Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Michael Howard (politico)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
The Lord Howard of Lympne
Gib mh04.jpg

Leader del Partito Conservatore
Durata mandato 6 novembre 2003 –
6 dicembre 2005
Predecessore Iain Duncan Smith
Successore David Cameron

Segretario di Stato per gli Affari Interni
Durata mandato 27 maggio 1993 –
2 maggio 1997
Monarca Elisabetta II
Primo ministro John Major
Predecessore Kenneth Clarke
Successore Jack Straw

Ministro dell'Ambiente
Durata mandato 11 aprile 1992 –
27 maggio 1993
Monarca Elisabetta II
Primo ministro John Major
Predecessore Michael Heseltine
Successore John Gummer

Segretario di Stato per l'occupazione
Durata mandato 3 gennaio 1990 –
28 novembre 1990
Monarca Elisabetta II
Primo ministro Margaret Thatcher
Predecessore Norman Fowler
Successore Michael Howard

Durata mandato 28 novembre 1990 –
11 aprile 1991
Monarca Elisabetta II
Primo ministro John Major
Predecessore Michael Howard
Successore Gillian Shephard

Parlamentare del Regno Unito
Durata mandato 9 giugno 1983 –
6 maggio 2010
Predecessore Albert Costain
Successore Damain Collins

Dati generali
Prefisso onorifico The Right Honourable
Suffisso onorifico QC PC
Partito politico Partito Conservatore
Università Peterhouse, Cambridge

Inner Temple

Michael Howard, barone Howard di Lympne[1] (Gorseinon, 7 luglio 1941), è un politico britannico membro del Partito Conservatore.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Michael Howard, Howard Barone di Lympne (nato 7 luglio 1941) è un politico britannico che ha servito come capo del partito conservatore e leader dell'opposizione dal novembre 2003 al dicembre 2005. In precedenza aveva ricoperto incarichi di gabinetto nei governi di Margaret Thatcher e John Major, tra cui il Segretario di Stato per l'occupazione, il Segretario di Stato per l'ambiente e ministro dell'Interno. Howard è nato a Gorseinon, Galles del Sud. Ha studiato presso peterhouse, a seguito della quale è entrato a far i conservatori Giovani. Nel 1964 fu chiamato al bar ed è diventato un consulente della Regina nel 1982. E 'diventato un membro del Parlamento (MP) nel 1983 elezioni generali, che rappresenta il collegio elettorale di Folkestone e Hythe. Questo ha portato rapidamente alla promozione e Howard è diventato Ministro degli enti locali nel 1987. Sotto John Major (1990-1997), ha ricoperto diversi incarichi di gabinetto tra cui il Segretario di Stato per l'occupazione (1990-1992) e Ministro dell'Interno (1993-1997).

Dopo la sconfitta del partito conservatore nel 1997 Elezioni generali, Howard senza successo ha fatto un'offerta per il posto di leader del partito conservatore e ricoperto le cariche di ministro degli Esteri ombra (1997-1999) e Shadow Cancelliere dello Scacchiere (2001-2003). Nel novembre 2003, dopo la votazione del partito conservatore di sfiducia nei confronti del suo leader Iain Duncan Smith, è stato eletto all'unanimità. In generale elezioni del 2005, i conservatori hanno guadagnato 33 nuovi posti a Westminster, di cui cinque dai liberaldemocratici, ma questo ancora li ha solo 198 posti per laburista 355. A seguito delle elezioni, Howard è dimesso da leader del partito conservatore e gli succedette David Cameron. Howard non ha contestato il suo posto di Folkestone e Hythe nelle elezioni generali del 2010 e entrato nella Camera dei Lord come Barone Howard Lympne.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore - nastrino per uniforme ordinaria Membro dell'Ordine dei Compagni d'Onore
«Per il servizi pubblico e politico.»
— 11 giugno 2011[2][3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Peerages, honours and appointments, 10 Downing Street, 28 maggio 2010. URL consultato il 24 giugno 2010.
  2. ^ The London Gazette (PDF), nº 59808, 11 June 2011, p. 26.
  3. ^ [1] Cabinet Office, 11 June 2011

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Leader del Partito Conservatore Successore Flag of the United Kingdom.svg
Iain Duncan Smith 6 novembre 2003 - 6 dicembre 2005 David Cameron
Controllo di autorità VIAF: (EN41433917 · LCCN: (ENno96032954 · ISNI: (EN0000 0000 7882 9389 · GND: (DE137177704
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie