11 (Bryan Adams)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
11
Artista Bryan Adams
Tipo album Studio
Pubblicazione 17 marzo 2008
Durata 44 min : 00 s
Dischi 1
Tracce 11
Genere Pop rock
Etichetta Polydor Records
Produttore Robert Lange
Formati CD, download digitale
Certificazioni
Dischi d'argento Regno Unito Regno Unito[2]
(vendite: 60 000+)
Dischi d'oro Svizzera Svizzera[1]
(vendite: 20 000+)
Bryan Adams - cronologia
Album precedente
(2004)
Album successivo
(2010)
Singoli
  1. I Thought I'd Seen Everything
    Pubblicato: 1º marzo 2008
  2. Tonight We Have the Stars
    Pubblicato: 30 maggio 2008
  3. She's Got a Way
    Pubblicato: settembre 2008
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 2/5 stelle[3]
BBC Music favorevole[4]
Virgin Media 2/5 stelle[5]
The Sunday Times 2/5 stelle[6]
Jam! (medio)[7]
Houston Press favorevole[8]
Daily Mail favorevole[9]
The Vancouver Sun favorevole[10]
musicOMH 2/5 stelle[11]
People 2.5/4 stelle[12]

11, pubblicato il 17 marzo 2008, è il titolo dell'undicesimo album del rocker di Vancouver, Bryan Adams. L'album ha raggiunto il picco nelle prime dieci posizione delle chart in undici paesi di tutto il mondo, tra cui il Canada, il Regno Unito, la Germania, la Danimarca e Svizzera.[13][14][15]

I dati di vendita dell'album si stimano oltre mezzo milione di copie, che potrebbero essere considerati un po' 'deludente rispetto agli album precedenti di Adams in fatto di numero di copie vendute. Tuttavia le vendite sono in linea con quelle di tutti gli artisti.[16]

Il brano "Flower Grown Wild", è stato scritto in riferimento ad Amy Winehouse.[17]

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Una selezione di classico pop-rock, in cui Adams dà dimostrazione della sua grande abilità nel confezionare canzoni pop-rock come il singolo - I Thought I'd Seen Everything, I Ain't Losing the Fight e Mysterious Ways, alternate da ballad.[18]

In un'intervista su Canada AM, Adams ha detto che il titolo 11 è stato scelto perché era il suo 11 ° album in studio, quando la colonna sonora in Spirit - Cavallo selvaggio è incluso. Inoltre, Adams detto non c'era significato nascosto dietro il titolo, è stato il suo rilascio undicesimo album in studio e contiene undici tracce, "non ci sono significati secondari", come Adams in seguito menzionato in un'intervista alla BBC.[19]

La copertina dell'album è stata presa nel corso di un servizio fotografico in un albergo in Svizzera, mentre Adams stava facendo una storia auto-fotografico per una rivista maschile italiana. Adams ha gradito la foto così tanto che ha finito per usarla come copertina dell'album. Come per il precedente album, Room Service, porzioni significative dell'album sono state prodotte durante il tour.[20]

Secondo il co-sceneggiatore Jim Vallance moderne tecnologie e attrezzature ha reso molto più facile per registrare l'album. Adams ha registrato l'album durante il tour, facendo uso del tempo che intercorre tra la riproduzione sul palco e la preparazione per il prossimo concerto. Vallance e Adams hanno registrato l'album normalmente, mentre era seduto dietro le quinte o in una camera d'albergo con piccoli dispositivi che di solito portavano avanti in tour, ma soprattutto durante i loro giorni di riposo. Adams, in un'intervista, ha detto che durante la registrazione di una canzone, era necessario usare materassi contro le finestre, e dopo avere microfoni che attraversano il WC.

11 è stato originariamente era stato concepito come un disco acustico, mirando al "approccio soft-hard", messo a punto dal gruppo rock britannico, The Who . Tuttavia, dopo un lungo tour, alcune delle canzoni acustiche hanno iniziato a crescere su di lui, che hanno portato a cambiamenti. Adams avrebbe registrato per alcune ore, fino a che spinse l'intero kit di registrazione di nuovo sul palco. "Mi fa un po 'più interessati ad andare in tour", ha detto a posteriori. Adams, che non è mai stato pienamente impegnato a l'idea di creare un album acustico a tutti gli effetti, ha deciso di non farlo dopo aver visto un'apertura band acustica per lui durante uno dei suoi concerti. Quello che vide gli fece capire che non era in grado di creare un tale album.[21]

Grafico e performance commerciale[modifica | modifica wikitesto]

11 è stato il primo album in studio di Adams ad essere pubblicato dopo quattro anni da Room Service pubblicato nel 2004.

Nella prima settimana ha venduto circa 10.000 copie in Canada,[22] e ha debuttato al numero uno della Canadian Albums Chart e rimasto in classifica per quattro settimane. Questo ha segnato la prima volta da Waking Up the Neighbours nel 1991,[23] che Adams era in grado di superare la tabella di registrazione canadese.

Negli Stati Uniti, che ha debuttato al numero 80 nella Billboard 200 il 31 maggio 2008, ed è rimasto in classifica per quattro settimane; è stato il primo album in studio di Adams da 18 til I Die negli Stati Uniti ad entrare nella top 100.[24]

11 ha raggiunto la posizione numero 3 della European Top 100 Albums ed è rimasto in classifica per dieci settimane, l'album e ha raggiunto la settima posizione nella Independent Albums e vi rimase per cinque settimane. Nel 2009 Adams è stato nominato per "Artista dell'anno" ai Juno Awards.

A livello internazionale, 11 è stato un successo commerciale. L'album ha raggiunto la posizione numero uno in due paesi, l'India e la Svizzera. L'album si è piazzato nella top ten in diversi paesi, compreso il Regno Unito, Svizzera,[25] India, Germania,[26] Austria, Danimarca, Portogallo e Paesi Bassi.[25]

In Francia l'album è entrato nella top 200 al numero 157 della Syndicat national de l'édition phonographique.[25]

In Svizzera e in Danimarca l'album è stato certificato disco d'oro.[27][28]

11 Tour[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: 11 Tour / Acoustic Show.

Il tour ha continuatà con il precedente Anthology Tour, Adams ha iniziato il tour "11 concerti, 11 città", con concerti in 11 paesi diversi in soli 11 giorni. Gli spettacoli intimi in alcuni luoghi spettacolari vedranno Adams eseguire un set acustico, sul palco, solo con la sua chitarra e armonica.

Le città che sono tappa del "11 concerti, 11 città" sono: Lisbona, Barcellona, Milano, Amburgo, Londra, Parigi, Amsterdam, Bruxelles, Zurigo, Vienna, Copenaghen.

Adams ha continuato a promuovere il suo album, parte durante l'estate il tour full-band: in alcune date negli U.S.A. divide il palco con la rock-band Foreigner e in altre con Rod Stewart.[29][30][31]

Più tardi, in un'intervista, gli è stato chiesto quale canzone migliore sentiva suonare acusticamente, Adams ha risposto;[32]

« "Well, they all work acoustically, because they were all written on an acoustic guitar. This album started out as an acoustic record and halfway through I sort of switched gears and decided to make sort of an acoustic rock record. When I play the songs live, it has actually sort of led me into a path of this next tour, which is my first American acoustic tour. I feelPicture confident enough with these songs and with the songs in the past that the show is going to be quite interesting, sort of hearing these songs stripped down completely, just myself and a guitar." »
(en)
« "Beh, tutti lavorano acusticamente, perché quasi tutti i brani sono scritti su una chitarra acustica. Questo album era iniziato come un disco acustico a metà del lavoro io ho cambiato e ho deciso di fare una specie di disco rock acustico. Quando suono le canzoni dal vivo, mi ha fatto una sorta di condotto in un percorso di questo prossimo tour, che è il mio primo tour acustico americano. Mi sento abbastanza sicuro con queste canzoni e con le canzoni del passato che lo show sta per essere molto interessante, specie di sentire queste canzoni spogliate completamente, solo io e una chitarra." »
(it)

In Italia svolge due date a Milano il 9 marzo 2008 presso il Metropol ; ll 2 ottobre 2008 presso il Teatro Smeraldo.[33][34][35]

