Re Mida (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Re Mida
The Golden Touch.png
Titolo originale
Titolo originale The Golden Touch
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1935
Durata 10 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1,37:1
Genere animazione, commedia, musicale
Regia Walt Disney
Produttore Walt Disney
Casa di produzione Walt Disney Productions
Distribuzione (Italia) Artisti Associati
Animatori Norman Ferguson, Fred Moore
Musiche Frank Churchill
Doppiatori originali
Doppiatori italiani

Re Mida (The Golden Touch) è un film del 1935 prodotto e diretto da Walt Disney. È un cortometraggio d'animazione della serie Sinfonie allegre, distribuito negli Stati Uniti dalla United Artists il 22 marzo 1935 e basato sul mito di re Mida; fu l'ultimo film diretto da Disney.[1] Partecipò in concorso alla 3ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Re Mida scopre di non poter più mangiare

Il ricchissimo re Mida è ossessionato dall'oro, e il suo più grande desiderio è poter trasformare in oro tutto ciò che tocca. Un giorno gli appare davanti un elfo di nome Gianloro che possiede tale capacità. Benché l'elfo ammonisca il re che per lui il tocco d'oro sarebbe una maledizione, Mida chiede insistentemente a Gianloro di donarglielo, così l'elfo lo accontenta. In un primo momento Mida è felice del suo nuovo potere, e ne prova gli effetti trasformando in oro varie cose nel suo giardino. Quando si accinge a pranzare, però, si accorge di non poter più né mangiare né bere poiché anche il cibo e le bevande che tocca diventano oro. Terrorizzato dalla possibilità di morire di fame, Mida inizia a soffrire di allucinazioni e, dopo aver visto la sua ombra trasformarsi in un Tristo Mietitore dorato, fugge nella stanza in cui gli era apparso Gianloro. Qui appare di nuovo l'elfo, a cui Mida offre "il mio oro, il mio regno per un panino con l'hamburger". Gianloro accetta di liberare il re dalla maledizione in cambio di tutto ciò che possiede. Così Mida, seduto sul cratere dove stava il suo castello e privato persino dei suoi abiti, finisce per mangiarsi felicemente un hamburger con cipolla.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito in Italia nel 1936 in lingua originale. Fu doppiato dalla Royfilm per la trasmissione televisiva nel 1995.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

America del Nord
  • Disney's Tall Tales (23 aprile 1985)
Italia
  • Silly Symphonies vol. 2 (aprile 1987)
  • Le fiabe volume 4: La lepre e la tartaruga e altre storie (settembre 2002)

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Una volta restaurato, il cortometraggio fu incluso nel primo disco della raccolta Silly Symphonies, facente parte della collana Walt Disney Treasures e uscita in America del Nord il 4 dicembre 2001[3] e in Italia il 21 aprile 2004. In America del Nord fu incluso anche nel terzo volume della collana Timeless Tales (uscito il 3 gennaio 2006) e nel DVD The Wind in the Willows (uscito il 19 maggio 2009 come quinto volume della collana Walt Disney Animation Collection). In Italia è invece incluso nel DVD La lepre e la tartaruga e altre storie, uscito il 23 ottobre 2009 come quarto volume della collana Le fiabe.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dave Smith, Disney A to Z: The Official Encyclopedia, 2ª ed., Disney Editions, 1998, p. 235, ISBN 0-7868-6391-9.
  2. ^ Annali 1935 - USA, su asac.labiennale.org, ASAC. URL consultato il 28 febbraio 2017.
  3. ^ (EN) Lindsay Mayer, Silly Symphonies: The Historic Musical Animated Classics DVD Review, su dvdizzy.com, p. 1. URL consultato il 24 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]