Ma il cielo è sempre più blu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo varietà di Rai 1 con Giorgio Panariello, vedi Ma il cielo è sempre più blu (programma televisivo).
Ma il cielo è sempre più blu
ArtistaRino Gaetano
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1975
Durata4:32
GenerePop
EtichettaIt, ZT 7060
Registrazione1975
Certificazioni
Dischi di platinoItalia Italia[1]
(vendite: 50 000+)
Rino Gaetano - cronologia

Ma il cielo è sempre più blu è un brano musicale di Rino Gaetano, pubblicato come singolo dall'etichetta discografica It nell'estate del 1975.

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

La canzone, che nel formato originale durava 8 minuti e 23 secondi, venne originariamente divisa in due parti (una per lato): Ma il cielo è sempre più blu - Parte I e Ma il cielo è sempre più blu - Parte II. La versione completa venne in seguito pubblicata nella raccolta Gianna e le altre... del 1988 con una durata di 8 minuti e 21 secondi.

Il testo si basa su parallelismi che esprimono le contraddizioni della società (economiche, sociali ecc). In mezzo a tutte queste disuguaglianze però il cielo è lo stesso per tutti.

Il brano fu inizialmente censurato perché conteneva due frasi che non potevano essere diffuse: Chi tira la bomba/chi nasconde la mano e chi canta Baglioni/chi rompe i coglioni.

Il disco, che il cantautore incise all'età di 24 anni, ebbe un grande successo: oltre 100.000 copie vendute soltanto quell'estate[senza fonte].

Nel 2003 uscì un remix ufficiale a cura del DJ Molella, di cui venne successivamente realizzato un videoclip. Questa versione reintegra il verso Chi tira la bomba/chi nasconde la mano ed è la traccia portante della raccolta Sotto i cieli di Rino. Nell'autunno/inverno 2004/2005, questa canzone fu usata come sigla d'apertura per l'omonima trasmissione del sabato sera mandata in onda su Rai Uno, condotta da Giorgio Panariello, con Julia Smith e la partecipazione straordinaria di Lola Ponce.

La canzone è anche l'inno della squadra di calcio del Crotone.

Cover di Giusy Ferreri[modifica | modifica wikitesto]

Ma il cielo è sempre più blu
ArtistaGiusy Ferreri
Tipo albumSingolo
Pubblicazione23 ottobre 2009
Durata4:41
Album di provenienzaFotografie
GenerePop rock
EtichettaSony BMG - Ricordi
ProduttoreMichele Canova Iorfida
Registrazione2009
Certificazioni
Dischi d'oroItalia Italia (1)[2]
(vendite: 15 000+)
Giusy Ferreri - cronologia
Singolo precedente
(2009)

Il brano[modifica | modifica wikitesto]

È il primo singolo che anticipa l'uscita dell'album di cover di Giusy Ferreri Fotografie del 2009. È stato reso disponibile radiofonicamente a partire dal 23 ottobre 2009.

Il singolo è disponibile digitalmente a partire dal 6 novembre. Nella classifica FIMI ha occupato come massima posizione la seconda[3] ed è stato certificato disco d'oro[2]. Giusy Ferreri ha detto riguardo al brano:

«Interpretare questa canzone non è stato per niente facile, il grande Rino Gaetano cantava questo brano con estrema verità, mista a sarcasmo e ad un timbro vocale che sembra quasi uno schiaffo di parole in faccia alla società che lui raccontava. Reinterpretare oggi questo brano significa prima di tutto rendersi conto che quei temi che lui cantava sono ancora, purtroppo, attuali e io ho cercato di ricantare le sue parole con tutta l'ironia, la rabbia, l'energia e la profondità che potevo. Spero di esserci riuscita.»

Il brano è stato inserito nelle compilation Radio Italia Estate e Radio Italia - Mi piace ed è stato utilizzato per la nuova campagna istituzionale del Monte dei Paschi di Siena nel 2009.

Classifiche[modifica | modifica wikitesto]

Classifica (2009) Posizione
massima
Italia 2[3]
Italia
airplay nazionale
[4]
3
Italia
airplay internazionale
[5]
10

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Certificazioni, Federazione Industria Musicale Italiana. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  2. ^ a b Certificazioni download FIMI/NIELSEN SoundScan International: Week 34 - Ending 29/08/2010 (PDF), FIMI. URL consultato il 09/09/2010 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2010).
  3. ^ a b Italian Charts
  4. ^ http://www.earone.it 52ª settimana 2010
  5. ^ http://www.earone.it/classifiche/classifica_settimanale_storico/2009/49/ (osserva posizione massima)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Musica