Ingresso libero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ingresso libero
ArtistaRino Gaetano
Tipo albumStudio
Pubblicazioneluglio 1974
Dischi1
Tracce9
GenerePop
Rock
EtichettaIT
N. di catalogoZSLT 70024
Velocità di rotazione33 giri
FormatiLP
Rino Gaetano - cronologia
Album precedente
Singoli

Ingresso libero è il primo album in studio del cantante italiano Rino Gaetano, pubblicato nel 1974.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'album seguì di alcuni mesi la pubblicazione del primo singolo del cantautore, I love you Marianna, inciso con lo pseudonimo di Kammamuri's. È perciò il primo lavoro firmato col suo vero nome. È anche l'unico dei suoi album a non prendere il titolo dalla traccia d'apertura, né da altre.

La copertina originale del disco era apribile e riportava un breve racconto scritto dall'autore, i testi delle canzoni ma non la lista dei musicisti.

I brani[modifica | modifica wikitesto]

  • Tu, forse non essenzialmente tu parla della relazione tra Rino Gaetano e il suo amico Bruno Franceschelli e fu pubblicato anche come singolo.
  • Ad esempio a me piace ...il sud fu incisa inizialmente da Nicola Di Bari per Canzonissima.
  • A.D. 4000 d.C. ha un testo nonsense vagamente incentrato sul trascorrere del tempo, a partire dalla datazione ridondante del titolo, contenente sia A.D. (Anno Domini), sia d.C. (dopo Cristo), che hanno ovviamente lo stesso significato.
  • A Khatmandu allude all'uso di droghe leggere.
  • Supponiamo un amore immagina l'intero svolgimento di una relazione sentimentale, fino a prevederne la triste conclusione.
  • E la vecchia salta con l'asta è una favola di ambientazione medievale in cui un cavaliere parte alla ricerca dell'amore vero, non pago di quello «di tre cortigiane» e «del nettare di tre damigiane».
  • Agapito Malteni il ferroviere è liberamente ispirata alla canzone La locomotiva di Francesco Guccini, di cui riprende l'idea di un macchinista che decide di dirottare un treno per protesta: a differenza del brano di Guccini, la storia si interrompe prima che il protagonista attui il suo proposito. La musica riprende il discorso de Il bombarolo di Fabrizio De André.
  • I tuoi occhi sono pieni di sale si compone, eccetto l'introduzione, di strofe tutte simili tra loro: cambiano solamente il soggetto della frase del titolo ("occhi", "bocca", "corpo" e "mente"), e il verbo che conclude ciascuna strofa: «...di quel sale che a pensarci ti vien voglia di guardare/baciare/sognare/pensare».
  • L'operaio della FIAT «la 1100» richiama le vicende dell'autunno caldo del 1969-70 e racconta di un dipendente dell'azienda torinese il quale, pronto per un fine settimana di svago, trova la sua autovettura Fiat 1100 bruciata da ignoti.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Testi e musiche di Rino Gaetano.

Lato A
  1. Tu, forse non essenzialmente tu – 3:35
  2. Ad esempio a me piace ...il sud – 4:12
  3. A.D. 4000 d.C. – 2:52
  4. A Khatmandu – 2:52
Lato B
  1. Supponiamo un amore – 3:40
  2. E la vecchia salta con l'asta – 3:31
  3. Agapito Malteni il ferroviere – 2:49
  4. I tuoi occhi sono pieni di sale – 2:52
  5. L'operaio della FIAT «la 1100» – 2:49

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Musica Portale Musica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di musica