Dolomiti Superski

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di skipass RFID utilizzato del comprensorio sciistico

Il Dolomiti Superski è uno dei più importanti comprensori sciistici italiani e mondiali comprendente gran parte delle piste da sci invernali delle Dolomiti, per un totale di 1.220 km di piste divise in 12 zone sciistiche. È nato nel 1974 ed è situato nelle province di Trento, Bolzano e Belluno.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dolomiti Superski è il maggiore comprensorio sciistico d'Italia nonché uno dei più grandi del mondo. Si estende nelle Alpi sud-orientali tra l'Alto Adige, il Trentino e il Bellunese.

Il Dolomiti Superski offre 450 impianti di risalita e 1200 chilometri di piste, di cui circa la metà direttamente collegati tra di loro, e tutti usufruibili con un unico skipass. A questo si aggiungono 1000 chilometri di piste predisposte per l'innevamento programmato, dove la sciabilità è garantita da dicembre fino ad aprile.

L'organizzazione Dolomiti Superski è formata da un consorzio rappresentato dai soci titolari di uno o più impianti a fune di vario tipo.

Il comprensorio è composto da:

  1. Cortina d'Ampezzo
  2. Plan de Corones
  3. Alta Badia
  4. Val Gardena - Alpe di Siusi
  5. Val di Fassa - Carezza
  6. Arabba - Marmolada
  7. Tre Cime/Drei Zinnen
  8. Val di Fiemme - Obereggen
  9. San Martino di Castrozza - Passo Rolle
  10. Valle Isarco - Plose/Gitschberg - Jochtal
  11. Alpe Lusia - San Pellegrino
  12. Civetta

Skitour[modifica | modifica wikitesto]

All'interno dell'area coperta dal Dolomiti Superski c'è la possibilità di percorrere numerosi tour sciistici contraddistinti da un'apposita segnaletica.

Skitour Olimpia[modifica | modifica wikitesto]

Lo Skitour Olimpia si trova a Cortina d'Ampezzo e permette di sciare sulle piste olimpiche della località bellunese. Conta in tutto 140 km di piste, dalle Tofane alla "nera" del Canalone Staunìes, pista consigliata solo a sciatori provetti ed aperta solo in ottime condizioni della neve.

Skitour delle leggende ladine[modifica | modifica wikitesto]

Lo Skitour delle leggende ladine parte da San Vigilio per arrivare a Plan de Corones passando per alcune valli ladine molto caratteristiche che ricordano le numerose fiabe locali.

Skitour tra parchi naturali[modifica | modifica wikitesto]

Questo skitour si trova in Alta Badia e deve il suo nome al fatto che il tour passa tra il parco naturale Puez-Odle e il parco naturale Fanes - Sennes e Braies. Si parte da Colfosco verso la Valle Stella Alpina per poi dirigersi verso Corvara e scendere a La Villa. Da qui si raggiunge Gardenazza e in seguito Pedraces fino al santuario di Santa Croce.

Skitour dei Campionati mondiali 70[modifica | modifica wikitesto]

Si parte da Ortisei per arrivare al Seceda si scende a Santa Cristina Valgardena. Per attraversare il paese è stato costruito il trenino Gardena Ronda Express. Si sale al Ciampinoi, si scende a Selva lungo la pista Tre, si sale al Passo Gardena. Si ridiscende a Selva di Val Gardena sulla pista Cir, quindi si torna sul Ciampinoi per affrontare la mitica Saslong. Si riprende il trenino per il Col Raiser e Seceda e si torna lungo una delle piste più lunghe e più belle delle Dolomiti chiamata La longia a Ortisei.

Skitour delle streghe[modifica | modifica wikitesto]

Skitour che si snoda sull'Alpe di Siusi nella zona che le leggende popolari vogliono abitata da streghe.

Skitour Panorama[modifica | modifica wikitesto]

Lo Skitour Panorama collega la conca del Ciampac ad Alba di Canazei con Pozza di Fassa salendo fino a quota 2428 m.

Skitour Marmolada[modifica | modifica wikitesto]

La Marmolada è la cima più alta delle Dolomiti con i suoi 3342 m. Si raggiunge con gli sci partendo da Arabba passando per Porta Vescovo e da Malga Ciapela o direttamente da qui. La cima del ghiacciaio la si raggiunge con una moderna e veloce funivia a tre tronchi, recentemente rimodernata.

Skitour Grande Guerra[modifica | modifica wikitesto]

Questo skitour permette agli sciatori di visitare i luoghi più importanti della I Guerra Mondiale passando ai piedi di celebri montagne come il Gruppo del Sella, la Marmolada, il Civetta, le Tofane e Lagazuoi. Il giro della Grande Guerra è lungo in tutto un centinaio di chilometri, ed è percorribile in gran parte con gli sci ai piedi ma in alcuni tratti bisogna servirsi dello skibus gratuito o di taxi a pagamento. Alla stazione di arrivo del secondo tratto della cabinovia che da Malga Ciapela porta alla Marmolada, è inoltre possibile visitare un museo dedicato alla prima guerra mondiale.

Sellaronda[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Sellaronda.

Il Sellaronda (detto anche Giro dei quattro passi) è il più importante e famoso skitour delle Dolomiti. Si articola sui passi dolomitici Sella, Pordoi, Campolongo e Gardena. È percorribile in entrambi i sensi.

Piste da sci più apprezzate[modifica | modifica wikitesto]

  • Saslong (Val Gardena - Santa Cristina), utilizzata per le gare di discesa libera e super G di Coppa del Mondo.
  • Cir (Val Gardena - Selva), pista utilizzata per la discesa libera femminile dei mondiali del '70.
  • Gran Risa (Alta Badia - La Villa), utilizzata per le gare di slalom gigante di Coppa del Mondo. Anche la variante Alting è molto frequentata ed apprezzata.
  • La bellunese (Arabba - Marmolada), la pista della Marmolada, che scende dai 3200 m di Punta Rocca fino ai 1400 di Malga Ciapela.
  • Piste di Porta Vescovo, tra cui la Fodoma, la Sourasass, la Ornella e la Salere ,tutte piste di media-alta difficoltà.
  • Vallon e Boè (Alta Badia - Corvara) piste di media difficoltà, molto frequentate.
  • Sylvester e Hernegg (Plan de Corones - Brunico) piste molto lunghe difficili.
  • Olimpia (Val di Fiemme/Obereggen - Alpe Cermis), parte dai 2.250 m del Paion del Cermis e finisce nel fondovalle a valle di Cavalese (850 m), quindi possiamo dire che affronta 2.400 m di dislivello in 7.500 m di lunghezza. Essa è suddivisa in tre parti: Olimpia I (nera), Olimpia II (nera) ed Olimpia III (rossa), dove solo quest'ultimo tratto dispone anche dell'illuminazione in notturna. Sempre al Cermis anche la pista Prafiorì merita di essere nominata.
  • Trametsch (Valle Isarco - Plose), una delle piste più lunghe d'Europa.
  • ' Aloch (Val di Fassa - Pozza di Fassa), si effettuano competizioni di Coppa Europa di slalom speciale. Altre piste in Val di Fassa sono: il rientro del Ciampac (detta anche "del Bosco"), la Thoeni (skiarea Catinaccio) e la Vulcano (skiarea Buffaure).
  • Tognola Uno (San Martino di Castrozza), considerata una delle 12 più belle piste delle Dolomiti è lunga 5 km. A Passo Rolle, ai piedi delle Pale di San Martino c'è la pista Paradiso I.
  • Col Margherita e La Volata (Passo San Pellegrino) entrambe le piste sono servite dalla funivia del Col Margherita e di alta difficoltà, la seconda è nuova per la stagione 2016/17.
  • Allo Ski Center Latemar (Val di Fiemme - Obereggen) la Torre di Pisa e Pala di Santa sono molto impegnative ed apprezzate, per non dimenticare Oberholz (pista di Coppa Europa maschile) e Agnello con le sue numerose varianti.
  • Piavac (Alpe Lusia), pista molto ripida, in particolare i due muri iniziale (raggiungono il 55% di pendenza). Altre piste divertenti all'Alpe Lusia sono la Fiamme Oro (I+II) per non dimenticare la Lastè e la Zirmes, piste molto panoramiche.
  • Lagazuoi ed Armentarola (Passo di Falzarego - Alta Badia) piste di media difficoltà.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]