Nar Shaddaa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nar Shaddaa
Altri nomiVertical City, the Smugglers' Moon, Little Coruscant
TipoSatellite naturale
Creazione
SagaGuerre stellari
Caratteristiche immaginarie
Finedistrutta nel 20 ABY
SistemaSistema di Y'Toub
PianetaNal Hutta
DimensioniØ 4750 km
Abitanti85 miliardi
RazzeGank, Evocii, Umani, Gran, Rodian
LingueGalattico Standard
TerrenoUrbano, completamente edificato
Periodo rotazione87 ore
Periodo rivoluzione413 giorni

Nar Shaddaa è un pianeta immaginario della saga fantascientifica di Guerre stellari. Si tratta di una luna che orbita attorno al pianeta Nal Hutta. Meglio conosciuta come la Luna dei Contrabbandieri (the Smugglers' Moon), essa è molto simile a Coruscant e quindi è chiamata anche Piccola Coruscant (Little Coruscant), essendo completamente ricoperta da una gigantesca città.

È una delle ambientazioni visitabili in Star Wars: Knights of the Old Republic II: The Sith Lords e in Star Wars: Jedi Knight: Dark Forces II, e in Star Wars: The Old Republic.[1]

Star Wars Legends[modifica | modifica wikitesto]

Quando gli Hutt, nel 15000 BBY, lasciarono il loro pianeta originario, Varl, e giunsero su Nal Hutta, deportarono gli Evocii originari di quello stesso pianeta (che loro chiamavano Evocar), su Nar Shaddaa[2] dove li utilizzarono come schiavi nella costruzione dei porti spaziali. Fra questi porti spaziali la città crebbe rapidamente sviluppandosi verticalmente e diventando ben presto un ricchissimo snodo commerciale della galassia. Nel 4000 BBY le vie commerciali vennero spostate e Nar Shaddaa perse all'improvviso la sua principale fonte di ricchezza ma anche la protezione e l'interesse della Repubblica Galattica: in pochi decenni i clan Hutt e le organizzazioni criminali trasformarono la luna nel principale centro di operazioni illegali nella galassia, guadagnandosi il nome di Luna del Contrabbandiere. Dopo le Guerre Mandaloriane.[3] e la Guerra Civile Jedi Nar Shaddaa venne presa d'assalto da milioni di profughi provenienti dai mondi distrutti dal lungo periodo di guerra, e ancor di più dagli ex soldati di entrambe le parti in conflitto: a lungo il suo settore rifugiati è stato uno dei più affollati in tutta la galassia, e strettamente controllati dallo Scambio. L'Esule Jedi visitò il pianeta assieme all'equipaggio della Ebon Hawk nel 3.951 BBY.

Nel 3 BBY, Galen Nion Marek viaggiò fino a Nar Shaddaa sotto gli ordini di Dart Fener per uccidere il Jedi Rahm Kota, che stava attaccando il cantiere imperiale orbitale.

Nel 5 BBY, nella città verticale Nar Shaddaa,[4] Kyle Katarn fu attirato in una trappola da un droide, 8t88, che lo voleva uccidere. L'incontro avvenne in un bar, il Rimmer's Rest. 8t88 mostrò a Katarn un disco olografico crittato, che aveva incisa importanti informazioni sulla Valle dei Jedi, un luogo contenente un tesoro inestimabile che conferiva una Forza inaudita a chi vi si trovava ad assorbirla. Poi 8t88 ordinò a due suoi accoliti, un Gran e un Tasken di ammazzare Katarn e se ne andò via. Ma Katarn diede una spallata al Gran che fuggì e poi ammazzò il Tasken con un colpo di Bryar pistol.[5] Kyle inseguì il droide attraverso la città, contrastato da molti delinquenti e contrabbandieri Gran e Rodian e alla fine riuscì a colpire 8t88 ad una spalla, staccandogli il braccio con il disco olografico, che finirono in un canale fognario e vennero recuperati da Kyle.[6]. Jan Ors recuperò Kyle ferito, da un tetto della città e assieme ritornarono a Sulon, con la Nebulon B,[7] nella villa di campagna del padre Morgan Katarn. Qui Kyle fece leggere il disco olografico da un droide che si chiamava WeeGee.[8]. Nella proiezione olografica Morgan Katarn, il padre di Kyle, rivelò che il tetto del suo laboratorio conteneva la mappa della Valle dei Jedi. Poi disse al figlio di prendere la spada laser di Qu Rahn, conservata in uno scompartimento segreto di WeeGee. Dato che il tetto era stato rubato da Sariss, Boc e Yun e portato nella fortezza di Barons Hed su Sulon, Kyle si fece trasportare da Jan Ors, con la Moldy Crow, a Barons Hed.

Attorno al 20 ABY, la luna venne devastata dagli Yuuzhan Vong, provocando l'apparente sterminio degli ultimi Evocii rimasti. Successivamente, per diverso tempo, a seguito della Vongformazione alcune parti della luna tornarono ad assumere il loro aspetto originario prima dell'arrivo degli Hutt.

Apparizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Nar Shaddaa. Star War. The old republic.
  2. ^ (EN) Nar Shaddaa Legends. Starwars. Wikia.
  3. ^ (EN) Mandalorian wars. Starwars. Wikia.
  4. ^ nell'episodio Double-Cross on Nar Shaddaa (doppia croce a Nar Shaddaa), del videogioco di Star Wars: Jedi Knight: Dark Forces II,
  5. ^ Bryar pistol. Star Wars. Wikia.
  6. ^ (EN) Mission to Nar Shaddaa_. Star Wars. Wikia.
  7. ^ Fregata di scorta EF76 Nebulon-B. Starwars. Wikia.
  8. ^ (EN) WeeGee. Star Wars. Wikia.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Video[modifica | modifica wikitesto]

Filmato audio(EN) LightningBoltForever, Star Wars Jedi Knight: Dark Forces II - (Level 1) Double-Cross on Nar Shaddaa, 11 ago 2013.
«Nel ruolo di Kyle Katarn dobbiamo andare a incontrare 8t88 che ha rubato il disco di dati di Morgan Katarn, ma 8t88 poco sa delle informazioni critiche che detiene.».

Filmato audio(EN) LightningBoltForever, Star Wars Jedi Knight: Dark Forces II - (Level 2) The Lost Disk, 12 ago 2013.
«Dopo essere riuscito a staccare il braccio di 8t88 prima che scappasse, Kyle si incammina attraverso le fogne di Nar Shaddaa per trovare il disco di dati e, infine, raggiungere i tetti per incontrarsi ed essere recuperato da Jan Ors.».

Guerre stellari Portale Guerre stellari: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Guerre stellari