The Crickets

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
The Crickets
Buddy Holly & The Crickets publicity portrait - cropped.jpg
Buddy Holly & The Crickets nel 1958
Paese d'origineStati Uniti Stati Uniti
GenereRock and roll[1]
Lubbock sound
Rockabilly
Periodo di attività musicale1957 – 2016
EtichettaLiberty, MCA, Vertigo, Coral, Brunswick
Album pubblicati18
Sito ufficiale

The Crickets sono un gruppo musicale statunitense, fondato a Lubbock nel febbraio del 1957 da Buddy Holly[1]. La formazione originale comprendeva Buddy Holly (voce, chitarra), Niki Sullivan (chitarra), Joe Mauldin (basso) e Jerry Allison (batteria, unico membro ad essere presente in tutte le formazioni). Divennero la formazione standard per tutte le band rock dei decenni a venire (due chitarre, basso e batteria) ed influenzarono gli stessi Beatles, i quali scelsero il proprio nome ispirandosi al loro (crickets "grilli", beetle "scarafaggi").

The Crikets con Buddy Holly[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Buddy Holly.

Il gruppo nacque come progetto di Buddy Holly, il quale deluso dai primi risultati ottenuti con la propria casa discografica, la Decca Records, volle incidere con un nuovo produttore. Non potendo utilizzare il proprio nome perché già sotto contratto con la Decca, venne trovato il nome The Crickets. Dopo il grande successo di That'll Be the Day, che raggiunse il primo posto nella US Official Singles Chart, seguirono altri successi come Oh Boy!, Maybe Baby e Think It Over.

Dopo la morte di Buddy Holly[modifica | modifica wikitesto]

Buddy Holly aveva già lasciato la band da alcuni mesi quando morì nel 1959. Il gruppo proseguì la prorpia attività ingaggiando nuovi cantanti (in ordine cronologico: Earl Sinks, Jerry Naylor, Sonny Curtis e Gordon Payne). Pur non riuscendo a replicare i succesi del periodo di Buddy Holly, riuscirono comunque ad entrare nelle classifiche inglesi fino al 1963, ed a proseguire la propria attività sia discografica sia dal vivo fino agli anni '10 del secolo attuale. Nel 2012 il gruppo è stato inserito nella Rock'n'roll hall of fame.

La band si è esibita l'ultima volta nel febbraio del 2016, occasione in cui Jerry Allison annunciò la fine dell'attività della stessa.

Componenti[modifica | modifica wikitesto]

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • The "Chirping" Crickets (1957, con Buddy Holly)
  • In Style with the Crickets (1960)
  • Bobby Vee Meets the Crickets (1962)
  • Something Old, Something New (1963)
  • California Sun (1964)
  • Rock Reflections (1971)
  • Remnants (1973)
  • Bubblegum, Pop, Ballads & Boogie (1973)
  • Long Way from Lubbock (1975) (con Albert Lee)
  • Back in Style (1975)
  • 3 Piece (1988)
  • T Shirt (1988)
  • Cover to Cover (1995)
  • The Original (1996)
  • Rockin (2000)
  • Too Much Monday Morning
  • Crickets and Their Buddies (2004)
  • About Time Too (con Mike Berry)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Bruce Eder, The Crickets, su AllMusic, All Media Network.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Nick Logan e Bob Woffinden, Enciclopedia del rock, Milano, Fratelli Fabbri Editore, 1977.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN137639468 · ISNI (EN0000 0001 1956 6416 · LCCN (ENnr89008941 · GND (DE5266756-X · WorldCat Identities (ENnr89-008941
Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica