Pianeti di Guerre stellari

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Pianeti di Guerre Stellari)
Questa lista è suscettibile di variazioni e potrebbe non essere aggiornata.

Questa è una lista dei pianeti e dei satelliti immaginari presenti nell'universo fantascientifico di Guerre stellari.

Tutti i pianeti di questa lista fanno parte del Canone di Guerre stellari.

Indice
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z ?

A[modifica | modifica wikitesto]

Aargonar[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta desertico sede di una battaglia durante le Guerre dei Cloni. Nell'Universo espanso Fu anche la base del nuovo impero di Darth Krayt.

Abafar[modifica | modifica wikitesto]

Remoto mondo desertico dell'Orlo Esterno, scarsamente popolato.

Agriworld-2079[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno del settore di M'shinni, luogo d'origine della specie Skrilling. Uno di questi è il Maestro Jedi Ord Enisence, ucciso da Cad Bane nel 21 BBY.

Alderaan[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Alderaan.

È il pianeta natale di Bail Organa, il senatore delle Vecchia Repubblica. Su di esso vive la principessa Leia Organa al tempo di Star Wars: Episodio IV - Una nuova speranza. Evoluto tecnologicamente e culturalmente, verrà distrutto per provare la potenza della Morte Nera.

Aleen[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta roccioso dell'Orlo Medio, del settore di Bright Jewel. Mondo natale della specie rettiloide Aleena e dei Kindalo. Un Aleen è il Maestro Jedi Tsui Choi.

Ando[modifica | modifica wikitesto]

Caratterizzato da grandi praterie e paludi profonde, è il pianeta d'origine della specie Aqualish, situato nell'anello interno, venne scoperto dalla repubblica nel 12 000 BBY mentre sul pianeta, già evoluto tecnologicamente e culturalmente, era in corso una guerra civile tra le due razze Aqualish. Gli Aqualish ne approfittarono per coalizzarsi contro gli umani invasori. Alla fine, il pianeta entrò nella Repubblica e gli Aqualish, impadronitisi dell'iperguida, colonizzarono svariati pianeti. Gli Aqualish si schierarono con la Confederazione dei Sistemi Indipendenti nelle Guerre dei Cloni.

Ansion[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dove furono inviati Obi-Wan Kenobi e il suo Padawan Anakin Skywalker per risolvere una questione di confini territoriali.

Antar[modifica | modifica wikitesto]

Gigante gassoso nell'Orlo Medio.

Antar 4[modifica | modifica wikitesto]

Luna di Antar dalla quale provengono i Gotal. La specie è sempre rimasta neutrale ai conflitti che sconvolsero la Galassia. Un Gotal fa la sua comparsa come cliente della cantina di Mos Eisley.

Anteevy[modifica | modifica wikitesto]

Fa parte del settore di Esuain dell'Orlo Medio. Schieratosi con i Separatisti durante le Guerre dei Cloni, fu annesso all'Impero e fu la sede della Ice Station Beta, un centro di manutenzione Imperiale.

Aquaris[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta situato nella Regione di espansione della Galassia. Aquaris e il pianeta Thrusta erano i pianeti principali più vicini alla posizione della corvetta imperiale rubata Carrion Spike, mentre si trovava nel settore noto come come LCC-4-4-7. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Arkanis[modifica | modifica wikitesto]

È il pianeta principale dell'omonimo settore dell'Orlo Esterno. Governato dalla Reggenza di Arkanis, che aveva come leader l'Imperatrice Teeda, fu sottomesso all'Impero. Fu anche sede di un'Accademia Imperiale. Viene menzionato nella serie Star Wars Rebels.

Asmeru[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta al confine del settore di Senex nell'Orlo Medio. Roccaforte del Fronte Nebula.

Atzerri[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta nel centro della galassia, ricco di risorse naturali ed energetiche; per questo motivo diventò un mondo-chiave dell'Impero, che lo sfruttò al massimo specialmente negli ultimi anni della guerra civile.Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Axxila[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta di origine dell'ammiraglio Imperiale Firmus Piett. SI trova nell'Orlo Esterno.

B[modifica | modifica wikitesto]

Balith[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta su cui Anakin Skywalker fu mandato durante le Guerre dei Cloni a causa di una guerra civile su larga scala.

Balmorra[modifica | modifica wikitesto]

Penultimo tra i pianeti visitati da Boba Fett in cerca del padre. Visitabile in Star Wars: The Old Republic.

Balnab[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Medio del settore del Gioiello Sfavillante, luogo d'origine dell'omonima specie. Il dittatore Albee Dewaw governò la popolazione col pugno di ferro, non facendosi però mai vedere ma apparendo sempre sotto forma di ologramma. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Bamayar[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta menzionato nel romanzo Battlefront: Twilight Company.

Bardotta[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta i cui abitanti sono famosi per le loro arti mistiche e spirituali: infatti i loro maestri, i Dagoyan, possiedono un legame molto stretto con la Forza. I Bardottani (esseri dal becco d'anatra e piedi caprini), inoltre, non vedono di buon'occhio i Jedi, ritenendoli dei rapitori di bambini; durante le Guerre dei Cloni la regina Julia chiese aiuto alla Repubblica, la quale inviò Mace Windu e il rappresentante di Naboo Jar Jar Binks, poiché i maestri Dagoyan, sensibili alla Forza, stavano misteriosamente scomparendo.

Belderone[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale di Flint.

Bespin[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Bespin.

Bespin è un gigante gassoso, circondato da numerose lune, situato in una zona della galassia lontana dalle comuni rotte commerciali. Sul pianeta erano installate numerose piattaforme di estrazione dei gas, in particolare del gas Tibanna. Si incontra nella narrazione quando Han Solo e Leia Organa vi si recano per chiedere assistenza a Lando Calrissian, amministratore della città di Cloud City, uno dei complessi minerari più importanti costituito da una città sospesa tra le nuvole del pianeta. Come narrato in L'Impero colpisce ancora, qui avviene l'ibernazione di Ian Solo, per ordine di Darth Vader. Ian congelato nella carbonite, viene poi consegnato a Boba Fett che lo porta come trofeo al suo padrone Jabba the Hutt su Tatooine.

Bestine[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta schierato con l’Alleanza Ribelle che qui ha installato una base segreta, è caratterizzato da arcipelaghi tropicali, che gli abitanti hanno reso veri e propri paradisi. Viene menzionato nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel romanzo Tarkin.

Bestine IV[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta del sistema Bestine, vi fuggirono molti profughi di Bestine dopo l'invasione imperiale del 1 ABY, al seguito della quale Bestine entrò nell'Alleanza Ribelle. Mondo natale di Jek Porkins.

Blacktar Cyst[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta menzionato nel romanzo Battlefront: Twilight Company.

Bothawui[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d’origine dei Bothan, alleati dell'Alleanza Ribelle. Tramite la loro fitta rete di spie sparse in tutta la galassia, l’Alleanza riuscì a scoprire l’ubicazione della seconda Morte Nera.

Boz Pity[modifica | modifica wikitesto]

Sul collinoso pianeta di Boz Pity si combatté una delle tante battaglie delle Guerre dei Cloni guidate dall'intero Consiglio Jedi contro il conte Dooku, il Generale Grievous e l'apprendista Sith Asajj Ventress.

Brentaal IV[modifica | modifica wikitesto]

Era un Mondo del Nucleo. Su questo pianeta venne combattuta una battaglia tra i Separatisti e la Repubblica, poco dopo la battaglia di Geonosis. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

C[modifica | modifica wikitesto]

Calcora[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Interno interamente coperto da un oceano fatto di cromo cloruro, che ha dato al pianeta il suo colore rosso sangue, mescolato con parecchi altri acidi, rendendolo inabitabile. Appare nel romanzo A New Dawn.

Carida[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta sede di uno dei centri di addestramento Imperiali più importanti. È uno dei mondi dove il governo Imperiale resiste anche dopo la morte di Palpatine. Fu distrutto da Kyp Durron per mezzo di un Devastatore di Mondi. Vi nasce l'ammiraglio Imperiale Kendal Ozzel, ucciso da Darth Vader nel 3 ABY.

Carlac[modifica | modifica wikitesto]

Pacifico e nevoso pianeta dell'Orlo Esterno del settore di Prefsbelt. Fu neutrale durante le Guerre dei Cloni e servì come base per il guerriero Mandaloriano Pre Vizsla e i suoi uomini della Ronda della Morte.

