R2-D2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
R2-D2
R2-D2.jpg
R2-D2 nel film Guerre stellari
Universo Guerre stellari
Autore George Lucas
Studio Lucasfilm
1ª app. in Guerre stellari
Ultima app. in Rogue One
Interpretato da
Specie Droide astromeccanico (Astrodroide)
Sesso Programmazione maschile
Luogo di nascita Naboo
Affiliazione Repubblica Galattica
Alleanza Ribelle
Nuova Repubblica
Famiglia Skywalker

R2-D2 (denominato C1-P8 nella versione italiana della trilogia originale) è un personaggio immaginario dell'universo fantascientifico di Guerre stellari. È l'unico personaggio insieme a C-3PO ad apparire in tutti e nove i film della saga e nello spin-off Rogue One: A Star Wars Story.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Descrizione generica[modifica | modifica wikitesto]

È un droide specializzato nell'interfacciarsi con ogni sorta di computer, attivare ogni macchinario come ascensori, ed abile nelle riparazioni. Proveniente dal pianeta Naboo, è dotato di una buona dose di umorismo. È bravo a prendere certe iniziative impiegando metodi a volte poco ortodossi per aiutare i suoi amici. È l'inseparabile compagno del droide protocollare C-3PO (o, nella versione italiana della vecchia trilogia, D-3BO).

Owen Lars ipotizza che il suo particolare "carattere" sia dovuto all'assenza di cancellazioni di memoria regolari, il che in un droide può provocare instabilità. In effetti la memoria di R2-D2 non viene mai cancellata dalla fuga da Naboo in poi (cioè 36 anni prima della morte di Anakin Skywalker).

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

R2-D2 è alto 96 cm. Si sposta su tre "gambe" (inclusa una estraibile), ha un corpo cilindrico sormontato da una testa semisferica dotata, tra le altre cose, di un monocolo per vedere e un proiettore di immagini olografiche. Possiede diversi apparati meccanici all'interno del corpo, fra cui un saldatore ad arco, una sega circolare e una chiave per l'interfacciamento coi più svariati dispositivi di accesso e computer in uso nella Galassia. Questo fa apparire il droide come una sorta di "scatola da attrezzi".

Come tutti gli astrodroidi viene spesso utilizzato come navigatore a bordo dei caccia stellari e di altre astronavi, possiede quindi la capacità di stabilire rotte, eseguire i calcoli necessari al salto nell'iperspazio e manovrare i comandi della nave di concerto col pilota umano, che comunica con lui attraverso comandi vocali.

È in grado di interfacciarsi con qualsiasi computer, il che lo rende molto prezioso in missioni di infiltrazione e spionaggio, potendo prendere il controllo di tutti i sistemi nelle basi nemiche (per esempio ascensori e porte automatiche). Possiede inoltre una discreta abilità nelle riparazioni meccaniche.

Ha limitate capacità di combattimento, ma, grazie alla sua intelligenza artificiale nettamente superiore a quella di un droide da battaglia, è in grado di sconfiggere avversari molto più pericolosi e meglio armati di lui.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

La minaccia fantasma[modifica | modifica wikitesto]

Attorno al 32 BBY, R2-D2 era proprietà degli Ingegneri Reali di Naboo. Questi erano famosi per aver dato alle unità R2 molte aggiunte in termini di tecnologia, rendendoli pezzi pregiati e ricercati nella Galassia. R2 gioca un ruolo fondamentale nella fuga della regina Padmé Amidala dal pianeta occupato, riparando l'astronave reale dopo che questa viene danneggiata da una nave della Federazione dei Mercanti. Malgrado i danni all'iperguida, la nave riesce a giungere su Tatooine per effettuare le riparazioni. Qui R2 accompagna il Maestro Jedi Qui-Gon Jinn, Padmé Amidala e Jar Jar Binks a Mos Espa per cercare rifornimenti. In città, il gruppo incontra gli schiavi Anakin Skywalker e sua madre Shmi e il droide protocollare costruito da Anakin C-3PO, che in futuro diverrà la controparte di R2. Affrancato Anakin dalla schiavitù grazie a Qui-Gon, il gruppo si dirige su Coruscant, per poi tornare a Naboo per contrastare la Federazione; qui, nella battaglia contro l'astronave della Federazione, R2 e Anakin riescono a distruggerla, facendo vincere la battaglia anche contro le truppe di droidi. Tale vittoria viene però funestata dalla morte di Qui-Gon (ucciso dal misterioso Sith Darth Maul).

L'attacco dei cloni[modifica | modifica wikitesto]

Dieci anni dopo la battaglia di Naboo, R2-D2 è ancora sotto il servizio di Padmé Amidala (che, cessato il suo mandato come Regina, è ora la senatrice rappresentante di Naboo). Quando fallisce un attentato ad Amidala, il droide viene incaricato di svolgere il compito di guardiano. Una notte due velenosi Kouhun (introdotti dalla killer Zam Wesell) riescono a introdursi nella stanza della senatrice, senza che R2 riesca ad accorgersene; Padmé viene salvata dal tempestivo intervento di Anakin e il suo maestro Obi-Wan Kenobi (ex-padawan di Qui-Gon). In seguito a ciò, Anakin è incaricato dal Consiglio dei Jedi di riportare Padmé a Naboo e R2 segue i due giovani (che, nel frattempo, si innamorano) prima su tale pianeta e poi su Tatooine, dove accorrono per cercare Shmi, madre di Anakin. Qui, R2 ritrova C-3PO e, dopo la morte di Shmi, tutti e quattro partono per Geonosis per salvare Obi-Wan, catturato dal conte Dooku, ex-Jedi rinnegato, e dal viceré della Federazione dei Mercanti Nute Gunray. In una fonderia sul pianeta, salva Padmé e poi, durante la battaglia di Geonosis ripara C-3PO. Dopo tale battaglia assiste, insieme a C-3PO e pochi altri al matrimonio segreto tra Anakin e Padmé.

La vendetta dei Sith[modifica | modifica wikitesto]

Quando Anakin viene promosso al grado di Cavaliere Jedi, Padmé gli dona R2, il quale, per tutto il resto delle guerre, affianca il giovane Jedi e Obi-Wan. In seguito alla Grande Purga Jedi, alla trasformazione della Repubblica nell'Impero Galattico ad opera del malvagio Imperatore Palpatine, ai tragici avvenimenti di Mustafar (che causano la trasformazione di Anakin nel malvagio Signore Oscuro dei Sith Dart Fener e alla drammatica fine di Padmé (che muore dando alla luce i gemelli Luke e Leila), R2 e C-3PO rimangono senza padroni, finendo sotto la custodia di Bail Organa, il senatore amico e collega di Padmé che adotta Leila. Organa in seguito li cede a Raymus Antilles per servire sulla Tantive IV.

Rogue One[modifica | modifica wikitesto]

R2-D2 compare in un cameo in Rogue One accanto all'inseparabile compagno C-3PO.

Guerre stellari[modifica | modifica wikitesto]

Nello 0 BBY, sia R2-D2 che C-3PO si trovano a bordo del Tantive IV, in missione segreta riguardante il ritiro dei piani della stazione spaziale chiamata Morte Nera. Dopo l'attacco di Dart Fener alla nave, i due droidi riescono a fuggire a bordo di un guscio di salvataggio e atterrano su Tatooine. Su Tatooine i due vennero catturati dai Jawa e poi comprati da Owen Lars, sua moglie Beru Whitesun e il loro nipote, Luke Skywalker; quest'ultimo scopre casualmente il messaggio segreto di Leila contenuto nella memoria di R2. Quella notte, R2, determinato a terminare la missione affidatagli dalla principessa Leila, fugge nel deserto per cercare Obi-Wan Kenobi, a cui è destinato il messaggio. Il mattino seguente, dopo essere stato rintracciato da Luke e C-3PO, il gruppo viene aggredito dai Tusken e salvato proprio dall'anziano Obi-Wan che, una volta visionato il messaggio di Leila, decide di partire in suo soccorso. Con la morte di Owen e Beru Lars, anche Luke si unisce al vecchio Jedi e lascia il pianeta con lui e i droidi sul Millennium Falcon, comandato dal contrabbandiere Ian Solo e dal Wookiee Chewbecca. Giunto sulla Morte Nera, il gruppo riesce a salvare la principessa e a fuggire anche se Obi-Wan è costretto a sacrificarsi, lasciandosi uccidere dall'ex-allievo Dart Fener.

L'Impero colpisce ancora[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la distruzione della temuta stazione spaziale, R2 continua ad accompagnare Luke in svariate occasioni, come sul pianeta Dagobah, dove lo aiuta a trovare Yoda e assiste al suo addestramento Jedi; in seguito, giunge insieme a Luke su Bespin e aiuta il Millennium Falcon, con a bordo Leila, Chewbecca, C-3PO, Lando Calrissian (amico di Ian Solo, quest'ultimo congelato nella carbonite e catturato da Boba Fett), a fuggire da Fener, dopo aver recuperato Luke, sconfitto dal temuto Sith.

Il ritorno dello Jedi[modifica | modifica wikitesto]

Per salvare Ian Solo dal malvagio bandito Jabba the Hutt, a cui è stato consegnato da Boba Fett, Luke finge di donare R2 e C-3PO al gangster. In seguito, durante la battaglia al pozzo del Sarlacc, R2 permette a Luke di sconfiggere i vari nemici, consegnandogli la spada laser che aveva nascosto, e poi fugge col gruppo. Giunti sulla luna boscosa di Endor, R2 viene danneggiato dalle truppe imperiali mentre tenta di aiutare Ian Solo a far esplodere il generatore dello scudo deflettore che protegge la seconda Morte Nera. Riparato, assiste ai festeggiamenti della vittoria dell'Alleanza Ribelle sull'Impero.

Il risveglio della Forza[modifica | modifica wikitesto]

All'incirca trent'anni dopo la battaglia di Endor, R2-D2, temporaneamente disattivo, è al servizio della Resistenza, una forza militare a sostegno della Nuova Repubblica, di cui Leila Organa è generale. Durante lo scontro con il sinistro Primo Ordine (un movimento separatista generato dalle ceneri della caduta dell'Impero Galattico), C-3PO presenzia nella base della Resistenza, durante le operazioni militari, in attesa che il suo compagno R2-D2 si riattivi. Nel frattempo fa la conoscenza del piccolo droide astromeccanico BB-8. Dopo la distruzione della base Starkiller del Primo Ordine da parte della Resistenza, R2 si riattiva e rivela il pezzo mancante della mappa stellare per arrivare a Luke Skywalker.

Gli ultimi Jedi[modifica | modifica wikitesto]

Star Wars Legends[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la vittoria nella battaglia di Endor, R2-D2 aiuta la nuova Repubblica a sconfiggere l'Imperatore risorto e continua a rimanere al servizio degli Jedi del nuovo ordine.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • La pronuncia inglese della sigla R2 ("artoo") vuole ricordare il nome anglosassone Arthur[1].
  • R2 è stato interpretato da Kenny Baker in tutti i film della saga (fino a Star Wars: Il risveglio della Forza), attore affetto da nanismo che si trovava all'interno del modello meccanico del personaggio e lo manovrava. All'interno del "costume", Baker aveva una videocamera che gli mostrava l'ambiente intorno a lui in modo da potersi orientare.
  • R2-D2 è l'unico droide ad avere memoria di tutti gli avvenimenti della saga; infatti la sua memoria non è stata cancellata, a differenza di quella di C-3PO, ed è anche l'unico personaggio alla fine "vivo", poiché Anakin Skywalker, Obi-Wan Kenobi e Yoda sono morti, anche se sono dei Fantasmi di Forza.
  • Nel 1998, Dj Ufuk ha prodotto un brano progressive trance dal titolo R2D2
  • R2-D2 è stato inserito nella Robot Hall of Fame nel 2003.
  • Nel dicembre del 2013 viene rubata[2] in Texas a Chris Bartlett (attore che dà vita al droide C-3PO negli spot commerciali e negli eventi targati Star Wars) la copia a dimensione originale di R2-D2.
  • Ne I predatori dell'arca perduta, compare, nascosta tra i geroglifici egizi, la sagoma di R2-D2[3].
  • Il sistema anti-missile Phalanx CIWS ha ricevuto il soprannome "R2-D2".

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lorenzo Frati, La Guerra delle stelle: Il doppiaggio e l'adattamento italiano di Star Wars del '77, su Star Wars Athenaeum. URL consultato il 31 luglio 2014.
  2. ^ http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2014/01/04/foto/r2d2_stato_rubato_d3bo_lancia_l_allarme_su_internet-75106717/1/#1
  3. ^ La foto su Easter Eggs.com

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Guerre Stellari Portale Guerre Stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre Stellari