Taking Chances

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Taking Chances
ArtistaCéline Dion
Tipo albumStudio
Pubblicazione7 dicembre 2007
Durata73:39
Tracce16
GenerePop
Contemporary R&B
Soft rock
EtichettaColumbia Records
ProduttorePeer Astrom, Anders Bagge, Kara DioGuardi, Kristian Lundin, Ben Moody, Christopher Neil, Ne-Yo, Aldo Nova, Linda Perry, John Shanks, Dave Stewart
Registrazionea Las Vegas, NV
Note2 bonus track per il Giappone, "Map To My Heart" e "The Reason I Go On"
Certificazioni
Dischi d'oroAustria Austria[1]
(Vendite: 10.000+)
Belgio Belgio[2]
(Vendite: 15.000+)
Francia Francia[3]
(Vendite: 75.000+)
Giappone Giappone[4]
(Vendite: 100.000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda[5]
(Vendite: 7.500+)
Paesi Bassi Paesi Bassi[6]
(Vendite: 25.000+)
Polonia Polonia[7]
(Vendite: 10.000+)
Russia Russia[8]
(Vendite: 10.000+)
Singapore Singapore[9]
(Vendite: 5.000+)
Spagna Spagna[10]
(Vendite: 30.000+)
Svezia Svezia[11]
(Vendite: 20.000+)
Ungheria Ungheria[12]
(Vendite: 7.500+)
Dischi di platinoAustralia Australia[13]
(Vendite: 70.000+)
Canada Canada (4)[14]
(Vendite: 400.000+)
Danimarca Danimarca[15]
(Vendite: 30.000+)
Irlanda Irlanda (2)[16]
(Vendite: 30.000+) Italia Italia[17]
(vendite: 120 000+)
Regno Unito Regno Unito[18]
(Vendite: 300.000+)
Stati Uniti Stati Uniti[19]
(Vendite: 1.100.000+)[20]
Sudafrica Sudafrica (2)[21]
(Vendite: 80.000+)
Svizzera Svizzera[22]
(Vendite: 40.000+)
Céline Dion - cronologia
Album precedente
(2007)
Album successivo
(2007)

Taking Chances è il decimo album in lingua inglese e il quarantacinquesimo in totale della cantante canadese Céline Dion, pubblicato il 7 novembre 2007 su CD e CD/DVD.[23] La collector's edition, che include CD, DVD e profumo in una speciale confezione, è stata pubblicata nel dicembre del 2007 in Nord America[24] e nel febbraio del 2008 in Europa.[25] Il 21 aprile 2008, una nuova deluxe version in digitale è stata pubblicata in Europa (eccetto che in Francia), contenente Immensité, Map to My Heart e Taking Chances (I-Soul extended remix) come bonus tracks.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Céline Dion ha lavorato in questo album con molti produttori differenti, prevalentemente su brani pop e rock. Le tracce sono stare registrate perlopiù durante le vacanze estive di Céline, fra il 2 luglio e il 15 agosto 2007.[26]

Céline Dion nel corso del suo Taking Chances Tour.

Mario De Luigi di Musica & Dischi presentò Taking Chances come un album che "coniuga senza incertezze il successo di massa con la raffinatezza esecutiva".[27]

Il primo singolo, l'omonima Taking Chances, è stata scritta da Kara DioGuardi e David A. Stewart degli Eurythmics (e da loro incisa con il loro gruppo Platinum Weird), e prodotta dal vincitori del Grammy Award, John Shanks. È stata registrata nell'aprile del 2007.[28] Shanks ha prodotto anche altri 5 brani dell'album.

"Alone" è una Power ballad scritta da Billy Steinberg e Tom Kelly, e originariamente interpretata dal gruppo statunitense Heart e hit di successo nel 1987. La cover di Céline è stata prodotta da Ben Moody, ex-membro degli Evanescence. È stata pubblicata come secondo singolo in Europa e Nord America, e terzo in Gran Bretagna. Moody è anche coautore e co-produttore di "This Time," che parla di una vittima di abuso da parte del partner che riesce a liberarsi, un tema insolito per la Dion.[29][30]

"Eyes on Me" è un brano dalle sonorità mediorientali scritto da Kristian Lundin, Savan Kotecha e dalla cantante australiana Delta Goodrem e prodotto da Lundin.[31] È stato pubblicato come secondo singolo in Gran Bretagna e in alcuni paesi europei.

