Cristiano III di Danimarca

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cristiano III di Danimarca
Christian III of Denmark.jpg
Cristiano III di Danimarca ritratto da Jacob Binck, 1550
Re di Danimarca e di Norvegia
Stemma
In carica 4 luglio 1534 –
1º gennaio 1559
Incoronazione 12 agosto 1537
Cattedrale di Nostra Signora, Copenaghen
Predecessore Federico I
Successore Federico II
Altri titoli Duca di Schleswig-Holstein
Nascita Gottorp, 12 agosto 1503
Morte Koldinghus, 1 gennaio 1559
Luogo di sepoltura Cattedrale di Roskilde
Casa reale Oldenburg
Padre Federico I di Danimarca
Madre Anna del Brandeburgo
Consorte Dorotea di Sassonia-Lauenburg
Figli Anna
Federico
Magnus
Giovanni
Dorotea
Religione Luteranesimo

Cristiano III di Danimarca (Gottorp, 12 agosto 1503Koldinghus, 1º gennaio 1559) fu re di Danimarca e Norvegia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cristiano era il figlio maggiore di Federico I di Danimarca, e della sua prima moglie, Anna del Brandeburgo. Nacque al castello di Gottorf, residenza principale di suo padre. Nel 1514, quando aveva appena dieci anni, la madre morì. Quattro anni dopo, suo padre si risposò con Sofia di Pomerania. Nel 1523 Federico I fu eletto re di Danimarca al posto di suo cugino, Cristiano II di Danimarca. Il suo primo incarico fu la riconquista di Copenaghen, ancora fedele al fuggitivo Cristiano II. Come Statolder dei Ducati di Holstein e Schleswig nel 1526, e come viceré di Norvegia nel 1529, Cristiano dimostrò notevoli abilità diplomatiche[1][2].

Il primo insegnante di Cristiano, Wolfgang von Utenhof e il suo tutore luterano, il generale Johann Rantzau, furono entrambi zelanti riformatori che ebbero un'influenza sul giovane principe. Su loro sollecitazione, mentre era in viaggio per la Germania nel 1521, si presentò alla Dieta di Worms per sentire parlare Martin Lutero. Il principe non nascose le sue idee luterane. La sua schiettezza lo portò in conflitto, non solo con il Consiglio di Stato dominato dai cattolici romani (Rigsråd), ma anche con il padre. Alla sua stessa corte a Schleswig, fece del suo meglio per introdurre la Riforma protestante, nonostante l'opposizione dei vescovi. Nel 1528 fece della Chiesa luterana la Chiesa di Stato dello Schleswig-Holstein[3][4][5].

Regno[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la morte di suo padre, nel 1533, Cristiano fu proclamato re in un'assemblea a Rye, una città nello Jutland orientale, nel 1534. Il Rigsråd, dominato da vescovi e nobili cattolici romani, rifiutò di accettare Cristiano come re e si rivolse al conte Cristoforo di Oldenburg per riportare Cristiano II sul trono danese. Cristiano II aveva sostenuto sia i cattolici romani che i riformatori protestanti in varie occasioni. In opposizione al re Cristiano III, il conte Cristoforo fu proclamato reggente all'Assemblea di Ringsted e all'Assemblea di Scania. Ciò provocò una guerra civile di due anni, nota come Guerra del conte (Grevens Fejde) tra le forze protestanti e quelle cattoliche[1][6][7].

Guerra del conte[modifica | modifica wikitesto]

Il conte Cristoforo aveva il sostegno della maggior parte della Zelanda, della Scania, della Lega Anseatica e dei piccoli agricoltori dello Jutland Settentrionale e di Fionia. Cristiano III trovò il suo appoggio tra i nobili dello Jutland. Nel 1534, i ribelli sotto Skipper Clement iniziarono una rivolta nello Jutland settentrionale, saccheggiando i possedimenti dei nobili luterani. Un esercito di nobili e dei loro vassalli si radunò a Svendstrup e subì una terribile sconfitta per mano dei ribelli. Rendendosi conto che la sua presa sul trono era in pericolo imminente, Cristiano III ha negoziato un accordo con gli Stati dell'Hansa che gli ha permesso di inviare il suo fidato consigliere Johan Rantzau a nord con un esercito di mercenari tedeschi protestanti. Clement e il suo esercito fuggirono a nord, rifugiandosi all'interno delle mura di Aalborg. A dicembre, le forze di Rantzau hanno fatto breccia nelle mura e hanno preso d'assalto la città. Clement riuscì a scappare, ma fu arrestato pochi giorni dopo. Fu processato e decapitato nel 1535[1][8][9].

Con lo Jutland più o meno sicuro, Cristiano si concentrò poi sull'acquisizione del controllo della Scania. Fece appello al re Gustavo I per chiedere aiuto per sottomettere i ribelli. Gustavo inviò due eserciti a devastare Scania centrale e Halland. I ribelli subirono una sanguinosa sconfitta a Loshult. Gli svedesi si mossero contro il castello di Helsingborg, che si arrese nel gennaio 1535 e fu raso al suolo[10].

Rantzau trasferì il suo esercito a Fionia e sconfisse l'esercito del conte Cristoforo a Øksnebjerg nel giugno 1535. Le forze del conte Cristoforo resistettero a Malmö e a Copenaghen fino al luglio 1536 quando si arresero dopo diversi mesi di assedio da parte delle forze di Cristiano III. Con la loro capitolazione, Cristiano III fu saldamente posto sul trono di Danimarca e le forze cattoliche romane in Danimarca furono sottomesse[11][12][13].

Dopoguerra[modifica | modifica wikitesto]

Una fiducia reciproca tra un re che aveva conquistato il suo regno e un popolo che si era schierato in armi contro di lui non era immediatamente raggiungibile. Le circostanze in cui Cristiano III salì al trono espose la Danimarca al pericolo della dominazione straniera. Fu con l'aiuto della nobiltà dei ducati germanici che Cristiano aveva conquistato la Danimarca. Holstein e nobili tedeschi avevano guidato i suoi eserciti e diretto la sua diplomazia. I primi sei anni del regno di Cristiano III furono segnati da una contesa tra il danese Rigsråd e i consiglieri tedeschi, entrambi i quali cercarono di governare attraverso il re. Anche se il partito danese ha ottenuto una vittoria all'inizio, ottenendo l'inserimento nella carta delle disposizioni che stabilivano che solo i danesi nativi avrebbero dovuto ricoprire le più alte dignità dello stato, i consiglieri tedeschi del re rimasero fondamentali durante il suo primo regno[1][14].

Il trionfo di Cristiano III avrebbe infine posto fine al cristianesimo cattolico romano in Danimarca, ma i cattolici romani controllavano ancora il Consiglio di Stato. Cristiano III ordinò l'arresto di tre dei vescovi del Consiglio di Stato da parte dei suoi mercenari tedeschi (12 agosto 1536). Il debito di Cristiano per il feudo del conte era enorme e la confisca delle terre della Chiesa (coltivate da contadini che erano stati esentati dai doveri di vassallaggio verso i nobili) gli permise di saldare il debito verso i suoi creditori[1].

Le politiche protestanti di Cristiano III hanno portato la Danimarca verso l'istituzione del luteranesimo come Chiesa nazionale danese (Folkekirke). Ciò avvenne ufficialmente il 30 ottobre 1536 quando il ricostituito Consiglio di Stato adottò le Ordinanze luterane progettate dal teologo tedesco Johannes Bugenhagen, che delineavano l'organizzazione della chiesa, la liturgia e la pratica religiosa accettata. Monasteri, conventi e priorati furono chiusi e le proprietà prese dalla corona. Vasti appezzamenti di terra furono distribuiti ai sostenitori del re, la terra reale fu rapidamente ampliata da un sesto della terra nazionale prima della riforma religiosa al 60% dopo la riforma religiosa[3][15][16].

In Norvegia[17] la Riforma fu prima di tutto una questione di saccheggio. Con l’uscita dall'Unione di Kalmar della Svezia nel 1523, la Norvegia rimase unita alla Danimarca, il cui Consiglio di Stato nel 1536 la dichiarò unilateralmente una provincia danese, senza consultare i colleghi norvegesi. Di fatto, la Norvegia mantenne una condizione di semi-indipendenza, con alcune istituzioni separate, ma tutti i suoi possedimenti d'oltremare passarono sotto controllo danese. Nell’azione di conquistata dal re danese Cristiano III, tutto il materiale, in special modo l’oro e l’argento dei tesori delle cattedrali, ma anche il bronzo delle campane e il piombo delle bare, che vennero ridotti in lingotti, fu trasportato in Danimarca. Quello che non poté essere portato a Copenaghen venne venduto sul posto a beneficio delle casse reali. Il re, infine, per interessare i nobili danesi alla «Riforma» norvegese, accordò loro parte del bottino. Il popolo norvegese manifestò a lungo il suo rifiuto all’imposizione della fede riformata ed i rapporti ufficiali registrarono soprattutto moti di malcontento in corrispondenza dei i cambiamenti liturgici che costituivano la strategia “a tappe” per imporre la Riforma.

I pericoli che minacciavano Cristiano III da Carlo V, imperatore del Sacro Romano Impero e altri parenti del prigioniero Cristiano II lo convinsero della necessità di attenuare il malcontento nel paese affidandosi a magnati e nobili danesi. Presso l'Alta Corte (Herredag) di Copenaghen nel 1542, la nobiltà danese votò a Cristiano III la ventesima parte di tutte le loro proprietà per saldare il suo pesante debito con i mercenari tedeschi. Il perno della politica estera di Cristiano III fu la sua alleanza con i principi protestanti tedeschi. Ciò fornì un contrappeso alla persistente ostilità di Carlo V, che era determinato a sostenere le pretese ereditarie delle sue nipoti, le figlie di Cristiano II, ai regni scandinavi. La guerra fu dichiarata contro Carlo V nel 1542 e, sebbene i principi protestanti tedeschi si dimostrassero alleati infedeli, la chiusura del Sound contro la navigazione olandese si dimostrò un'arma così efficace nelle mani di Cristiano III che i Paesi Bassi costrinsero Carlo V a fare pace con la Danimarca alla dieta di Spira, il 23 maggio 1544.

Partizione di Holstein e Schleswig[modifica | modifica wikitesto]

Fino a questa pace, Cristiano III governò anche l'intero Ducato di Holstein e di Schleswig in nome dei suoi fratellastri ancora minorenni, Giovanni il Vecchio e Adolfo. Il loro fratello minore Federico intraprese una carriera come amministratore diocesano di uno stato ecclesiastico all'interno del Sacro Romano Impero.

Nel 1544 i tre fratelli maggiori divisero Holstein (feudo del Sacro Romano Impero) e Schleswig (feudo danese). A seguito di trattative tra i fratelli, le rendite dei ducati furono divise in tre parti uguali assegnando a ciascuno dei tre fratelli le rendite di zone particolari e di latifondi, mentre altre rendite generali, come tasse cittadine e dazi doganali, venivano riscosse insieme ma poi condivise tra i fratelli.

Matrimonio[modifica | modifica wikitesto]

Sposò, il 29 ottobre 1525 al castello di Lauenburg[18], Dorotea di Sassonia-Lauenburg (9 luglio 1511-7 ottobre 1571), figlia di Magnus I di Sassonia-Lauenburg. La coppia ebbe cinque figli:

Morte[modifica | modifica wikitesto]

La politica estera degli ultimi giorni di Cristiano III fu regolata dalla pace in seguito al Trattato di Spira (1544). Evitò accuratamente tutte le complicazioni straniere; rifiutò di partecipare alla guerra di Smalcalda del 1546; fu mediatore tra l'imperatore e la Sassonia dopo la caduta di Maurizio di Sassonia nella battaglia di Sievershausen nel 1553. Nel 1549 iniziò la costruzione della cittadella di Landskrona. Ricostruì anche il castello di Sønderborg, convertendolo da fortezza a castello a quattro ali nel nuovo stile rinascimentale.

Cristiano III morì il 1 gennaio 1559 a Koldinghus e fu sepolto nella cattedrale di Roskilde in un monumento funerario progettato dallo scultore fiammingo Cornelis Floris de Vriendt.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine dell'Elefante
Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine del Dannebrog
«Sciolse l'Ordine nel 1536»

Ascendenza[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Dietrich di Oldenburg Cristiano V di Oldenburg  
 
Agnese di Hohnstein-Heringen  
Cristiano I di Danimarca  
Edvige di Schauenburg Gerardo VI di Schleswig-Holstein  
 
Caterina Elisabetta di Brunswick-Lüneburg  
Federico I di Danimarca  
Giovanni l'Alchimista Federico I di Brandeburgo  
 
Elisabetta di Baviera-Landshut  
Dorotea di Brandeburgo  
Barbara di Sassonia-Wittenberg Rodolfo III di Sassonia-Wittenberg  
 
Barbara di Legnica  
Cristiano III di Danimarca  
Alberto III di Brandeburgo Federico I di Brandeburgo  
 
Elisabetta di Baviera-Landshut  
Giovanni I di Brandeburgo  
Margherita di Baden Giacomo I di Baden  
 
Caterina di Lorena  
Anna del Brandeburgo  
Guglielmo III di Sassonia Federico I di Sassonia  
 
Caterina di Braunschweig-Lüneburg  
Margherita di Sassonia  
Anna d'Asburgo Alberto II d'Asburgo  
 
Elisabetta di Lussemburgo  
 

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Øystein Rian, Christian 3, su nbl.snl.no, Norsk biografisk leksikon. URL consultato il 15 agosto 2016.
  2. ^ Erik Opsahl, Frederik 1, su snl.no, Store norske leksikon. URL consultato il 1º settembre 2016.
  3. ^ a b Erik Opsahl, Christian 3, su snl.no, Store norske leksikon. URL consultato il 15 agosto 2016.
  4. ^ Mikael Venge, Wolfgang von Utenhof, su denstoredanske.dk, Den Store Danske, Gyldendal. Hentet 19. juni 2018. URL consultato il 1º giugno 2018.
  5. ^ K. C. Rockstroh, Johan Rantzau, su denstoredanske.dk, Dansk Biografisk Leksikon, 3. udg., Gyldendal 1979–84. URL consultato il 1º giugno 2018.
  6. ^ Grevens Fejde, su denstoredanske.dk, Den Store Danske. URL consultato il 15 agosto 2016.
  7. ^ Sankt Libers hög, su learning4sharing.nu, Learning4sharing. URL consultato il 1º giugno 2018.
  8. ^ The Reformation in Scandinavia, su europeanhistory.boisestate.edu, boisestate.edu. URL consultato il 15 agosto 2016 (archiviato dall'url originale il 17 settembre 2016).
  9. ^ Skipper Clement, d. 1536, su runeberg.org, Salmonsens konversationsleksikon. URL consultato il 1º giugno 2018.
  10. ^ Carl Martin Rosenberg, Loshult, su runeberg.org, Geografiskt-statistiskt handlexikon öfver Sverige. URL consultato il 1º giugno 2018.
  11. ^ Karsten Kjer Michaelsen, Øksnebjerg, su kulturarv.dk. URL consultato il 1º giugno 2018.
  12. ^ Øksnebjerg, su denstoredanske.dk, Den Store Danske. URL consultato il 1º giugno 2018.
  13. ^ Jesper Thomassen, Øksnebjerg, su Den Store Danske, Gyldendal. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  14. ^ Denmark and Norway, su thereformation.info. URL consultato il 15 agosto 2016.
  15. ^ Hallgeir Elstad, folkekirke, su snl.no, Store norske leksikon. URL consultato il 1º giugno 2018.
  16. ^ Johannes Bugenhagen, su reformation500.csl.edu/, 14 aprile 2014. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  17. ^ La Norvegia contava un arcivescovato (Nidaros, oggi Trondhjem) e quattro vescovati (Hamar, Bergen, Stavanger, Oslo).L’arcivescovo di Nidaros, Olav Engelbrektsson, ch’era stato invitato a partecipare alla famosa assemblea nazionale di Copenaghen del 1536, intuita forse la trappola, non si era presentato; i soldati danesi lo arrestarono comunque nel 1537, malgrado l’eroica resistenza della popolazione, e morì in esilio il 6 febbraio 1538. Ad Hamar fu inviata nel 1537 una vera spedizione militare contro il vescovo cattolico Mogens Lauritsson, che invitato dal re danese ad accettare il luteranesimo o a dimettersi, aveva rifiutato entrambe le soluzioni, ed i suoi fedeli. Catturato dai soldati, il vescovo morì in una prigione. L’ultimo vescovo cattolico di Bergen, Olav Torkellsson, si oppose fermamente al luteranesimo finendo in prigione; gravemente malato, venne infine liberato, ritirandosi a vita prvata. L’ultimo vescovo di Stavanger, Hoskuld Hoskuldsson, morì anch’egli in prigione. Ad Oslo, l’ultimo vescovo cattolico, Hans Rev, accettò dal re Cristiano III il titolo protestante di sovrintendente della diocesi, ma non pronunciò mai la professione di fede luterana né sembra abbiua mai aderito esplicitamente alla dottrina di Lutero.
  18. ^ Dorothea (1511–1571), su kvinfo.dk. URL consultato il 15 agosto 2016.
  19. ^ Anna von Dänemark, su Sächsische Biografie. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  20. ^ Frederik 2, su Norsk biografisk leksikon. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  21. ^ Magnus, Konge af Lifland, 1540–83, su Dansk biografisk Lexikon. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  22. ^ Hans (den yngre), Hertug af Sønderborg, 1545–1622, su Dansk biografisk Lexikon. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  23. ^ Dorothea, Hertuginde af Brunsvig-Lyneborg, 1546–1617, su Dansk biografisk Lexikon. URL consultato il 1º dicembre 2019.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Grell, Ole Peter (1995) The Scandinavian Reformation. From evangelical movement to institutionalisation of reform (2 ed. Cambridge University Press) ISBN 0-521-44162-5
  • Lausten, Martin Schwarz (1987) Christian d. 3. og kirken, 1537–1559 (Copenhagen: Akademisk forlag) ISBN 978-8750026877
  • Lockhart, Paul Douglas (2007) Denmark, 1513–1660. The rise and decline of a Renaissance monarchy (Oxford University Press) ISBN 0-19-927121-6
  • (DA) Benito Scocozza, Christian 3., in Politikens bog om danske monarker [Politiken's book about Danish monarchs], Copenhagen, Politikens Forlag, 1997, pp. 114–119, ISBN 87-567-5772-7.
  • Øystein Rian (1997) Danmark-Norge 1380–1814 (Universitetsforlaget) ISBN 9788200228455

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN69094615 · ISNI (EN0000 0000 5514 9487 · BAV 495/137496 · CERL cnp00550331 · LCCN (ENn88092261 · GND (DE119217120 · BNF (FRcb13553879p (data) · J9U (ENHE987007276799405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n88092261