono pressoché quotidiani. Una lapide rammenta una delle tante scorrerie: A 5 de Arbili 1546 esti istada isfatta sa villa de Uras de manus de Turcus e Morus essendi capitanu de Morus Barbarossa ("Il 5 aprile del 1546 è stata distrutta la città di Uras per mano di Turchi e Mori essendo capitano dei Mori Barbarossa").

Il grande pericolo turco-barbaresco e l'estrema vulnerabilità delle coste sarde, in ragione della sua vicinanza alla costa del Nordafrica, che - con venti favorevoli - distava soltanto un giorno di navigazione, aumentava dunque il rischio della Corona di Spagna di perdere il controllo dell'isola. A partire dal 1570 iniziò a farsi strada l'idea di dotare le coste della Sardegna di una rete di torri simili a quelle di cui erano già provvisti i regni di Granada e di Valencia e, nel mezzogiorno d'Italia, il Regno di Napoli e la Sicilia. Già nell'aprile del 1572 venne portata a termine la prima Relaciòn de todas las costas maritimas del Reyno de Cerdena y de los lugares donde se deven hazer las torres y atalayas, un piano di difesa regionale estremamente dettagliato realizzato da Marco Antonio Camos.

Fu probabilmente il saccheggio dei villaggi di Quartu Sant'Elena, Quartucciu e Pirri da parte dei pirati barbareschi avvenuto nel 1582, che in quell'occasione giunsero fino alle porte di Cagliari, che indusse il re Filippo II di Spagna a concretizzare questo progetto difensivo con la costituzione, pochi mesi dopo, della "Reale amministrazione delle torri".

La Reale amministrazione delle torri[modifica | modifica wikitesto]

La Reale amministrazione delle torri, nata nel 1583 e paragonabile ad una moderna agenzia, aveva il compito di pianificare la costruzione di nuove torri oltre che provvedere alla loro manutenzione. Aveva inoltre la gestione del loro funzionamento, dall'arruolamento dei soldati al rifornimento delle armi per le guarnigioni. Rientrava tra i compiti istituzionali anche la ricerca dei fondi per il suo finanziamento.

L'amministrazione aveva sede a Cagliari e ne erano a capo, oltre al viceré, due consiglieri (uno per lo stamento del "Capo di Sotto", Cagliari, ed uno per quello del "Capo di Sopra", Sassari) ed un capitano con funzioni prettamente militari, da cui dipendevano alcaidi, artiglieri e soldati di stanza nelle torri. Il personale civile era composto da un contadore, un segretario ed un clavario, oltre ad un sindaco ed un portiere, per il Capo di Cagliari, ed un pagadore ed uno scrivano per il Capo di Sassari.

Una mappa delle torri costiere del 1720

La funzione delle torri costiere venne meno nei primi anni del diciannovesimo secolo quando Inghilterra e Russia, intervenendo decisamente presso i bey di Tunisi, Tripoli e Algeri, li costrinsero ad allinearsi ai dettami del Congresso di Vienna che sanciva l'abolizione della schiavitù e, di conseguenza, della pirateria. Coincide infatti col 1815, anno in cui si svolse il Congresso, l'ultima incursione barbaresca nelle coste della Sardegna. La perdita di interesse strategico dei fortilizi comportò conseguentemente la sospensione dei finanziamenti per la loro manutenzione e la stessa Reale amministrazione delle torri venne soppressa con il regio editto del 17 settembre 1842 a firma di Carlo Alberto di Savoia. Secondo una relazione datata 20 marzo 1843, conservata nell'Archivio storico di Torino, le torri ancora presidiate a quella data assommano a 63.

Soltanto alcune di esse conservarono una certa importanza tanto che vennero utilizzate fino alla seconda guerra mondiale come presidio doganale o militare, come sede di impianti telemetrici e di segnalazione o di punti di avvistamento ottico. La definitiva dismissione delle torri costiere come sistema difensivo avvenne nel 1989, in concomitanza dell'intesa Stato-Regione.

Ubicazione delle torri[modifica | modifica wikitesto]

L'ubicazione delle torri era imposta sia dalla natura stessa della costa - alta o bassa e di conseguenza diversamente accessibile agli invasori, che dalla presenza di importanti centri rivieraschi, tanto è vero che la densità maggiore di presidi si trova nei golfi di Cagliari, Oristano, Alghero e Asinara, oltre che a Bosa. In questi tratti di litorale le torri erano disposte in punti strategici da cui era possibile scrutare ampi tratti di mare; ciascuna di esse comunicava visivamente con le due adiacenti ed eventualmente, nelle giornate con bassa visibilità, i segnali luminosi potevano essere trasmessi servendosi dell'ausilio di "guardie morte" situate lungo la traiettoria tra un presidio e l'altro. Oltre ai fuochi segnaletici, costituiti da fiamme o fumate, ci si avvaleva dell'uso di segnali acustici prodotti da corni e campane e l'uso di un codice prestabilito permetteva il passaggio di informazioni piuttosto dettagliate sull'entità dell'eventuale attacco nemico. Per contro un ampio tratto di costa che va da Santa Teresa di Gallura a Siniscola non fu interessato dalla costituzione di una protezione costiera probabilmente per l'assenza di centri urbani importanti o forse per il fatto che la vicinanza della penisola italica fungeva da deterrente alle incursioni.

Tipologia delle torri[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le torri (ad eccezione di quella di Porto Torres, che è esagonale, di quella della Salinas di Muravera e di Pischeredda di Nurachi, quadrate) hanno una pianta circolare; il 75% di esse hanno una forma, intesa come prospetto, tronco-conica (56%) o cilindrica (19%): una scelta decisamente opportuna in quanto questo modello costruttivo garantiva la migliore resistenza alle sollecitazioni sia statiche che dinamiche; in particolare permetteva una distribuzione più omogenea sulla struttura delle cannonate che arrivavano a segno e quelle che colpivano la parete in maniera obliqua potevano anche risultare non eccessivamente dannose.

La Torre Argentina, Bosa

Altro aspetto che incise sulla scelta di una struttura a sezione circolare fu la ricerca di criteri di massima economicità e questa poteva essere realizzata utilizzando maestranze non specializzate mentre la forma squadrata avrebbe necessariamente richiesto la presenza di maestri scalpellini. Tutti i materiali da costruzione erano, ovviamente, reperiti in loco e la stessa calce per la malta, se non disponibile per mancanza di calcare, piuttosto che essere trasportata da zone distanti, veniva sostituirla con impasti di sabbia e argilla.

Sin dal periodo bizantino le torri si presentavano in tre diverse tipologie:

  • le più grandi e di difesa pesante, come ad esempio la torre di Calamosca a Cagliari e la Torre Grande ad Oristano, erano dette torri de armas o gagliarde. Erano comandate da un alcaide, che aveva a disposizione un artigliere e quattro soldati, ed erano armate tipicamente di quattro cannoni di grosso calibro, due spingarde e cinque fucili. Le dimensioni medie delle gagliarde erano di circa 17 metri di diamentro per 14 di altezza;
  • quelle di difesa leggera, chiamate senzillas, come le torri di Chia, Malfatano e Canai, erano presidiate da un alcaide, un artigliere e due o tre uomini, e dotate tipicamente di due cannoni di medio calibro, due spingarde e cinque fucili. Le dimensioni erano di circa 13 metri di diamentro e 10 di altezza;
  • infine, le più piccole, come quelle di Sa Mora, Sant'Elia e Lazzaretto, sono le torrezillas e fungevano quasi esclusivamente da punto di osservazione; erano presidiate da due soldati con in dotazione una spingarda e due fucili. Le dimensioni medie erano di 5 metri di diametro e 7 metri di altezza.

L'accesso alle torri avveniva attraverso un boccaporto posto ad una altezza di 4/6 metri dal suolo e vi si accedeva con l'ausilio di semplici scale in corda o a pioli, che all'occorrenza venivavo ritirate all'interno con facilità dai soldati di guardia. Nelle torri più piccole la terrazza, detta piazza d'armi, si raggiungeva con le stesse modalità, mentre nelle senzillas e nelle torrezillas vi si accedeva attraverso delle scale in muratura poste in aderenza al muro perimetrale o ricavate all'interno di esso, oppure a chiocciola, anch'esse poste a ridosso del muro.

Sulla terrazza era quasi sempre presente la "mezzaluna", una struttura leggera di forma semicircolare realizzata con canne e coppi, che poggiava sul parapetto, che aveva la funzione di dare riparo ai soldati e alle munizioni.

Postazioni mobili[modifica | modifica wikitesto]

A supporto del sistema difensivo fisso vi erano gli atalayas che erano soldati appiedati comandati alla perlustrazione delle porzioni di costa non dotate di torri. Nel periodo piemontese gli atalayas furono sostituiti con un sistema di guardie morte cioè punti di vedetta fissa poste nelle zone elevate e a maggiore visibilità. Vi erano inoltre le ronde marine, composte da tre uomini ciascuna che controllavano tratti prefissati di costa, e i bastonatieri i quali avevano il compito di recarsi, preferibilmente all'alba, in luoghi predeterminati per avvistare eventuali imbarcazioni nemiche. Il termine "bastoniere" deriva da bastone in quanto essi dovevano recarsi nei posti in cui, in precedenza, un funzionario aveva provveduto a depositare un bastone che essi dovevano riportare indietro per dimostrare che effettivamente si erano recati nel luogo prestabilito. Tuttora vi sono dei promontori che conservano la denominazione, come ad esempio la punta Sa Guardia de is Morus ("la guardia al moro") e punta Sa Guardia de is Turcus ("la guardia al turco").

Carta con l'ubicazione delle torri.

Notizie economiche[modifica | modifica wikitesto]

Come già accennato in precedenza la Reale amministrazione delle torri aveva, fra i compiti istituzionali, quello di reperire i fondi per il suo funzionamento e per tale ragione venne istituita una specifica tassa sulle esportazioni di alcuni prodotti a carico delle popolazioni dei centri costieri. Inoltre, i comuni distanti dalla costa sino ad un raggio di qualche decina di chilometri, erano tenuti al versamento all'Amministrazione di quote, a titolo di contributo, per gli innegabili benefici tratti dal loro territorio grazie alla presenza delle torri. Malgrado però gli introiti fossero piuttosto consistenti i rendiconti dell'epoca, per la verità piuttosto generici soprattutto nella parte relativa alle uscite, chiudevano spesso in passivo e ciò comportava periodici aumenti dei dazi e istituzione di nuove tasse; per limitare le spese, nel 1701 venne addirittura presa in considerazione la proposta di "dimezzare la paga ai soldati e di abbandonare alcune torri". La condizione in cui si trovavano i soldati era pessima, come si può rilevare da un documento del 1798 nel quale il relatore afferma che "lo stipendio è troppo basso perché possano campare" e, più avanti, che "si arruolano solo coloro che sono ridotti alla miseria". La gran parte di loro passava la propria vita negli spazi angusti delle torri, magari nascondendo le eventuali ferite o malattie per paura di essere riconosciuti inabili al servizio e, di conseguenza, "sospesi senza alcuna ricompensa". Sempre sui documenti dell'epoca si può leggere come non fosse improbabile trovare a presidio delle torri soldati di 60, 70 e anche 80 anni.

Lo stato di conservazione attuale[modifica | modifica wikitesto]

Delle centocinque torri risultanti dai numerosi documenti storici, circa il 25 % è andato distrutto o si presenta oggi in forma di rudere, il 35% è in condizioni precarie, mentre il 40%, grazie ai lavori di restauro effettuati, è in buono od ottimo stato, tanto da poter essere visitate all'interno. Dal settembre del 2008 tredici torri costiere sono entrate a far parte del patrimonio della Conservatoria delle Coste grazie ad una delibera della Giunta regionale sarda che ha redatto un primo elenco delle aree di particolare rilevanza paesaggistica e ambientale che vengono affidate alla gestione integrata dell'Agenzia regionale Conservatoria delle coste, per le finalità e alle condizioni previste dalla Convenzione di Barcellona e dalla normativa regionale.

Elenco delle torri[modifica | modifica wikitesto]

Le torri sono elencate seguendo un percorso lungo la costa compiuto in senso orario con partenza dalla città di Cagliari.

Legenda: C. = condizioni, O = ottime, B = buone, M = medie, S = scadenti, R = rudere, D = distrutta, P. = numero di piani
Le torri contrassegnate con l'asterisco fanno parte del patrimonio della Conservatoria delle coste della Sardegna
Per "anno" non si intende la data di costruzione della torre ma l'anno in cui viene per la prima volta attestata la sua esistenza nei documenti storici.

N. Denominazione Prov. Comune Anno C. P. Coordinate
1  Torre della Scafa * CA  Cagliari 1639 O 2 39°12′53″N 9°05′47″E / 39.214722°N 9.096389°E39.214722; 9.096389 (Torre della Scafa) Cagliari - Torre di Sa Scafa (04).JPG
2  Torre di Su Loi o degli Ulivi CA  Capoterra 1578 S 1 39°07′50″N 9°00′45″E / 39.130556°N 9.0125°E39.130556; 9.0125 (Torre Su Loi) Capoterra - Torre di Su Loi (05).JPG
3  Torre di Antigori CA  Sarroch 1591 R - 39°05′26″N 9°00′58″E / 39.090556°N 9.016111°E39.090556; 9.016111 (Torre di Antigori) Blank.jpg
4  Torre Zavorra CA  Sarroch 1578 D - 39°03′25″N 9°02′40″E / 39.056944°N 9.044444°E39.056944; 9.044444 (Torre Zavorra) Blank.jpg
5  Torre del Diavolo CA  Sarroch 1639 S 1 39°02′37″N 9°02′27″E / 39.043611°N 9.040833°E39.043611; 9.040833 (Torre del Diavolo) Sarroch Torre del Diavolo.jpg
6  Torre di San Macario CA  Pula 1639 M 1 39°00′14″N 9°01′56″E / 39.003889°N 9.032222°E39.003889; 9.032222 Pula (Italy) - Torre di San Macario (02).JPG
7  Torre del Coltellazzo o di Sant'Efisio CA  Pula 1639 O 2 38°59′04″N 9°01′12″E / 38.984444°N 9.02°E38.984444; 9.02 Pula (Italy) - Torre del Coltellazzo (01).JPG
8  Torre di Cala d'Ostia CA  Pula 1600 B - 38°57′11.2″N 8°57′47.6″E / 38.953111°N 8.963222°E38.953111; 8.963222 Spanish Saracen Tower - Sardinia - Italy - 01.jpg
9  Torre di Chia* CA  Domus de Maria 1639 B 1 38°53′43″N 8°53′06″E / 38.895278°N 8.885°E38.895278; 8.885 Domus de Maria Torre di Chia 3.jpg
10  Torre di Capo Spartivento CA  Domus de Maria 1639 D - - Blank.jpg
11  Torre di Capo Malfatano * CA  Teulada 1639 B 1 38°53′12″N 8°48′03″E / 38.886667°N 8.800833°E38.886667; 8.800833 Teulada Torre di Capo Malfatano.jpg
12  Torre di Pixini * CA  Teulada 1639 B 1 38°54′15″N 8°46′40″E / 38.904167°N 8.777778°E38.904167; 8.777778 Teulada Torre Piscinnì.jpg
13  Torre del Budello * CA  Teulada 1601 B 1 38°55′57″N 8°43′22″E / 38.9325°N 8.722778°E38.9325; 8.722778 Teulada - Torre del Budello.jpg
14  Torre di Porto Scuro * (o Porto Scudo) CA  Teulada 1601 S 1 38°53′56″N 8°39′58″E / 38.898889°N 8.666111°E38.898889; 8.666111 Blank.jpg
15  Torre di Cala Piombo CA  Teulada 1639 R - 38°53′47″N 8°37′16″E / 38.896389°N 8.621111°E38.896389; 8.621111 Blank.jpg
16  Torre di Porto Pino Sud Sardegna  Sant'Anna Arresi 1785 D - 38°57′28″N 8°35′16″E / 38.957778°N 8.587778°E38.957778; 8.587778 Blank.jpg
17  Torre di Palmas Sud Sardegna  Giba 1577 R - 39°03′32″N 8°34′49″E / 39.058889°N 8.580278°E39.058889; 8.580278 Blank.jpg
18  Torre di Cannai Sud Sardegna  Sant'Antioco 1746 O 1 38°58′07″N 8°26′34″E / 38.968611°N 8.442778°E38.968611; 8.442778 Sant'Antioco Torre Canai.jpg
19  Torre di Calasetta Sud Sardegna  Calasetta 1746 O 1 39°06′35″N 8°21′59″E / 39.109722°N 8.366389°E39.109722; 8.366389 Calasetta - La torre - panoramio.jpg
20  Torre San Vittorio Sud Sardegna  Carloforte 1767 O - 39°08′14″N 8°18′42″E / 39.137222°N 8.311667°E39.137222; 8.311667 Blank.jpg
21  Torre di Portoscuso Sud Sardegna  Portoscuso 1577 O 1 39°12′17″N 8°22′34″E / 39.204722°N 8.376111°E39.204722; 8.376111 Portoscuso Torre Spagnola.jpg
22  Torre di Porto Paglia Sud Sardegna  Gonnesa 1577 R - 39°15′59″N 8°25′09″E / 39.266389°N 8.419167°E39.266389; 8.419167 Blank.jpg
23  Torre di Fontanamare Sud Sardegna  Gonnesa 1799 D - 39°17′35″N 8°26′20″E / 39.293056°N 8.438889°E39.293056; 8.438889 Blank.jpg
24  Torre di Cala Domestica Sud Sardegna Iglesias 1577 B 1 39°22′33″N 8°22′31″E / 39.375833°N 8.375278°E39.375833; 8.375278 Blank.jpg
25  Torre di Flumentorgiu (o Torre dei Corsari) Sud Sardegna  Arbus 1577 S 1 39°41′01″N 8°26′43″E / 39.683611°N 8.445278°E39.683611; 8.445278 Arbus-Torre Flumentorgiu.JPG
26  Torre di Capo Frasca (o Torre Nuova) Sud Sardegna  Arbus 1577 M 1 39°45′09″N 8°28′14″E / 39.7525°N 8.470556°E39.7525; 8.470556 Blank.jpg
27  Torre di Marceddì OR  Terralba 1577 M 1 39°43′44″N 8°30′16″E / 39.728889°N 8.504444°E39.728889; 8.504444 Marceddì - Torre vecchia (6).JPG
28  Torre Grande OR  Oristano 1572 M 2 39°54′25″N 8°30′59″E / 39.906944°N 8.516389°E39.906944; 8.516389 Oristano - Marina - Torre Grande (2).jpg
29  Torre di Su Pottu o di Cabras OR  Cabras 1577 O 1 39°55′13″N 8°30′42″E / 39.920278°N 8.511667°E39.920278; 8.511667 Cabras-Torre del porto (7).JPG
30  Torre di Pischeredda OR  Nurachi - O 1 39°55′13″N 8°30′42″E / 39.920278°N 8.511667°E39.920278; 8.511667 Blank.jpg
31  Torre di Capo San Marco OR  Cabras 1577 R - 39°51′57″N 8°26′25″E / 39.865833°N 8.440278°E39.865833; 8.440278 Cabras- Torre vecchia (12).JPG
32  Torre di San Giovanni OR  Cabras 1591 O 1 39°52′24″N 8°26′20″E / 39.873333°N 8.438889°E39.873333; 8.438889 Cabras-torre Spagnola di San Giovanni di Sinis(13).JPG
33  Torre del Seu OR  Cabras 1720 B 1 39°53′56″N 8°24′15″E / 39.898889°N 8.404167°E39.898889; 8.404167 Cabras - Torre del Seu (1).jpg
34  Torre di Sa Mora * OR  San Vero Milis 1639 S 1 40°02′02″N 8°22′40″E / 40.033889°N 8.377778°E40.033889; 8.377778 Torre di Sa Mora, San Vero Milis, Sardinia, Italy - 20120119.jpg
35  Torre di Capo Mannu o Sa Mesa Longa* OR  San Vero Milis 1639 R - 40°02′40″N 8°23′17″E / 40.044444°N 8.388056°E40.044444; 8.388056 San Vero Milis-Torre di Capu Mannu(14).JPG
36  Torre delle Saline OR  San Vero Milis 1639 R - 40°02′04″N 8°24′45″E / 40.034444°N 8.4125°E40.034444; 8.4125 San vero Milis -Torre -Salina Manna.JPG
37  Torre di Scab'e Sai * OR  San Vero Milis 1639 R 1 40°03′08″N 8°26′15″E / 40.052222°N 8.4375°E40.052222; 8.4375 San Vero Milis – Torre di Scab'e Sai (2).JPG
38  Torre di Su Puttu OR  Cuglieri 1639 R 1 40°05′11″N 8°29′22″E / 40.086389°N 8.489444°E40.086389; 8.489444 Torredelpozzo.jpg
39  Torre di Santa Caterina di Pittinuri OR  Cuglieri 1578 M 1 40°06′20″N 8°29′13″E / 40.105556°N 8.486944°E40.105556; 8.486944 Cuglieri - Torre di santa Caterina di Pittinuri (1).JPG
40  Torre di Capo Nieddu OR  Cuglieri 1578 R - 40°09′18″N 8°27′34″E / 40.155°N 8.459444°E40.155; 8.459444 Blank.jpg
41  Torre di Foghe OR  Tresnuraghes 1591 S 1 40°10′40″N 8°27′31″E / 40.177778°N 8.458611°E40.177778; 8.458611 Tresnuraghes - Torre di Foghe (1).jpg
42  Torre di Ischia Ruja OR  Tresnuraghes 1591 S 1 40°11′47″N 8°28′01″E / 40.196389°N 8.466944°E40.196389; 8.466944 Blank.jpg
43  Torre di Colombargia OR  Tresnuraghes 1577 M 1 40°13′47″N 8°27′46″E / 40.229722°N 8.462778°E40.229722; 8.462778 Tresnuraghes, torre di Colombargia (02).jpg
44  Torre di Bosa OR  Bosa 1572 O 1 40°17′16″N 8°28′28″E / 40.287778°N 8.474444°E40.287778; 8.474444 Bosa - Torre (1).JPG
45  Torre Argentina OR  Bosa 1578 M 1 40°19′11″N 8°26′39″E / 40.319722°N 8.444167°E40.319722; 8.444167 Bosa - Torre Argentina (2).JPG
46  Torre di Badde Jana SS  Alghero 1639 R - 40°26′46″N 8°23′47″E / 40.446111°N 8.396389°E40.446111; 8.396389 Torre spagnola Bosa.jpg
47  Torre di Poglina o della Speranza SS  Alghero 1572 R 1 40°30′02″N 8°20′25″E / 40.500556°N 8.340278°E40.500556; 8.340278 Blank.jpg
48  Torre di Capo Galera o del Lazzaretto SS  Alghero 1572 O 1 40°34′38″N 8°14′51″E / 40.577222°N 8.2475°E40.577222; 8.2475 Torre di Capo Galera o del Lazzaretto.jpg
49  Torre di Punta Giglio SS  Alghero 1572 D - 40°34′07″N 8°12′14″E / 40.568611°N 8.203889°E40.568611; 8.203889 Blank.jpg
50  Torre di Porto Conte SS  Alghero 1572 B 1 40°35′38″N 8°15′16″E / 40.593889°N 8.254444°E40.593889; 8.254444 Alghero - Torre di Porto Conte (02).JPG
51  Torre di Tramariglio SS  Alghero 1591 B 1 40°35′15″N 8°10′18″E / 40.5875°N 8.171667°E40.5875; 8.171667 Alghero - Torre di Tramariglio (1).JPG
52  Torre del Buru SS  Alghero 1572 M 1 40°34′21″N 8°09′55″E / 40.5725°N 8.165278°E40.5725; 8.165278 Alghero - Torre del Buru (1).JPG
53  Torre della Pegna * SS  Alghero 1572 S 1 40°35′47″N 8°08′57″E / 40.596389°N 8.149167°E40.596389; 8.149167 Torre pegna 3.JPG
54  Torre del Porticciolo SS  Alghero 1572 O 1 40°38′39″N 8°11′12″E / 40.644167°N 8.186667°E40.644167; 8.186667 Alghero - Torre del Porticciolo (1).JPG
55 Torre di Bantile Sale o Torre Mozza SS  Sassari 1572 R - 40°40′42″N 8°11′50″E / 40.678333°N 8.197222°E40.678333; 8.197222 Sassari . Torre di Bantine Sale (04).JPG
56  Torre Bianca o di Airadu SS  Sassari 1572 S 1 40°41′22″N 8°12′07″E / 40.689444°N 8.201944°E40.689444; 8.201944 Sassari - Torre Bianca (07).jpg
57 Torre Negra o di Capo Negro SS  Sassari 1578 B 1 40°41′21″N 8°11′53″E / 40.689167°N 8.198056°E40.689167; 8.198056 Sassari - Torre Negra (24).jpg
58  Torre del Falcone SS  Stintino 1577 B 1 40°57′22″N 8°11′49″E / 40.956111°N 8.196944°E40.956111; 8.196944 Stintino - Torre del Falcone (3).JPG
59  Torre della Pelosa SS  Stintino 1578 M 1 40°58′16″N 8°12′25″E / 40.971111°N 8.206944°E40.971111; 8.206944 Stintino - Torre della Pelosa.jpg
60  Torre dell'Isola Piana SS  Porto Torres 1572 M 2 40°58′53″N 8°13′10″E / 40.981389°N 8.219444°E40.981389; 8.219444 Blank.jpg
61  Torre di Trabucato (Asinara) SS  Porto Torres 1639 B - 41°03′11″N 8°19′41″E / 41.053056°N 8.328056°E41.053056; 8.328056 Blank.jpg
62  Torre di Cala d'Oliva (Asinara) SS  Porto Torres 1639 M - 41°04′44″N 8°20′07″E / 41.078889°N 8.335278°E41.078889; 8.335278 Blank.jpg
63  Torre di Cala d'Arena (Asinara) SS  Porto Torres 1720 S - 41°06′35″N 8°19′41″E / 41.109722°N 8.328056°E41.109722; 8.328056 Blank.jpg
64  Torre delle Saline SS  Stintino 1572 M 2 40°54′41″N 8°13′58″E / 40.911389°N 8.232778°E40.911389; 8.232778 Stintino - Torre delle Saline (2).JPG
65  Torre del Porto SS  Porto Torres 1572 O 2 40°50′23″N 8°24′05″E / 40.839722°N 8.401389°E40.839722; 8.401389 Porto Torres - Torre del Porto (1).jpg
66  Torre di Abbacurrente SS  Porto Torres 1577 B 1 40°49′16″N 8°27′15″E / 40.821111°N 8.454167°E40.821111; 8.454167 Porto Torres - Torre di Abbacurrente (2).JPG
67  Torre di Frigiano SS  Castelsardo 1577 S 1 40°54′52″N 8°42′11″E / 40.914444°N 8.703056°E40.914444; 8.703056 Torre di Frigiano, Castelsardo (SS) 1.JPG
68  Torre dell'Isola Rossa SS  Trinità d'A. e Vignola 1578 O 1 41°00′54″N 8°52′21″E / 41.015°N 8.8725°E41.015; 8.8725 Trinità d'Agultu - Torre dell'Isola Rossa (1).JPG
69  Torre di Vignola SS  Aglientu 1605 O 1 41°07′53″N 9°03′21″E / 41.131389°N 9.055833°E41.131389; 9.055833 Aglientu - Torre di Vignola (3).JPG
70  Torre di Santa Reparata SS  Santa Teresa Gallura 1639 D - - Blank.jpg
71  Torre di Longonsardo SS  Santa Teresa Gallura 1577 O 1 41°14′45″N 9°11′33″E / 41.245833°N 9.1925°E41.245833; 9.1925 Santa Teresa Gallura - Torre di Longonsardo (02).JPG
72  Torre di San Giovanni di La Caletta NU  Posada 1591 B 1 40°36′56″N 9°45′09″E / 40.615556°N 9.7525°E40.615556; 9.7525 Saracen Tower La Caletta.jpg
73  Torre di Santa Lucia NU  Siniscola 1639 B - 40°34′57″N 9°46′39″E / 40.5825°N 9.7775°E40.5825; 9.7775 Santa Lucia Siniscola Nuoro Sardegna4.JPG
74  Torre di Santa Maria Navarrese * NU  Baunei 1591 O 2 39°59′19″N 9°41′28″E / 39.988611°N 9.691111°E39.988611; 9.691111 Torre di Santa Maria Navarrese 2.jpg
75  Torre di Arbatax NU  Tortolì 1572 O 2 39°56′13″N 9°42′23″E / 39.936944°N 9.706389°E39.936944; 9.706389 Sardinien arbatax Turm.jpg
76  Torre di Capo Bellavista NU  Tortolì 1639 D - 39°55′40″N 9°42′44″E / 39.927778°N 9.712222°E39.927778; 9.712222 Blank.jpg
77  Torre di San Gemiliano NU  Tortolì 1639 B 1 39°55′09″N 9°42′12″E / 39.919167°N 9.703333°E39.919167; 9.703333 Tortolì - Torre di San Gemiliano (3).jpg
78  Torre di Barì NU  Bari Sardo 1639 O 1 39°49′51″N 9°40′59″E / 39.830833°N 9.683056°E39.830833; 9.683056 Bari Sardo - Torre di Barì (1).jpg
79  Torre di San Giovanni di Sarrala NU  Tertenia 1639 B 2 39°40′06″N 9°39′33″E / 39.668333°N 9.659167°E39.668333; 9.659167 Tertenia 028.jpg
80  Torre di Murtas CA  Villaputzu 1798 B 1 39°33′06″N 9°38′58″E / 39.551667°N 9.649444°E39.551667; 9.649444 Blank.jpg
81  Torre di San Lorenzo CA  Villaputzu 1639 S 1 39°29′25″N 9°38′28″E / 39.490278°N 9.641111°E39.490278; 9.641111 Blank.jpg
82  Torre Morta o di Monte Rosso CA  Villaputzu 1578 S 1 39°27′40″N 9°38′31″E / 39.461111°N 9.641944°E39.461111; 9.641944 Torre di Muertas.jpg
83  Torre di Porto Corallo CA  Villaputzu 1639 O 1 39°26′21″N 9°38′10″E / 39.439167°N 9.636111°E39.439167; 9.636111 Torre di Porto Corallo.jpg
84  Torre della Porta o dei Dieci Cavalli CA  Muravera 1720 S 1 39°23′34″N 9°36′24″E / 39.392778°N 9.606667°E39.392778; 9.606667 Blank.jpg
85  Torre Salinas CA  Muravera 1720 S 2 39°21′56″N 9°36′06″E / 39.365556°N 9.601667°E39.365556; 9.601667 Blank.jpg
86  Torre di Monte Ferru - Capo Ferrato CA  Muravera 1639 B 1 39°18′16″N 9°36′11″E / 39.304444°N 9.603056°E39.304444; 9.603056 Blank.jpg
87  Torre di Cala Pira CA  Castiadas 1639 B 1 39°10′23″N 9°34′29″E / 39.173056°N 9.574722°E39.173056; 9.574722 Castiadas - Torre di Cala Pira (2).JPG
88  Torre di San Luigi CA  Villasimius 1639 S 1 39°08′35″N 9°36′25″E / 39.143056°N 9.606944°E39.143056; 9.606944 Torre di San Luigi - Villasimius (CA).jpg
89  Torre di Porto Giunco CA  Villasimius 1578 M 1 39°06′38″N 9°31′18″E / 39.110556°N 9.521667°E39.110556; 9.521667 Villasimius - Torre di Porto Giunco (1).jpg
90  Torre dell'Isola dei Cavoli CA  Villasimius 1591 M 2 39°05′19″N 9°32′01″E / 39.088611°N 9.533611°E39.088611; 9.533611 Faro Isola dei Cavoli.JPG
91  Torre di Cala Caterina CA  Villasimius 1581 D - 39°06′14″N 9°30′49″E / 39.103889°N 9.513611°E39.103889; 9.513611 Blank.jpg
92  Fortezza Vecchia CA  Villasimius 1639 O - 39°07′00″N 9°30′13″E / 39.116667°N 9.503611°E39.116667; 9.503611 Blank.jpg
93  Torre di Capo Boi CA  Villasimius 1591 M 1 39°07′32″N 9°26′14″E / 39.125556°N 9.437222°E39.125556; 9.437222 Blank.jpg
94  Torre di Su Fenugu CA  Maracalagonis 1578 M 1 39°17′00″N 9°14′00″E / 39.283333°N 9.233333°E39.283333; 9.233333 Blank.jpg
95  Torre di Cala Regina CA  Quartu Sant'Elena 1578 M 1 39°10′42″N 9°21′12″E / 39.178333°N 9.353333°E39.178333; 9.353333 Quartu Torre di Cala Regina.jpg
96  Torre di Mortorio CA  Quartu Sant'Elena 1591 R - 39°11′55″N 9°19′27″E / 39.198611°N 9.324167°E39.198611; 9.324167 Blank.jpg
97  Torre di Sant'Andrea CA  Quartu Sant'Elena 1591 D - 39°12′46″N 9°16′24″E / 39.212778°N 9.273333°E39.212778; 9.273333 Quartu Sant'Elena - Torre di Sant'Andrea (2).jpg
98  Torre di Foxi CA  Quartu Sant'Elena 1578 S 1 39°13′04″N 9°14′41″E / 39.217778°N 9.244722°E39.217778; 9.244722 Quartu Sant'Elena - Torre di Foxi (1).jpg
99  Torre di Carcangiolas CA  Quartu Sant'Elena 1591 R - 39°13′35″N 9°12′27″E / 39.226389°N 9.2075°E39.226389; 9.2075 Quartu Sant'Elena - Torre di Carcangiolas, anni 70 (1).jpg
100  Torre di Mezza Spiaggia CA  Cagliari 1591 B 1 39°12′37″N 9°10′15″E / 39.210278°N 9.170833°E39.210278; 9.170833 Cagliari - Torre di Mezza Spiaggia (03).JPG
101  Torre del Poetto * CA  Cagliari 1591 R 1 39°11′23″N 9°10′05″E / 39.189722°N 9.168056°E39.189722; 9.168056 Cagliari Torre del POETTO.jpg
102  Torre di Sant'Elia CA  Cagliari 1572 S 1 39°11′23″N 9°10′05″E / 39.189722°N 9.168056°E39.189722; 9.168056 Cagliari Fortino e Torre S.Elia.JPG
103  Torre di Cala Fichera CA  Cagliari 1639 D - 39°10′54″N 9°09′37″E / 39.181667°N 9.160278°E39.181667; 9.160278 Blank.jpg
104  Torre di Calamosca o dei Segnali CA  Cagliari  1638 O 2 39°11′03″N 9°08′52″E / 39.184167°N 9.147778°E39.184167; 9.147778 Lighthouse near Calamosca.jpg
105  Torre del Prezzemolo o del Lazzaretto * CA  Cagliari 1720 B 1 39°11′14″N 9°08′32″E / 39.187222°N 9.142222°E39.187222; 9.142222 Cagliari - Torre di Lazzaretto (1).jpg

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Ignoto, Della costruzione e mantenimento delle torri del Regno di Sardegna, 1738
  • Ignoto, Mezzi per affrontare le spese per la costruzione di nuove torri, 1784, Archivio storico di Torino
  • Ignoto, Piano ragionato per migliorare la difesa del litorale del Regno di Sardegna, 1788, Archivio storico di Torino
  • Filippo Vivalda, Bilancio e spese per la Reale amministrazione delle torri del Regno di Sardegna, 1798, Archivio storico di Torino
  • Alberto Della Marmora, Proposta per il riordinamento delle torri di Sardegna e di un nuovo servizio costale per quell'isola, Torino, 1849
  • Evandro Pillosu, Le torri litoranee in Sardegna, Cagliari, Tipografia La Cartotecnica, 1957.
  • Evandro Pillosu, Un inedito rapporto cinquecentesco sulla difesa costiera di Marco Antonio Camos, in Nuovo bullettino bibliografico sardo e archivio delle tradizioni popolari, Cagliari, 1959.
  • Foiso Fois, Torri spagnole e forti piemontesi in Sardegna, Cagliari, La Voce Sarda, 1981.
  • Massimo Guidetti, Storia dei Sardi e della Sardegna: L'età moderna, dagli Aragonesi alla fine del dominio spagnolo, Milano, Editoriale Jaca Book, 1989
  • Gianni Montaldo, Le torri costiere in Sardegna, Sassari, Carlo Delfino, 1992, ISBN 88-7138-059-2.
  • Flavio Russo, La difesa costiera del Regno di Sardegna dal XVI al XIX secolo, Roma, Stato maggiore dell'Esercito, ufficio storico, 1992
  • Gianni Montaldo, Forti e torri costiere, in Le architetture fortificate della Sardegna centro-meridionale. Atti della giornata di studio, Cagliari 16 ottobre 1999
  • Mele Giuseppe, Torri e cannoni. La difesa costiera in Sardegna nell'età moderna, Sassari, Edes, 2000.
  • Massimo Rassu, Guida alle torri e forti costieri della Sardegna, Cagliari, Artigianarte, 2000.
  • Massimo Rassu, Sentinelle del mare. Le torri della difesa costiera della Sardegna, Cagliari, Grafica del Parteolla, 2005, ISBN 88-88246-73-8.
  • Daniele Vacca, La strategia difensiva dei sovrani spagnoli nel Regno di Sardegna e nel Mediterraneo tra il 16. e il 17. secolo : difesa statica e difesa dinamica; dottorato di Ricerca, coordinatore: Bruno Anatra ; tutor: Giovanni Murgia, Cagliari, 2006, [IT\ICCU\CFI\0762445]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]