La nuova versione di "A World to Believe In", in duetto con Yuna Ito è stata lanciata nel gennaio 2008 come secondo singolo in Giappone.[32]

Linda Perry, ex cantante dei 4 Non Blondes, ha scritto e prodotto due canzoni dell'album: "My Love", scritta appositamente per Céline (poi inserita, in versione dal vivo, nel successivo album della Dion My Love: Essential Collection, e "New Dawn" un brano gospel originariamente inciso dalla Perry nel suo album After Hours.

Dion ha lavorato anche in due brani con produttori R&B: il cantante statunitense Ne-Yo (coautore per Beyoncé di "Irreplaceable") è coautore e coproduttore di "I Got Nothin' Left". "Skies of L.A." è stata scritta anche da The-Dream e co-prodotta da Christopher 'Tricky' Stewart e Kuk Harrell (produttori di Umbrella di Rihanna).

"Right Next to the Right One" è una cover di Tim Christensen del 2002, hit in Danimarca. La cover di Céline è stata prodotta da Christopher Neil e, anche se non pubblicata come singolo, è entrata nella classifica danese il 23 novembre 2007 alla 13, grazie ad un massiccio download da internet.

"That's Just the Woman in Me" è un brano blues composto da Katrina and the Waves negli anni 80, ma mai pubblicato fino al 2003. La versione di Céline è prodotta da John Shanks.

"Map to My Heart" e "The Reason I Go On" sono due bonus tracks della versione giapponese su CD e della versione dell'album di iTunes.

Recensioni[modifica | modifica wikitesto]

Recensioni professionali
Recensione Giudizio
About.com 3/5 stelle[33]
AllMusic 3/5 stelle[34]
Amazon.com 4/5 stelle[35]
Billboard (favorevole)[36]
The Boston Globe (favorevole)[37]
Entertainment Weekly C+[38]
The Globe and Mail 3/5 stelle[39]
NOW 3/5 stelle[40]
Rolling Stone 1/5 stelle[41]
Slant Magazine 2.5/5 stelle[42]
Toronto Star 3/4 stelle[43]
USA Today 3/4 stelle[44]

Taking Chances ricevette recensioni di varia natura da parte della critica musicale. Stephen Thomas Erlewine di AllMusic gli assegnò tre stelle, definendolo "un album al passo con i tempi: può vantare un certo lusso, che in piccole dosi può essere invitante, specialmente quei pezzi blues-rock, ma è qualcosa di particolarmente costoso e non altrettanto succulento.[34] Billboard scrisse: "Come una botta emotiva, Chances dovrebbe far tacere i critici che insistono nel definire la voce della Dion come fredda e asettica".[36] Bill Lamb di About.com diede all'album tre stelle su cinque, commentando: "Ascoltare 16 canzoni una dietro l'altra può mettere alla prova anche il più zelante dei fan di Céline. 14 di queste canzoni soffrono, in varie gradazioni, di tendenze alla banalità o sembrano mancare di ispirazione. Non si può negare che siano racchiuse da due meravigliose canzoni che, purtroppo, danno solo un'idea di come Taking Chances avrebbe potuto diventare."[33] Sarah Rodhman di The Boston Globe scrisse: "Quanti rischi effettivamente presi? Non molti, ma vale la pena godersi i vocalizzi precisi della Dion e queste canzoni orecchiabili."[37]

Entertainment Weekly scrisse: "Fantastico come la Dion riesca a imitare chiunque da Shakira a Sam Phillips... ma la sua brutta imitazione di Janis Joplin è rischiare un po' troppo."[38] Sal Cinquemani di Slant Magazine scrisse che "l'impegnativo disco di 16 tracce ha la pretesa di mostrare la regina della adult contemporary music in versione Las Vegas assumersi dei rischi modernizzando il suo caldo sound tutto power ballad con molte chitarre e collaboratori in voga".[42] Amazon.com scrisse: "In fin dei conti Chances è forse la pubblicazione non in francese più forte di Céline dal 2002 con A New Day Has Come; nessuno sviscera il testo di una canzone con più cura o con più caratterizzazione."[35] NOW commentò che "l'album ignora tranquillamente lo scorrere del tempo. Con la sua produzione all'acqua di rose e comuni arrangiamenti pop, avrebbe potuto essere uscito nel 1996".[40] Edna Gundersen di USA Today scrisse: "Con Chances la diva sembra che stia scaldando i muscoli, artisticamente parlando, ma in stile yoga, non in stile aerobica, e che stia cercando di eludere le aspettative".[44] Ashante Infantry del Toronto Star commentò: "Con ovviamente le radio in mente, la Dion ha sostituito i fidati collaboratori di sempre con i maghi delle hit del momento: Ne-Yo, Linda Perry e Ben Moody, che ha co-scritto l'inno all'autostima "This Time" che parla di una donna vittima di violenza che trova la libertà. Il risultato è un sound rock più spiccato che non allontanerà i vecchi fan, ma che al contrario potrebbe attirarne di nuovi."[43]

Mario De Luigi di Musica & Dischi assegnò all'album 4 stelle e mezza su 5, e recensì l'album dicendo "L'atmosfera di suggestione (elegante e sofisticata, ma non per questo poco immediata) rara a trovarsi fra le novità offerte sul mercato" e "Le straordinarie doti di questa interprete, insolitamente raffigurata in versione vamp nelle foto che compaiono nella confezione del CD".[27]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Céline Dion nel corso del suo Taking Chances Tour.

Fra l'ottobre e il novembre del 2007, Céline Dion ha fatto promozione a Taking Chances in Europa (Gran Bretagna, Italia, Francia, Germania)[45] e negli USA.

Il 22 dicembre 2007, ITV ha mandato in onda in Gran Bretagna An Audience with Celine Dion.[46]. Ad aprire lo special era il brano That's Just The Woman In Me[47]. Lo special fu trasmesso il 15 febbraio 2008 sulla CBS negli USA e in Canada sulla CTV. Durante lo special Céline ha interpretato live anche The prayer con Josh Groban e Something dei Beatles con Joe Walsh degli Eagles.

In gennaio 2008 Céline è tornata in Francia per Les Enfoirés. Il 14 febbraio 2008, Céline ha iniziato il Taking Chances Tour partendo dal Sudafrica, girando per i cinque continenti con più di 130 date, fino a terminare il tour il 15 febbraio 2009 in Canada.[48]

Successo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo IFPI, l'album ha venduto 3,1 milioni di copie nel 2007 (19º album più venduto dell'anno, seppur uscito a novembre).[49] Ad oggi ha venduto circa 4 milioni di copie, disco d'oro in molti paesi e in altri ha ottenuto uno o più dischi di platino. Il successo è grande in Canada, entrato in classifica alla nº 1 con la maggiore vendita nella 1º settimana del 2007 (79 354). È l'album più venduto in Canada nel 2007 (340 000 copie), oggi ha venduto 400 000 copie ed ha 4 dischi di platino.

Nonostante le recensioni tutt'altro che entusiastiche, Taking Chances è nella top 10 in molti paesi. Nel Regno Unito (365 000 copie) è disco di platino. In Giappone l'album è il maggior successo della Dion dopo A New Day Has Come con 125 000 copie vendute. Negli USA ha debuttato alla 3 con 214 556 copie e ne ha vendute più di 1 000 000 ed è disco di platino.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. "Taking Chances" (Kara DioGuardi, Dave Stewart) – 4:07
  2. "Alone" (Billy Steinberg, Tom Kelly) – 3:23
  3. "Eyes on Me" (Kristian Lundin, Savan Kotecha, Delta Goodrem) – 3:53
  4. "My Love" (Linda Perry) – 4:08
  5. "Shadow of Love" (Anders Bagge, Aldo Nova, Peter Sjöström) – 4:10
  6. "Surprise Surprise" (DioGuardi, Martin Harrington, Ash Howes) – 5:14
  7. "This Time" (David Hodges, Ben Moody, Steven McMorran) – 3:47
  8. "New Dawn" (Perry) – 4:45
  9. "A Song for You" (Bagge, Nova, Robert Wells) – 3:27
  10. "A World to Believe In" (Tino Izzo, Rosanna Ciciola) – 4:08
  11. "Can't Fight the Feelin'" (Nova) – 3:51
  12. "I Got Nothin' Left" (Ne-Yo, Charles Harmon) – 4:20
  13. "Right Next to the Right One" (Tim Christensen) – 4:10
  14. "Fade Away" (Peer Astrom, David Stenmarck, Nova) – 3:17
  15. "That's Just the Woman in Me" (Kimberly Rew) – 4:33
  16. "Skies of L.A." (Christopher Stewart, The-Dream, Kuk Harrell) – 4:24

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche Posizione
massima
Argentina[50] 4
Australia[51] 12
Austria[52] 3
Belgio Fiandre[53] 7
Belgio Vallonia[54] 3
Canada[55] 1
Repubblica Ceca[56] 17
Danimarca[57] 2
Estonia[58] 19
Europa[59] 1
Finlandia[60] 13
Francia[61] 2
Germania[62] 5
Giappone[63] 6
Grecia[64] 10
Grecia internazionale[65] 2
Ungheria[66] 12
Irish Albums Chart[67] 6
Italia[68] 5
Messico[69] 40
Norvegia[70] 7
Nuova Zelanda[71] 4
Paesi Bassi[72] 4
Polonia[73] 21
Portogallo[74] 9
Regno Unito[75] 5
Spagna[76] 8
Stati Uniti[77] 3
Sud Africa[78] 1
Svezia[79] 8
Svizzera[80] 1

