So Far So Good

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
So Far So Good
ArtistaBryan Adams
Tipo albumRaccolta
Pubblicazione2 novembre 1993
Durata62:45
Dischi1
Tracce14
GenereHard rock
Pop rock
EtichettaA&M
ProduttoreBryan Adams, Bob Clearmountain
Registrazione1982-1993
FormatiCD, vinile
Certificazioni
Dischi d'oroBrasile Brasile[1]
(vendite: 100 000+)
Dischi di platinoAustralia Australia (11)[2]
(vendite: 770 000+)
Austria Austria (2)[3]
(vendite: 100 000+)
Belgio Belgio (3)[4]
(vendite: 150 000+)
Canada Canada (6)[5]
(vendite: 600 000+)
Finlandia Finlandia[6]
(vendite: 77 318+)[7]
Francia Francia[8]
(vendite: 309 400+)[9]
Germania Germania (2)[10]
(vendite: 1 000 000+)
Italia Italia (6)[11]
(vendite: 600 000+)
Norvegia Norvegia (3)[12]
(vendite: 150 000+)
Nuova Zelanda Nuova Zelanda (7)[13]
(vendite: 105 000+)
Regno Unito Regno Unito (3)[14]
(vendite: 900 000+)
Spagna Spagna[15]
(vendite: 100 000+)
Stati Uniti Stati Uniti (5)[16]
(vendite: 5 000 000+)
Svezia Svezia[17]
(vendite: 100 000+)
Svizzera Svizzera (4)[18]
(vendite: 200 000+)
Bryan Adams - cronologia
Album successivo
(1994)
Singoli
  1. Please Forgive Me
    Pubblicato: 2 novembre1993
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4.5/5 stelle[19]
Entertainment Weekly B[20]
The Rolling Stone Album Guide 3/5 stelle[21]
Sputnikmusic 4/5 stelle (eccellente)[22]
Amazon.com 4.6/5 stelle[23]

So Far So Good è il primo greatest hits del cantante rock canadese Bryan Adams pubblicato nel 1993 dalla A&M Records. Il titolo significa fin qui tutto bene, la raccolta vende oltre 15 milioni di copie nel mondo.

L'album contiene brani dal 1983 (anno di uscita di Cuts Like a Knife) al 1991 (anno di uscita di Waking Up the Neighbours), e un nuovo singolo, "Please Forgive Me". In origine, la canzone "So Far So Good" avrebbe dovuto essere inclusa nell'album in modo che il disco cominciasse e finisse con una nuova canzone, ma fu esclusa. La canzone è stata inclusa nel disco due di Anthology.

L'unica canzone dell'album che non è mai stata pubblicata come singolo è Kids Wanna Rock del 1984 di Reckless, che ha sostituito One Night Love Affair, tratto dallo stesso album. Anche se quest'ultima era stata pubblicata come singolo nel 1985, entrando in classifica in Canada e in Giappone, Kids Wanna Rock si è rivelato essere un popolare punto fermo dal vivo nei tour mondiali di Adams. In realtà, diverse registrazioni dal vivo di Kids Wanna Rock furono inserite come B-sides tra il 1984 e il 1992. Altri singoli importanti esclusi sono Hearts on Fire e Victim of Love del 1987, il discreto successo "Thought I'd Died and Gone to Heaven" del 1991, e il singolo US del 1992 "Touch the Hand". Le prime versioni dell'album uscirono con un adesivo nero circolare sul jewelcase, a coprire la ruota, con il testo "The Best of Bryan Adams" in lettere rosse. Inoltre, la copertina dell'album era disponibile in diversi colori, dal verde scuro, al marrone chiaro e all'arancione brillante. L'album è stato riconfezionato più volte, in alcune versioni sono inclusi i singoli "All for Love" del 1994 o "Have You Ever Really Loved a Woman?" del 1995.

L'album ha venduto in Italia 600.000 copie in soli tre mesi.[11]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Summer of '69 - 3:35 (da Reckless, 1984)
  2. Straight from the Heart - 3:30 (da Cuts Like a Knife, 1983)
  3. It's Only Love - 3:15 (da Reckless, 1984)
  4. Can't Stop This Thing We Started - 4:29 (da Waking Up the Neighbours, 1991)
  5. Do I Have to Say the Words? - 6:11 (da Waking Up the Neighbours, 1991)
  6. This Time - 3:18 (da Cuts Like a Knife, 1983)
  7. Run to You - 3:54 (da Reckless, 1984)
  8. Heaven - 4:03 (da Reckless, 1984)
  9. Cuts Like a Knife - 5:16 (da Cuts Like a Knife, 1983)
  10. (Everything I Do) I Do It for You - 6:34 (da Waking Up the Neighbours, 1991)
  11. Somebody - 4:44 (da Reckless, 1984)
  12. Kids Wanna Rock - 2:36 (da Reckless, 1984)
  13. Heat of the Night - 4:43 (da Into the Fire, 1987)
  14. Please Forgive Me - 5:56 (Inedita)

