Passo Pordoi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Passo Pordoi
Pordoi Pass - Canazei, Trento, Italy - August 12, 2013 03.jpg
Il passo Pordoi visto dal Sass Pordoi
StatoItalia Italia
RegioneVeneto Veneto Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige
ProvinciaBelluno Belluno Trento Trento
Località collegateCanazei
Arabba
Altitudine2 239 m s.l.m.
Coordinate46°29′04.92″N 11°50′09.96″E / 46.4847°N 11.8361°E46.4847; 11.8361Coordinate: 46°29′04.92″N 11°50′09.96″E / 46.4847°N 11.8361°E46.4847; 11.8361
InfrastrutturaStrada Statale 48 Italia.svg delle Dolomiti
Pendenza massima15%
Lunghezza12 km
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Passo Pordoi
Passo Pordoi

Il passo Pordoi (Pordoijoch in tedesco, Jouf de Pordoi in ladino) è un valico alpino delle Dolomiti posto a 2.239 m s.l.m., situato tra il Gruppo del Sella a nord e il gruppo della Marmolada a sud.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Il passo Pordoi in inverno

Congiunge Arabba, frazione del comune di Livinallongo del Col di Lana in Val Cordevole nella provincia veneta di Belluno, con Canazei, comune della Val di Fassa in provincia di Trento. Lungo la discesa verso Canazei ci si può collegare con il passo Sella deviando a destra dopo 6,5 km e salendo per 5,5 km.

L'Alta via n. 2, che parte da Bressanone e arriva fino a Feltre, attraversa il passo Pordoi.

Dal Passo si ha il più rapido accesso al gruppo del Sella (la cui maggior elevazione è il Piz Boè, 3152 m) per mezzo della funivia prodotta dalla Hölzl che, con un unico balzo, raggiunge i 2950 m s.l.m. del Sass Pordoi, lo sperone più meridionale del Gruppo del Sella.

Nel versante veneto del passo si trova un ossario che raccoglie, in una tomba comune, i resti di 454 caduti germanici e di 8.128 austro-ungarici caduti nel corso della Grande Guerra, provenienti dai vari cimiteri di guerra. Nei ripiani esterni sono invece tumulati, in tombe singole o combinate, i resti di 842 caduti tedeschi della Wehrmacht della Seconda guerra mondiale, provenienti dai cimiteri ubicati nella zona di Belluno.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Sci alpino[modifica | modifica wikitesto]

La zona intorno al passo è sede di numerosi impianti e piste da sci, che fanno parte del Sellaronda e del comprensorio sciistico del Dolomiti Superski.

Alpinismo[modifica | modifica wikitesto]

Il Sass Pordoi, ubicato subito a nord del passo, è famoso in ambito alpinistico per le vie di arrampicata storiche che sono state create su di esso: una fra tutte la "via Maria", creata dalla guida Tita Piaz negli anni trenta.

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Monumento in onore di Fausto Coppi sul Passo Pordoi.
Ciclisti scalano il Pordoi dal versante di Arabba

Pur non avendo pendenze e difficoltà impossibili (pendenza media poco superiore al 6% da entrambi i versanti), è famoso tra i cicloamatori sia per la bellezza del territorio in cui è immerso, sia perché è stato scalato fin dagli anni '40 dal Giro d'Italia. Inoltre è uno dei passi compresi nel Sellaronda e nella Maratona delle Dolomiti, gara di granfondo ciclistica.

Dal 2006 è anche teatro della cronoscalata amatoriale valida per l'AmaTour (la Coppa del Mondo Cicloamatori): la Arabba - Passo Pordoi[1].

Giro d'Italia[modifica | modifica wikitesto]

Il Passo Pordoi è stato scalato per la prima volta nel 1940 al Giro d'Italia, ed è uno dei più famosi passi dolomitici percorsi svariate volte, che hanno visto negli anni le imprese dei campioni del passato (vi si trova infatti anche un monumento a Fausto Coppi). Inoltre dal 1965, anno di istituzione della Cima Coppi, è stato per ben 13 volte il passaggio più alto della competizione, l'ultima delle quali nel 2002. Per 4 volte è stato sede di arrivo di tappa, nelle edizioni 1990, 1991, 1996 e 2001. I passaggi GPM sul Pordoi, dal 1940 ad oggi, sono stati 40.

Di seguito i vari passaggi al Giro d'Italia (in grassetto le edizioni in cui il Pordoi è stato Cima Coppi):[2][3]

Anno Tappa Primo in vetta Versante scalato
1940 17ª: Pieve di Cadore > Ortisei Italia Gino Bartali Arabba
1947 17ª: Pieve di Cadore > Trento Italia Fausto Coppi Arabba
1948 17ª: Cortina d'Ampezzo > Trento Italia Fausto Coppi Arabba
1949 11ª: Bassano del Grappa > Bolzano Italia Fausto Coppi Canazei
1950 9ª: Vicenza > Bolzano Francia Jean Robic Canazei
1952 11ª: Venezia > Bolzano Italia Fausto Coppi Arabba
1953 19ª: Auronzo di Cadore > Bolzano Svizzera Hugo Koblet Arabba
1954 20ª: San Martino di Castrozza > Bolzano Italia Fausto Coppi Canazei
1955 19ª: Cortina d'Ampezzo > Trento Spagna José Serra Gil Arabba
1958 17ª: Levico Terme > Bolzano Belgio Jean Brankart Canazei
1961 19ª: Vittorio Veneto > Trento Italia Vito Taccone Arabba
1966 20ª: Moena > Belluno Italia Franco Bitossi Canazei
1967 20ª: Cortina d'Ampezzo > Trento Spagna Aurelio González Arabba
1970 20ª: Dobbiaco > Bolzano Italia Luciano Armani Arabba
1971 18ª: Lienz > Falcade Italia Marino Basso Arabba
1975 20ª: Pordenone > Alleghe Spagna Francisco Galdós Canazei
1977 17ª: Conegliano > Cortina (Col Drusciè) Svizzera Ueli Sutter Canazei
1979 17ª: Pieve di Cadore > Trento Italia Leonardo Natale Arabba
1983 20ª: Selva di Val Gardena > Arabba Spagna Marino Lejarreta Arabba
1984 20ª: Selva di Val Gardena > Arabba Francia Laurent Fignon Arabba
1986 21ª: Bassano del Grappa > Bolzano Spagna Pedro Muñoz Canazei
1987 16ª: Sappada > Canazei Francia Jean-Claude Bagot Passo Sella
1989 14ª: Misurina > Corvara in Badia Italia Roberto Conti Canazei
1990 16ª: Dobbiaco > Passo Pordoi Italia Maurizio Vandelli (1º passaggio)
Francia Charly Mottet (arrivo)
Passo Sella (1º passaggio)
Canazei (arrivo)
1991 17ª: Selva di Val Gardena > Passo Pordoi Italia Franco Vona (1º passaggio)
Italia Franco Chioccioli (arrivo)
Canazei (2 volte)
1992 14ª: Corvara in Badia > Monte Bondone Italia Claudio Chiappucci Arabba
1993 14ª: Corvara in Badia > Corvara in Badia Spagna Miguel Indurain (1º passaggio)
Italia Franco Vona (2º passaggio)
Canazei (2 volte)
1996 20ª: Marostica > Passo Pordoi Italia Mariano Piccoli (1º passaggio)
Italia Enrico Zaina (arrivo)
Canazei (2 volte)
1997 19ª: Predazzo > Falzes Colombia José Jaime González Passo Sella
2001 13ª: Montebelluna > Passo Pordoi Colombia Freddy González (1º passaggio)
Messico Julio Alberto Pérez Cuapio (arrivo)
Canazei (2 volte)
2002 16ª: Conegliano > Corvara in Badia Messico Julio Alberto Pérez Cuapio Canazei
2006 19ª: Pordenone > Passo San Pellegrino Italia Fortunato Baliani Canazei
2008 15ª: Arabba > Passo Fedaia Italia Emanuele Sella Arabba
2016 14ª: Alpago (Farra) > Corvara in Badia Italia Damiano Cunego Arabba
2017 18ª: Moena > Ortisei Italia Diego Rosa Canazei

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Pordoijoch Ost.jpg
Ingrandisci
Vista dal Passo Pordoi verso Est (Veneto): Belvedere, Porta Vescovo; in fondo Livinallongo del Col di Lana, le Tofane, il gruppo del Nuvolau, il gruppo Croda da Lago-Lastoi de Formin ed in parte celati dalle nubi il Sorapis e l'Antelao

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sito ufficiale dell'Amatour
  2. ^ CyclingCols - Passo Pordoi, su www.cyclingcols.com. URL consultato il 20 giugno 2019.
  3. ^ Giro d'Italia (Ita) - Cat.2.UWT, su www.memoire-du-cyclisme.eu. URL consultato il 10 giugno 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]