Rey (Guerre stellari)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Rey
Star Wars IX.png
Rey in L'ascesa di Skywalker
UniversoGuerre stellari
1ª app. inIl risveglio della Forza
Ultima app. inL'ascesa Skywalker
Interpretata da
Voce orig.Daisy Ridley (Rebels, Disney Infinity 3.0, LEGO Star Wars: Il risveglio della Forza, Forces of Destiny, Star Wars: Battlefront II videogioco 2017)
Voci italiane
SpecieUmana
SessoFemmina
Luogo di nascitaJakku
AffiliazioneNuova Repubblica, Jakku, Jedi, Luke Skywalker

Rey è un personaggio immaginario dell'universo fantascientifico di Guerre stellari e protagonista della trilogia sequel. È interpretata dall'attrice britannica Daisy Ridley.

Il personaggio[modifica | modifica wikitesto]

Daisy Ridley ha convinto i produttori a sceglierla per il ruolo di Rey grazie allo screen test, dove interpretava la scena in cui contrasta mentalmente Kylo Ren. Durante questo test Daisy ha dato prova di grande capacità di interpretazione.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Il risveglio della Forza[modifica | modifica wikitesto]

In una scena del settimo film della saga vediamo una piccola Rey abbandonata su Jakku nelle mani di un trafficante di rottami, Unkar Plutt. Vive cercando in relitti di astronavi pezzi di ricambio, da rivendere per misere porzioni di cibo.[1]

A un certo punto della sua vita incontra il piccolo droide BB-8, e seguendolo incontrerà Finn, uno Stormtrooper disertore del Primo Ordine. All'improvviso vengono attaccati da dei caccia nemici, che li costringono alla fuga sul Millennium Falcon, dove incontreranno il famoso contrabbandiere Ian Solo. Dopo varie vicende essi approdano sul pianeta Takodana, sul quale la ragazza fa la conoscenza di Maz Kanata, una saggia piratessa aliena proprietaria di un abbeveratoio. In questo luogo Rey sente una voce che la spinge ad addentrarsi nei sotterranei, dove trova, chiusa in una cassetta, una spada laser dei Jedi. Appena la tocca, la giovane ha delle visioni che comprendono lo sterminio di molti Jedi da parte di cavalieri mascherati, un droide, e lei abbandonata da bambina. Ancora sotto shock, Maz Kanata la trova, raccontandole che la spada laser in questione era quella appartenuta a Luke Skywalker (e a suo padre Anakin prima di lui), famoso cavaliere Jedi introvabile, e la invita a diventarne la nuova proprietaria. La ragazza, terrorizzata, rifiuta l'offerta e scappa. Durante la sua frenetica corsa, incontra il malvagio Kylo Ren, e prova a colpirlo con un blaster. Viene però immobilizzata e catturata, quindi sviene. Al suo risveglio Rey è legata a una sedia, e Kylo Ren prova a torturarla mentalmente ma invano. Appena il cavaliere Ren esce dalla stanza in cui lei si trova, Rey, con un trucco mentale (Jedi), convince uno Stormtrooper a liberarla, e riesce così a scappare. Sulla Base Starkiller (un pianeta ghiacciato convertito in una super-arma da parte del Primo Ordine), Rey si ricongiunge a Finn e Ian, assistendo però alla morte di quest'ultimo per mano del figlio Ben Solo, ovvero Kylo Ren. Ben insegue Rey e Finn nel bosco innevato, ferito da un colpo di balestra di Chewbecca, ma pronto a uccidere i due. Disarma e ferisce Finn in un combattimento tra spade laser: Infatti Maz aveva consegnato al giovane l'arma di Skywalker, in modo che Rey avesse potuto prenderla in custodia una volta pronta. Rey, è ormai forte nella Forza, recupera tramite essa la spada laser finita nella neve, e inizia un feroce combattimento con Kylo Ren, riuscendo a sfregiarlo in volto ed a metterlo fuori gioco, quando una voragine li divide inesorabilmente. Riesce a fuggire con Finn e Chewbecca, ed arriva sul pianeta della base della Resistenza, ed abbraccia distrutta Leila, a conoscenza della morte di Ian. Alla ragazza viene dato il compito di andare a cercare Luke Skywalker, cosa possibile grazie alle informazioni ottenute da BB-8, C-3PO e R2-D2, riattivatosi dopo tanto tempo.

Ella quindi parte sul Millennium Falcon alla volta dell'ultimo tempio Jedi sul pianeta acquatico di Ahch-To e, dopo una lunga scalinata, trova il Maestro Jedi; gli porge quindi la propria arma, invitandolo a riunirsi alla propria famiglia, senza ricevere alcuna risposta.

Gli ultimi Jedi[modifica | modifica wikitesto]

Rey chiede a Luke di tornare a combattere per la Resistenza, ma il Maestro Jedi risponde di essersi autoesiliato e di non voler tornare. Rey non desiste e insegue Luke nel suo rifugio. Posta di fronte a un nuovo diniego del maestro, Rey inizia ad esplorare il luogo, ed entra nel tronco di un gigantesco albero, dove trova gli antichi libri dell'ordine Jedi. Luke la raggiunge e le chiede chi fosse e cosa volesse. Rey risponde inizialmente di essere una combattente della Resistenza, ma infine non riesce a nascondere la propria inquietudine e rivela a Luke che "qualcosa" in lei, che era sempre stato presente, si era risvegliato, e aveva bisogno di aiuto. Luke intuisce il potenziale presente nella ragazza e, sebbene riluttante, accetta di farle da maestro nelle vie della Forza. Durante l'allenamento Rey stabilisce un insolito contatto telepatico con Kylo Ren, di cui Luke resta all'oscuro. Rey rimprovera Kylo di essere un mostro, di aver distrutto ciò che aveva di più caro. Quest'ultimo risponde che la ragazza non sapeva nulla. Dopo l'allenamento con Luke, durante il quale Rey dimostra una straordinaria affinità con la Forza, la ragazza viene attratta da una grotta dove alberga la presenza del Lato Oscuro, e chiede di conoscere i suoi genitori. Posta di fronte ad una parete trasparente, vi vede riflessa soltanto la propria immagine. In seguito a questo episodio, la ragazza si convince a persuadere Kylo Ren ad abbandonare il Lato Oscuro, e per questo si propone di raggiungerlo presso la base interstellare di Snoke. Luke la dissuade, dicendole che Kylo è perso, che aveva distrutto l'appena ricostituito ordine dei Jedi assieme al tempio in cui si stava allenando, ma Rey non demorde. Abbandona il tempio Jedi e, con il Millennium Falcon, si reca presso la nave interstellare di Snoke. Qui incontra Kylo Ren, che la ammanetta e la conduce dal Maestro del Lato Oscuro. Snoke mostra un potere immenso su Rey: la immobilizza con la Forza e la obbliga a vedere la disfatta della Resistenza. Infine, ordina a Kylo Ren di uccidere Rey, ma quest'ultimo, a sorpresa, taglia in due Snoke con la spada laser e, assieme a Rey, ingaggia battaglia contro le guardie pretoriane del Leader Supremo, sconfiggendole. Kylo dice a Rey di unirsi a lui per governare insieme la Galassia, ma lei si rifiuta.

A quel punto la ragazza si unisce definitivamente alla Resistenza e abbraccia con decisione il Lato Chiaro della Forza, ridando speranza all'ordine dei Jedi e al maestro Luke Skywalker.

L'ascesa di Skywalker[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Star Wars Rebels[modifica | modifica wikitesto]

Rey appare in cameo nella serie Star Wars Rebels doppiata dalla stessa Daisy Ridley.

Star Wars: Forces of Destiny[modifica | modifica wikitesto]

Rey appare anche nella serie Star Wars: Forces of Destiny doppiata dalla stessa Daisy Ridley.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Di razza umana, Rey è una ragazza di 19 anni, abbandonata dai genitori in tenera età sul pianeta desertico Jakku.

Rey è una ragazza di statura media, con capelli castani raccolti in tre ciocche e dagli occhi nocciola. Indossa una tenuta da "Scavenger", che comprende un copricapo ricavato da un elmetto Stormtrooper, abiti adeguati al clima desertico e una borsa capiente dove riporre i pezzi di ricambio. Possiede un bastone da combattimento, per allontanare i malintenzionati che si aggirano nei relitti e nei mercati neri, tra cui Teedo, una sua vecchia conoscenza.

Rey possiede uno speeder, veicolo costruito da lei stessa, e vive in un AT-AT abbandonato durante la battaglia di Jakku.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rey, su The Official StarWars.com Encyclopedia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]