Il cugino di campagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il cugino di campagna
Il cugino di campagna.png
Titolo originale
Titolo originaleThe Country Cousin
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1936
Durata9 min
Rapporto1,37:1
Generecommedia, animazione
RegiaDavid Hand, Wilfred Jackson
SoggettoEsopo
SceneggiaturaBill Cottrell, Dick Rickard
ProduttoreWalt Disney
Casa di produzioneWalt Disney Productions
Distribuzione (Italia)ENIC
MusicheLeigh Harline
AnimatoriMilt Schaffer, Johnny Cannon, Marvin Woodward, Les Clark, Art Babbitt, Jack Hannah, Paul Allen, Cy Young

Il cugino di campagna (The Country Cousin) è un film del 1936 diretto da David Hand e Wilfred Jackson. È un cortometraggio d'animazione della serie Sinfonie allegre, distribuito negli Stati Uniti dalla United Artists il 31 ottobre 1936.[1] Basato sulla favola di Esopo Il topo di città e il topo di campagna, il film iniziò la produzione sotto la direzione di Hand, sostituito da Jackson nella primavera del 1936.[2] Il corto vinse l'Oscar al miglior cortometraggio d'animazione ai premi Oscar 1937,[3] venendo quindi inserito quello stesso anno nel film di montaggio I capolavori di Walt Disney. Inoltre partecipò in concorso alla 5ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia.[4] È stato distribuito anche col titolo Il campagnolo va in città.[5]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Abner, un topo campagnolo che vive a Podunk (un termine in inglese americano che denota un posto fuorimano), viene invitato dal suo cugino Monty a vivere con lui in una lussuosa abitazione in città. Appena Abner arriva, Monty decide di vantarsi mostrandogli una tavola imbandita. I due topi cominciano mangiando del formaggio, ma presto Abner finisce per ubriacarsi bevendo troppo da un calice. La situazione degenera ed entrambi cadono dalla tavola rompendo vari oggetti. A terra i due topi si imbattono nel gatto di casa, e Abner gli dà un calcio venendo inseguito fino sul tetto e dovendo fuggire da una grondaia. Tuttavia, ritrovatosi nella confusione della città, rischia più volte di venire calpestato e investito, così decide di tornare a tutta velocità verso la campagna.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

America del Nord
  • Disney's Best of 1931-1948 (1983)

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Una volta restaurato, il cortometraggio fu incluso nella prima edizione italiana in DVD de Gli Aristogatti (benché nella copertina sia indicato erroneamente Pasticciopoli), uscita il 7 novembre 2001. Fu poi inserito nel primo disco della raccolta Silly Symphonies, facente parte della collana Walt Disney Treasures e uscita in America del Nord il 4 dicembre 2001[6] e in Italia il 21 aprile 2004. In America del Nord fu incluso anche nel secondo volume della collana Timeless Tales, uscito il 16 agosto 2005.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dave Smith, Disney A to Z: The Official Encyclopedia, 2ª ed., Disney Editions, 1998, p. 120, ISBN 0-7868-6391-9.
  2. ^ (EN) Russell Merritt e J. B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies: A Companion to the Classic Cartoon Series, Gemona del Friuli, Cineteca del Friuli, 2006, p. 180, ISBN 88-86155-27-1.
  3. ^ (EN) The 9th Academy Awards - 1937, su oscars.org, Academy of Motion Picture Arts and Sciences. URL consultato l'8 aprile 2017.
  4. ^ Annali 1937 - USA, su asac.labiennale.org, ASAC. URL consultato l'11 agosto 2016.
  5. ^ Giulio Andreotti, Nulla osta (PDF), su Italia Taglia, Presidenza del Consiglio dei ministri, 28 agosto 1951. URL consultato l'8 aprile 2017.
  6. ^ (EN) Lindsay Mayer, Silly Symphonies: The Historic Musical Animated Classics DVD Review, su dvdizzy.com, p. 1. URL consultato il 24 novembre 2016.
  7. ^ (EN) Timeless Tales: Volume Two DVD Review, su dvdizzy.com. URL consultato l'8 aprile 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]