I Fought the Law

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
I Fought the Law
Artista The Crickets
Autore/i Sonny Curtis
Genere Rock and roll[1]
Data 1958

I Fought the Law è una canzone scritta da Sonny Curtis, incisa per la prima volta dai Crickets nel 1959.

Storia del brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone è stata scritta nel 1958 da Sonny Curtis, che la incide nel 1959 quando entra a far parte dei Crickets, prendendo il posto del compianto Buddy Holly alla chitarra. Joe B. Mauldin e Jerry Allison mantengono le loro posizioni rispettivamente al contrabbasso e alla batteria, mentre Earl Lavelli copre anche il ruolo di vocedel gruppo. La canzone è nel loro LP del 1960, In Style with the Crickets e l'anno successivo appare come B-side del singolo A Sweet Love. La canzone non ha mai ricevuto alcuna airplay.

Nel 1962, il gruppo di Milwaukee Paul Stefen and the Royal Lancers realizza una cover della canzone che li porta al successo a livello locale ma senza mai scalare le classifiche nazionali.[2]

Nel 1964, Sammy Masters incide la sua cover del brano. Nello stesso anno, la canzone viene registrata da Bobby Fuller e la sua band per l’etichetta Exeter a El Paso, consolidando la loro la popolarità nella zona di West Texas con uno dei loro più grandi successi locali.

Versione di Bobby Fuller[modifica | modifica wikitesto]

I Fought the Law
Artista Bobby Fuller
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1965
Durata 2 min : 14 s
Album di provenienza I Fought the Law
Genere Rock and roll
Etichetta Mustang Records
Produttore Bob Keane
Registrazione 1965
Bobby Fuller - cronologia
Singolo precedente
(1965)
Singolo successivo
(1966)

Dopo aver raggiunto il successo regionale in Texas, Bobby Fuller e la sua band decidono di passare alla major Del-Fi Records, sotto la Mustang Records, e diventano noti come i Bobby Fuller Four. Durante la produzione di successi minori, la band raggiunge la top ten nazionale con la cover di I fought the law nel 1965.

Appena sei mesi dopo l’apparizione della canzone nella classifica Billboard Hot 100, Fuller viene trovato morto per asfissia nella macchina di sua madre in un parcheggio nei pressi del suo appartamento di Los Angeles, California. Il Dipartimento di Polizia di Los Angeles ne dichiara la morte per apparente suicidio, ma altri ritengono che sia stato assassinato. Fuller ha solo 23 anni.[3]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Classifica Posizione
1966 Billboard Hot 100[4] 9
1966 Canadian RPM Top Singles[5] 11

La versione del brano incisa da Bobby Fuller occupa la centosettantacinquesima posizione della lista delle 500 migliori canzoni secondo Rolling Stone.[6]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Bobby Fuller (voce, chitarra)
  • Randy Fuller (cori, basso)
  • Jim Reese (cori, chitarra)
  • DeWayne Quirico (batteria)

Versione dei Clash[modifica | modifica wikitesto]

I Fought the Law
Artista The Clash
Tipo album Singolo
Pubblicazione 26 giugno 1979 Stati Uniti
Durata 2 min. : 38 s.
Genere British punk
Etichetta CBS 50738
Formati 45 giri
The Clash - cronologia
Singolo precedente
(1978)
Singolo successivo
(1979)

La versione di I Fought the Law dei Clash è stata pubblicata come singolo nel 1979.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

La cover appare per la prima volta sull'E.P. inglese The Cost of Living, pubblicato nel maggio del 1979. Negli USA, il brano apparirà per la prima volta sull'edizione americana dell'album di debutto della band, The Clash. Nel 1988, la CBS Records ripubblicò il singolo nei seguenti formati: CD, 12" e 7", con The City of the Dead (presente sul lato B di Complete Control) e 1977 (lato B di White Riot) come B-side.

Anno Lato B Formati Etichetta Paese Note
1979
  1. I Fought the Law (2:38)
45 giri (7") Epic 9-50738 USA Promo
1988
  1. The City of Dead (2:24)
  2. 1977 (1:40)
45 giri (7") CBS CLASH 1 UK
1988
  1. The City of Dead (2:23)
  2. Police on My Back (3:17)
  3. 48 Hours (1:36)
45 giri (7") CBS CLASH T1 UK
1988
  1. The City of Dead (2:23)
  2. Police on My Back (3:17)
  3. 48 Hours (1:36)
CD CBS CLASH C1 UK

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Anno Classifica Posizione
1988 UK Singles Chart[7] 22

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altre versioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La canzone è stata eseguita, sia in concerto sia in studio, dai Dead Kennedys, che ne hanno fatto una versione riadattando il testo sulla storia dell'omicidio di Harvey Milk. Inoltre, Dave Courtney, l'autoproclamato gangster di Londra, ha cantato il pezzo insieme al gruppo scozzese pop-punk dei Mute fronteggiati da Jay Burnett, che ne ha adattato il testo al leggendario caso giudiziario dello stesso Dave. Sia questa versione sia quella dei Dead Kennedys sono intitolate I Fought the Law and I Won.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Richie Unterberger, I Fought the Law su AllMusic, All Media Network.
  2. ^ Whitburn, Joel. Joel Whitburn's Top Pop Singles: 1955-2010. Record Research, 2011.
  3. ^ Unterberger, Richie, AllMusic Biography: Bobby Fuller Four, allmusic.com. URL consultato il 3 gennaio 2009.
  4. ^ Allmusic, Bobby Fuller awards on Allmusic, Rovi Corporation. URL consultato il 15 luglio 2013.
  5. ^ I fought the law in Canadian Top Singles Chart, Library and Archives Canada. URL consultato il 15 luglio 2013.
  6. ^ Le 500 canzoni più belle. L'elenco completo di Rolling Stone, Oggi, 14 dicembre 2010. URL consultato il 3 giugno 2011.
  7. ^ Chart Stats - The Clash. URL consultato il 18 novembre 2008.
  8. ^ La Nitty Gritty Dirt Band Album & Song Grafico History
  9. ^ Reel Big Fish, Reel Big Fish on MySpace.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock