Palais-Royal

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 48°51′48″N 2°20′13″E / 48.863333°N 2.336944°E48.863333; 2.336944

DSC00652 conseil etat.jpg
Palais-Royal
Ubicazione
Stato Francia Francia
Regione Île-de-France Île-de-France
Località Parigi
Informazioni
Condizioni In uso
Costruzione 1624 - 1636
Uso Consiglio di Stato e Consiglio costituzionale francese
Realizzazione
Architetto Jacques Lemercier
Proprietario Stato
Proprietario storico Cardinale Richelieu
 
Logo monument historique - rouge ombré, encadré.svg

Il Palais-Royal è un edificio storico di Parigi, situato nel 1er arrondissement della città, di fronte all'ala Nord del Louvre. Al suo interno ospita il Consiglio di Stato ed il Consiglio costituzionale, oltre ad una sala della Comédie-Française chiamata Salle Richelieu. Dal 1994 è classificato come Monumento storico di Francia.

Costruzione ed utilizzatori del Palais-Royal[modifica | modifica wikitesto]

Fontana nei Giardini del Palais-Royal

Fu costruito sul terreno dove sorgeva l'hôtel de Rambouillet per volere del Cardinale Richelieu (per questo motivo il palazzo fu inizialmente chiamato Palais Cardinal). Il progettista, l'architetto Jacques Lemercier, iniziò i lavori di costruzione nel 1624, terminandoli nel 1636.

Alla morte di Richelieu, avvenuta nel 1642, la proprietà fu ereditata dalla Famiglia Reale. Dopo la morte di Luigi XIII ospitò la regina Madre Anna d'Austria, il cardinale Mazzarino e Luigi XIV, ai tempi ancora bambino. Successivamente, poiché Luigi XIV non amava vivere a Parigi, il palazzo venne concesso come residenza ai Duchi di Orleans, a partire da Filippo I d'Orléans, fratello del Re Sole.

Nel 1784 Luigi Filippo d'Orléans aprì al pubblico i giardini del palazzo, dando il compito all'architetto Victor Louis di costruire i 180 colonnati che ancora oggi circondano il parco, in modo che le gallerie così costruite potessero ospitare botteghe e taverne. L'iniziativa fu spinta da un duplice scopo: aumentare la popolarità della famiglia Orléans e ripianarne i debiti. I giardini del Palais-Royal diventarono così un vivace luogo di incontro per Parigi, sia di giorno, grazie alle botteghe, sia la notte, a causa delle prostitute che si posizionavano lungo i colonnati.

Nel 1830 Luigi Filippo revocò però tutte le licenze, obbligando mercanti e prostitute a lasciare il palazzo. Più avanti, nel 1848, al palazzo ebbe luogo il debutto teatrale dell'attrice Suzanne Lagier.

Il Palais Royal oggi[modifica | modifica wikitesto]

Uno dei colonnati dei giardini del Palais-Royal

Oggi il Palais-Royal ospita il Consiglio di Stato ed il Consiglio costituzionale francese, oltre ad una sala della Comédie-Française chiamata Salle Richelieu. Nel 1986 nel cortile del palazzo fu installata un'opera dell'artista concettuale Daniel Buren: una serie di colonne disposte in un'area di 3.000 metri quadrati. L'opera, denominata Les Deux Plateaux (ma meglio conosciuta come Le Colonne di Buren), aprì un acceso dibattito sull'integrazione tra arte antica e moderna.

I giardini, molto ben curati, sono aperti al pubblico e possono liberamente essere visitati. Per arrivare al Palais-Royal bisogna prendere la linea 7 della metropolitana (Linea Rosa) e scendere alla fermata Palais Royal - Musée du Louvre.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN127260118 · LCCN: (ENn50079445 · GND: (DE4258665-3 · ULAN: (EN500310661 · NLA: (EN49682288 · BAV: ADV12294166