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IFPI Austria - Verband der Österreichischen Musikwirtschaft
  2. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS
  3. ^ Snepmusique.com, le site du Snep Archiviato il 27 giugno 2012 in WebCite
  4. ^ 一般社団法人 日本レコード協会|各種統計
  5. ^ The Official New Zealand Music Chart
  6. ^ Goud / Platina | NVPI
  7. ^ Listy bestsellerów, wyróżnienia :: Związek Producentów Audio-Video Archiviato il 14 ottobre 2013 in Internet Archive.
  8. ^ Сайт не существует
  9. ^ Copia archiviata, su asianpacificpost.com. URL consultato il 21 dicembre 2008 (archiviato dall'url originale il 7 gennaio 2009).
  10. ^ Copia archiviata (PDF), su promusicae.es. URL consultato il 14 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 1º marzo 2012).
  11. ^ Copia archiviata (PDF), su ifpi.se. URL consultato l'8 febbraio 2011 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  12. ^ Adatbázis - Arany- és platinalemezek - MAHASZ - Magyar Hangfelvétel-kiadók Szövetsége
  13. ^ http://www.aria.com.au/pages/httpwww.aria.com.aupagesARIACharts-Accreditations-2008Albums.htm
  14. ^ Canadian Recording Industry Association (CRIA): Gold & Platinum - January 2005 Archiviato il 25 marzo 2010 in Internet Archive.
  15. ^ Hitlisten.NU
  16. ^ The Irish Charts - All there is to know
  17. ^ LE CIFRE DI VENDITA - 2007 (PDF), Musica e Dischi, p. 10. (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  18. ^ BRIT Certified
  19. ^ RIAA - Gold & Platinum Searchable Database - November 02, 2013
  20. ^ http://www.billboard.com/#/column/chartbeat/ask-billboard-celine-dion-celebrates-chart-1004134468.story?tag=hpfeed
  21. ^ http://www.mediaupdate.co.za/?IDStory=8215
  22. ^ Die Offizielle Schweizer Hitparade und Music Community
  23. ^ 'Taking Chances' - Celine's New English Album Archiviato il 27 marzo 2009 in Internet Archive.. Retrieved August 24, 2007.
  24. ^ Taking Chances (CD/DVD Expanded Special Packaging) ENHANCED. Retrieved August 29, 2007.
  25. ^ Taking Chances. Retrieved February 1, 2008.
  26. ^ Céline se confie à Jocelyne Cazin. Retrieved June 22, 2007.
  27. ^ a b http://www.musicaedischi.it/recensioni.php?genere=0&id=4299
  28. ^ Celine Dion debuts new single, "Takin Chances"... new album and worldwide tour, to come! Archiviato il 10 ottobre 2008 in Internet Archive.. Retrieved September 12, 2007.
  29. ^ Celine Ready To Take Chances On New Album. Retrieved September 11, 2007.
  30. ^ BMI Repertoire: This Time[collegamento interrotto]. Retrieved October 4, 2007.
  31. ^ APRA website. Retrieved July 29, 2007.
  32. ^ A WORLD TO BELIEVE IN (TBC) (JAPANESE EXCLUSIVE) Archiviato il 13 dicembre 2007 in Internet Archive.. Retrieved November 17, 2007.
  33. ^ a b Lamb, Bill, Celine Dion - Taking Chances What Might Have Been, About.com - The New York Times Company, 14 novembre 2007. URL consultato il 23 aprile 2011.
  34. ^ a b Taking Chances - Allmusic Review, Allmusic. URL consultato il 10 marzo 2011.
  35. ^ a b Taking Chances - Amazon Review, Amazon.com, 2011. URL consultato il 10 marzo 2011.
  36. ^ a b Chuck Taylor, Taking Chances - Billboard Review, Billboard. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2007).
  37. ^ a b Sarah Rodman, Dion takes few risks on 'Chances', Boston Globe, 13 novembre 2007. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 21 marzo 2013).
  38. ^ a b Chris Willman, Taking Chances Review, Entertainment Weekly, 16 novembre 2007. URL consultato il 10 marzo 2011.
  39. ^ Celine Dion - Taking Chances - Globe and Mail Review (Toronto), Globe and Mail. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 21 dicembre 2007).
  40. ^ a b Celine Dion - Taking Chances - NOW Review, NOW. URL consultato il 10 marzo 2011 (archiviato dall'url originale il 25 gennaio 2008).
  41. ^ Rob Sheffield, Celine Dion: Taking Chances : Music Reviews, Rolling Stone, 13 dicembre 2007. URL consultato il 2 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 1º febbraio 2008).
  42. ^ a b Sal Cinquemani, Celine Dion - Taking Chances - Slant Review, Slant, 6 novembre 2007. URL consultato il 10 marzo 2011.
  43. ^ a b Ashante Infantry, Celine takes a chance, Toronto Star, 13 novembre 2007. URL consultato il 10 marzo 2011.
  44. ^ a b Edna Gundersen, 'Chances' takes Celine to broader territory, USA Today, 11 novembre 2007. URL consultato il 10 marzo 2011.
  45. ^ Céline Dion chantera pour la fondation Mandela[collegamento interrotto]. Retrieved September 13, 2007.
  46. ^ An Audience with Celine Dion (ITV Special). Retrieved March 15, 2008.
  47. ^ That's Just The Woman In Me (CBS Special) Archiviato il 28 giugno 2012 in Internet Archive.. Retrieved March 15, 2008.
  48. ^ Concert Dates Archiviato il 11 maggio 2007 in Internet Archive.. Retrieved June 16, 2007.
  49. ^ IFPI 2007 Albums Chart
  50. ^ Argentinian Albums Chart, Capif.org.ar, 31 gennaio 2010. URL consultato il 28 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2008).
  51. ^ Steffen Hung, Australian Albums Chart, Australian-charts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  52. ^ Steffen Hung, Austrian Albums Chart, Austriancharts.at. URL consultato il 28 maggio 2010.
  53. ^ Belgian Flandres Albums Chart, Ultratop.be. URL consultato il 28 maggio 2010.
  54. ^ Belgian Wallonia Albums Chart, Ultratop.be. URL consultato il 28 maggio 2010.
  55. ^ 65:34, Canadian Albums Chart, Billboard.com. URL consultato il 16 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2010).
  56. ^ ds, Czech Albums Chart, Ifpicr.cz. URL consultato il 28 maggio 2010.
  57. ^ Steffen Hung, Danish Albums Chart, Danishcharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  58. ^ Estonian Albums Chart, Pedro.ee. URL consultato il 16 giugno 2012.
  59. ^ European Albums Chart (PDF), Pandora.nla.gov.au, 23 agosto 2006. URL consultato il 28 maggio 2010.
  60. ^ Steffen Hung, Finnish Albums Chart, Finnishcharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  61. ^ Steffen Hung, French Albums Chart, Lescharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  62. ^ musicline.de / PhonoNet GmbH, German Albums Chart, Musicline.de. URL consultato il 28 maggio 2010.
  63. ^ (JA) Celine Dion album sales ranking, Oricon. URL consultato il 27 agosto 2010.
  64. ^ Greek International Albums Chart, Ifpi.gr. URL consultato il 28 maggio 2010.
  65. ^ Greek Albums Chart, Ifpi.gr. URL consultato il 28 maggio 2010.
  66. ^ Hungarian Albums Chart[collegamento interrotto]
  67. ^ Irish Albums Chart, Chart-track.co.uk. URL consultato il 28 maggio 2010.
  68. ^ Steffen Hung, Italian Albums Chart, Italiancharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  69. ^ Steffen Hung, Mexican Albums Chart[collegamento interrotto], Mexicancharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  70. ^ Steffen Hung, Norwegian Albums Chart, Norwegiancharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  71. ^ Steffen Hung, New Zealand Albums Chart, Charts.org.nz. URL consultato il 28 maggio 2010.
  72. ^ Steffen Hung, Dutch Albums Chart, Dutchcharts.nl. URL consultato il 28 maggio 2010.
  73. ^ Polish Albums Chart, Olis.onyx.pl, 18 novembre 2007. URL consultato il 28 maggio 2010.
  74. ^ Steffen Hung, Portuguese Albums Chart, Portuguesecharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  75. ^ UK Albums Chart, chartstats.com, 16 marzo 2000. URL consultato il 28 maggio 2010.
  76. ^ Steffen Hung, Spanish Albums Chart, Spanishcharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  77. ^ 65:34, Taking Chances - Céline Dion (2008), in Billboard. URL consultato il 16 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 19 maggio 2010).
  78. ^ South Africa Albums Chart, Rsg.co.za. URL consultato il 28 maggio 2010 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2009).
  79. ^ Steffen Hung, Swedish Albums Chart, Swedishcharts.com. URL consultato il 28 maggio 2010.
  80. ^ Steffen Hung, Swiss Albums Chart, Hitparade.ch. URL consultato il 28 maggio 2010.

Riferimenti[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica