Maria Amalia di Borbone-Napoli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Maria Amelia di Borbone-Napoli)
Maria Amalia di Borbone-Napoli
Marie-Amélie de Bourbon 1.JPG
Regina dei Francesi
Stemma
In carica 9 agosto 1830 – 24 febbraio 1848
Predecessore Maria Teresa Carlotta di Borbone-Francia
Successore Eugenia de Montijo come Imperatrice dei Francesi
Nome completo Maria Amalia Teresa di Borbone
Altri titoli principessa delle Due Sicilie
Nascita Caserta, Italia, 26 aprile 1782
Morte Esher, Inghilterra, 24 marzo 1866
Luogo di sepoltura Chapelle royale de Dreux, Francia
Casa reale Borbone-Orléans
Padre Ferdinando I
Madre Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Consorte Luigi Filippo
Figli Ferdinando Filippo, duca d'Orléans
Luisa, regina dei Belgi
Maria, duchessa di Württemberg
Luigi, duca di Nemours
Clementina, principessa di Kohary
Francesco, principe di Joinville
Enrico, duca d'Aumale
Antonio, duca de Montpensier
Firma Signature of Queen Marie Amélie.jpg

Maria Amalia di Borbone-Napoli (Caserta, 26 aprile 1782Esher, 24 marzo 1866) nata principessa di Napoli e Sicilia[1], fu regina dei Francesi dal 1830 al 1848 come consorte di Luigi Filippo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Maria Amalia nacque il 26 aprile 1782 alla reggia di Caserta, vicino a Napoli. Era la settima dei nove figli di Ferdinando I delle Due Sicilie e di Maria Carolina d'Austria.

Come giovane principessa italiana, venne educata nella tradizione cattolica, la quale restò sempre nel suo cuore. Maria Carolina, come sua madre, Maria Teresa,[2] fece sforzi per far parte della vita di sua figlia, anche se quest'ultima era accudita quotidianamente da una governante, Vincenza Rizzi.[3] Quando lei era ancora bambina, la madre di Maria Amalia e sua zia, Maria Antonietta, si accordarono per il matrimonio tra lei e il figlio di Maria Antonietta, Luigi Giuseppe, Delfino di Francia, il futuro re di Francia,[4] che avrebbe fatto di lei la regina di Francia, ma loro speranze morirono nel 1789.[5]

Maria Amalia subì uno sconvolgimento fin dalla tenera età. La morte di sua zia Maria Antonietta durante la Rivoluzione francese e le successive azioni drammatiche della madre scombussolarono la sua giovane età.[6] Durante lo scoppio della Rivoluzione francese nel 1789, la corte napoletana non fu ostile a questo movimento, ma quando la monarchia francese venne abolita e sua zia Maria Antonietta e suo zio Luigi XVI furono ghigliottinati, i genitori di Maria Amelia aderirono alla Prima coalizione contro la Francia nel 1793. Sebbene una pace fosse stata stipulata con la Francia nel 1796, il conflitto ricominciò nel 1798 e la famiglia reale fuggì nel Regno di Sicilia, lasciando Napoli il 21 dicembre 1798 sulla HMS Vanguard, un vascello della Royal Navy, protetto da due navi da guerra napoletane. Dopo l'invasione di Napoli da parte di Napoleone nel 1806, la famiglia reale rimase in Sicilia, dove, stanziati a Palermo, erano sotto la protezione delle truppe britanniche.[7]

Durante l'esilio, Maria Amalia conobbe il suo futuro sposo, Luigi Filippo d'Orléans, anch'egli esiliato dalla Francia divisa dalle complicazioni della Rivoluzione Francese e dal potere crescente di Napoleone. Il padre di Luigi Filippo, il precedente Duca d'Orléans, era stato ghigliottinato durante la Rivoluzione francese, anche se fu uno dei massimi promotori del movimento.[8]

I due si sposarono nel 1809, tre anni dopo essersi incontrati in Italia, dopo di che Maria Amalia divenne Duchessa d'Orléans. La cerimonia fu celebrata a Palermo in 25 novembre 1809.[7] Il matrimonio era considerato controverso, perché lei era la nipote di Maria Antonietta, mentre lui era il figlio dell'uomo che aveva forse partecipato all'esecuzione di sua zia.[7] Sua madre era scettica sull'unione per la stessa ragione, ma lei aveva acconsentito dopo che lui l'aveva convinta del fatto che era determinato a compensare la scelte sbagliate di suo padre, e dopo aver risposto a domande riguardanti suo padre.[7]

Durante il periodo degli Orléans in Francia, prima dell'incoronazione di Luigi Filippo, la famiglia viveva nel Palais-Royal, che era stata la residenza del padre di Luigi Filippo, il precedente duca d'Orléans. Nonostante le preoccupazioni finanziarie della famiglia, la residenza fu restituita al suo originario splendore, il che costò alla coppia undici milioni di franchi.[9]

Regina dei Francesi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1830, a seguito a quella che è conosciuta come Rivoluzione di Luglio, Luigi Filippo diventò Re dei francesi, con Maria Amalia come sua consorte.
Maria Amalia non giocò un ruolo attivo nelle questioni politiche, infatti fece di tutto per allontanarsi da esse.[10]

Esilio e morte[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che suo marito abdicò a seguito degli eventi della Rivoluzione del 1848, la famiglia reale fuggì in Inghilterra, ove Luigi Filippo morì due anni dopo.
Rimasta vedova, Maria Amalia continuò a vivere in Inghilterra, dove frequentava la Messa quotidiana ed era ben nota alla regina Vittoria.[11] La regina Maria Amalia morì il 24 marzo 1866.[12] Venne sepolta con il vestito che aveva conservato dal 1848 quando, con il marito, aveva lasciato la Francia, secondo le sue ultime volontà.[13]

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Maria Amalia di Napoli e Sicilia Padre:
Ferdinando I delle Due Sicilie
Nonno paterno:
Carlo III di Spagna
Bisnonno paterno:
Filippo V di Spagna
Trisnonno paterno:
Luigi, il Gran Delfino
Trisnonna paterna:
Maria Anna Vittoria di Baviera
Bisnonna paterna:
Elisabetta Farnese
Trisnonno paterno:
Odoardo II Farnese
Trisnonna paterna:
Dorotea Sofia di Neuburg
Nonna paterna:
Maria Amalia di Sassonia
Bisnonno paterno:
Augusto III di Polonia
Trisnonno paterno:
Augusto II di Polonia
Trisnonna paterna:
Cristiana Eberardina di Brandeburgo-Bayreuth
Bisnonna paterna:
Maria Giuseppa d'Austria
Trisnonno paterno:
Giuseppe I d'Asburgo
Trisnonna paterna:
Amalia Guglielmina di Brunswick e Lüneburg
Madre:
Maria Carolina d'Asburgo-Lorena
Nonno materno:
Francesco I di Lorena
Bisnonno materno:
Leopoldo di Lorena
Trisnonno materno:
Carlo V di Lorena
Trisnonna materna:
Eleonora Maria Giuseppina d'Austria
Bisnonna materna:
Elisabetta Carlotta di Borbone-Orléans
Trisnonno materno:
Filippo I di Borbone-Orléans
Trisnonna materna:
Elisabetta Carlotta del Palatinato
Nonna materna:
Maria Teresa d'Austria
Bisnonno materno:
Carlo VI d'Asburgo
Trisnonno materno:
Leopoldo I d'Asburgo
Trisnonna materna:
Eleonora del Palatinato-Neuburg
Bisnonna materna:
Elisabetta Cristina di Brunswick-Wolfenbüttel
Trisnonno materno:
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg
Trisnonna materna:
Cristina Luisa di Öttingen

Titoli, appellativi, onorificenze e stemma[modifica | modifica wikitesto]

Titoli e appellativi[modifica | modifica wikitesto]

  • 26 aprile 1782 – 25 novembre 1809 Sua Altezza Reale la principessa Maria Amalia di Napoli e Sicilia
  • 25 novembre 1809 – 9 agosto 1830 Sua Altezza Reale la duchessa d'Orléans
  • 9 agosto 1830 – 24 febbraio 1848 Sua Maestà la regina dei Francesi
    • 24 febbraio 1848 – 26 agosto 1850 Sua Maestà la regina dei Francesi (pretendente)
  • 24 febbraio 1848 – 26 agosto 1850 Sua Altezza Reale la duchessa d'Orléans
  • 26 agosto 1850 – 24 marzo 1866 ''Sua Altezza Reale la duchessa vedova d'Orléans
    • 26 agosto 1850 – 24 marzo 1866 Sua Maestà la regina Maria Amalia di Francia

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa - nastrino per uniforme ordinaria Dama Nobile dell'Ordine della regina Maria Luisa

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Darryl Lundy, Genealogia di Maria Amalia di Borbone-Napoli, thePeerage.com, 31 dicembre 2008. URL consultato il 16 novembre 2009.
  2. ^ (EN) Dyson. C.C, The Life of Marie Amelie Last Queen of the French, 1782–1866, BiblioBazaar, LLC, 2008, p. 50.
  3. ^ Dyson, p. 31.
  4. ^ Dyson, p. 35.
  5. ^ Dyson, p. 37.
  6. ^ Dyson, p. 39.
  7. ^ a b c d (EN) C. C Dyson, The life of Marie Amélie last queen of the French, 1782-1866. With some account of the principal personages at the courts of Naples and France in her time, and of the careers of her sons and daughters, (1910)
  8. ^ Dyson, p. 100.
  9. ^ Dyson, p. 153.
  10. ^ Marie-Amélie de Bourbon, Encyclopædia Britannica, 2009. URL consultato il 26 dicembre 2009.
  11. ^ Dyson, p. 295.
  12. ^ Dyson, p. 306.
  13. ^ Dyson, p. 307.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Dyson, C. C., The life of Marie-Amélie, New York, New York, D. Appleton and Company, 1910, OCLC 526786.
  • Questo articolo è incorporato nel testo della Enciclopedia Britannica del 1911, ora di dominio pubblico.

Ulteriori letture[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Howarth, T.E.B. Citizen-King, The Life of Louis-Philippe, King of the French. London: Eyre & Spottiswoode, 1961.
  • (EN) Margadant, Jo Burr. The Duchesse de Berry and Royalist Political Culture in Postrevolutionary France. History Workshop Journal, No. 43, (Spring, 1997).
  • (EN) Margadant, Jo Burr. ender, Vice, and the Political Imagery in Postrevolutionary France: Reinterpreting the Failure of the July Monarchy 1830–1848. American Historical Review 104.5, (1995).
  • (FR) Paris, Isabelle comtesse de. La Reine Marie-Amelie, Grand-mere de l'Europe. Paris: Perrin, 1998

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Regina dei Francesi Successore
Maria Teresa Carlotta di Francia come Regina di Francia e di Navarra 9 agosto 1830 - 24 febbraio 1848 Eugenia de Montijo
come
Imperatrice dei Francesi
Controllo di autorità VIAF: (EN19949828 · LCCN: (ENn50057833 · ISNI: (EN0000 0000 6641 1102 · GND: (DE11878191X · BNF: (FRcb119145441 (data) · ULAN: (EN500044469 · CERL: cnp00588611