So Far So Good (And More)[modifica | modifica wikitesto]

In seguito all'uscita della raccolta è stata pubblicata nel 1994 una VHS che contiene 18 video musicali del cantautore che porta lo stesso nome della raccolta ma con un nome parzialmente modificato So Far So Good (And More), contenente non solo i video musicali relativi al disco ma anche alcuni video di singoli che non vi erano inclusi.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Can't Stop This Thing We Started
  2. Cuts Like a Knife
  3. Please Forgive Me
  4. It's Only Love
  5. Into The Fire
  6. Heat of the Night
  7. Heaven
  8. Somebody
  9. (Everything I Do) I Do It for You
  10. Diana
  11. When The Night Comes
  12. I Fought the Law - (Sonny Curtis cover Live At Rock Werchter, Belgium/1988)
  13. Straight from the Heart
  14. Run to You
  15. C'mon Everybody - (Eddie Cochran cover live at Cardiff Arms Park, Waking Up the World Tour)
  16. Summer of '69
  17. Do I Have to Say the Words?
  18. All for Love

So Far So Good Tour[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: So Far So Good Tour.

È il tour musicale a supporto del greatest hits del cantante rock canadese Bryan Adams pubblicato nel 1993.[24]

Dal 1991 al 1994 Adams è costantemente in Tour,dopo il Waking Up the World Tour con data conclusiva a Singapore, prende il via da Kuala Lumpur in Malaysia, per poi proseguire per 110 date.

Il tour fa tappa in diverse nazioni, dal Bahrain all'Australia,dal Giappone al Sud Africa per poi toccare diverse nazioni in Europa,per la prima volta svolge 3 date in Vietnam,il tour si conclude negli Stati Uniti.

In Italia il tour arriva per 9 date dal 13 al 26 aprile 1994 : Bolzano, Milano, Torino, Treviso, Bologna, Firenze, Roma, Napoli e Acireale.

In 9 date del So Far So Good Tour negli Stati Uniti, Adams divide il palco con i Rolling Stones.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche di fine anno[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1993) Posizione
Australia[48] 6
Canada[49] 44
Francia[50] 92
Germania[51] 90
Nuova Zelanda[52] 20
Paesi Bassi[53] 88
Regno Unito[54] 8
Classifica (1994) Posizione
Australia[55] 2
Austria[56] 3
Canada[57] 15
Germania[58] 2
Italia[36] 3
Nuova Zelanda[59] 14
Paesi Bassi[60] 16
Regno Unito[54] 56
Spagna[42] 16
Stati Uniti[61] 17
Svizzera[62] 2

Classifiche di fine decennio[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1990–1999) Posizione
Austria[63] 46

