Theresa May

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Theresa May
Theresa May UK Home Office (cropped).jpg

Regno Unito Primo ministro del Regno Unito
In carica
Inizio mandato 13 luglio 2016
Monarca Elisabetta II
Predecessore David Cameron

Leader del Partito Conservatore
In carica
Inizio mandato 11 luglio 2016
Predecessore David Cameron

Segretario di Stato per gli Affari Interni del Regno Unito
Durata mandato 12 maggio 2010 –
13 luglio 2016
Predecessore Alan Johnson
Successore Amber Rudd

Ministro delle Donne e delle Pari Opportunità del Regno Unito
Durata mandato 12 maggio 2010 –
4 settembre 2012
Predecessore Harriet Harman
Successore Maria Miller

Presidente del Partito Conservatore
Durata mandato 23 luglio 2002 –
6 novembre 2003
Predecessore David Davis
Successore Liam Fox

Parlamentare del Regno Unito
In carica
Inizio mandato 1º maggio 1997

Dati generali
Prefisso onorifico Rt Hon.
Partito politico Conservatore
Tendenza politica Conservatorismo
Euroscetticismo
Alma mater St Hugh's College dell'Oxford

Theresa Mary May, nata con il nome di Theresa Mary Brasier (Eastbourne, 1º ottobre 1956), è una politica britannica, Primo ministro del Regno Unito dal 13 luglio 2016 e leader del partito conservatore dall'11 luglio dello stesso anno.

È Segretario di Stato per gli affari interni dal 2010 e membro della Camera dei Comuni per il collegio di Maidenhead dal 1997. È identificata come conservatrice uninazionale e caratterizzata da un atteggiamento liberal conservatore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata a Eastbourne, nel Sussex, Theresa May studiò geografia al St Hugh's College di Oxford. Dal 1977 al 1983 lavorò presso la Banca d'Inghilterra e dal 1985 al 1997 all'Agenzia delle Entrate britannica, fungendo anche da consigliere per il borgo di Londra chiamato Merton. Dopo alcuni tentativi falliti per l'elezione alla Camera dei Comuni nel 1992 e nel 1994, fu eletta deputata per Maidenhead alle elezioni generali del 1997. Theresa May ha ricoperto diversi ruoli nei governi ombra di William Hague, Iain Duncan Smith, Michael Howard e David Cameron, tra cui Leader Ombra della Camera dei Comuni e Ministro ombra per il Lavoro e le Pensioni. Fu anche Presidente del Partito Conservatore dal 2002 al 2003.

Dopo la formazione del governo di coalizione a seguito delle elezioni generali nel Regno Unito del 2010, Theresa May fu nominata Segretario di Stato per gli affari interni e Ministro per le Donne e le Pari Opportunità; da quest'ultimo ruolo si dimise nel 2012. Rimase in carica dopo la vittoria dei conservatori alle elezioni del 2015, e divenne il Segretario degli affari interni che detenne maggiormente la carica fin dal periodo di James Chuter Ede 60 anni prima; perseguì una politica di riforma della polizia, con una linea più intransigente sulle droghe e introdusse restrizioni all'immigrazione.[1]

All'annuncio delle dimissioni di David Cameron in seguito alla sconfitta nel referendum del 23 giugno 2016 sulla permanenza del Regno Unito nell'Unione europea, May si candidò ufficialmente alle primarie del partito conservatore il 30 giugno 2016.[2] Dopo un primo scrutinio tra i parlamentari Tory, emerse come la più votata, seguita da Andrea Leadsom, la quale si ritirò l'11 luglio. May rimase l'unica candidata alla carica di leader e, quindi, di primo ministro, diventando la seconda donna di sempre a ricoprire la carica dopo Margaret Thatcher, eletta nel 1979.

Attivismo[modifica | modifica wikitesto]

Prima della sua promozione al governo, May ha sostenuto attivamente una varietà di campagne in problemi legislativi vari nel suo circondario elettorale e a livello nazionale. Ha tenuto un discorso alla Fawcett Society per promuovere, in modo trasversale tra i partiti, l'istanza della parità tra i sessi. May è stata indicata come una delle «donne ispiratrici» del 2006.[3]

May si oppone all'Unione europea e si è espressa anche in favore dell'abrogazione della legge britannica sui diritti umani (lo Human Rights Act 1998) derivata dalla convenzione europea dei diritti dell'uomo, un atto, tuttavia, riconducibile al consiglio d'Europa, organizzazione internazionale autonoma rispetto all'Unione europea[4].

Vita personale[modifica | modifica wikitesto]

Ha sposato Philip May, un manager di investimenti, il 6 settembre 1980.[5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Boring and competent Theresa May is what the nation needs after shock Brexit vote, The Independent, 1 luglio 2016. URL consultato l'11 luglio 2016.
  2. ^ Theresa May, la «Merkel britannica», corriere.it. URL consultato il 1º luglio 2016.
  3. ^ Fawcett Society, Fawcett Society. URL consultato il 16 settembre 2010.
  4. ^ Home Secretary Theresa May wants Human Rights Act axed, BBC News, 1º ottobre 2011.
  5. ^ Theresa May premier. Philip, il «first husband» figlio del calzolaio, ansa.it. URL consultato il 14 luglio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Predecessore Primo ministro del Regno Unito Successore Flag of the United Kingdom.svg
David Cameron dal 13 luglio 2016 in carica
Predecessore Leader del partito conservatore Successore Flag of the United Kingdom.svg
David Cameron dall'11 luglio 2016 in carica
Controllo di autorità VIAF: (EN69146825110707631644 · GND: (DE1105519287