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Tonight We Have the Stars – 4:05 (Bryan Adams, Jim Vallance, Gretchen Peters)
  2. I Thought I'd Seen Everything – 5:07 (Adams, Eliot Kennedy, Robert John "Mutt" Lange)
  3. I Ain't Losin' the Fight – 3:56 (Adams, Kennedy, Lange)
  4. Oxygen – 3:35 (Adams, Kennedy, Lange)
  5. We Found What We Were Looking For – 3:38 (Adams, Lange, Trevor Rabin)
  6. Broken Wings – 3:37 (Adams, Kennedy)
  7. Somethin' to Believe In – 4:01 (Adams, Kennedy)
  8. Mysterious Ways – 4:28 (Adams, Peters)
  9. She's Got a Way – 4:41 (Adams, Kennedy)
  10. Flower Grown Wild – 3:53 (Adams, Vallance, Peters)
  11. Walk on By – 2:53 (Adams, Vallance)
Tracce bonus della Deluxe Edition
  1. The Way of the World – 3:18 (Adams, Vallance, Peters)
  2. Saved – 4:08 (Adams, Peters)
  3. Miss America – 3:57 (Adams, Kennedy)
  4. She's Got a Way (Chicane Remix) – 3:36 (Adams, Kennedy)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica(2008) Posizione
CanadaCanada (Canadian Albums Chart) 1
Svizzera Svizzera (Schweizer Hitparade)[36] 1
India India Indian Albums Chart 1
Germania Germania (Media Control Charts)[37] 2
Austria Austria (Ö3 Austria Top 40)[36] 2
Danimarca Danimarca (Tracklisten)[36] 2
Belgio Belgio (Ultratop) (Vl)[36] 2
Portogallo Portogallo (Associação Fonográfica Portuguesa)[36] 4
Regno Unito Regno Unito (UK Albums Chart)[38] 6
Paesi Bassi Paesi Bassi (MegaCharts)[36] 8
Spagna Spagna (Productores de Música de España)[36] 12
Ungheria Ungheria (Magyar Hanglemezkiadók Szövetsége)[39] 12
Finlandia Finlandia (Suomen virallinen lista)[36] 21
Stati Uniti Stati Uniti (Billboard 200) album rock 24
Irlanda Irlanda (Irish Albums Chart)[40] 25
Svezia Svezia (Sverigetopplistan)[36] 30
Australia Australia (ARIA Charts)[36] 35
Belgio Belgio (Ultratop) (Wa)[36] 35
Norvegia Norvegia (VG-lista)[36] 39
Italia Italia (Classifica FIMI Album)[41] 50
Polonia Polonia (Polish Music Charts)[42] 50
Stati Uniti Stati Uniti (Billboard 200) 80
Stati Uniti Stati Uniti (Billboard 200) Digital Hip Album 80
Francia Francia (Syndicat national de l'édition phonographique)[36] 157

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) The Official Swiss Charts and Music Community su Hung Medien. URL consultato il 17 settembre 2014.
  2. ^ (EN) Certified Awards, British Phonographic Industry. Digitare "Bryan Adams" in "Keywords", poi premere "Search".
  3. ^ (EN) Stephen Thomas Erlewine, 11 - Bryan Adams, AllMusic. URL consultato l'11 agosto 2010.
  4. ^ Christ Jones, Review of Bryan Adams - 11, BBC Music, 6 marzo 2008. URL consultato il 10 agosto 2010.
  5. ^ (EN) Matt O'Leary, Bryan Adams: 11 review, Virgin Media. URL consultato l'11 agosto 2010.
  6. ^ Steve Jelbert, Bryan Adams: 11, The Sunday Times, 15 marzo 2008. URL consultato l'11 agosto 2010. [collegamento interrotto]
  7. ^ (EN) Darryl Sterdan, Album Review: 11, Jam!, 18 marzo 2008. URL consultato l'11 agosto 2010.
  8. ^ (EN) Ryan Wasoba, Bryan Adams's 11, 11 Times Through, Houston Press, 24 luglio 2008. URL consultato l'11 agosto 2010.
  9. ^ (EN) Adrian Thrills, Bryan Adams, the regular guy of rock-turned-snapper, on his new album and exhibition of pictures, Daily Mail, 7 marzo 2008. URL consultato l'11 agosto 2010.
  10. ^ (EN) Amy O'Brian, Adams returns with signature moves intact for album 11, The Vancouver Sun, 24 settembre 2008. URL consultato l'11 agosto 2010.
  11. ^ John Murphy, Bryan Adams – 11 (Polydor), 17 marzo 2008. URL consultato il 13 agosto 2010.
  12. ^ (EN) Chuck Arnold e Christina Tapper, Picks and Pans Review: Bryan Adams (11), People, 9 giugno 2008. URL consultato il 22 novembre 2012.
  13. ^ Suche nach: bryan adams su hitparade.ch. URL consultato il 31 agosto 2014.
  14. ^ Bryan Adams' '11' hits No. 1 su jam.canoe.ca. URL consultato il 31 agosto 2014.
  15. ^ Bryan Adams 11 - Deluxe Edition su 991.com. URL consultato il 31 agosto 2014.
  16. ^ As tears go by: Juno nominee Bryan Adams' goodies keep rockin' the baddies - 23 marzo 2009 su vancouversun.com. URL consultato il 31 agosto 2014.
  17. ^ Bryan Adams returns with '11' su jam.canoe.ca. URL consultato il 31 agosto 2014.
  18. ^ Bryan Adams - Das Interview zu "11" - INTERVIEW su web.archive.org. URL consultato il 31 agosto 2014.
  19. ^ (EN) Talking Shop: Bryan Adams - Bryan Adams released his first album in 1980 , and has become one of the most famous rock stars from around the world with hits like Run To You and Everything I Do (I Do It For You ) su news.bbc.co.uk. URL consultato il 23 novembre 2014.
  20. ^ (EN) Bryan Adams back with new album 11 - At 48, Bryan Adams is still finding ways to wake up the neighbours. His new album, 11, was released Tuesday, prefaced by a solo tour of 11 shows in 11 countries in 11 days. Although he is popular in Europe and the U.K. and is an enduring figure in Canada, he is currently without a label in the U.S., which is an indication of how much the music industry has changed since Cuts Like A Knife or Run To You. The new album reunites him with songwriting partner Jim Vallance and producer Mutt Lange and was recorded on the run in hotel rooms and sound checks, Adams explains. su canada.com. URL consultato il 23 novembre 2014.
  21. ^ (EN) Bryan Adams returns with '11' su jam.canoe.ca. URL consultato il 23 novembre 2014.
  22. ^ Bryan Adams' '11' hits No. 1 su jam.canoe.ca. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  23. ^ Library and Archives Canada - Top album / CD - Volume 54, No. 22, 2 novembre 1991 su collectionscanada.gc.ca. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  24. ^ web.archive.org su billboard.com. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  25. ^ a b c BRYAN ADAMS - 11 (ALBUM) su lescharts.com. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  26. ^ Bryan Adams - Longplay-Chartverfolgung su musicline.de. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  27. ^ Die Datenbank enthält alle Edelmetallauszeichnungen seit 1989 su hitparade.ch. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  28. ^ Guld Og Platin I April su ifpi.dk. URL consultato il 24 ottobre 2014.
  29. ^ Foreigner e Bryan Adams - Dallas. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  30. ^ Foreigner e Bryan Adams lineup join a Encore Parco. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  31. ^ Bryan Adams tour con Foreigner e Rod Stewart su antimusic.com. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  32. ^ Zimbio Interview with Bryan Adams su web.archive.org. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  33. ^ Il rocker Bryan Adams: "Sono un fotografo che ama il silenzio" - Ieri l'artista ha suonato un breve concerto a Milano. su ilgiornale.it. URL consultato il accesso=12 ottobre 2014.
  34. ^ Bryan Adams in Italia: il nuovo album '11' esce il 14 marzo - In Italia “11”, undicesimo disco di studio di Bryan Adams, sarà pubblicato il prossimo 14 marzo. Il rocker e fotografo canadese ha incontrato i giornalisti italiani poche ore prima del suo showcase al Metropol di Milano. su rockol.it. URL consultato il 12 ottobre 2014.
  35. ^ Bryan Adams al Teatro Smeraldo - il cantautore canadese, noto per le sue molteplici canzoni e basi di colonne sonore, come Everithing I Do del film con Kevin Costner "Robin Hood", sarà al Teatro Smeraldo di Milano il 2 Ottobre 2008 su inmilano.com. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  36. ^ a b c d e f g h i j k l m (FR) Bryan Adams – 11 (album) su LesCharts.com, French Albums Chart (Syndicat National de l'Édition Phonographique). URL consultato l'11 agosto 2010.
  37. ^ (DE) Chartverfolgung / Bryan Adams / Longplay, German Albums Chart (Media Control Charts). URL consultato il 10 agosto 2010.
  38. ^ Chart Stats – Bryan Adams, UK Albums Chart (The Official Charts Company). URL consultato il 18 ottobre 2008.
  39. ^ Hungarian Album Chart, Hungarian Albums Chart (Mahasz). URL consultato l'11 agosto 2010 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2010).
  40. ^ Discography Bryan Adams, Irish Albums Chart (Irish Recorded Music Association). URL consultato l'11 agosto 2010.
  41. ^ Classifica FIMI Album su fimi.it. URL consultato l'11 agosto 2010.
  42. ^ Sales for the period 25.03.2008 – 30.03.2008, Polish Albums Chart (Związek Producentów Audio Video), 7 aprile 2008. URL consultato il 12 agosto 2010.
rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rock