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Associação Brasileira dos Produtores de Discos, Certificados, su abpd.org.br. URL consultato il 20 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2010).
  2. ^ Hung Medien, Bryan Adams – So Far So Good, Australian-charts.com. URL consultato il 19 luglio 2011.
  3. ^ Austrian album certifications, IFPI Austria.
  4. ^ International Album 2002, su ultratop.be.
  5. ^ (EN) Gold Platinum Database - So Far So Good, Music Canada. URL consultato il 7 agosto 2014.
  6. ^ Kultalevyjen myöntämisrajat, Musiikkituottajat.
  7. ^ Bryan Adams, Musiikkituottajat.
  8. ^ (FR) French albums certifications, InfoDisc. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  9. ^ (FR) Les Albums Platine, su infodisc.fr, SNEP. URL consultato il 31 agosto 2011.
  10. ^ (DE) Gold/Platin Datenbank, Bundesverband Musikindustrie. URL consultato il 22 ottobre 2014.
  11. ^ a b Marchio Heineken per Bryan Adams, Adnkronos, 15 febbraio 1994. URL consultato il 2 giugno 2012.
  12. ^ (NO) IFPI Norsk Platebransje, IFPI. URL consultato il 15 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il 25 luglio 2012).
  13. ^ Dean Scapolo, The Complete New Zealand Music Charts: 1966–2006, Wellington, Dean Scapolo and Maurienne House, 2007, ISBN 978-1-877443-00-8.
  14. ^ (EN) BRIT Certified, British Phonographic Industry. Digitare "Bryan Adams" in "Keywords", dunque premere "Search".
  15. ^ Productores de Música de España, Solo Exitos 1959–2002 Ano A Ano: Certificados 1991–1995, 1ª ed., ISBN 84-8048-639-2.
  16. ^ (EN) Gold & Platinum Database – So Far So Good[collegamento interrotto], Recording Industry Association of America. URL consultato il 14 ottobre 2014.
  17. ^ (SV) Gold & Platinum 1987–1998 (PDF), su IFPI Sweden, p. 13. URL consultato il 12 febbraio 2013 (archiviato dall'url originale il 21 maggio 2012).
  18. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community, su Hung Medien. URL consultato il 17 settembre 2014.
  19. ^ Allmusic review
  20. ^ Entertainment Weekly review
  21. ^ (EN) Nathan Brackett e Christian Hoard, The Rolling Stone Album Guide, Simon and Schuster, 2004, p. 6, ISBN 0-7432-0169-8.
  22. ^ Sputnikmusic review
  23. ^ (EN) Bryan Adams So Far So Good, Amazon.com. URL consultato il 24 luglio 2015.
  24. ^ archivio concerti di bryan adams, songkick.com. URL consultato il 27 settembre 2014.
  25. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Argentina, Billboard, 19 febbraio 1994, p. 47. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  26. ^ (EN) Australian Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su australiancharts.com.
  27. ^ (DE) Austrian Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su austriancharts.at.
  28. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Belgium, Billboard, 5 febbraio 1994, p. 43. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  29. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 58, No. 25, January 10 1994, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2015).
  30. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Denmark, Billboard, 5 febbraio 1994, p. 43. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  31. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Eurochart Hot 100, Billboard, 5 febbraio 1994, p. 43. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  32. ^ (FI) Jake Nyman, Suomi soi 4: Suuri suomalainen listakirja, 1ª ed., Helsinki, Tammi, 2005, ISBN 951-31-2503-3.
  33. ^ (FR) Le Détail des Albums de chaque Artiste, Infodisc.fr. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 9 settembre 2012). Selezionare BRYAN ADAMS e premere OK.
  34. ^ (DE) German Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su offiziellecharts.de.
  35. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Ireland, Billboard, 5 febbraio 1994, p. 43. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  36. ^ a b Gli album più venduti del 1994, hitparadeitalia.it. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  37. ^ (EN) Norwegian Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su norwegiancharts.com.
  38. ^ (EN) New Zealand Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su charts.org.nz.
  39. ^ (NL) Dutch Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su dutchcharts.nl.
  40. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - Portugal, Billboard, 21 maggio 1994, p. 37. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  41. ^ (EN) Chart Archive – Bryan Adams – So Far So Good, Chart Stats. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  42. ^ a b Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spain, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  43. ^ (EN) Nielsen Business Media, Bryan Adams > Album & Song Chart History > Billboard 200, Billboard. URL consultato il 12 settembre 2011.
  44. ^ Nielsen Business Media, Inc., Hits of the World - South Africa, Billboard, 6 gennaio 1994, p. 42. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  45. ^ (EN) Swedish Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su swedishcharts.com.
  46. ^ (DE) Swiss Charts – Bryan Adams – So Far So Good, su hitparade.ch.
  47. ^ (HU) Top 40 album-, DVD- és válogatáslemez-lista, Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége, 16 gennaio 1994. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  48. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 50 Albums 1993, ARIA Charts. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  49. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 58, No. 23, December 18 1993, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 17 aprile 2015).
  50. ^ (FR) Les Albums (CD) de 1993 par InfoDisc, Infodisc.fr. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 ottobre 2014).
  51. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1993, su offiziellecharts.de. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  52. ^ (EN) Top Selling Albums of 1993, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2015).
  53. ^ (NL) Jaaroverzichten 1993, su dutchcharts.nl. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  54. ^ a b (EN) Complete UK Year-End Album Charts, su chartheaven.9.forumer.com. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale l'11 gennaio 2012).
  55. ^ (EN) ARIA Charts - End Of Year Charts - Top 50 Albums 1994, ARIA Charts. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  56. ^ (DE) Austriancharts – Jahreshitparade 1994, Austriancharts.at. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  57. ^ (EN) Top Albums/CDs - Volume 60, No. 21, December 12 1994, su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 6 dicembre 2017).
  58. ^ (DE) Album – Jahrescharts 1994, su offiziellecharts.de. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  59. ^ (EN) Top Selling Albums of 1994, Recording Industry Association of New Zealand. URL consultato il 2 ottobre 2014 (archiviato dall'url originale il 10 febbraio 2015).
  60. ^ (NL) Jaaroverzichten 1994, su dutchcharts.nl. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  61. ^ (EN) 1994: Billboard 200 Albums, Billboard. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  62. ^ (DE) Schweizer Jahreshitparade 1994, su Hitparade.ch, Hung Medien. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  63. ^ (DE) Bestenlisten – 90er-Album, su Austriancharts.at, Hung Medien. URL consultato il 2 ottobre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock