Alta via n. 2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alta via n. 2
via delle leggende
(DE) Höhenweg Nr. 2
SimboloAltavia2.gif
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Trentino-Alto Adige Trentino-Alto Adige, Veneto Veneto
Provincia Bolzano Bolzano, Trento Trento, Belluno Belluno
Catena montuosa Dolomiti
Coordinate: 46°23′15″N 11°49′12″E / 46.3875°N 11.82°E46.3875; 11.82
Percorso
Tipo sentiero escursionistico
Partenza Bressanone
Arrivo Feltre
Lunghezza 185 km
Altitudine max. Piz Boè (3.152 m)
Tipo superficie mista
Aspetti escursionistici
Percorribile a piedi
Stagione estate
Accesso gratuito
Percorrenza a piedi
Tempo andata 12 giorni
Difficoltà medio

L'alta via n. 2 (in tedesco Höhenweg Nr. 2), detta via delle leggende, è un'alta via situata sulle Dolomiti che parte da Bressanone e arriva a Feltre.

Ci si impiega circa 12 giorni a concluderla, per un totale di circa 185 km, e un dislivello totale di circa 11.000 metri.

La cima più alta su cui si arriva è il Piz Boè (3.152 m), se non si sale sulla regina delle Dolomiti, la Marmolada.

L'alta via attraversa 6 diversi gruppi montuosi:

L'alta via n.2 è la prosecuzione verso sud dell'alta via Europa.

Itinerario[modifica | modifica wikitesto]

Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero generare situazioni di pericolo o danni. Le informazioni hanno solo fine illustrativo, non esortativo né didattico. L'uso di Wikipedia è a proprio rischio: leggi le avvertenze.

Tappa 1. Bressanone - Rifugio Plose (Plosehütte)[modifica | modifica wikitesto]

Vista della Plose e della sottostante città di Bressanone.

Da S. Andrea in Monte (961 m) al rifugio Plose (Plosehütte 2447 m) - Percorrenza: 4,30 h - Dislivello: 1450 m - Difficoltà: E (Escursionistico)

Tappa 2. Rifugio Città di Bressanone (Plosehütte) - Rifugio Genova (Schlüterhütte)[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 3. Rifugio Genova (Schlüterhütte) - Rifugio Puez[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 4. Rifugio Puez - Rifugio Franco Cavazza al Pisciadù[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 5. Rifugio Franco Cavazza al Pisciadù - Passo Fedaia[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 6. Passo Fedaia - Passo San Pellegrino[modifica | modifica wikitesto]

L'Alta via 2 nei pressi di Fuciade
Variante alla sesta tappa con salita alla Marmolada

La sesta tappa "classica" prevede di aggirare la Marmolada, scendendo a valle lungo la noiosa strada asfaltata o con l'utilizzo di mezzi pubblici. Il rifugio Pian dei Fiacconi offre la possibilità di entrare nel gruppo della Marmolada lungo il ghiacciaio del Vernel, fino all'attraversamento la forcella Marmolada, per poi scendere verso il rifugio Contrin e da lì, attraverso il passo delle Cirelle, fino al rifugio Fuciade e passo San Pellegrino.

Tappa 7. Passo San Pellegrino - Rifugio Giuseppe Volpi al Mulaz[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 8. Rifugio Giuseppe Volpi al Mulaz - Rifugio Pedrotti alla Rosetta[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 9. Rifugio Pedrotti alla Rosetta - Rifugio Treviso[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 10. Rifugio Treviso - Passo Cereda[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 11. Passo Cereda - Rifugio Bruno Boz[modifica | modifica wikitesto]

Tappa 12. Rifugio Bruno Boz - Rifugio dal Piaz - Feltre[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mario Brovelli e Sigi Lechner, Alta via delle leggende (n. 2), da Bressanone a Feltre (Collana "Itinerari Alpini"), Tamari Editori, Bologna 1973
  • Paolo Cervigni, Alta via n. 2 delle Dolomiti, da Bressanone a Feltre (Collana "I Grandi Trekking"), L'escursionista Editore, Rimini 2012

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Montagna Portale Montagna: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di montagna