Ninna nanna (film 1933)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ninna nanna
Lullaby Land.png
Titolo originaleLullaby Land
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1933
Durata7 min
Rapporto1,37:1
Genereanimazione, fantastico, musicale
RegiaWilfred Jackson
ProduttoreWalt Disney
Casa di produzioneWalt Disney Productions
Distribuzione (Italia)United Artists
MusicheFrank Churchill, Leigh Harline
AnimatoriHamilton Luske, Art Babbitt, Dick Huemer, Leonard Sebring, Louie Schmitt, George Drake, Ed Love, Bob Kuwahara, Roy Williams, Marvin Woodward
Doppiatori originali
  • The Three Rhythm Kings: Uomini neri
  • George Gramlich: Omino del sonno

Ninna nanna (Lullaby Land) è un film del 1933 diretto da Wilfred Jackson. È un cortometraggio d'animazione della serie Sinfonie allegre, distribuito negli Stati Uniti dalla United Artists il 19 agosto 1933.[1] Personaggi e ambientazioni del film si basano sulla raccolta di poesie di Eugene Field Lullaby-Land: Songs of Childhood (1897).[2] A partire dagli anni novanta viene distribuito col titolo Il paese della ninna nanna.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il bambino incontra l'Omino del sonno

Un bambino, cullato dalla madre che gli canta una ninna nanna, si ritrova trasportato al Paese della ninna nanna, una terra dei sogni in cui i ciucci crescono sugli alberi, pannolini, biberon e vasini marciano in parata e il cane pupazzo del bambino prende vita. Il piccolo si addentra però nel "giardino proibito", che contiene cose che i bambini non devono toccare come forbici, coltelli e penne stilografiche. Dopo che ha distrutto diversi orologi con un martello e dato fuoco a una scatola di fiammiferi giganti, il bambino viene raggiunto da tre uomini neri che lo inseguono prima di sparire. Il benevolo Omino del sonno, vestito da mago, vede il bambino nascosto e gli soffia addosso la sua sabbia, mandandolo a dormire nella sua culla a casa.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

Il film è stato distribuito in Italia nel 1934 in lingua originale. È stato doppiato dalla Royfilm solamente in occasione della distribuzione in DVD. Non essendo stata registrata una colonna internazionale, nelle scene cantate la musica è sostituita da una versione riprodotta al sintetizzatore.

Edizioni home video[modifica | modifica wikitesto]

VHS[modifica | modifica wikitesto]

Italia
  • Silly Symphonies vol. 2 (aprile 1987)

DVD[modifica | modifica wikitesto]

Una volta restaurato, il cortometraggio fu distribuito in DVD nel secondo disco della raccolta Silly Symphonies, facente parte della collana Walt Disney Treasures e uscita in America del Nord il 4 dicembre 2001[3] e in Italia il 21 aprile 2004.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Dave Smith, Disney A to Z: The Official Encyclopedia, 2ª ed., Disney Editions, 1998, pp. 337-338, ISBN 0786863919.
  2. ^ (EN) Russell Merritt e J. B. Kaufman, Walt Disney's Silly Symphonies: A Companion to the Classic Cartoon Series, Gemona del Friuli, Cineteca del Friuli, 2006, p. 130, ISBN 8886155271.
  3. ^ (EN) Lindsay Mayer, Silly Symphonies: The Historic Musical Animated Classics DVD Review, su dvdizzy.com, p. 2. URL consultato il 24 novembre 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]