Heaven (Bryan Adams)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Heaven
Artista Bryan Adams
Tipo album Singolo
Pubblicazione 1985
Durata 4:04
Album di provenienza Reckless
Genere Rock
Etichetta A&M
Produttore Badman/Polydor
Registrazione 1983
Formati 45 giri
Certificazioni
Dischi d'oro Canada Canada[1]
(vendite: 50 000+)
Bryan Adams - cronologia
Singolo precedente
(1984)
Singolo successivo
(1985)

Heaven è una canzone rock scritta da Bryan Adams e Jim Vallance per il quarto album di Adams Reckless pubblicato nel 1984, da cui è stato estratto come terzo singolo.

La canzone raggiunse la vetta della classifica Billboard Hot 100 e la numero nove della Billboard Rock Tracks. La canzone è stata in seguito inserita in tutti i greatest hits di Adams, tranne che in The Best of Me. Il disco è stato certificato disco d'oro in Canada nel 1985.[2]

La Canzone[modifica | modifica wikitesto]

Composizione e registrazione[modifica | modifica wikitesto]

Bryan Adams compose Heaven nel periodo in cui apriva i concerti dei Journey.[3]

La registrazione di "Heaven" è stata effettuata presso i The Power Station di New York, i giorni 6 e 7 giugno del 1983.[3]

Adams non pensava che "Heaven" era adeguata per l'album Reckless, La sua decisione è stata in parte influenzata dal produttore discografico Jimmy Iovine, che stava lavorando con Adams al momento della registrazione. Iovine ha pensato che la canzone era "soft", e ha esortato Adams a non includerla nell'album; ma all'ultimo minuto Adams ha aggiunto "Heaven" per la track-list.[3]

A metà della sessione di registrazione, il batterista Mickey Curry ha annunciato che avrebbe lasciato perchè aveva già preso impegni precedenti per una sessione con Hall & Oates.[3]

Curry aveva messo in guardia Adams circa la limitata disponibilità di quel giorno. La sessione di registrazione "Heaven" era in ritardo, così ha chiamato il batterista della band Journey, Steve Smith. Smith era a New York, in quel momento e ha in sostituito Curry. Durante la scrittura di "Heaven", Adams e Vallance sono stati influenzati dalla ballata Faithfully.[3]

Pubblicazione e riscontro[modifica | modifica wikitesto]

il singolo "Heaven" è apparso nella colonna sonora di A Night In Heaven nel 1983 e ha ricevuto molta diffusione in radio, raggiungendo la posizione numero 9 nella mainstream rock song nei primi mesi del 1984[4]. E 'stato rilasciato come terzo singolo estratto dall'album Reckless nell' aprile del 1985 e ha raggiunto la posizione numero 1 nella Billboard Hot 100[4]. La canzone è anche tornata nella Billboard Rock Tracks nel 1985 , raggiungendo la posizione numero 27. "Heaven" ha anche raggiunto la posizione numero 12 sulla Adult contemporary music[4], diventando il secondo singolo di Adams ad arrivare nella lista dopo Straight from the Heart nel 1983. In Canada, "Heaven" è stata ufficialmente lanciata alla radio nel mese di gennaio del 1985. La canzone ha raggiunto le prime venti posizioni sulla RPM e rimase nella Top 20 per un altro mese [5].

La canzone è stata rilasciata in Australia[6], Europa e Nuova Zelanda[7] nel 1985. "Heaven" ha raggiunto la Top 40 nel Regno Unito[8]; ha raggiunto la top ten in Svezia[9] e nel Regno Unito e poi la top 20 in Austria , Irlanda[10] , Svizzera[11] ; in Germania ha raggiunto la posizione numero 28[12].

Il video[modifica | modifica wikitesto]

Il video prodotto per Heaven fu diretto dal regista irlandese Steve Barron.[13] Il video è stato nominato all'MTV Video Music Awards nella categoria "migliore cinematografia". La canzone non ha vinto il premio, ma è stata una dei quattro singoli tratti dall'album che è stato nominato per un MTV Video Music Award.[14] Ci sono due versioni del video musicale: la prima fu girata a Jersey City e vede il cantautore esibirsi durante un concerto in mezzo a molti fan, tra cui l'attrice Lysette Anthony (che era già apparsa in Run to You e Somebody altri sue singoli dell'album Reckless). Quest'ultima dopo aver lasciato il fidanzato per aver guidato in stato di ubriachezza (infatti si vede che si arrabbia con un poliziotto) si dirige verso il teatro dove si sta tenendo il concerto del cantautore; sul finire della canzone però lui la vede e lei scappa, e la insegue. Probabilmente questa versione del video può essere considerata come una sorta di preseguo del video musicale di Run to You, dato l'abbigliamento indossato da Adams è uguale, la ragazza è la stessa e che il video si chiude con una nevicata fuori dal teatro; mentre la seconda fu girata a Londra viene mostrato Bryan Adams esibirsi in un teatro vuoto mentre dietro di lui, degli schermi mostrano il suo gruppo suonare.

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

7" Single
  1. Heaven - 4:03
  2. Heaven (Live Version) - 3:55
12" Maxi
  1. Heaven - 4:03
  2. Heaven (Live Version) - 3:55
  3. Kids Wanna Rock (Live) - 2:57

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Nel corso degli anni sono state effettuate numerose cover del brano, fra cui:

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (1985) Posizione
massima
Australia[6] 12
Belgio (Fiandre)[25] 29
Canada[5] 11
Germania[12] 28
Irlanda[10] 11
Norvegia[26] 3
Nuova Zelanda[7] 17
Paesi Bassi[27] 28
Regno Unito[8] 38
Spagna[28] 9
Stati Uniti[4] 1
Stati Uniti (mainstream rock)[4] 9
Stati Uniti (adult contemporary)[4] 12
Sudafrica[29] 9
Svezia[9] 8
Svizzera[11] 14

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gold Platinum Database - Heaven, Music Canada. URL consultato il 7 agosto 2014.
  2. ^ CRIA Certifications, Canadian Recording Industry Association. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  3. ^ a b c d e f g h Bryan Adams - Heaven, jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  4. ^ a b c d e f (EN) Nielsen Business Media, Bryan Adams > Album & Song Chart History > Billboard 200, Billboard. URL consultato il 12 settembre 2011.
  5. ^ a b (EN) Top Singles - Volume 42, No. 18, July 13 1985 su Collectionscanada.gc.ca, Library and Archives Canada. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  6. ^ a b David Kent, Australian Chart Book 1970–1992, Australian Chart Book, St Ives, N.S.W, 1993, ISBN 0-646-11917-6.
  7. ^ a b (EN) New Zealand Charts – Bryan Adams – Heaven su charts.org.nz.
  8. ^ a b (EN) Chart Archive – Bryan Adams – Heaven, Chart Stats. URL consultato il 2 ottobre 2014.
  9. ^ a b (EN) Swedish Charts – Bryan Adams – Heaven su swedishcharts.com.
  10. ^ a b (EN) The Irish Charts - Search the charts: Bryan Adams, Irish Recorded Music Association.
  11. ^ a b (DE) Swiss Charts – Bryan Adams – Heaven su hitparade.ch.
  12. ^ a b (DE) German Charts – Bryan Adams – Heaven su offiziellecharts.de.
  13. ^ Steve Barron - Heaven, Clipland. URL consultato il 24 giugno 2008.
  14. ^ VMA - 1985 in MTV. URL consultato il 3 ottobre 2008.
  15. ^ Bryan Adams - Heaven (Paul Anka), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  16. ^ Bryan Adams - Heaven (Twiggy), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  17. ^ Bryan Adams - Heaven (Brandi Carlile), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  18. ^ Bryan Adams - Heaven (DJ Sammy), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  19. ^ Bryan Adams - Heaven (Nick Carter), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  20. ^ Bryan Adams - Heaven (Hanna Pakarinen), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  21. ^ Bryan Adams - Heaven (Emilia), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  22. ^ Bryan Adams - Heaven (Dominique van Hulst), jimvallance.com. URL consultato il 7 agosto 2015.
  23. ^ Maggie Malach, Kelly Clarkson Covers "Heaven," But These 7 Stars Also Slayed The Bryan Adams Song — Video, bustle.com. URL consultato il 10 agosto 2015.
  24. ^ a b c d e Heaven by Bryan Adams, setlist.fm. URL consultato il 7 agosoto 2015.
  25. ^ (NL) Ultratop – Bryan Adams – Heaven su ultratop.be.
  26. ^ (EN) Norwegian Charts – Bryan Adams – Heaven su norwegiancharts.com.
  27. ^ (NL) Dutch Charts – Bryan Adams – Heaven su dutchcharts.nl.
  28. ^ Fernando Salaverri, Sólo éxitos: año a año, 1959–2002, 1ª ed., Spain, Fundación Autor-SGAE, settembre 2005, ISBN 84-8048-639-2.
  29. ^ (EN) South African Rock Lists Website SA Charts 1969 – 1989 Acts (A), Rock.co.za. URL consultato il 2 ottobre 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica