Pieve di Galliano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pieve di Galliano
Informazioni generali
Capoluogo Cantù
2000 abitanti (1751)
Dipendente da Provincia di Milano
Suddiviso in 8 comuni
Amministrazione
Forma amministrativa Pieve
Podestà lista sconosciuta
Organi deliberativi Consiglio generale
Evoluzione storica
Inizio XIV secolo
Causa Secolarizzazione delle pievi
Fine 1797
Causa Invasione napoleonica
Preceduto da Succeduto da
Nessuna Distretto di Cantù
Cartografia
Pievimil.jpg
Pieve di San Vincenzo poi
Pieve di San Paolo
Monastergen.png
Informazioni generali
Capoluogo Cantù
2000 abitanti (1751)
Dipendente da Arcidiocesi di Milano
Suddiviso in 12 parrocchie
Amministrazione
Forma amministrativa Pieve
Prevosto vedi sotto
Evoluzione storica
Inizio XIII secolo
Causa Istituzione delle pievi
Fine 1972
Causa Sinodo Colombo
Preceduto da Succeduto da
Nessuna Decanato di Cantù
Cartografia
Basilica San Vincenzo Cantù (1).jpg

La pieve di Galliano o pieve di San Vincenzo di Galliano (in latino plebis gallianesis) o pieve di Cantù era il nome di un'antica pieve dell'Arcidiocesi di Milano e del Ducato di Milano con capoluogo Cantù, sebbene l'intestazione si riferisse allo specifico quartiere di Galliano.

Il più antico patrono è stato san Vincenzo a cui è ancora oggi dedicata la chiesa non più prepositurale di Galliano, mentre successivamente la titolazione passò a san Paolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Ariberto da Intimiano offre il modello della chiesa

Nel X secolo si iniziò a ricostruire la basilica di Galliano: a questo periodo risalgono le navate su cui Ariberto da Intimiano, intorno al 1000, fece innestare l'abside e la cripta. La Basilica fu riconsacrata da Ariberto, allora suddiacono e custode del sacro edificio: probabilmente ne era il proprietario per tradizione familiare, tanto che una riprova sarebbero le epigrafi graffite sotto gli affreschi dell'abside che ricordano la morte del padre, del fratello e del nipote. Divenuta chiesa pievana e sede del Capitolo dei Canonici, per alcuni secoli la basilica di San Vincenzo godette particolare affetto tra i Canturini che donarono terreni ed altre proprietà: il lascito più antico risale al 1284. La località di Galliano a quel tempo non era che un minuscolo villaggio campestre distinto da quello di Cantù, ma la basilica fu sufficiente per fornigli un potere di influenza su un vasto circondario territoriale, stante il ruolo nettamente predominante della Chiesa cattolica nel Medioevo.[1]

Col Rinascimento la pieve assunse anche una funzione amministrativa civile come ripartizione locale della Provincia del Ducato di Milano, al fine di ripartire i carichi fiscali e provvedere all'amministrazione della giustizia.[2] Tuttavia, sebbene la titolazione civile rimase sempre in capo a Galliano, la centrale amministrativa non poté che divenire il borgo di Cantù, nel cui territorio Galliano era ricompresa non essendo mai riuscita per dimensioni a sviluppare un proprio governo municipale.

Nel frattempo la pieve religiosa non fu esente da stravolgimenti: nel 1584 il capitolo ed il prevosto si trasferirono presso la basilica di San Paolo di Cantù, dopo che san Carlo Borromeo, arcivescovo di Milano dal 1560 al 1584, trovò la basilica e le case canonicali in condizioni di semiabbandono. Per molti secoli la nuova pieve continuò ad essere chiamata "pieve di Galliano", il nome di pieve di Cantù affermandosi solo in alcuni ambiti ecclesiastici.[3]

Dal punto di vista civile, la pieve amministrativa fu soppressa nel 1797 in seguito all'invasione di Napoleone e alla conseguente introduzione di nuovi e più moderni distretti.[4]

La pieve religiosa resistette poi sino al 1972 quando, assieme a tutte le altre pievi lombarde, venne soppressa dai decreti del cardinale Giovanni Colombo, il quale istituì i moderni decanati di cui anche Cantù divenne sede.[5]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Nella seconda metà del XVIII secolo, il territorio della pieve era così suddiviso:

Pieve civile Pieve ecclesiastica
Comune di Cantù Parrocchia di San Paolo[6]
Parrocchia dei Santi Michele e Biagio
Parrocchia dei Santi Pietro e Paolo in Vighizzolo
Parrocchia di San Teodoro
Comune di Alzate Parrocchia di San Pietro e Paolo apostoli
Comune di Carimate Parrocchia di San Giorgio e Maria
Parrocchia della Beata Vergine Assunta in Montesolaro
Comune di Cucciago Parrocchia di Santi Gervaso e Protaso
Comune di Figino Parrocchia di San Michele
Comune di Intimiano Parrocchia di San Leonardo confessore
Comune di Montorfano Parrocchia di San Giovanni evangelista
Comune di Novedrate Parrocchia dei Santi Donato e Carpoforo

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ vedi qui
  2. ^ vedi qui
  3. ^ vedi qui
  4. ^ vedi qui
  5. ^ vedi qui
  6. ^ Dedicata a san Vincenzo fino al 1582.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Liber notitiae sanctorum Mediolani di Goffredo da Bussero. Manoscritto della Biblioteca Capitolare di Milano, a cura di M. Magistretti, U. Monneret de Villard, Milano, 1917.
  • Diocesi di Milano. Sinodo 46°, Milano, 1972, Pubblicazione curata dall'ufficio stampa della Curia arcivescovile di Milano.
  • G. Vigotti, La diocesi di Milano alla fine del secolo XIII. Chiese cittadine e forensi nel “Liber Sanctorum” di Goffredo da Bussero, Roma, 1974.
  • Istituzione dei nuovi vicariati urbani e foranei, 11 marzo 1971, Giovanni Colombo, arcivescovo di Milano, Rivista Diocesana Milanese, 1971.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]