Cartao[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta situato nel settore di Prackla la cui pianta natia è la Vite Siviviv. Durante le Guerre dei Cloni si schierò con la Repubblica e fu teatro della battaglia di Cartao nel 20 BBY. Appare nel romanzo Tarkin.

Cato Neimoidia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Cato Neimoidia.

Pianeta del sistema di Neimoidia, in cui si svolse una battaglia delle Guerre dei Cloni.

Centares[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Medio del settore di Maldrood con un gran numero di abitanti. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Cholganna[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d'origine del predatore Nexu (simile ad un felino), visto nell'arena di Geonosis.

Christophsis[modifica | modifica wikitesto]

Elegante e raffinato mondo dove si combatterono due battaglie durante la Guerra dei Cloni. Nella prima venne presentata ad Anakin Skywalker la sua nuova Padawan Ahsoka Tano. Nell'altra battaglia lo stesso Skywalker insieme ad Obi-Wan Kenobi fu incaricato di liberare il senatore Bail Organa, bloccato sul pianeta per una missione diplomatica. Appare in Star Wars: The Clone Wars.

Clak'dor IV[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dello stesso sistema di Clak'dor VII, qui si stabilirono i superstiti di Nozho dopo la guerra civile che devastò il loro pianeta, dove fondarono New Nozho.

Clak'dor VII[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuto talvolta anche come Bith, era il pianeta natale della specie dei Bith. Nel 300 BBY la capitale Weogar e la città rivale Nozho, a causa di della disputa sul brevetto di un nuovo motore a iperguida aggiudicato illegalmente da quest'ultima, si scontrarono in una guerra civile che si risolse con la distruzione di Nozho da parte della capitale che le lanciò contro un devastante attacco chimico. Ciò però distrusse buona parte dell'ecosistema e della popolazione del pianeta. I superstiti di Nozho rimasero enormemente mutati, formando la sottospecie Y'bith, che si trasferì su Clak'dor IV. Da quel momento i Bith divennero dei pacifisti e si concentrarono esclusivamente sui loro talenti nella scienza, nella musica e nell'arte.

Durante le Guerre dei Cloni si schierò con la CSI, sostenendola con contributi artistici e tecnologici. Dopo la fine della guerra venne occupato dall'Impero Galattico, che ne perseguitò gli abitanti per via del loro precedente schieramento, ma un anno dopo la sconfitta dell'Impero ad Endor venne liberato dalla neoformata Nuova Repubblica, alla quale si unì dopo un iniziale isolamento.

Colla IV[modifica | modifica wikitesto]

Remoto pianeta ai margini della galassia, abitato da una violenta e pericolosa specie di insettoidi i Colicoidi, da cui la Federazione dei Mercanti ha preso spunto per fare produrre i micidiali droidi da battaglia Droideka.

Concord Dawn[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale dei cacciatori di taglie Jango Fett e Rako Hardeen. È un pianeta desertico e roccioso i cui insediamenti sono composti per lo più da semplici tende e casupole in pietra. Il pianeta ha una atmosfera densa e ricca di argo. Menzionato nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Corellia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Corellia.

Mondo natale di Han Solo, Wedge Antilles e Gilad Pellaeon. Pianeta industriale e molto popolato, celebre per le fabbriche di astronavi (qui è stato prodotto anche il Millennium Falcon). Il pianeta è ricco di fabbriche di astronavi, rinomate in tutta la galassia. Il pianeta entrò a far parte della Confederazione dei Sistemi Indipendenti durante le Guerre dei Cloni.

Corsin[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta del settore di Greater Plooriod delle Regioni di Espansione. Considerato un posto bellissimo e pacifico, è famoso per le sue corse di swoop. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Corulag[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta Imperiale dei Mondi del Nucleo. Vi nasce uno dei migliori piloti della marina Imperiale, il Barone Valen Rudor. Viene menzionato nel romanzi Tarkin e A New Dawn.

Coruscant[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Coruscant.

Sede del senato, completamente trasformato in un'unica città. Durante le Guerre dei Cloni divenne la Base Suprema della Repubblica in mano al Cancelliere Supremo Palpatine, subì numerosi attacchi tra cui quello da parte del Conte Dooku. Con l'avvento dell'Impero, Coruscant divenne il Centro Imperiale.

Coyerti[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dove avvenne una battaglia tra l'Impero Galattico e l'Alleanza Ribelle. Compare nel romanzo Battlefront: Twilight Company.

Cymoon 1[modifica | modifica wikitesto]

Satellite situato nel Distretto Industriale Corelliano. Ospitava la Fabbrica d'armi Alpha, la più grande fabbrica di armi della Galassia. Nelle settimane dopo la Battaglia di Yavin, l'Alleanza Ribelle ha appreso che l'Impero aveva avviato dei negoziati con Jabba the Hutt. L'Alleanza intercetta glie inviati di Jabba per poi inviare Luke Skywalker, Han Solo, Leia Organa, Chewbacca, R2-D2 e C-3PO per distruggere la fabbrica. Appare nelle serie a fumetti Star Wars e Star Wars: Darth Vader.

D[modifica | modifica wikitesto]

Dagobah[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dagobah.

Pianeta dal clima umido e temperato, con un terreno ricco di acquitrini e foreste equatoriali. Su questo pianeta paludoso vive il maestro jedi Yoda dopo la sconfitta dei Jedi da parte dell'Imperatore Palpatine. Vi si reca Luke Skywalker per completare il suo addestramento nel 3 ABY.

Dandoran[modifica | modifica wikitesto]

Durante la Guerra Civile Galattica, fu il luogo di un conflitto tra l'Alleanza per la Restaurazione della Repubblica e l'Impero Galattico.

Dantooine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Dantooine.

Durante le Guerre dei Cloni, il Maestro Jedi Mace Windu condusse una battaglia sul Dantooine, ma molti dei suoi soldati vennero feriti. Windu inviò così un segnale di soccorso e attendette una consegna di forniture mediche dalle Padawan Ahsoka Tano e Barriss Offee.

Dathomir[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta su cui esiste l'organizzazione delle Streghe di Dathomir. Da qui provengono i mostruosi Rancor. Uno di questi temibili Rancor era proprietà di Jabba the Hutt che lo teneva nei sotterranei del suo palazzo. Pianeta natale di Darth Maul, Savage Opress e Asajj Ventress. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel fumetto Darth Maul - Son of Dathomir.

Daxan Beta[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta situato vicino a una via commerciale principale utilizzato dall'Impero Galattico. Il Generale Jan Dodonna dell'Alleanza Ribelle l'ha brevemente studiato come potenziale nuova base ribelle dopo l'evacuazione del Grande Tempio di Massassi su Yavin 4, ma venne subito respinto a causa della sua vicinanza con la via commerciale imperiale. Appare nella serie a fumetti Princess Leia.

Denon[modifica | modifica wikitesto]

Centro di affari galattico, secondo solo a Coruscant. Vi nasce Maximilian Veers.

Devaron[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta temperato da cui provengono i Devaroniani, umanoidi dell’aspetto molto simili a diavoli, per il fatto di avere due corna sulla testa. Un Devaroniano è tra i clienti della cantina di Mos Eisley. Tra i Devaroniani importanti troviamo Cikatro Vizago, apparso in Star Wars Rebels. Il Pianeta appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Dorin[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d’origine della razza Kel Dor e del maestro Jedi Plo Koon.

Draboon[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta Mandaloriano dell'Orlo Esterno. Diversi anni prima della battaglia di Naboo, furono mandati il Maestro Jedi Qui-Gon Jinn e il suo Padawan Obi-Wan Kenobi per proteggere la giovane duchessa di Mandalore, Satine Kryze, da alcuni mercenari. Viene menzionato nella serie Star Wars: The Clone Wars.

E[modifica | modifica wikitesto]

Endor[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Luna boscosa di Endor.

Gigante gassoso intorno alla cui luna boscosa orbitava la seconda Morte Nera costruita dall'Impero. Sulla luna si è svolta la battaglia decisiva della Guerra Civile Galattica. La luna è abitata dagli "orsetti" Ewok, è simile ad un'immensa foresta di conifere. Nel conflitto finale, e prima, si vedono molti mezzi dell'Impero: dalle veloci Speederbike 74-Z (usate anche da Luke e Leila per i Ribelli, e dagli scout imperiali) al possente quadrupede AT-AT vicino al generatore dello scudo della Morte Nera (visto anche nell'episodio V) fino ai bipedi AT-ST.

Er'kit[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno del settore di Noonian, mondo natale dell'omonima specie. Uno di questi è Ody Mandrell, pilota di Podracer.

Eriadu[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale di Wilhuff Tarkin situato nell'Orlo esterno. Qui durante una delle varie conferenze tenute periodicamente della Federazione dei Commerci, i leader Kuat vennero fatti assassinare dai Neimodiani che da allora assunsero il pieno controllo dell'organizzazione. Appare nel romanzo Tarkin.

F[modifica | modifica wikitesto]

Falleen[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta di origine dei Falleen, viene menzionato nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel romanzo Tarkin.

Nell'Universo espanso è il pianeta d'origine del principe Xizor, leader del Sole Nero, una delle più grosse organizzazioni criminali della Galassia. Era sede di un centro di ricerche imperiale da cui sfociò un virus, bloccato dallo Star Destroyer Devastator di Darth Vader, ma al costo di distruggere un'intera città abitata da 200 000 Fallen.

Felucia[modifica | modifica wikitesto]

Felucia è un pianeta lussureggiante e infestato da pericolose creature. Situato nell'Orlo Esterno, fu teatro di battaglie durante le Guerre dei Cloni. Su Felucia le truppe di Cloni erano guidate dalla Jedi Aayla Secura e dal comandante Bly. Venne poi uccisa dai suoi stessi soldati quando il neo eletto Imperatore Palpatine decretò l'Ordine 66. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel film Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith.

Florrum[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta desertico situato nell'Orlo Esterno. Sede della base pirata di Hondo Ohnaka. Appare in Star Wars: The Clone Wars.

Fondor[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo la distruzione della prima Morte Nera, Darth Vader presenziò al varo del suo Super Star Destroyer Executor nei cantieri di astronavi di questo pianeta.

G[modifica | modifica wikitesto]

Gamorr[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta estremamente vario per gli ecosistemi che presenta. Da qui provengono i Gamorreani, gli alieni dalla fattezze porcine con la pelle verdastra. Un numero imprecisato di questa razza faceva parte del corpo di guardia nel palazzo di Jabba the Hutt su Tatooine. Viene menzionato nel romanzo Heir to the Jedi.

Ganthel[modifica | modifica wikitesto]

Mondo del Nucleo sotto il controllo Imperiale, menzionato nel romanzo A New Dawn.

Garel[modifica | modifica wikitesto]

Mondo sotto il controllo dell'Impero situato nell'Orlo Esterno. Appare nella serie Star Wars Rebels.

Garos IV[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta del sistema di Garos. Nel 22 BBY divenne il luogo del Movimento dei Rifugiati durante le Guerre dei Cloni.

Geonosis[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Geonosis.

Il pianeta Geonosis è un pianeta inospitale e brullo, caratterizzato da canyon e formazioni rocciose e circondato da una cintura asteroidale. L'unica specie senziente del pianeta sono i Geonosiani, una specie dall'aspetto insettoide e inglobati in una struttura sociale rigida e alvearica in cui soltanto gli individui delle classi superiori hanno una propria personalità. Organizzati in grandi alveari i Geonosiani sono sempre stati una specie caratterizzata da una spiccata abilità per la meccanica e la produzione industriale (derivante dalla società rigida e classista). Sotto la guida dell'Arciduca Poggle il Minore furono tra i primi pianeti della galassia a unirsi al movimento separatista capitanato dal conte Dooku. Teatro della prima grande battaglia tra la Repubblica e i Separatisti, Geonosis fornì immense armate di droidi al Movimento durante tutta le Guerre dei Cloni. Con l'ascesa dell'Impero e la sconfitta nella guerra dei Cloni i geonosiani furono assoggettati dall'Impero e, sotto il vivo consiglio del Grand Moff Tarkin, utilizzati come manodopera per la costruzione della prima Morte Nera.

Glee Anselm[modifica | modifica wikitesto]

È il pianeta nativo della specie anfibia dei Nautolani. È un pianeta umido collocato nell'Orlo Esterno. La superficie del pianeta è coperto da un grande oceano con milioni di piccole isole che emergono sul globo. Le isole sono di varie forme con vari ambienti da sabbiose a paludose. I Nautolani possono vivere indifferentemente in acqua e sulla superficie realizzando città in entrambi i luoghi. Glee Anselm è un mondo che appartiene in modo convinto alla Vecchia Repubblica credendo nei suoi ideali contro il regno sanguinoso dell'Impero. I Nautolani infatti furono parte attiva della Ribellione.

Vi nasce il maestro Jedi Kit Fisto.

Gorse[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta situato nell'Orlo Interno. Gorse è un raro esempio di un pianeta in rotazione sincrona. Le forze gravitazionali della sua stella mantengono un lato del pianeta costantemente rivolto verso il suo sole mentre il lato opposto del pianeta è sempre avvolto nell'oscurità. DI conseguenza nel lato illuminato le temperature sono abbastanza alte per fondere i droidi. Solo la parte notturna del pianeta è abitabile. Appare nel romanzo A New Dawn.

H[modifica | modifica wikitesto]

Haidoral Prime[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dove avvenne una battaglia tra l'Impero Galattico e l'Alleanza Ribelle. Compare nel romanzo Battlefront: Twilight Company.

Haruun Kal[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Haruun Kal.

Mondo natale di Mace Windu. Caratterizzato da un clima caldo umido, dovuto alle foreste che lo coprono e all'attività vulcanica molto frequente.

Hoth[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Hoth (pianeta).

Pianeta ghiacciato, base dei ribelli in Episodio V - L'impero colpisce ancora.

Hoth è un pianeta dell'Orlo esterno perennemente ricoperto di neve,con una temperatura di gran lunga sotto lo zero. Sono pochi gli esseri che sopravvivono su questo pianeta, come i docili Tauntaun o i feroci Wampa. Su questo sistema è anche situato il Cannone Ionico dei ribelli. Ne L'Impero colpisce ancora se ne servirono per colpire e disattivare (probabilmente solo per un breve periodo) uno Star Destroyer Imperiale, allo scopo di aprire una via di fuga ad uno dei trasporti impiegati per l'evacuazione del pianeta.

I[modifica | modifica wikitesto]

Iego[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta roccioso. Possiede molte lune su una delle quali vivono gli Angeli, creature alate luminescenti bellissime e meravigliose, ridotte in schiavitù dai Separatisti durante le Guerre dei Cloni. Il pianeta fu considerato come un punto di non ritorno poiché un fantasma chiamato dagli abitanti del pianeta "Droll" distruggeva le navi quando queste tentavano di uscire dal sistema: in realtà era un sistema di mine che, al contatto, distruggeva le navi. Il pianeta, in inglese, è chiamato Eego. Viene menzionato per la prima volta in Star Wars: Episodio I - la minaccia fantasma e appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Ilum[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta ghiacciato e nevoso su cui era costruito nella roccia un antichissimo santuario Jedi. Nelle caverne del santuario si potevano estrarre i preziosi cristalli per fabbricare le spade laser dei Cavalieri Jedi. All'inizio delle Guerre dei Cloni, un'incursione dei droidi da battaglia dei Separatisti distrusse gran parte del santuario. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Imdaar[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dal clima umido e temperato, con un terreno ricco di acquitrini e foreste equatoriali, simile a Dagobah.

Insk[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta a base di silicio. Il Generale Dodonna dell'Alleanza per la Restaurazione della Repubblica lo studiò brevemente come potenziale nuova base ribelle dopo l'evacuazione di Yavin 4, non fu scelto perché non disponeva di risorse utili ai Ribelli. Appare nella serie a fumetti Princess Leia.

Iridonia[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale della specie Zabrak. Vi nascono Agen Kolar e Bao-Dur. Viene menzionato nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Ithor[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ithor.

Pianeta verdeggiante coperto da foreste pluviali, mondo d'origine della specie Ithoriani che vivono in città costruite su piattaforme fluttuanti nei cieli.

J[modifica | modifica wikitesto]

Jakku[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta desertico situato nell'Orlo Esterno. Durante la Guerra Civile Galattica e un anno dopo la Battaglia di Endor, in questo sistema vi fu un combattimento tra la Nuova Repubblica e l'Impero Galattico. Appare in Star Wars: Epsiodio VII - Il risveglio della Forza e nel videogioco Star Wars: Battlefront (2015).

Jomark[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta quasi interamente coperto da oceani, eccetto per un continente e centinaia di piccole isole. In un passato remoto era abitato da una razza aliena di cui si sa ben poco e poi colonizzato dagli umani. È sempre stato estraneo agli eventi esterni. Appare nel romanzo Tarkin.

K[modifica | modifica wikitesto]

Kadavo[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta nebuloso dello Spazio Selvaggio, durante le Guerre dei Cloni era parte dell'Impero Schiavista Zygerriano. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Kalee[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale della specie Kaleesh. Vi è nato il signore della guerra e Generale dell'armata droide Separatista Grievous.

Kalevala[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno del settore di Mandalore. Fu contrario alla leadership pacifica della duchessa Satine Kryze di Mandalore.

Kalist VI[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuto anche come Kalist, è un pianeta del Nucleo. Mondo natale di Dak Ralter. Vi era una colonia penale Imperiale.

Kaller[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta boscoso dell'Orlo Esterno, con capitale Plateau City, da cui proviene l'omonima specie Kalleriana. Venne occupato dai Separatisti durante le Guerre dei Cloni e vi morì la Maestra Jedi Depa Billaba per mano dei cloni durante l'Ordine 66 (19 BBY). Appare nel fumetto Kanan: The Last Padawan.

Kamino[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta interamente coperto da oceani. Le poche città (tra cui la capitale Tipoca City) sono situate in superficie, sono abitate dai Kaminoani, e sono sedi di enormi centri di clonazione. È tormentato da continue tempeste e piogge. Prima delle Guerra dei Cloni, le sue coordinate spaziali erano state cancellate dal conte Dooku dagli archivi del Tempio Jedi. Appare nel film Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni e nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Karkaris[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta acquatico del settore di Nilgaard dell'Orlo Esterno, da qui proviene la specie anfibia Karkarodiana simili a squali giganti. Durante le Guerre dei Cloni il pianeta si schierò con la Confederazione dei Sistemi Indipendenti, fornendo bio-armi e idro-droidi medusa, usati per la battaglia di Mon Calamari del 21 BBY, guidata proprio da un generale Karkarodiano di nome Riff Tamson (alleato del conte Dooku).

Kashyyyk[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Kashyyyk.

Kashyyyk, è il pianeta d'origine degli Wookiee, che vivevano in villaggi costruiti sugli alberi in maniera simile a quelli degli Ewok.

Durante le guerre dei cloni, Kashyyyk si alleò alla Repubblica Galattica. Durante una battaglia, Yoda raggiunse il pianeta per aiutare gli Wookiee. Quel conflitto, conosciuto come Battaglia di Kashyyyk, fu uno degli ultimi combattuti prima della caduta della Repubblica. Durante l'evento l'Ordine 66 era stato avviato e i Clone Trooper ricevettero l'ordine di uccidere i Jedi. Yoda riuscì a difendersi e a fuggire, lasciando Tarfful e Chewbacca.

Kessel[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta desolato, famoso per essere sede di un penitenziario i cui detenuti vengono utilizzati per scavare nelle gallerie che si estendono nel sottosuolo, per estrarre Spezia dai minerali (più precisamente Glitterstim, una delle varietà più rare). Pianeta d'origine dei Ragni d'Energia, predatori e principali produttori della preziosa sostanza. Vicino a questo pianeta Han Solo si liberò delle forze imperiali schizzando a velocità luce con il suo Millennium Falcon. È spiegato da Han Solo per raccontare la storia del Millennium Falcon a Obi-Wan Kenobi e Luke Skywalker durante la partenza verso Alderaan. Nel 5 BBY, inoltre, un gruppo di ribelli capeggiato dal Jedi Kanan Jarrus liberò degli Wookiee che erano stati schiavizzati dall'Impero. Appare nella serie Star Wars Rebels.

Kiros[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta verdeggiante e ricco di cascate delle Regioni di Espansione del settore di Ehosiq. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Kuat[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'omonimo sistema. Qui ha sede la Kuat Drive Yards, una delle più importanti società di cantieri aerospaziali della Galassia. In questi cantieri tra i molteplici veicoli prodotti, vengono costruiti gli Star Destroyer. Menzionato in Star Wars: The Clone Wars, Heir to the Jedi e Star Wars (serie a fumetti Marvel 2015).

Kupoh[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta situato nel sistema di Kupoh e abitato dai Kupohani. Appare nel romanzo Heir to the Jedi.

L[modifica | modifica wikitesto]

Lantillies[modifica | modifica wikitesto]

Lantillies era un pianeta nell'Orlo Mediano. Situato lungo la rotta commerciale Perlemiana e alla testa del Randon Run, Lantillies era fortemente coinvolto nella spedizione e cantieristica, ed i suoi abitanti umani erano ben noti per la loro enfasi nell'affidabilità e nel eleganza. Il pianeta è stato un membro della Repubblica Galattica per gran parte della sua storia.

Lasan[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale della specie Lasat. Sede della Guardia d'Onore di Lasan, guerrieri scelti armati di AB-75 bo-rifle (un incrocio tra un fucile blaster e un'elettro-staffa), i suoi abitanti furono in gran parte uccisi dall'Impero, la cui operazione di sterminio fu guidata dall'Agente Kallus del Dipartimento di Sicurezza Imperiale. Da qui proviene uno dei membri dello Spettro, Garazeb "Zeb" Orellios. Viene menzionato nella serie Star Wars Rebels.

Lola Sayu[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta per metà roccioso e per metà attraversato da un fiume immenso di lava. Sede de La Cittadella, una prigione creata dai Separatisti per catturare i prigionieri di guerra della Repubblica (soprattutto Jedi), che aveva come direttore il malvagio Phindiano di nome Osi Sobeck. Il Maestro Jedi Even Piell e il suo capitano Tarkin furono catturati e portati là per poi venire liberati da Obi-Wan Kenobi, Anakin Skywalker e Ahsoka Tano nonostante la morte dello stesso Piell. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Lothal[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno dedito all'estrazione mineraria e all'agricoltura, soggetto al dominio dell'Impero. Pianeta natale di Ezra Bridger. Appare nella serie Star Wars Rebels.

Lotho Minor[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta di rifiuti, completamente disabitato, se non da strani esseri simili ai Jawa che vivono raccattando i rottami che trovano disponibili e dalla specie nativa Anacondan. Il Sith Savage Opress si recò su questo pianeta per cercare suo fratello Darth Maul, il quale vi era stato esiliato vivendo per anni in una caverna in preda alla pazzia. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

M[modifica | modifica wikitesto]

Mahranee[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d'origine della specie Mahran. Venne attaccato dalla Confederazione dei Sistemi Indipendenti durante le Guerre dei Cloni. Appare nel romanzo Dark Disciple.

Malachor V[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Malachor V.

Nell'Universo espanso è il pianeta su cui si è svolta la parte finale delle Guerre Mandaloriane. Sotto ordine di Revan, il Jedi Exile e Bao-Dur costruiscono una potente arma detta Generatore di Masse Oscure, con lo scopo di schiacciare l'esercito mandaloriano. A causa di questo vengono anche uccisi moltissimi soldati della Repubblica.
Darth Nihilus preleva la sua nave, il Ravager, dal cimitero di navi intorno a Malachor V. Il Jedi Exile qui perde la connessione con la Forza per sopravvivere.
Il pianeta viene distrutto nel 3 951 BBY grazie a una nuova attivazione del Generatore da parte del droide remoto di Bao-Dur.

Malastare[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d’origine dei Gran, alieni a tre occhi e dal volto caprino, come Ree Yees cortigiano di Jabba the Hutt e i senatori Baskel Yeeserim, Carrus e Ask Ask della Vecchia Repubblica. È anche il luogo d'origine dei Dug come Sebulba. Inoltre è il pianeta in cui ha origine la corsa di Podracer, poi diffusasi anche su Tatooine.

Il suolo è roccioso, cosparso di muschi, licheni, erbe varie di cui la Ixetal (componente del veleno del Bando Gora) e un alto numero di alberi, paludi e fiumi con laghi meravigliosi. Malastare ospita animali pericolosi come Nexu, dotati di quattro occhi, tantissimi denti aguzzi e una coda biforcuta, e Skettos, simili a libellule giganti che fiondano addosso alla preda. Su Malastare si è svolta un'importante battaglia delle Guerre dei Cloni, nella zona vulcanica del pianeta. I droidi separatisti tentarono l'assedio del pianeta, e la repubblica sfruttò l'occasione per provare la sua nuova arma: una bomba elettromagnetica in grado di distruggere e nuocere solamente ai droidi sul campo, salvando i cloni. La bomba non ha effetto sui cloni, come previsto, e i droidi vengono distrutti. L'impatto con il suolo genera però una voragine che liberò un orrore sepolto da tempo: Lo Zillo Beast. Questo, dopo numerosi sforzi, fu domato e condotto a Coruscant, dove fu tenuto in prigionia per moltissimi anni. Appare in Star Wars: The Clone Wars ed è menzionato in Star Wars: Episodio I - La minaccia fantasma e nel romanzo Tarkin.

Mandalore[modifica | modifica wikitesto]

Situato nell'Orlo Esterno, è stato il pianeta natale dei Mandaloriani, un popolo guerriero dall'inconfondibile armatura temuto in tutta la Galassia che ha combattuto i Jedi e saccheggiato il loro tempio durante la caduta della Vecchia Repubblica. .

Anni di guerra hanno lasciato il pianeta inospitale, costringendo i Mandaloriani a vivere all'interno delle città a cupola. Durante le guerre dei Cloni Un governo pacifista è salito al potere, guidato dalla Duchessa Satine Kryze, mentre coloro che si rifiutavano di abbandonare le tradizioni guerriere furono esiliati sulla luna Concordia. In seguito i Nuovi Mandaloriani furono rovesciati dallo Shadow Collective di Darth Maul e Pre Vizsla, anche se l'Impero Galattico occuperà il pianeta dopo la fine della guerra. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars ed è menzionato in Star Wars Rebels e in Darth Maul - Son of Dathomir.

Concordia[modifica | modifica wikitesto]

Luna di Mandalore. Pre Vizsla, per breve tempo, ne fu governatore.

Maridun[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta situato nell'Orlo Esterno colonizzato dai Lurmen e pianeta natio degli Amani. Durante le Guerre dei Cloni le forze Repubblicane guidate da Anakin Skywalker, Aayla Secura e Ahsoka Tano fronteggiarono le armate Separatiste guidate da Lok Durd stabilitesi sul pianeta. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Milagro[modifica | modifica wikitesto]

Questo pianeta è il punto d'incontro di due importanti rotte commerciali, quella Corelliana e il corridoio commerciale di Harrin. Il pianeta è situato nelle Regioni di Espansione e fa parte del settore di Chaykin. Durante le Guerre dei Cloni, il droide astromeccanico della Repubblica R3-S6 fu rubato dagli agenti del generale Grievous e riprogrammato per essere usato come spia. Durante la Guerra Civile Galattica, il pianeta fu bombardato dall'Impero.

Mimban[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta in cui si svolse una battaglia durante le Guerre dei Cloni, menzionato nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Mon Cala[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Mon Cala.

Pianeta interamente coperto da oceani ricchi di forme di vita, con città costruite su piattoforme galleggianti o situate sotto il mare. Da qui provengono due razze: i Mon Calamari, a cui appartiene l'Ammiraglio Ackbar, che sferrò l‘attacco finale dell‘Alleanza contro l’Impero, durante la battaglia di Endor, e i Quarren di cui si ricordano Tessek alla corte di Jabba the Hutt e il senatore separatista Tikkes durante la Guerra dei Cloni. Queste due razze hanno quasi sempre convissuto pacificamente sul loro mondo, ma durante la Guerra dei Cloni, i Quarren vengono convinti dal conte Dooku ad unirsi alla causa dei Separatisti. I Quarren formano la Lega Isolazionista e si muovono contro i Mon Calamari fedeli alla Repubblica. Questi ultimi vengono poi aiutati dall'intervento degli Jedi e dall'esercito di cloni a contrastare l'insurrezione. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars e viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Mooga[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Medio del settore di Perkell, luogo d'origine della specie Moogan. Durante le Guerre dei Cloni entrò a far parte della Gilda Commerciale.

Moraband[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Korriban.

Il Maestro Yoda si recò su questo pianeta per ottenere una risposta circa il segreto dell'assassinio di Sifo-Dyas e questi gli apparve in visione assieme a Darth Bane. Affrontò poi in un'altra visione anche Darth Sidious. Appare nella sesta stagione di Star Wars: The Clone Wars.

Nell'Universo Espanso è chiamato Korriban o Pesegam (durante il regno di Xim) ed è il mondo natale dei Sith. È sede di una accademia di addestramento per praticanti del Lato Oscuro e vi sono le tombe di quattro Signori Oscuri, Marka Ragnos, Tulak Hord, Naga Sadow e Ajunta Pall. Vi sono diversi animali creati con l'alchimia Sith, come i Terentatek e gli Hssiss.

Murkhana[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Mediano invaso dai Separatisti durante le Guerre dei Cloni. Appare nel romanzo Tarkin.

Mustafar[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Mustafar.

Mondo inospitale caratterizzato da continue eruzioni vulcaniche e fiumi di lava. Qui i capi Separatisti si rifugiano in una loro base alla fine delle Guerre dei Cloni, vengono poi eliminati da Anakin/Darth Vader per ordine di Palpatine. Anakin viene poi sconfitto in un duello e mutilato dal suo ex-maestro Obi-Wan Kenobi. A seguito delle ferite riportate gli vengono impiantati arti artificiali e altri innesti e diventa definitivamente Darth Vader. In seguito la legione 501 di cloni attaccò una miniera dove Gizor Delso, un separatista Geonosiano, aveva creato dei droidi per ricreare un esercito separatista. Delso fu ucciso con i droidi dai cloni e per sempre cadde la CSI. Nel 5 BBY, in orbita su questo pianeta, a bordo di uno Star Destroyer, un gruppo di ribelli formato da Ezra Bridger, Hera Syndulla, Sabine Wren e Garazeb Orellios salvò il Jedi Kanan Jarrus dalle mani dell'Impero che perse peraltro l'Inquisitore in un combattimento con Jarrus. Appare in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith, in Star Wars Rebels e nel romanzo Dark Disciple.

Muunilist[modifica | modifica wikitesto]

Il pianeta dove ha sede il Clan Bancario Intergalattico, teatro di una delle battaglie delle Guerre dei Cloni. Durante l'Impero, il pianeta diventa il centro finanziario della galassia, definito anche "Moneyland". Da qui proviene la razza dei Muun.

Mygeeto[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta appartenente al Clan Bancario Intergalattico, da cui provengono i Lurmen, caratterizzato da formazioni di cristallo, qui viene ucciso il maestro Jedi Ki-Adi-Mundi dai suoi stessi soldati Cloni capitanati dal comandante Bacara, a seguito dell'Ordine 66 di Palpatine. Pianeta natale del Signore Oscuro dei Sith Darth Plagueis, maestro del futuro Imperatore Palpatine, Darth Sidious. Appare in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith.

N[modifica | modifica wikitesto]

Naboo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Naboo.

Ricoperto interamente da oceani, foreste e paludi, venne colonizzato da viaggiatori provenienti da Grizmallt attorno al 3 900 BBY. Nell'82 BBY vi nasce Palpatine e nel 46 BBY vi nasce Padmé Amidala. Oltre che degli umani (chiamati "Naboo" anch'essi), è patria di un'altra specie senziente, i Gungan, esseri anfibi che vivono in città sottomarine; la più importante è Otoh Gunga.

  • Capitale: Theed
  • Governo: Monarchia
  • Sovrani: Re Veruna (dal 46 BBY al 33 BBY), Regina Padmé Naberrie Amidala (dal 33 BBY al 25 BBY), Regina Jamillia (dal 25 BBY al 21 BBY), Regina Neeyutnee (dal 21 BBY al 20 BBY), Regina Apailana (dal 20 BBY al 18 BBY), Regina Kylantha (dal 18 BBY).
  • Luoghi d'interesse: Palazzo di Theed, città sottomarina di Otoh Gunga, regione dei laghi.

Nal Hutta[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale di Jabba the Hutt, è il pianeta d'addestramento dei cacciatori di taglie e degli Imperial Agent. In origine era conosciuto come Evocar, un pianeta grande, ricoperto da una giungla lussureggiante e popolato dai primitivi Evocii. In passato gli Hutt occupavano solo una piccola provincia di questo mondo, ma spinti dalla loro leggendaria avidità, cominciarono rapidamente ad espandersi barattando la loro tecnologia in cambio di vasti appezzamenti di terre. Troppo tardi gli Evocii si resero conto del loro errore; infatti a seguito della distruzione di Varl, il loro mondo natio, gli Hutt si trasferirono in massa su Evocar e presero possesso di ciò che era loro di diritto e ribattezzarono il pianeta stesso con il nome di Nal Hutta. (che in "Huttese" significa "Gioiello Glorioso") Su tutto Evocar sorsero palazzi, fabbriche, città e parchi divertimenti e il pianeta venne terraformato in un'immensa palude, fetida e piena di insetti. Gli Evocii si appellarono inorriditi alla Repubblica Galattica, che tuttavia deliberò in favore degli Hutt ritenendo i contratti firmati giuridicamente validi e vincolanti. Gli Evocii vennero poi espulsi dagli Hutt, e trasferiti sulla quinta luna del pianeta, che in seguito sarebbe stata conosciuta come Nar Shaddaa, la luna del contrabbandiere. Appare in Star Wars: The Clone Wars.

Nar Shaddaa[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Nar Shaddaa.

Luna popolata nella maggior parte da criminali e fuori legge chiamata anche luna del contrabbandiere. Dopo la fine delle guerre malandoriane molti ex combattenti trovano rifugio su Nar Shaddaa. La superficie del pianeta e costituita per la maggior parte da una grande città in continuo degrado. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Nam Chorios[modifica | modifica wikitesto]

Fu un esperimento di colonia dei Latter e venne abbandonato a causa degli attacchi dell'Impero. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Neimoidia[modifica | modifica wikitesto]

È un pianeta colonizzato dalla specie Duros. Gli abitanti, i Neimoidiani, sono strettamente legati geneticamente ai loro antenati.
Alcuni Neimoidiani conosciuti (visti nei primi tre episodi della saga) sono Nute Gunray, il Viceré della Federazione dei Mercanti (segretamente al servizio di Palpatine); Rune Haako e Daultay Dofine (i due consiglieri di Gunray), Lott Dod (il Senatore della Federazione dei Mercanti), Lok Durd (uno dei generali delle forze Separatiste), Gilramos Libkath e Hath Monchar.

O[modifica | modifica wikitesto]

Oba Diah[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta sede del sindacato Pyke. Qui venne ucciso il Maestro Jedi Sifo-Dyas per mano dei Pyke, sotto ordine del conte Dooku.

Obroa-Skai[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta famoso per le sue biblioteche informatiche. Caratterizzato da deserti ghiacciati, montagnie altissime e oceani, i suoi abitanti sono sempre stati neutrali a qualsiasi conflitto. Appare nel romanzo Tarkin.

Ojom[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta natale dei Besalisk Dexter Jettster e del maestro Jedi Pong Krell.

Onderon[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Onderon.

Mondo su cui si era instaurato un governo dominato dal Lato Oscuro, con il Re Freedon Nadd. I re e le regine di Onderon sono presumibilmente suoi discendenti. La tomba di Freedon Nadd inizialmente si trovava nella città fortezza di Iziz, la capitale, ma siccome vi si accumulava energia oscura venne spostata alcuni Cavalieri Jedi sulla vicina luna Duxn. Durante le Guerre dei Cloni il pianeta scelse di allearsi con la Confederazione dei Sistemi Indipendenti, destituendo il re Ramsis Dendup e sostituendolo con un fantoccio mandato dal conte Dooku, Sanjay Rash. Un gruppo di ribelli, grazie all'aiuto dei Jedi (tra cui Obi-Wan Kenobi, Anakin Skywalker e Ahsoka Tano), riuscì a far ritornare il vero re sul trono e a cacciare i Separatisti (Rash fu poi ucciso dal generale droide Kalani sotto ordine di Dooku stesso). Appare in Star Wars: The Clone Wars.

  • Capitale: Iziz
  • Governo: Monarchia
  • Sovrani: Re Freedon Nadd (? - 3997 BBY), Re Ommin (dal 3997 BBY al 3998 BBY), Regina Amanoa (dal 3998 BBY al 4000 BBY), Re Oron Kira (4000 BBY - ? BBY), Regina Galia (date sconosciute), Regina Talia (date sconosciute), Re Vaklu (? - 3951 BBY), Re Ramsis Dendup (durante le Guerre dei Cloni fu per poco tempo deposto e sostituito da un fantoccio dei Separatisti di nome Sanjay Rash)
  • Luoghi d'interesse: palazzo di Iziz

Ord Cestus[modifica | modifica wikitesto]

Nella sua orbita c'era una stazione medica della Repubblica. Sul pianeta furono intrappolati i Jedi Obi-Wan Kenobi e Kit Fisto da Asajj Ventress.

Ord Mantell[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dove Han Solo incontra dei cacciatori di taglie assoldati da Jabba the Hutt, poco prima degli eventi narrati nel L'Impero colpisce ancora. Han riesce a sfuggire alla cattura. Durante le Guerre dei Cloni è il pianeta con la base principale dell'organizzazione criminale del Sole Nero. Nel 20 BBY fu anche teatro di una battaglia tra la Shadow Collective e gli eserciti Separatisti.

Orinda[modifica | modifica wikitesto]

Mondo strategico situato su un'importante rotta iperspaziale e collocato tra lo spazio della Nuova Repubblica e dell'Imperial Remnant, fu a lungo conteso tra le due potenze galattiche. Divenne un mondo fortezza imperiale e rimase sotto l'Impero dopo l'invasione dei Vong.

Orondia[modifica | modifica wikitesto]

Mondo inospitale e brullo localizzato nelle vicinanze di Nal Hutta, nello Spazio Hutt dell'Orlo Esterno. Sul pianeta è presente una stazione di rifornimento gestita da un Bith.

Orto Plutonia[modifica | modifica wikitesto]

Desolato pianeta ghiacciato dell'Orlo Esterno, del sistema di Pantora. Scoperto millenni prima da alcuni esploratori pantorani, fu ritenuto deserto e divenne un protettorato del pianeta. Nessuno però sapeva che era effettivamente abitato da una tribù di primitivi Talz. Quando la CSI vi costruì un avamposto e i droidi stuzzicarono i nativi durante una delle loro esplorazioni, questi reagirono distruggendo sia i droidi che i cloni stanziati lì. Quando Obi-Wan Kenobi, Anakin Skywalker, Ahsoka Tano e un gruppo di cloni sbarcarono sul pianeta per vedere cosa era successo dovettero affrontare una dura battaglia prima di risolvere il problema. Appare in Star Wars: The Clone Wars.

Pantora[modifica | modifica wikitesto]

Luna di Orto Plutonia, del Sistema di Pantora, è stata membro della Repubblica.

P[modifica | modifica wikitesto]

Pammant[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta su cui è stata creata l'astronave Invisible Hand, al servizio della Confederazione dei Sistemi Indipendenti e nave ammiraglia di Nute Gunray e Grievous.

Pastil[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno del settore di Abrion; fu sede di uno dei tanti avamposti di comunicazione della Repubblica durante le Guerre dei Cloni.

Patitite Pattuna[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta di colore porpora simile a Felucia e Raydonia. Appare in Star Wars: The Clone Wars.

Patrolia[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta acquatico dell'Orlo Esterno, luogo d'origine della specie anfibia Patroliana.

Phindar[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno, vicino al settore di Mandalore. Luogo d'origine della specie Phindian, da qui proviene il criminale Moralo Eval. Nel 44 BBY venne controllato da un'associazione criminale, il Sindacato, che venne però sconfitta da Qui-Gon Jinn e Obi-Wan Kenobi.

Polis Massa[modifica | modifica wikitesto]

Asteroide su cui nacquero i gemelli Luke Skywalker e Leila Organa. Abitato dai pacifici e silenziosi alieni i Polis Massani occupati principalmente in attività di ricerca scientifica. Qui s'incontrarono in segreto per assistere Padmé Amidala, Obi-Wan Kenobi proveniente da Mustafar e Yoda con Bail Organa provenienti da Coruscant. Appare in Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith.

Prefsbelt IV[modifica | modifica wikitesto]

Situato nel settore omonimo dell'Orlo Esterno, era sede dell'accademia navale di Prefsbelt IV. Ospitò, prima della battaglia di Endor, la navetta imperiale Tydirium.

Q[modifica | modifica wikitesto]

Qiilura[modifica | modifica wikitesto]

Situato nell'omonimo settore dell'Orlo Medio, dista quarant'anni luce da Ord Mantell. Pianeta agricolo, da qui provengono i Gurlanins, intelligenti predatori. Scelse di allearsi con i Separatisti durante le Guerre dei Cloni.

Quarzite[modifica | modifica wikitesto]

È un pianeta dell'Orlo Interno, abitato dalle specie Belugan e Kage, sempre in lotta tra loro (in particolare durante le Guerre dei Cloni). Durante tale evento, fu governato dal tiranno Belugan di nome Otua Blank. È composto prevalentemente da cave cristalline e la sua pressione atmosferica è molto elevata, tanto che per poter scendere sulla sua superficie è necessario passare attraverso un lungo tunnel che la collega ad una stazione spaziale in orbita. Qui Asajj Ventress ebbe il suo primo incarico come cacciatrice di taglie assieme a Boba Fett, Bossk, Dengar, Latts Razzi e C-21 Highsinger. Appare in Star Wars: The Clone Wars.

Quell[modifica | modifica wikitesto]

È un pianeta di antica orogenesi, perciò quasi del tutto pianeggiante. Quasi tutto il pianeta è coinvolto in un'Era Glaciale. Durante le guerre dei cloni è una delle basi separatiste. La Jedi Aayla Secura rimane coinvolta in uno scontro su una delle navi ammiraglie della Flotta della Repubblica che passa vicino Quell. Fu eroicamente salvata da Anakin Skywalker e da Ahsoka Tano.

R[modifica | modifica wikitesto]

Ralltiir[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta prevalentemente montuoso. L'allevamento è l'unica risorsa economica del pianeta. Sono rare le grandi città.

Rattatak[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale della specie quasi-umana Rattataki. Luogo d'infanzia di Asajj Ventress, dove fu trovata dal Maestro Ky Narec. Appare in un flashback nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Raxus[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta capitale della Confederazione dei Sistemi Indipendenti durante le Guerre dei Cloni. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel romanzo Dark Disciple.

Raydonia[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta costituito da strani fiori luminescenti, simili a quelli di Felucia e abitato da umani. Fu teatro di una strage di innocenti per mano di Darth Maul e Savage Opress. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Rhen Var[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dal clima freddo, l'ambientazione è costituita da grandi pianure nevose e grandi catene montuose, trova nell'Orlo esterno, più precisamente vicino a Galidraan, Felucia e al settore alleato Tion. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Ringo Vinda[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta lungo il quale fu costruita una stazione spaziale a forma di anello. Durante le Guerre dei Cloni fu combattuta una battaglia tra la Repubblica, guidata dai Jedi Anakin Skywalker, Tiplee e Tiplar e i Separatisti guidati da Trench. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Rishi[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta tropicale dell'Orlo Esterno. Mondo natale della specie alata Rishii, che vive sulle montagne. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Rodia[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta semi-boscoso dell'Orlo Esterno, un tempo ricco di animali, ora estinti poiché gli abitanti li cacciarono tutti, abitato dalla specie Rodiana, di cui fanno parte il cacciatore di taglie Greedo, Wald e il senatore della Repubblica Onaconda Farr.

Rodia, durante le Guerre dei Cloni, è stata nel mezzo di uno scontro tra Separatisti e Repubblica. Il pianeta, infatti, da avamposto separatista qual era in un primo momento, è passato dalla parte della Repubblica, dopo l'intervento della senatrice Padmé Amidala e del rappresentante Jar Jar Binks, creduto un Jedi dai Separatisti. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel romanzo Heir to the Jedi.

Ruusan[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Ruusan.

Nell'Universo espanso è il luogo di una grande battaglia fra Jedi e Sith nell'anno 1 000 BBY. Tutti i Sith presenti vengono annientati nella Valle degli Jedi, ad eccezione di Darth Bane.

Ryloth[modifica | modifica wikitesto]

È il pianeta natale della specie Twi'lek. Situato nell'ominimo sistema è prevalentemente roccioso, con alte montagne le cui cime sono celate dalle nebbie. Un emisfero è in perenne oscurità, mentre l'altra parte è sempre illuminata dal sole. Gli esseri viventi, tra cui i Twi'lek, vivono in catacombe sotterranee. È un mondo caratterizzato da un livello tecnologico antiquato. Vi nascono Cham Syndulla e sua figlia Hera Syndulla. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel romanzo Lords of the Sith.

S[modifica | modifica wikitesto]

Saleucami[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno prevalentemente desertico con strana vegetazione a forma di bulbi di grosse dimensioni. Teatro di numerose battaglie delle Guerre dei Cloni. Qui la Maestra Jedi Stass Allie viene uccisa dai Cloni a seguito dell'Ordine 66. Appare ne La vendetta dei Sith e nella serie The Clone Wars.

Scipio[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta situato nell'Orlo esterno e Quartier generale del Clan Bancario Intergalattico. Vi nasce il senatore Rush Clovis, alleato dei Separatisti e pretendente di Padmé Amidala. Dove vi muore lui stesso per salvare proprio Amidala. La pronuncia del nome del pianeta, anche in italiano, è "Skipio". Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Serenno[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta boscoso e montuoso. Mondo natale del conte Dooku. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Stewjon[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta natale di Obi-Wan Kenobi. È composto da vaste praterie.

Stygeon Prime[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta montuoso e innevato occupato durante le Guerre dei Cloni dalla CSI. Su questo pianeta il Sith Darth Maul, ex-apprendista di Darth Sidious, viene da questi imprigionato nella Spirale, una prigione segreta impenetrabile di massima sicurezza. Il pianeta poi entrò a far parte dell'Impero e l'Inquisitore usò la Spirale per attirare Kanan Jarrus, Ezra Bridger, Hera Syndulla, Sabine Wren e Garazeb Orellios in una trappola, utilizzando come esca la Maestra Jedi Luminara Unduli in realtà morta da tempo. Appare nel fumetto Darth Maul - Son of Dathomir e nella serie Star Wars Rebels.

Sullust[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d'origine della specie Sullustan. Vi sono nati Nien Nunb, copilota di Lando Calrissian sul Millennium Falcon durante la battaglia di Endor e Ten Nunb, pilota di caccia B-Wing durante la stessa battaglia. Sede di un'importante società Imperiale, la SoroSuub Corporation, specializzata nel settore energetico, estrattivo, tecnologico e degli imballaggi. Il controllo della corporazione venne poi preso dall'Alleanza Ribelle dopo il crollo dell'Impero. Fu teatro anche di una battaglia durante le Guerre dei Cloni nel 21 BBY. La superficie è caratterizzata da vulcani, mentre nelle caverne sotterranee sono state costruite bellissime città, attrazione di visitatori da tutta la galassia, in particolare per i famosi mercati.

T[modifica | modifica wikitesto]

Tanaab[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno abitato in prevalenza da agricoltori, menzionato nel romanzo Tarkin e ne Il ritorno dello Jedi. Nell'Universo espanso è famoso per la battaglia che portò alla ribalta Lando Calrissian dopo gli eventi descritti ne L'Impero Colpisce Ancora. Lando aiutò eroicamente gli abitanti a difendersi e a cacciare definitivamente i pirati del pianeta Norulac, che periodicamente saccheggiavano le risorse di Taanab. Da quel momento Lando si unì alla Ribellione. Su questo pianeta il Jedi Jaden Korr dovette affrontare durante una missione un super rancor modificato da alcuni discepoli di Marka Ragnos.

Taris[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Taris.

Menzionato nel canone in Tarkin, nell'Universo espanso è un pianeta caotico costituito completamente da zone urbane, per cui è abitato da diversi miliardi di persone, sia umani che alieni. Il prodotto di maggiore esportazione è la birra tarisiana. La superficie del pianeta viene distrutta da Darth Malak nel 3 956 BBY.

Tatooine[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Tatooine.

Si trova nell'Orlo esterno della galassia. Pianeta semi-desertico orbitante attorno ad una stella doppia, tipico per la presenza di animali quali i Bantha, i Dragoni Krayt, i Dewback. Su Tatooine Anakin Skywalker ancora bambino viene scoperto da Qui-Gon Jinn. Successivamente vi cresce il giovane Luke Skywalker e qui incontra Obi-Wan Kenobi. Illuminato da due soli Tatoo I e Tatoo II, i principali insediamenti sono Anchorhead, Mos Espa e lo spazio-porto di Mos Eisley. È abitato stabilmente da coloni umani e pololazione indigena (i Jawa e i violenti Sabbipodi) (o predoni Tusken), e visitato da una moltitudine di razze aliene, pirati, contrabbandieri, malviventi e criminali, che possono agire quasi indisturbati lontano dalle leggi repubblicane prima, poi quelle imperiali. Qui ha la base delle sue attività illecite Jabba the Hutt, che vive in un palazzo nel deserto.

Terrelia[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Interno, luogo d'origine della specie Jango Jumper Terreliana.

Teth[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta giungla situato nello Spazio Selvaggio, sul quale era collocato un monastero B'Omarr e dove avvenne un'importante battaglia durante le Guerre dei Cloni. Qui era tenuto prigioniero il figlio di Jabba the Hutt, Rotta the Hutt, catturato da Asajj Ventress che fu salvato da Anakin Skywalker e Ahsoka Tano. Successivamente qui Obi-Wan Kenobi vi intraprese un duello con Ventress. Vi morì anche Ziro the Hutt per mano di una Pa'lowick traditrice, Sy Snootles, sua ex-fidanzata che poi farà parte della Max Rebo Band. Appare nel film Star Wars: The Clone Wars e nell'omonima serie animata.

Tibrin[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d'origine degli Ishi Tib. Le città sono costruite su palafitte su barriere coralline. Vi fu combattuta una battaglia durante le Guerre dei Cloni. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Toola[modifica | modifica wikitesto]

Freddo pianeta da dove proviene la brutale specie dei Whipid (simili a cinghiali) di cui fa parte J’Quille, uno dei tanti cacciatori di taglie presenti alla corte di Jabba the Hutt. Menzionato in Ultimate Star Wars.

Toydaria[modifica | modifica wikitesto]

Mondo natale della specie Toydariana, situato nello Spazio Hutt. Vi nacque Watto. Durante le Guerre dei Cloni, Yoda sfidò i droidi da battaglia di Dooku per ottenere la fiducia del sovrano di Toydaria, il re Katuunko. Il Maestro Jedi, con l'aiuto di tre cloni soldato, distrusse tutti i droidi e Kathunko decise di allearsi alla Repubblica. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Rugosa[modifica | modifica wikitesto]

Luna di Toydaria. Qui si svolsero trattative segrete tra il re Toydariano Katuunko,i Separatisti e i Repubblicani; alla fine il re scelse di unirsi alla Repubblica. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Trandosha[modifica | modifica wikitesto]

Mondo di origine della specie Trandoshan, una razza di rettili senzienti noti schiavisti di Wookie e patria di Bossk, il cacciatore di taglie, rivale di Boba Fett, assoldato da Darth Vader per trovare il Millennium Falcon e il suo equipaggio. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Wasskah[modifica | modifica wikitesto]

Luna di Trandosha. I Trandoshani avevano l'abitudine di lasciarvi là le loro prede per poi cacciarle, per il puro gusto di farlo. Vi furono intrappolati anche alcuni Padawan Jedi tra cui Ahsoka Tano i quali, grazie all'aiuto di Chewbacca, riuscirono a fuggire. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Trogan[modifica | modifica wikitesto]

Questo mondo fa parte del settore di Jospro dell'Orlo Esterno, famoso per la sua bellezza tanto da essere in competizione con il vicino Berchest per l'attrazione turistica. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

U[modifica | modifica wikitesto]

Umbara[modifica | modifica wikitesto]

Misterioso e oscuro pianeta all'interno della Nebulosa Fantasma e situato nella Regione di espansione. Pianeta natio degli Umbarani, fu invaso dal Grande Esercito della Repubblica durante le Guerre dei Cloni. Da qui proviene Sly Moore assistente di Palpatine. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Utapau[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta santuario dell'Orlo Esterno circondato da numerose lune. La superficie è caratterizzata da numerose fosse, molte delle quali adibite a funzione urbana. Dal momento che la superficie del pianeta è arida e spazzata da venti torridi, nelle conche hanno sede gli impianti di estrazione acquifera. Il pianeta funse da base operativa per la Confederazione dei Sistemi Indipendenti, e nella sua capitale Pau City, durante le Guerre dei Cloni, ebbero luogo molte riunioni del consiglio supremo Separatista. La pacifica popolazione degli Utapaiani si sottomise senza opporre alcuna resistenza al governo della Confederazione. Il pianeta diventò per qualche tempo il rifugio del Generale Kalesh Grievous, dopo l'aver fallito nel rapimento del cancelliere Palpatine. Qui si trovava infatti, nel decimo livello sotterraneo della più grande città-fossa, un enorme nucleo d'attacco Separatista con migliaia di droidi. Durante l'attacco nel 19 BBY comandato dal generale della Repubblica Obi-Wan Kenobi e dal Comandante Cody, l'esercito droide separatista venne annientato e il Generale dell'esercito confederato venne sconfitto dal maestro Jedi Obi-Wan Kenobi; dopo la sua vittoria fu inviato l'ordine 66 e tutti i cloni si rivoltarono contro il loro generale, ma il Jedi sopravvisse all'accaduto. Appare ne La vendetta dei Sith e in alcuni episodi inediti di Star Wars: The Clone Wars.

V[modifica | modifica wikitesto]

Vanqor[modifica | modifica wikitesto]

Vi precipitano il Conte Dooku, Obi-Wan Kenobi e Anakin Skywalker durante le Guerre dei Cloni, è un pianeta ostile abitato da feroci creature, i Gundark. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Vassek[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta dell'Orlo Esterno del settore di Wazta, brullo e inospitale e con diverse lune; la terza luna è sede del castello del generale Grievous. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Vendaxa[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta lussurreggiante con uno degli ecosostemi più ricchi della galassia. Il predatore Acklay, visto nell'arena di Geonosis, proviene dalle foreste di questo mondo.

Virujansi[modifica | modifica wikitesto]

È un pianeta all'estremo angolo della galassia, è inoltre i raggiungibile da astronavi di piccola dimensione. Il pianeta è stato tuttavia esplorato, presenta alberi altissimi, uniti in fitte foreste. Il pianeta è grande e ricco di acqua, presenta in più un popolo di umanoidi dalla pelle rosso scuro e con occhi gialli acceso, ancora però a uno stato primitivo Durante le Guerre dei Cloni Anakin Skywalker fu inviato su questo pianeta per completare una missione segreta.

W[modifica | modifica wikitesto]

Wor Tandell[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta che commercia con l'Impero Galattico, menzionato nel romanzo A New Dawn.

Y[modifica | modifica wikitesto]

Yag'Dhul[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d’origine dei Givin, esperti matematici dall’aspetto molto simile a scheletri. Uno di questi alieni appare seduto ad un tavolo nella cantina di Mos Eisley. Viene menzionato nel romanzo Tarkin.

Yavin[modifica | modifica wikitesto]

È il pianeta dell'Orlo esterno e gigante gassoso di colore arancione-rosso intorno a cui orbitano quattro lune, compresa Yavin IV.Appare in Una nuova speranza e nella serie a fumetti Princess Leia.

Yavin IV[modifica | modifica wikitesto]

Quarta luna del gigante gassoso Yavin costituito da enormi foreste. Su questa luna di Yavin l'Alleanza Ribelle fondò la propria base fino all'anno 0 BBY. La base fu scoperta e attaccata dall'Impero, ma i Ribelli riuscirono a distruggere la prima Morte Nera e a sventare l'attacco. Appare in Una nuova speranza e nella serie a fumetti Princess Leia. Nell'Universo espanso il Signore Oscuro dei Sith Exar Kun si ritirò qui rendendo schiava la razza Massassi. Quando la Repubblica vinse la guerra, lo spirito di Exar si legò agli antichi templi che giacevano in questi luoghi. Fu teatro dello scontro tra il Padawan Anakin Skywalker e Asajj Ventress in cui il Jedi ebbe la meglio.

Ylesia[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta d'origine del reek, uno dei tre animali visti nell'arena di Geonosis.

Z[modifica | modifica wikitesto]

Zanbar[modifica | modifica wikitesto]

Luna paludosa. Roccaforte della Ronda della Morte dopo l'abbandono del loro rifugio su Carlac. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars e nel fumetto Darth Maul - Son of Dathomir.

Zardossa Stix[modifica | modifica wikitesto]

Luna desertica e desolata caratterizzata dalla presenza di un'enorme piramide. Madre Talzin, leader delle Streghe di Dathomir, cercò di rubare l'essenza della Forza della regina di Bardotta Julia ma fu fermata da Mace Windu e Jar Jar Binks. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Zolan[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta natale della cacciatrice di taglie ingaggiata da Jango Fett Zam Wesell.

Zygerria[modifica | modifica wikitesto]

Pianeta che basava la sua fortuna sulla schiavitù e sul commercio degli schiavi, parte di un Impero schiavista che venne rovesciato dai Jedi. Fu alleato dei Separatisti durante le Guerre dei Cloni. Appare nella serie Star Wars: The Clone Wars.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Guerre stellari Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari