Encore un soir

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Encore un soir
ArtistaCéline Dion
Tipo albumStudio
Pubblicazione26 agosto 2016
Durata45:12 (ed. standard)
56:49 (ed. deluxe)
Dischi1
Tracce12 (edizione standard)
15 (edizione deluxe)
GenerePop
EtichettaColumbia Records
ProduttoreThierry Blanchard, Ludovic Carquet, Humberto Gatica, Jean-Jacques Goldman, Patrick Hampartzoumian, Luc Leroy, Silvio Lisbonne, Yann Macé, Therry Marie-Louise, Eddy Marnay, Rudi Pascal, Scott Price, Tiborg, Jacques Veneruso, Zaho
Certificazioni
Dischi di platinoBelgio Belgio[1]
(Vendite: 30.000+)
Svizzera Svizzera[2]
(Vendite: 10.000+)
Canada Canada (2)[3]
(Vendite: 160.000+)
Dischi di diamanteFrancia Francia[4]
(Vendite: 500.000+)
Céline Dion - cronologia
Album successivo
(2017)
Singoli
  1. Encore un soir
    Pubblicato: 24 maggio 2016
  2. L'étoile
    Pubblicato: 11 ottobre 2016
  3. Si c'était à refaire
    Pubblicato: 14 ottobre 2016
  4. Je nous veux
    Pubblicato: 13 febbraio 2017
  5. Les yeux au ciel
    Pubblicato: 14 aprile 2017

Encore un soir è un album in studio in lingua francese della cantante canadese Céline Dion, pubblicato da Sony Music Entertainment il 26 agosto 2016. È il suo primo album in studio in francese dal 2012, anno di pubblicazione di Sans attendre. Encore un soir presenta canzoni prodotte principalmente da Humberto Gatica, Scott Price, Silvio Lisbonne, Zaho e Jacques Veneruso. Il primo singolo estratto dall'album, intitolato Encore un soir, è stato pubblicato il 24 maggio 2016 ed è salito in cima alle classifiche dei paesi francofoni.[5] Encore un soir è stato pubblicato anche negli Stati Uniti dopo undici anni dalla pubblicazione di On ne change pas.[6][7]

L'album ha ottenuto recensioni positive da parte della critica ed è diventato un ottimo successo commerciale.[8] Encore un soir ha superato le classifiche in Francia, Canada, Belgio e Svizzera, ed è stato certificato disco di diamante in Francia, 2 volte disco di platino in Canada e platino in Belgio e Svizzera. È diventato l'album più venduto del 2016 in Belgio, il secondo album più venduto del 2016 in Francia (l'album più venduto da un'artista femminile), il settimo album più venduto del 2016 in Svizzera e l'ottavo album più venduto in Canada (l'unico album francofono sulla lista). Encore un soir è diventato anche il primo album in lingua francese della Dion ad apparire nelle classifiche di Billboard degli Stati Uniti. Ha venduto oltre 1,5 milioni di copie in tutto il mondo.

Antefatti[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2015, il manager di Céline Dion, Aldo Giampaolo, annunciò che la cantante avrebbe pubblicato album in lingua francese e inglese rispettivamente nel 2016 e nel 2017. Questo album francese sarebbe stato caratterizzato principalmente da canzoni inedite, ma avrebbe contenuto anche una cover di Ordinaire di Robert Charlebois e una versione rimasterizzata di Trois heures vingt, originariamente pubblicata nell'album in studio della cantante del 1984, Mélanie.[9] Il 19 maggio 2016, il celinedion.com ha iniziato a rivelare estratti dei testi del singolo apripista, Encore un soir, scritto da Jean-Jacques Goldman. Il singolo principale è stato pubblicato il 24 maggio 2016. La copertina del singolo è stata rivelata il 17 maggio 2016 ed è identica alla copertina dell'album.[5]

Durante una serie di interviste con varie agenzie di stampa svoltesi il 12 maggio 2016 al Colosseum al Caesars Palace, Céline Dion annunciò che il prossimo album francese sarebbe stato pubblicato nell'agosto 2016.[10] Il 1º luglio 2016, la track list dell'album è stata pubblicata su vari siti web di notiziari, citando un'edizione standard con dodici tracce e una versione deluxe con quindici brani.[9] Il 9 novembre 2015, il celinedion.com inizia un concorso che permise ai fan di inviare una traccia da selezionare per la Dion per registrarla sull'album. Il 2 dicembre 2015, dopo più di 1000 voti, il sito web della cantante annuncia che il vincitore del concorso è Daniel Picard e la sua canzone intitolata À la plus haute branche che sarebbe stata inserita nella track list dell'album.

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

Encore un soir è stato registrato tra giugno 2015 e giugno 2016. Nel mezzo della registrazione, nel gennaio 2016, il marito e manager di céline Dion, René Angélil, muore. L'album è stato pubblicato più di sette mesi dopo, nell'agosto 2016.[5][11] La visione di Dion e Angélil di una nuova collaborazione con il leggendario artista francese Jean-Jacques Goldman è venuta fuori con il brano Encore un soir, segnando una riunione tanto attesa da oltre dodici anni. Rilasciato come primo singolo, la title track divenne un successo commerciale e per la critica. Per la prima volta, gli artisti francesi Francis Cabrel e Serge Lama scrissero una canzone per Dion, Plus qu'ailleurs. Jacques Veneruso, uno dei suoi collaboratori più fidati degli ultimi anni, scrisse e compose anche una nuova canzone, Si c'était à refaire. Grand Corps Malade ancora una volta, dopo Sans attendre, offrì la sua poesia a questo nuovo album su per i brani L'étoile e Les yeux au ciel. Céline Dion per questo nuovo progetto lavorò con nuovi autori e produttori. Alcuni di loro sono Zaho e LNT Musik (Ludovic Carquet e Therry Marie-Louise) che scrissero e produssero Ma faille, Tu sauras e À vous, quest'ultima presente solo nell'edizione deluxe del disco. Altri nuovi collaboratori sono Florent Mothe e Mutine (Manon Romiti e Silvio Lisbonne) che scrissero le musiche di L'étoile, Les yeux au ciel e Le bonheur en face.[5]

Céline Dion volle rendere omaggio al ricco repertorio musicale del Québec reinterpretando la classica canzone di Robert Charlebois, Ordinaire. Marc Dupré collaborò con la Dion in questo album su Je nous veux e Toutes ces choses. Daniel Picard scoprì che la sua canzone, À la plus haute branche, fu scelta con oltre 4.000 voti in seguito al concorso lanciato dal sito web della Dion. Tutte queste canzoni "del Québec" sono state prodotte da Humberto Gatica e Scott Price. Oltre a À vous, l'edizione deluxe include anche Ma force scritta da Vianney e una versione rimasterizzata di Trois heures vingt, la canzone di Céline del 1984, quest'ultima, presente nell'album Mélanie della Dion, è stata pubblicata su Encore un soir perché Angélil era particolarmente affezionato a questa canzone che è stata suonata durante il suo funerale esattamente alle 15:20, segnando l'inizio della cerimonia. È stata anche la canzone che ha aperto il Summer Tour 2016 della cantante.[12]

Singoli[modifica | modifica wikitesto]

Encore un soir è stato pubblicato come singolo apripista dall'album, il 24 maggio 2016. Ha raccolto recensioni positive da parte dei critici musicali e ha superato le classifiche in Francia, Québec e nella parte francofona della Svizzera.[13] Ha anche raggiunto la top ten in Lussemburgo e Belgio.[14] Il 12 agosto 2016, il video ufficiale dell'audio di Trois heures vingt è stato caricato su YouTube sul canale Vevo della cantante. La settimana successiva, la canzone entrò in classifica in Francia alla numero 73. Il 19 agosto 2016 fu anche pubblicato il video lyric ufficiale del brano.[12][15] L'11 ottobre 2016 L'étoile viene scelta come secondo singolo promozionale per il Canada.[16] Nel 2017, L'étoile è stato rilasciato come terzo singolo in Francia e in Belgio.[17][18] Il 14 ottobre 2016, Si c'était à refaire fu inviato alle stazioni radio in Francia e Belgio come secondo singolo.[19] Il 13 febbraio 2017, Je nous veux fu pubblicato come terzo singolo in Canada.[20] Les yeux au ciel è stato rilasciato come quarto singolo in Francia il 14 aprile 2017 e in Canada nel giugno 2017.[21]

Promozione[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre 2015, il sito web ufficiale di Céline Dion annuncia i primi spettacoli del suo prossimo Summer Tour 2016.[22][23][24] La Dion attraversò con la sua tournée il Belgio, la Francia e il Canada tra il 20 giugno 2016 e il 31 agosto 2016, eseguendo in totale ventotto concerti.[25][26] Il tour sold-out ottenne recensioni positive, con la Dion che eseguì diverse canzoni mai eseguite dal vivo prima d'ora, principalmente dall'album 1 flle & 4 types.[27][28] La scalestta conteneva solo alcune canzoni del nuovo album: Trois heures vingt, Encore un soir, Ordinaire e À la plus haute branche (aggiunto in Canada).[29][30] Il 7 settembre 2016, Céline eseguì Encore un soir e Les yeux au ciel per la prima volta in televisione a Music Show - 100% tubes 2016 su M6 in Francia. Il 1º ottobre 2016 eseguì le stesse canzoni a Le Grand Show su France 2.[31] Entrambi gli spettacoli furono registrati a giugno 2016, mentre la Dion era in tournée in Francia. Nell'estate del 2017, la Dion girò l'Europa con il suo tour Celine Dion Live 2017.[32]

Recensioni da parte della critica[modifica | modifica wikitesto]

Encore un soir ha ricevuto recensioni positive da parte de critici musicali. Nicolas Houle di La Presse ha scritto che "Encore un soir, scritto da Jean-Jacques Goldman, è dotato di notevole sobrietà e sottigliezza ed è probabilmente la traccia più forte dell'album". Ha anche elogiato Ordinaire, originariamente cantato da Robert Charlebois, e anche due canzoni scritte dal Grand Corps Malade (L'étoile e Les yeux au ciel) e À la plus haute branche di Daniel Picard.[33] Alain de Repentigny di La Presse +, ha scritto che "Encore un soir è un album molto orchestrato in cui il cantante mette in bocca diverse canzoni forti che prevedano e fanno perdere una o due cose più banali" e ha elogiato i brani Plus qu'ailleurs (scritto da Francis Cabrel e Serge Lama), L'étoile (brano uptempo con musiche di Florent Mothe e Mutine), Encore un soir, Je nous veux e Toutes ces choses (entrambi scritti da Marc Dupré), Si c'était à refaire (di Jacques Veneruso), Tu sauras (di Zaho) e À la più haute branche.[34] Anche Benjamin Locoge di Paris Match ha scritto una recensione positiva: "le cose iniziano senza intoppi con una ballata firmata da Serge Lama e Francis Cabrel, Plus qu’ailleurs dove Céline parla ovviamente di amore. La signora ha chiesto ai suoi diversi autori (15 in totale) di farle cantare la sua vita: quella di una donna forte, in lutto, che non dimenticherà mai gli anni con Réné, ma che deve anche affrontare il resto della vita. Quindi sì, molte belle ballad sono chiaramente dedicate ai cari scomparsi. Uno tra i tanti è Si c’était à refaire, le cui parole scritte da Alice Guiol mostrano la fragile interpretazione della canadese". Locoge elogia anche i brani A la plus haute branche e Encore un soir, scrivendo che Céline Dion evita che "il disco sia troppo struggente" e "parla dei suoi figli, del suo desiderio di una vita pacifica in Je nous veux". Secondo il giornalista l'album "si perde in Tu sauras e nell'incredibile À vous. Encore une soir è ancora un album degno e sincero, che dovrebbe spaventare le vendite. Luminosa nella sua interpretazione, Céline Dion ha un ritorno discografico emotivo".[35]

Successo commerciale[modifica | modifica wikitesto]

In Canada, il nuovo album della Dion debutta in prima posizione, vendendo 60.175 copie, di cui 57.085 solo in Québec, diventando il quindicesimo album numero uno della cantante ad entrare nella classifica canadese.[36][37][38] Encore un soir ha anche superato la classifica in Québec. Nella prima settimana in Québec, Encore un soir ha venduto tre volte più copie rispetto al resto dei novantanove album all'interno della Quebec Top 100 Albums Chart.[39] Encore un soir è rimasto alla posizione numero uno nella seconda settimana in Canada e Québec, vendendo altre 20.000 copie (18.797 solo in Québec).[40][41] Nella terza settimana in Canada, Encore un soir è rimasto in prima posizione vendendo 11.000 copie.[42] Con Encore un soir, Céline Dion ottiene un record personale, la sua più lunga permanenza alla numero uno della classifica in Canada dal 2007, anno di pubblicazione di Taking Chances.[42] Nella quarta settimana, Encore un soir scivolò al terzo posto, pur mantenendo il suo ruolo di best-seller numero uno della settimana, con 5.400 copie acquistate.[43] Gli album del numero uno e due generarono più flussi di vendita nella settimana in quanto la Canadia Albums Chart di Billboard divenne una classifica di consumo e include anche lo streaming on-demand.[43] Nella quinta settimana, l'album scese in quinta posizione nella Canadian Albums Chart di Billboard e scese alla numero tre della Canadian Albums Sales Chart.[44][45] Nella settimana successiva, l'album scese al sesto posto Canadian Albums Chart, ma risale al secondo posto della Canadian Albums Sales Chart.[46][45] Nella settima settimana, l'album scende alla numero dieci della Canadian Albums Chart e alla numero sette della Canadian Albums Sales Chart, vendendo 3.153 copie.[47][45] Dopo sette settimane, l'album vende 108.846 copie in Canada, incluse 102.858 unità solo in Québec.[48] Nell'ottava settimana, Encore un soir arriva alla posizione numero tredici nella Canadian Albums Chart e risale in sesta posizione nella Canadian Albums Sales Chart.[49][45] Nella settimana successiva, l'album scende alla numero 26 della classifica principale degli album canadesi e alla numero 16 della Canadian Albums Sales Chart.[50][45] Nella decima settimana, l'album toccò la numero trentadue della Canadian Albums Chart e la numero diciannove della Canadian Albums Sales Chart.[51][45] In Québec, dopo nove settimane in cima, Encore un soir scende in quarta posizione.[52] A partire dal 2 dicembre 2016, l'album ha venduto 127.700 copie fisiche in Canada.[53] Encore un soir è diventato l'ottavo album più venduto del 2016 in Canada, con vendite di 140.000 copie.[54]

Encore un soir debutta in prima posizione della classifica degli album più venduti in Francia, vendendo 218.684 copie.[55] L'album ha venduto 216.555 copie (208.069 in vendite fisiche e 8.486 in download), con 2.129 in streaming. Encore un soir è diventato l'album con il secondo più grande debutto del 2016 e anche del decennio.[56][57][58][59][60][61][62] Nell'aprile 2016, Renaud ha debuttato in classifica con 287.323 copie vendute. Prima di questo, solo Johnny Hallyday ha venduto di più nella prima settimana, nel novembre 2002, quando il suo album À la vie, à la mort ! vendette 305.634 copie in Francia.[63] Con Encore un soir, Céline Dion ha anche realizzato le prime vendite più grandi di un'artista donna in Francia. Nella seconda settimana di pubblicazione, l'album rimane in prima posizione e vende altre 90.408 copie (86.141 in vendite fisiche e 4.267 in streaming), portando il totale delle vendite a 309.092 copie.[64][65] Dopo sole due settimane, l'album della Dion è già diventato il terzo album più venduto dell'anno in Francia.[66] Nella terza settimana in Francia, Encore un soir, presente ancora alla numero uno della classifica, vende altre 56.204 unità (54.000 in vendite fisiche e 1.304 in streaming), portando il totale delle vendite a 358.900 copie.[67][68] Nella quarta settimana, l'album scende in seconda posizione vendendo 32.825 copie (31.849 in vendite fisiche e 975 in streaming), portando il totale a 391.725 copie.[69][70] Tuttavia, rimase in prima posizione della Physical Albums Chart in Francia.[71] Nella quinta settimana, l'album torna in prima posizione vendendo altre 22.980 copie (22.188 in vendite fisiche e 792 in streaming).[72] La settimana successiva, l'album rimasto al primo posto, vende 22.921 copie, vortando il totale delle vendite dell'album a 437.626 unità.[73] Nella settima settimana, l'album vende 18.806 copie(17.590 in vendite fisiche e 1.216 in streaming).[74][75] Nella settimana successiva, Encore un soir scende in terza posizione vendendo 14.521 copie (13.152 in vendite fisiche e 1.369 in streaming), portando il totale a 470.953 unità.[76] Nella nona settimana, l'album arriva alla numero otto vendendo 11.155 copie.[77] Nella decima settimana sale di una posizione (numero sette) e vende 9.329 copie.[78] Nella settimana successiva l'album riscende in ottava posizione vendendo 9.408 copie.[79] Dopo undici settimane l'album ha venduto 503.105 copie in Francia (493.776 in vendite fisiche e 9.329 in streaming)[79]. L'11 novembre 2016 è stato certificato disco di diamante per aver venduto oltre 500.000 copie.[80][81] Nella dodicesima settimana Encore un soir scende in decima posizione, vendendo 8.588 copie e portando le vendite fisiche a 502.364 copie vendute.[82] Nella tredicesima settimana, l'album esce dalla top ten (numero dodici), vendendo 8.078 copie e portando le vendite fisiche a 510.442 unità.[83] La settimana successiva, l'album salì alla numero undici vendendo 10.700 copie.[84] Nella quindicesima settimana, l'album torna in top ten raggiungendo la settima posizione e vendendo 19.507 copie.[85] Nella settimana successiva, Encore un soir sale in quinta posizione e vende 31.866 copie, portando il totale delle vendite fisiche a 572.515 copie.[86] Nella diciassettesima settimana, l'album passa alla numero tre della classifica, vendendo 48.398 copie e portando le vendite fisiche a 620.913 unità.[87] Nell'ultima settimana del 2016, l'album risale in seconda posizione e vende altre 27.493 copie.[88] Encore un soir diventa così il secondo album più venduto del 2016 in Francia, con vendite di 662.047 copie.[89][90] Nelle prime due settimane del 2017, l'album ha venduto 7.103 copie (posizione numero cinque) e 4.955 cope (numero sette).[91][92] Nella terza settimana del 2017, Encore un soir scende alla posizione numero tredici.[93]

Encore un soir ha raggiunto il primo posto anche nelle Fiandre e in Vallonia,[94][95] Svizzera e Taiwan,[96][97] la numero tre in Italia,[98] la numero sei in Polonia e Corea (numero cinquantotto della Overall Chart),[99][100][101] la numero sette nei Paesi Bassi,[102] la numero tredici in Portogallo,[103] la numero quindici in Austria,[104] la numero sedici in Germania,[105] la numero diciotto in Spagna,[106] la numero venti in Ungheria,[107] la numero trentadue in Grecia.[106] Nel Regno Unito, l'album ha debuttato alla numero 88 della Official Albums Chart, che include vendite fisiche e digitali e streaming audio[108] e alla numero cinquantasei della Official Albums Sales Chart, che include vendite fisiche e digitali[109] (anche al numero sessanta della Official Physical Albums Chart e al numero sessantacinque della Official Album Downloads Chart).[110][111] Ha anche debuttato alla numero settanta in Scozia.[112]

Encore un soir divenne il primo album in lingua francese della Dion ad entrare nelle classifiche di Billboard negli Stati Uniti. L'album ha debuttato alla numero 82 della Top Current Albums,[113] alla numero novantasei della Top Album Sales[114] e alla numero uno della World Albums Chart.[115] L'album ha ottenuto diverse certificazioni in vari paesi: disco di diamante in Francia, doppio disco di platino in Canada e disco di platino in Belgio e Svizzera.[116] Solo nel 2016, Encore un soir ha venduto 1,1 milioni di copie in tutto il mondo.[117] A partire da ottobre 2017, l'album ha venduto oltre 1,5 milioni di copie in tutto il mondo.[118]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Il 22 maggio 2016, durante la cerimonia di premiazione dei Billboard Music Award, Céline Dion viene premiata con uno dei riconoscimenti più prestigiosi d'America, il Billboard ICON Award, ricevuto dalle mani di suo figlio René-Charles Angélil dopo l'esibizione del suo nuovo singolo in inglese, The Show Must Go On, cover dei Queen.[119][120] Il 26 settembre 2016, Céline Dion è stata nominata per il NRJ Music Award nella categoria Artista femminile francofona dell'anno.[121] Il 18 ottobre 2016, Encore un soir è candidato per l'RTL all'Album dell'anno.[122] Encore un soir è nominato anche per lo Swiss Music Award nella categoria Miglior Album Internazionale. Il disco è stato candidato ai Juno Award del 2017 nelle categorie Album dell'Anno e Album adult contemporary dell'Anno.[123] Nel settembre 2017, la Dion è stata nominata ai Félix Award in quattro categorie: Interprete Femminile dell'Anno, Album adult contemporary dell'Anno, Album più venduto dell'Anno e Canzone dell'Anno perEncore un soir.[124][125][126] Il mese successivo, Encore un soir venne premiato con due Félix Award come Album adult contemporary dell'anno e Album più venduto dell'anno.[127]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Encore un soir (Standard Edition)[modifica | modifica wikitesto]

  1. Plus qu'ailleurs – 3:38 (Francis Cabrel, Serge Lama)
  2. L'etoile – 3:14 (Grand Corps Malade, Manon Romiti, Silvio Lisbonne, Florent Mothe)
  3. Ma faille – 3:51 (Zaho, Ludovic Carquet, Therry Marie-Louise, Flavien Compagnon, Giorgio Tuinfort)
  4. Encore un soir – 4:23 (Jean-Jacques Goldman)
  5. Je nous veux – 3:58 (Nelson Minville, Marc Dupré)
  6. Les yeux au ciel – 2:57 (Malade, Romiti, Lisbonne, Mothe)
  7. Si c'était à refaire – 3:52 (Alice Guiol, Jacques Veneruso)
  8. Ordinaire – 4:44 (Claudine Monfette, Robert Charlebois, Pierre Nadeau)
  9. Tu sauras – 3:26 (Zaho, Carquet, Marie-Louise, Tuinfort)
  10. Toutes ces choses – 3:24 (Minville, Dupré)
  11. Le bonheur en face – 2:55 (Romiti, Lisbonne, Mothe)
  12. À la plus haute branche – 4:50 (Daniel Picard)

Encore un soir (Deluxe Edition)[modifica | modifica wikitesto]

L'edizione deluxe dell'album contiene tre tracce bonus, tra i quali spicca l'ultima traccia, Trois heures vingt, brano dell'album del 1984 della Dion, Mélanie.

  1. À vous – 3:46 (Zaho, Carquet, Marie-Louise)
  2. Ma force – 4:14 (Vianney Bureau)
  3. Trois heures vingt (Remastered) – 3:37 (Eddy Marnay, Patrick Lemaitre)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2016) Posizione
massima
Austria[128] 15
Belgio Fiandre[129] 1
Belgio Vallonia[130] 1
Canada[131] 1
Corea del Sud[132] 58
Francia[133] 1
Germania[134] 16
Grecia[135] 66
Italia[136] 3
Paesi Bassi[137] 7
Polonia[138] 6
Portogallo[139] 13
Regno Unito[140] 88
Rep. Ceca[141] 2
Spagna[142] 18
Svizzera[143] 1
Ungheria[144] 20

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.ultratop.be/nl/goud-platina/2016
  2. ^ http://www.swisscharts.com/search_certifications.asp?search=Dion+Encore+un+soir
  3. ^ http://musiccanada.com/gold-platinum/?fwp_gp_search=Encore+un+soir%20Celine+Dion
  4. ^ http://www.snepmusique.com/les-disques-dor/?awards_cat=65&awards_artist=C%C3%A9line+Dion&awards_title=Encore+un+soir
  5. ^ a b c d (EN) Céline Dion Official Website, Music, su Céline Dion Official Website. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  6. ^ Celine Dion, Encore un soir. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  7. ^ Encore un soir, COLUMBIA RECORDS GROUP, 26 agosto 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  8. ^ (EN) Hugh McIntyre, Celine Dion's New Album Took Over The Globe Last Month, And The U.S. Didn't Even Notice, in Forbes. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  9. ^ a b Céline Dion : la tracklist de son nouvel album avec Vianney, Zaho, Francis Cabrel..., su chartsinfrance.net. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  10. ^ (EN) A. B. C. News, Celine Dion Is 'at Peace' 4 Months After Husband's Death, su ABC News, 19 maggio 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  11. ^ (FR) La Célinemania frappe Paris - La Presse+, in La Presse+, 27 giugno 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  12. ^ a b (EN) Céline Dion Official Website, News, su Céline Dion Official Website. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  13. ^ (FR) Ventes de la semaine 21 : Christophe Maé leader !, in aficia, 31 maggio 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  14. ^ Céline Dion - Encore un soir, su ultratop.be. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  15. ^ Céline Dion - Trois heures vingt (Lyric). URL consultato il 6 ottobre 2018.
  16. ^ (FR) Le meilleur rythme musical - Rythme FM Montréal, su Rythme FM Montréal. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  17. ^ (FR) Céline Dion propose (enfin) "L'étoile" aux radios, son hymne à la vie, in aficia, 4 gennaio 2017. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  18. ^ (FR) Les deux nouveautés du jour sont signées Céline Dion & Amir !, in Vivacité, 8 febbraio 2017. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  19. ^ Accedi o iscriviti per visualizzare, su www.facebook.com. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  20. ^ (EN) Céline Dion Official Website, News, su Céline Dion Official Website. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  21. ^ (FR) "Les yeux au ciel" : Céline Dion s'adresse à René-Charles à travers son nouveau single, in aficia, 14 aprile 2017. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  22. ^ Celine Returns to Montreal and Quebec City for a Limited Engagement Beginning July 31, 2016 | The Official Celine Dion Site, su celinedion.com, 18 gennaio 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 18 gennaio 2016).
  23. ^ Celine to perform at the AccorHotels Arena in Paris, France for a limited engagement in June 2016! | The Official Celine Dion Site, su celinedion.com, 17 novembre 2015. URL consultato il 6 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  24. ^ Celine returns to the Sportpaleis in Antwerp in June 2016! | The Official Celine Dion Site, su celinedion.com, 17 novembre 2015. URL consultato il 6 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 17 novembre 2015).
  25. ^ (EN) Céline Dion summer tour kicks off in Belgium Monday, in Montreal Gazette, 20 giugno 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  26. ^ (EN) Céline Dion's heart, and her Quebec concerts next summer, will go on | CBC News, in CBC. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  27. ^ Current Boxscore | Billboard, su billboard.com, 22 luglio 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2016).
  28. ^ Current Boxscore | Billboard, su billboard.com, 8 settembre 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale l'8 settembre 2016).
  29. ^ Céline Dion Setlist at Sportpaleis, Merksem, su setlist.fm. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  30. ^ Céline Dion Setlist at Centre Bell, Montreal, su setlist.fm. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  31. ^ (FR) Closermag.fr, Céline Dion affiche une petite mine dans les coulisses de son "Grand Show" (photos), in Closermag.fr, 16 giugno 2016. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  32. ^ (EN) Céline Dion Official Website, News, su Céline Dion Official Website. URL consultato il 6 ottobre 2018.
  33. ^ (FR) Le Soleil - Québec | Actualités, Chroniques, Opinions, Affaires, Sports, Arts, Le Mag, Maison, Blogues, Zone, Les choix de la rédaction, Mission [+], La Vitrine, su Le Soleil. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  34. ^ (FR) Céline Dion : entre la tradition et le renouveau - La Presse+, in La Presse+, 19 agosto 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  35. ^ (FR) Paris Match, Nous avons écouté le nouvel album de Céline Dion. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  36. ^ (FR) Marc-André Lemieux, Céline Dion retrouve son trône, in Le Journal de Montréal. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  37. ^ (EN) On The Charts This Week, in FYIMusicNews, 6 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  38. ^ (EN) On The Charts This Week, in FYIMusicNews, 6 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  39. ^ (FR) Marc-André Lemieux, Céline Dion retrouve son trône, in Le Journal de Québec. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  40. ^ (FR) Cédric Bélanger, Bob Bissonnette de retour parmi les meilleurs vendeurs, in Le Journal de Québec. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  41. ^ (EN) On The Charts This Week, in FYIMusicNews, 12 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  42. ^ a b (EN) On The Charts This Week, in FYIMusicNews, 19 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  43. ^ a b (EN) On The Charts This Week, in FYIMusicNews, 26 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  44. ^ (EN) On The Charts This Week, in FYIMusicNews, 3 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  45. ^ a b c d e f (EN) Music Canada, su Music Canada. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  46. ^ (EN) On the Charts, in FYIMusicNews, 11 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  47. ^ (EN) On the Charts, in FYIMusicNews, 17 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  48. ^ (FR) Marc-André Lemieux, Noël en octobre pour Céline Dion, in Le Journal de Montréal. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  49. ^ (EN) On The Charts, in FYIMusicNews, 24 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  50. ^ (EN) On The Charts, in FYIMusicNews, 31 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  51. ^ (EN) On The Charts, in FYIMusicNews, 7 novembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  52. ^ Palmarès - Top sales french and english albums, su Palmarès. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  53. ^ (FR) Le Journal, Céline Dion s’illustre au Billboard, in Le Journal de Montréal. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  54. ^ NIELSEN MUSIC RELEASES 2016 CANADA YEAR-END REPORT (PDF), su fyimusicnews.ca.
  55. ^ 20 Premiers Top Albums Fussionnés, su pbs.twimg.com.
  56. ^ (FR) Céline Dion numéro un des ventes avec son nouvel album "Encore un soir", in aficia, 2 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  57. ^ (FR) Céline Dion : Démarrage phénoménal pour "Encore un soir", son nouvel album, in ozap.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  58. ^ "Encore un soir" : Céline Dion réalise le deuxième meilleur démarrage de l'année, su chartsinfrance.net. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  59. ^ (FR) Ventes de la semaine 35 : Céline Dion cartonne, Britney Spears et M Pokora démarrent timidement, in aficia, 2 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  60. ^ (FR) Céline Dion établit une nouvelle marque en France | Alain de Repentigny | Musique, in La Presse, 3 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  61. ^ (FR) Céline Dion bat un record historique avec son album Encore un soir, 5 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  62. ^ Top Albums : Céline Dion écrase Maître Gims et Britney Spears, su chartsinfrance.net. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  63. ^ Renaud signe le meilleur démarrage de l'année et un record de ventes depuis 14 ans, su chartsinfrance.net. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  64. ^ 20 Premiers Top Albums Fusionnés, su pbs.twimg.com.
  65. ^ (FR) Ventes de la semaine 36 : Céline Dion toujours numéro un, Sia et La Femme entrent en fanfare, in aficia, 9 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  66. ^ "Encore un soir" : Céline Dion franchit déjà le cap des 300.000 ventes, su chartsinfrance.net. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  67. ^ 20 Premiers Top Albums Fusionnés, su pbs.twimg.com.
  68. ^ (FR) Ventes de la semaine 37 : Céline Dion toujours numéro un, Lady Gaga fait une entrée fracassante, in aficia, 16 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  69. ^ 20 Premiers Top Albums Fusionnés, su pbs.twimg.com.
  70. ^ (FR) Ventes de la semaine 38 : Céline Dion détrônée par les rappeurs de PNL, LP s'impose avec "Lost On You", in aficia, 23 settembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  71. ^ Le Top de la semaine : Top Albums Physiques, su snepmusique.com.
  72. ^ (FR) Ventes de la semaine 39 : Céline Dion reprend la main, The Weeknd et Daft Punk cartonnent !, in aficia, 3 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  73. ^ (FR) Ventes de la semaine 40 : Céline Dion intouchable, Kery James et Booba au top !, in aficia, 7 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  74. ^ (FR) Ventes de la semaine 41 : Céline Dion brille toujours, Norah Jones et Bruno Mars réussissent leur comeback, in aficia, 15 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  75. ^ (FR) Céline Dion a vendu 450 000 albums, in leparisien.fr, 2016-10-17CEST07:00:00+02:00. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  76. ^ (FR) Ventes de la semaine 42 : Julien Doré domine largement, Soprano et Francis Cabrel de retour, in aficia, 22 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  77. ^ (FR) Ventes de la semaine 43 : M Pokora triomphe devant Johnny Hallyday, Lady Gaga un peu trop timide, in aficia, 31 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  78. ^ (FR) Ventes de la semaine 44 : M Pokora toujours leader, Black M devant Tal et Jenifer, in aficia, 4 novembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  79. ^ a b (FR) Ventes de la semaine 45 : M Pokora toujours leader incontesté, Véronique Sanson réussit son comeback !, in aficia, 14 novembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  80. ^ Le SNEP on Twitter, in Twitter. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  81. ^ (FR) Céline Dion : "Encore un soir" certifié disque de diamant pour 500 000 ventes, in aficia, 15 novembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  82. ^ (FR) Ventes de la semaine 46 : M Pokora règne en maître, Leonard Cohen bouleverse les charts !, in aficia, 18 novembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  83. ^ (FR) Ventes de la semaine 47 : Metallica détrône M Pokora et frappe plus fort que Bruno Mars, in aficia, 25 novembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  84. ^ (FR) Ventes de la semaine 48 : M Pokora de nouveau leader, Vianney réussit son retour !, in aficia, 2 dicembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  85. ^ (FR) Ventes de la semaine 49 : Jul plus fort que les Rolling Stones, Nekfeu frappe un grand coup, in aficia, 9 dicembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  86. ^ (FR) Ventes de la semaine 50 : M Pokora leader incontesté, Nekfeu et LP bousculent l'ordre d'arrivée, in aficia, 19 dicembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  87. ^ (FR) Ventes de la semaine 51 : M Pokora a les faveurs pour Noël, Céline Dion et Renaud aussi, in aficia, 23 dicembre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  88. ^ (FR) Ventes de la semaine 52 : M Pokora toujours très fort, Céline Dion et Jul à ses trousses, in aficia, 3 gennaio 2017. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  89. ^ Céline Dion, Renaud, Kids United... Les albums les plus vendus en France en 2016, su chartsinfrance.net. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  90. ^ Steven Bellery on Twitter, in Twitter. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  91. ^ (FR) Ventes de la semaine 1 : M Pokora persiste et signe, The Weeknd cartonne avec "I Feel It Coming", in aficia, 6 gennaio 2017. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  92. ^ (FR) Ventes de la semaine 2 : Vianney fait tomber M Pokora, Ed Sheeran fait un carton, in aficia, 13 gennaio 2017. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  93. ^ (FR) Ventes de la semaine 3 : M Pokora reprend le dessus, The xx et Vianney cartonnent !, in aficia, 20 gennaio 2017. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  94. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS, su ultratop.be. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  95. ^ ultratop.be - ULTRATOP BELGIAN CHARTS, su ultratop.be. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  96. ^ Steffen Hung, The Official Swiss Charts and Music Community, su swisscharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  97. ^ Five Music-5大唱片, su 5music.com.tw, 7 ottobre 2016. URL consultato il 7 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 7 ottobre 2016).
  98. ^ FIMI - Database Top of the music - FIMI, su www.fimi.it. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  99. ^ Onyx Sp. z o.o., tel. +48 22 3377222, www.onyx.pl, [http://olis.onyx.pl/listy/index.asp?idlisty=1041&lang=en Oficjalna lista sprzeda�y :: OLIS - Official Retail Sales Chart], su olis.onyx.pl. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  100. ^ 국내 대표 음악 차트 가온차트!, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  101. ^ 국내 대표 음악 차트 가온차트!, su gaonchart.co.kr. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  102. ^ Steffen Hung, Dutch Charts - dutchcharts.nl, su dutchcharts.nl. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  103. ^ Steffen Hung, portuguesecharts.com - Portuguese charts portal, su portuguesecharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  104. ^ Steffen Hung, Das österreichische Hitparaden- und Musik-Portal, su austriancharts.at. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  105. ^ (DE) Offizielle Deutsche Charts - Offizielle Deutsche Charts, su www.offiziellecharts.de. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  106. ^ a b Steffen Hung, spanishcharts.com - Spanish charts portal, su spanishcharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  107. ^ lightmedia.hu, Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista - Hivatalos magyar slágerlisták, su zene.slagerlistak.hu. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  108. ^ (EN) Official Albums Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  109. ^ (EN) Official Albums Sales Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  110. ^ (EN) Official Physical Albums Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  111. ^ (EN) Official Album Downloads Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  112. ^ (EN) Official Scottish Albums Chart Top 100 | Official Charts Company, su www.officialcharts.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  113. ^ (EN) Chart Search | Billboard, su www.billboard.com. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  114. ^ Celine Dion Chart History, in Billboard. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  115. ^ Celine Dion Chart History, in Billboard. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  116. ^ (EN) Céline Dion Official Website, News, su Céline Dion Official Website. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  117. ^ (FR) Céline Dion présente un nouvel extrait de son album "Encore un soir".. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  118. ^ (FR) Céline Dion : Collaborations avec Adele, MHD, tracklist... On fait le point !. URL consultato il 7 ottobre 2018.
  119. ^ Celine Dion to Receive ICON Award & Perform at 2016 Billboard Music Awards, in Billboard. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  120. ^ Duy Nguyen, Celine Dion Billboard Icon Award Acceptance Speech at the Billboard Music Awards 2016, 6 giugno 2016. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  121. ^ (FR) NRJ Music Awards 2018 - Site Officiel, in NRJ.fr. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  122. ^ (FR) Découvrez les 12 disques sélectionnés pour l'Album RTL de l'année 2016, in RTL.fr. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  123. ^ (EN) See the Full List of 2018 JUNO Awards Nominees | The JUNO Awards, in The JUNO Awards. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  124. ^ (FR) Dévoilement des nominations 2017 : À qui les grands honneurs ? – ADISQ, su ADISQ. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  125. ^ (FR) Gala de l’ADISQ : dévoilement des nominations 2017 – ADISQ, su ADISQ. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  126. ^ (FR) Votez pour la Chanson de l’année ! – ADISQ, su ADISQ. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  127. ^ (FR) Dévoilement des gagnants Gala ADISQ 2017 – ADISQ, su ADISQ. URL consultato l'8 ottobre 2018.
  128. ^ (DE) Austriancharts.at - Céline Dion - Encore un soir, Hung Medien. URL consultato il 7 settembre 2016.
  129. ^ (NL) Ultratop.be - Céline Dion - Encore un soir, Ultratop & Hung Medien. URL consultato il 2 settembre 2016.
  130. ^ (FR) Ultratop.be - Céline Dion - Encore un soir, Ultratop & Hung Medien. URL consultato il 2 settembre 2016.
  131. ^ http://www.billboard.com/artist/298857/Celine+Dion/chart?f=309
  132. ^ http://gaonchart.co.kr/main/section/chart/album.gaon?nationGbn=T
  133. ^ (FR) Lescharts.com - Céline Dion - Encore un soir, Hung Medien. URL consultato il 2 settembre 2016.
  134. ^ https://www.offiziellecharts.de/album-details-309653
  135. ^ (EL) Official Cyta-IFPI Charts – Top-75 Albums Sales Chart (Week: 35/2016), IFPI Greece. URL consultato il 12 settembre 2016.
  136. ^ Italiancharts.com - Céline Dion - Encore un soir, Hung Medien. URL consultato il 2 settembre 2016.
  137. ^ (NL) Dutchcharts.nl - Céline Dion - Encore un soir, DutchCharts. URL consultato il 2 settembre 2016.
  138. ^ http://olis.onyx.pl/listy/index.asp?idlisty=1041&lang=en
  139. ^ Portuguesecharts.com - Céline Dion - Encore un soir, Hung Medien. URL consultato il 6 settembre 2016.
  140. ^ http://www.officialcharts.com/artist/_/Celine%20Dion/
  141. ^ http://www.ifpicr.cz/hitparada/index.php
  142. ^ (ES) Spanishcharts.com - Céline Dion - Encore un soir, Hung Medien. URL consultato il 14 settembre 2016.
  143. ^ (DE) Swisscharts.com - Céline Dion - Encore un soir, Hung Medien. URL consultato il 4 settembre 2016.
  144. ^ http://zene.slagerlistak.hu/top-40-album-dvd-es-valogataslemez-lista/2016/36

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica