Nights into Dreams...

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nights into Dreams...
videogioco
Nights into Dreams....jpg
NiGHTS nel livello Splash Garden
Titolo originaleNights
PiattaformaSega Saturn, PlayStation 2
Data di pubblicazioneSega Saturn:
Giappone 5 luglio 1996
Flags of Canada and the United States.svg 31 agosto 1996
Zona PAL 7 ottobre 1996

Christmas Nights:
Giappone 22 novembre 1996
Flags of Canada and the United States.svg 12 dicembre 1996
Zona PAL 1996
PlayStation 2:
Giappone 21 febbraio 2008
PlayStation Network:
Giappone 4 ottobre 2012
Flags of Canada and the United States.svg 2 ottobre 2012
Zona PAL 3 ottobre 2012
Xbox Live:
Mondo/non specificato 5 ottobre 2012
Steam:
Mondo/non specificato 17 dicembre 2012

GenereAzione
TemaFantascienza, Avventura
OrigineGiappone
SviluppoSonic Team (Saturn), Sega Studio China (PS2, PS3, Xbox 360, PC)
PubblicazioneSEGA
DirezioneNaoto Ōshima
ProduzioneYūji Naka
DesignTakashi Iizuka
ProgrammazioneYūji Naka
Direzione artisticaKazuyuki Hoshino, Naoto Ōshima
MusicheNaofumi Hataya, Tomoko Sasaki, Fumie Kumatan
Modalità di giocoGiocatore singolo, multigiocatore
Periferiche di inputGamepad, DualShock 2, tastiera
SupportoCD-ROM, DVD, download
Distribuzione digitalePlayStation Network, Xbox Live, Steam
Fascia di etàCEROA · ELSPA: 3+ · ESRBE · OFLC (AU): G · PEGI: 7 · USK: 6
SerieNiGHTS
Seguito daNights: Journey of Dreams

Nights into Dreams... (ナイツ Naitsu?) (reso graficamente come NiGHTS into DREAMS...), è un videogioco pubblicato dalla SEGA nel 1996 per console Sega Saturn[1]. La storia del gioco segue due ragazzini che entrano in un mondo onirico, dove sono guidati dal protagonista del gioco, chiamato NiGHTS.

Nights into Dreams... è stato sviluppato dalla Sonic Team, e prodotto da Yūji Naka (anche nelle vesti di programmatore) e Naoto Ōshima, che ha lavorato invece come character designer e regista. Le intenzioni degli sviluppatori erano di rendere la sensazione del volo come elemento centrale del gameplay[2], attraverso una combinazione di grafica 2D e 3D.

Verso la fine del 1996 uscì un'edizione speciale a tema natalizio intitolata Christmas Nights, sempre per Sega Saturn[3]. Il videogioco è stato ripubblicato per PlayStation 2 il 21 febbraio 2008 esclusivamente in Giappone[4]. Una versione HD[5] è invece stata distribuita nell'ottobre 2012 per Steam, PlayStation Network[6] e Xbox Live[7].

Nights into Dreams... è stato acclamato dalla critica, la quale ha elogiato la grafica, il gameplay, la colonna sonora e l'atmosfera, ed è considerato uno dei migliori videogiochi di tutti i tempi.[8][9][10][11][12]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Ogni notte, quando si va a dormire, si entra nel mondo onirico di Nightopia o in quello di Nightmare, dove vengono rappresentati i sogni e gli incubi delle persone. La pace che vive in questo mondo viene però interrotta dal malvagio Wizeman, uno stregone assetato di potere: il suo obiettivo è rubare dalle persone dormienti le Ideya, sfere di energia rappresentanti vari aspetti della psiche, per diventare ancora più potente ed entrare nella nostra realtà. Per realizzare il suo obiettivo dà vita a delle creature demoniache con il nome di Nightmaren, tra i quali Reala e il "fratello" Nights: quest'ultimo, ribellandosi a Wizeman, viene rinchiuso all'interno di una piccola struttura dal nome di Ideya Palace. Nella città immaginaria di Twin Peaks, nel frattempo, due ragazzini di nome Elliot Edwards e Claris Sanders tornano a casa delusi di loro stessi: il primo per aver perso una partita di basket, la seconda per aver cantato male durante un'audizione. Andando a dormire, si ritrovano a Nightopia e incontrano Nights, offrendosi di aiutarlo a sconfiggere Wizeman; è così che l'avventura ha inizio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Daniel Kurland, Wii Sports & 9 More Games Designed To Show Off A Console's Controller, su Comic Book Resources, 12 luglio 2021. URL consultato il 31 luglio 2021.
  2. ^ (EN) Get the Facts Edge Interview, su homepage.ntlworld.com. URL consultato il 31 luglio 2021 (archiviato dall'url originale il 26 marzo 2005).
  3. ^ (EN) Robert Workman, Sega and Nintendo Console War: Greatest Moments, su Prima Games, 13 maggio 2014. URL consultato il 14 ottobre 2019.
  4. ^ (JA) Nights into Dreams Remake, su SEGA. URL consultato il 4 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  5. ^ I nuovi remake HD, in Play Generation, n. 82, Edizioni Master, agosto 2012, p. 5, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  6. ^ Nights vola su PS3, in Play Generation, n. 82, Edizioni Master, agosto 2012, p. 7, ISSN 1827-6105 (WC · ACNP).
  7. ^ (EN) Wesley Yin-Poole, NiGHTS into Dreams HD announced, su Eurogamer, Eurogamer Network, 5 luglio 2012. URL consultato il 4 novembre 2015.
  8. ^ (EN) Game Search, su Game Data Library.
  9. ^ (EN) The Top 100 Games of All Time!, su IGN, 2007. URL consultato il 28 ottobre 2017.
  10. ^ (EN) The 50 Best Video games: A Legend In Your Own Living-Room, su The Independent, 6 febbraio 1999.
  11. ^ Tony Mott, 1001 Video Games You Must Play Before You Die, Universe Publishing, 2013, ISBN 978-1844037667.
  12. ^ Gamereactor Kårer Tidenes 100 Beste Spill!, su Gamereactor, 31 agosto 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàBNF (FRcb17713554k (data)
  Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi