Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luigi Rodolfo
Louis Rudolph duke of Brunswick-Wolfenbüttel.jpg
Luigi Rodolfo, duca di Brunswick-Lüneburg, in un ritratto di Johann Conrad Eichler col suo Kammermohr
Duca di Brunswick-Lüneburg
Stemma
In carica 23 marzo 1731 –
1º marzo 1735
Predecessore Augusto Guglielmo di Brunswick-Lüneburg
Successore Ferdinando Alberto II di Brunswick-Lüneburg
Nascita Wolfenbüttel, 22 luglio 1671
Morte Brunswick, 1º marzo 1735
Casa reale Welfen
Padre Antonio Ulrico di Brunswick-Wolfenbüttel
Madre Principessa Elisabetta Giuliana di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Norburg
Consorte Principessa Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen
Figli Elisabetta Cristina
Carlotta Cristina
Antonietta Amalia

Luigi Rodolfo, duca di Brunswick-Lüneburg (22 luglio 16711º marzo 1735), fu duca di Brunswick-Lüneburg dal 1731 alla propria morte. Governò anche sui principati di Wolfenbüttel e di Blankenburg, suddivisioni del ducato.

È ricordato in particolar modo dalla storiografia per essere stato l'antenato comune della maggior parte delle casate reali europee dal Settecento in poi, grazie ad un'accurata politica matrimoniale e da una discendenza particolarmente prestigiosa. Fu nonno materno dell'imperatrice del Sacro Romano Impero Maria Teresa, della regina di Prussia Elisabetta Cristina, della regina di Danimarca Giuliana Maria e dello zar Pietro II di Russia e trisavolo del re del Belgio Leopoldo I

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Infanzia[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Rodolfo era il figlio minore di Antonio Ulrico di Brunswick-Wolfenbüttel e di sua moglie, Elisabetta Giuliana di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Norburg.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Rodolfo, Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen e un musico

Luigi Rodolfo sposò la principessa Cristina Luisa, figlia di Alberto Ernesto I, principe di Oettingen-Oettingen, ad Aurich, nel 1690. Cristina Luisa e il marito andarono ad abitare a Blankenburg, appannaggio donato al duca da suo padre.

Discendenza reale[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio di Cristina Luisa e di Luigi Rodolfo nacquero quattro figlie femmine, delle quali solo tre raggiunsero l'età adulta. Luigi Rodolfo seppe ben maritare le figlie con degli ottimi partiti e lui e sua moglie divennero nonni di importantissimi sovrani come Maria Teresa d'Austria, Pietro II di Russia e Giuliana, regina consorte di Danimarca. Tra gli altri discendenti di Luigi Rodolfo vi furono tutti i sovrani dei paesi coinvolti nella prima guerra mondiale (Giorgio V del Regno Unito, Nicola II di Russia, Vittorio Emanuele III di Savoia, Alberto I del Belgio, Ferdinando I di Romania, Guglielmo II di Germania, Francesco Giuseppe I d'Austria, Ferdinando I di Bulgaria e Maria Adelaide di Lussemburgo), nonché anche gli attuali monarchi di Spagna, Danimarca, Svezia, Norvegia, Paesi Bassi e Liechtenstein.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Intrapresa la carriera militare, divenne in breve tempo maggiore generale durante il servizio militare presso l'esercito di Leopoldo I d'Asburgo nel 1690; venne catturato durante una battaglia dai francesi. Dopo essere stato rilasciato lo stesso anno, suo padre gli concesse la contea di Blankenburg come dono, violando il diritto di primogenitura, secondo il quale la contea spettava al primogenito.

Ascesa al principato[modifica | modifica wikitesto]

Luigi Rodolfo, principe di Brunswick-Lüneburg

Nel 1707, Blankenburg venne elevata a principato del Sacro Romano Impero; in questo modo, Luigi Rodolfo divenne principe reggente del fratello maggiore Augusto Guglielmo.

Alla morte di Augusto Guglielmo nel 1731, Luigi Rodolfo ereditò anche Wolfenbüttel. Dal momento che il fratello aveva mostrato poco interesse negli affari di stato, il ducato era andato lentamente in rovina ed a Luigi Rodolfo spettò il compito di riportare in auge le finanze.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

La tomba di Luigi Rodolfo nella Cattedrale di Brunswick

Luigi Rodolfo morì senza eredi maschi nel 1735. Gli succedette il proprio cugino, Ferdinando Alberto, che aveva sposato la figlia minore di Luigi Rodolfo, Antonietta Amalia.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Dal matrimonio tra Luigi Rodolfo e Cristina Luisa di Oettingen-Oettingen nacquero:

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Enrico III di Brunswick-Lüneburg Ernesto I di Brunswick-Lüneburg  
 
Sofia di Meclemburgo-Schwerin  
Augusto di Brunswick-Lüneburg  
Ursula di Sassonia-Lauenburg Francesco I di Sassonia-Lauenburg  
 
Sibilla di Sassonia-Freiberg  
Antonio Ulrico di Brunswick-Lüneburg  
Rodolfo di Anhalt-Zerbst Gioacchino Ernesto di Anhalt  
 
Eleonora di Württemberg  
Dorotea di Anhalt-Zerbst  
Dorotea Edvige di Brunswick-Wolfenbüttel Enrico Giulio di Brunswick-Lüneburg  
 
Dorotea di Sassonia  
Luigi Rodolfo di Brunswick-Lüneburg  
Giovanni di Schleswig-Holstein-Sonderburg Cristiano III di Danimarca  
 
Dorotea di Sassonia-Lauenburg  
Federico di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Norburg  
Elisabetta di Brunswick-Grubenhagen Ernesto III di Brunswick-Grubenhagen  
 
Margherita di Pomerania-Wolgast  
Elisabetta di Schleswig-Holstein-Sønderburg-Norburg  
Rodolfo di Anhalt-Zerbst Gioacchino Ernesto di Anhalt  
 
Eleonora di Württemberg  
Eleonora di Anhalt-Zerbst  
Dorotea Edvige di Brunswick-Wolfenbüttel Enrico Giulio di Brunswick-Lüneburg  
 
Dorotea di Sassonia  
 

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero russo) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Sant'Andrea (Impero russo)
Cavaliere dell'Ordine di San Giovanni dell'Ospedale di Gerusalemme del baliaggio di Brandeburgo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di San Giovanni dell'Ospedale di Gerusalemme del baliaggio di Brandeburgo

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN10786342 · ISNI (EN0000 0000 2812 724X · LCCN (ENn85128869 · GND (DE124700470 · BNF (FRcb126672704 (data) · CERL cnp00582260 · WorldCat Identities (ENlccn-n85128869