Kiefer Sutherland

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kiefer Sutherland nel 2014 al San Diego Comic-Con International per la conferenza della miniserie TV 24: Live Another Day
Autografo di Kiefer Sutherland

Kiefer William Frederick Dempsey George Rufus Sutherland (Londra, 21 dicembre 1966) è un attore e musicista canadese con cittadinanza britannica. Figlio dell'attore Donald Sutherland, Kiefer è conosciuto soprattutto per il ruolo di Jack Bauer nella serie televisiva 24. Oltre all'attività di attore, possiede uno studio di registrazione e un'etichetta discografica, la Ironworks.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Donald Sutherland e dell'attrice canadese Shirley Douglas, è anche nipote dello statista canadese Tommy Douglas.[1] Lui e la sorella gemella, Rachel, sono nati a Londra e per questo motivo sono cittadini sia canadesi sia britannici.[2] La famiglia Sutherland si spostò a Los Angeles quasi subito dopo la sua nascita ma, in seguito, i genitori divorziarono quando lui aveva quattro anni.[3] Lui è cresciuto principalmente con la madre, mentre il padre lo vedeva in estate e a Natale.[3][4] Nel 1975 si trasferì a Toronto, nell'Ontario, dove crebbe nella zona di Crescent Town[5] e studiò alle scuole superiori del St. Andrew's College e in seguito al Malvern Collegiate Institute, una scuola di preparazione al sacerdozio, proseguendo poi la preparazione al Regina Mundi College in Ontario.

Carriera da attore[modifica | modifica wikitesto]

Kiefer Sutherland firma autografi a una conferenza di Green Hill nel 2007

Dopo aver recitato in Per fortuna c'è un ladro in famiglia nel 1983 (esordio per lui)[6] ed essersi poi fatto conoscere con Il ragazzo della baia nel 1984, Storie incredibili nel 1985 e Stand by Me - Ricordo di un'estate nel 1986, Sutherland venne chiamato dall'allora emergente Joel Schumacher per recitare nel ruolo del capo di una banda di vampiri nel cult Ragazzi perduti, del 1987.[6] Quest'apparizione lo fece notare al grande pubblico e lo rese una sorta di icona: il personaggio interpretato nel film finì sulle copertine delle più popolari riviste negli anni 1990.

Dopo essersi offuscata durante la seconda metà del succitato decennio, la sua popolarità crebbe notevolmente quando, tornato al piccolo schermo, interpretò il ruolo di Jack Bauer nella serie televisiva 24, nel 2001.[7][8] La sua interpretazione gli è valsa la vittoria del Golden Globe l'anno successivo.[9] Nel 2005, Sutherland è entrato a far parte del Canada's Walk of Fame, dove erano già presenti entrambi i suoi genitori,[10] e ha guadagnato la copertina della rivista Rolling Stone per il mese di aprile nel 2006. Dopo essere stato nominato quattro volte all'Emmy Award, lo ha vinto nel 2006, per la sua interpretazione in 24;[11] nello stesso anno, grazie a questa serie TV, Kiefer Sutherland si è classificato al 10º posto nella classifica dei divi più pagati, mentre nel 2009 è stato l'attore televisivo più pagato del mondo, con un compenso di 550,000 dollari a episodio.[12][13]

Tra il 2012 e il 2013 ha preso parte alla serie TV Touch,[4][14] per poi tornare a ricoprire il ruolo di Jack Bauer in 24: Live Another Day due anni dopo.[15] Dal 2016 al 2019 è stato protagonista della serie TV Designated Survivor,[16][17] in cui impersona Tom Kirkman, sopravvissuto designato che si ritrova ad essere presidente degli Stati Uniti d'America.[18]

Carriera da doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Attivo pure come doppiatore, ha dato la voce al celeberrimo personaggio Big Boss nella saga di Metal Gear Solid nei capitoli Ground Zeroes e The Phantom Pain.[19][20] Per quanto riguarda il mondo videoludico la sua voce era presente anche in Call of Duty: World at War e in Call of Duty Black Ops IIII: Dead of the Night.[21][22]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1987, sposò l'attrice Camelia Kath, da cui ebbe una figlia, Sarah, nata nel 1988;[23] la coppia avrebbe poi divorziato nel 1990.[23]

In seguito, ottenne risonanza nei primi anni 90 la sua relazione con l'attrice Julia Roberts, soprattutto per la rottura del fidanzamento a tre giorni dal matrimonio.[24] I due avrebbero dovuto sposarsi nel 1991, ma la cosa non avvenne perché la Roberts scoprì che Sutherland s'incontrava con un'altra donna.[25] Il figlio d'arte smentì quanto successo.[25]

Nel 1996, sposò Kelly Winn, da cui divorziò nel 2008, quattro anni dopo l'inizio delle pratiche per il divorzio e nove anni dopo essersi separati.[23]

Vicende giudiziarie[modifica | modifica wikitesto]

Il 25 settembre 2007 fu arrestato per la quarta volta in 18 anni (le altre 3 avvennero nel 1989, nel 1993 e nel 2004)[26] per guida in stato di ebbrezza.[25][27] Il 9 ottobre 2007 venne condannato dal tribunale dello Stato della California a 30 giorni di prigione da scontare entro il 1º luglio 2008.[28] Secondo quanto trapelato, Sutherland avrebbe accettato una sentenza più pesante, ma flessibile, per salvaguardare le riprese della settima stagione della serie televisiva 24;[28] l'attore avrebbe difatti trascorso ulteriori 18 giorni, sotto la custodia dello Sceriffo della Contea di Los Angeles a partire dal 21 dicembre, proprio durante la pausa natalizia della serie.[28]

Visto lo sciopero degli sceneggiatori che, dal 5 novembre 2007 al 12 febbraio 2008, bloccò le riprese di quasi tutte le più importanti serie televisive statunitensi, Sutherland decise di scontare tutti insieme i 48 giorni di carcere a cui era stato condannato, venendo rilasciato nel gennaio 2008.[29] Kiefer dovette inoltre sottoporsi a un programma di disintossicazione dall'alcool, della durata di 18 mesi, e a sedute di terapia dell'alcolismo una volta alla settimana per sei settimane.[28] Per finire, fu interdetto dalla guida di qualunque autoveicolo dal 9 novembre 2007 al 9 maggio 2008.

Il 6 maggio 2009, venne nuovamente arrestato per avere dato una testata allo stilista Jack McCollough, in un locale notturno di New York.[30] Il 22 luglio 2009, venne assolto dalle accuse a seguito di una dichiarazione congiunta rilasciata da Sutherland e McCollough, tramite l'avvocato di Sutherland, nella quale Sutherland si scusava con McCollough.[31][32]

Nel corso della sua vita, Kiefer ha avuto problemi anche con la cocaina.[25][33][34]

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Kiefer Sutherland nel 2009 al Comic-Con di San Diego

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatore[modifica | modifica wikitesto]

Riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Stella di Kiefer Sutherland nella Canada's Walk of Fame
  • Premio Emmy
    • 2002 - Nomination al miglior attore protagonista in una serie drammatica per 24
    • 2003 - Nomination al miglior attore protagonista in una serie drammatica per 24
    • 2004 - Nomination al miglior attore protagonista in una serie drammatica per 24
    • 2005 - Nomination al miglior attore protagonista in una serie drammatica per 24
    • 2006 - Miglior attore protagonista in una serie drammatica per 24
    • 2007 - Nomination al miglior attore protagonista in una serie drammatica per 24
    • 2009 - Nomination al miglior attore protagonista in una mini-serie o film per la televisione per 24: Redemption

Doppiatori italiani[modifica | modifica wikitesto]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Kiefer Sutherland è stato doppiato da:

Da doppiatore è sostituito da:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Addio a Shirley Douglas, attrice attivista e madre di Kiefer Sutherland. E’ morta di polmonite, su lastampa.it, 6 aprile 2020. URL consultato il 29 settembre 2021.
  2. ^ (EN) Kiefer Sutherland: You Ask The Questions, su independent.co.uk, 6 ottobre 2011. URL consultato il 29 settembre 2021 (archiviato il 12 gennaio 2021).
  3. ^ a b (EN) Donald and Kiefer Sutherland finally play father and son in western 'Forsaken', su latimes.com, 19 febbraio 2016. URL consultato il 29 settembre 2021.
  4. ^ a b Silvio Fumarola, Kiefer Sutherland: salvo il mondo grazie al mio bambino autistico, in la Repubblica, 13 marzo 2012, p. 59. URL consultato il 19 dicembre 2021.
  5. ^ (EN) Kiefer Sutherland’s Coming of Age in Crescent Town, in Wall Street Journal, 13 settembre 2016. URL consultato il 29 settembre 2021.
  6. ^ a b Kiefer Sutherland biografia, su comingsoon.it. URL consultato il 29 settembre 2021.
  7. ^ Tv americana, la fiction affronta il terrorismo, in la Repubblica, 8 ottobre 2001, p. 36. URL consultato il 29 settembre 2001.
  8. ^ Silvia Bizio, L' agente Sutherland in edicola con 24, in la Repubblica, 4 giugno 2009, p. 50. URL consultato il 29 settembre 2021.
  9. ^ (EN) Winners & Nominees 2002, su goldenglobes.com. URL consultato il 29 settembre 2021.
  10. ^ (EN) Canadians inducted into Walk of Fame, su cbc.ca, 5 giugno 2005. URL consultato il 29 settembre 2021.
  11. ^ (EN) Kiefer Sutherland, su emmys.com. URL consultato il 29 settembre 2021.
  12. ^ Silvia Fumarola, Kiefer Sutherland: salvo il mondo grazie al mio bambino autistico, in la Repubblica, 13 marzo 2012, p. 59. URL consultato il 29 settembre 2021.
  13. ^ La classifica delle star più pagate dei telefilm, su tvblog.it, 17 agosto 2009.
  14. ^ Touch 3: perche è stata cancellata, su tvserial.it, 31 gennaio 2019. URL consultato il 19 dicembre 2021.
  15. ^ "24 - Live another day": Kiefer Sutherland torna a correre, su repubblica.it, 11 giugno 2014. URL consultato il 19 dicembre 2021.
  16. ^ (EN) Sonia Saraiya, TV Review: ‘Designated Survivor’, su variety.com, 13 settembre 2016. URL consultato il 19 dicembre 2021.
  17. ^ Nuova serie tv per Kiefer Sutherland dopo la cancellazione di Designated Survivor, su serial.everyeye.it. URL consultato il 19 dicembre 2021.
  18. ^ Designated Survivor Stagione 1, su serial.everyeye.it. URL consultato il 19 dicembre 2021.
  19. ^ Paolo Sirio, Metal Gear Solid V: Hayter non sarà in Ground Zeroes e The Phantom Pain, su eurogamer.it, 8 giugno 2013. URL consultato il 29 settembre 2021.
  20. ^ Metal Gear Solid 5 Ground Zeroes: Kiefer Sutherland parla di Snake, su everyeye.it. URL consultato il 29 settembre 2021.
  21. ^ (EN) Samuel Wilson, 10 Video Game Characters You Didn't Know Were Voiced By Famous Actors, su whatculture.com, 2 marzo 2014. URL consultato il 29 settembre 2021.
  22. ^ (EN) Michael McWhertor, Black Ops 4’s new Zombies mode stars Kiefer Sutherland, Helena Bonham Carter, su polygon.com, 11 dicembre 2018. URL consultato il 29 settembre 2021.
  23. ^ a b c (EN) Kiefer Sutherland's divorce made final, in Reuters, 20 maggio 2008. URL consultato il 29 settembre 2021.
  24. ^ Rossana Del Forno, Kiefer Sutherland, nuovo amore, su vanityfair.it, 7 maggio 2014.
  25. ^ a b c d (EN) Vicki Newman, Curse of The Lost Boys - Drug addiction, untimely death and grooming fears, su mirror.co.uk, 31 maggio 2019. URL consultato il 29 settembre 2021.
  26. ^ (EN) Sheila Marikar, Kiefer Sutherland Charged With Assault for Alleged Head-Butt, su abcnews.go.com. URL consultato il 29 settembre 2021.
  27. ^ Kiefer Sutherland in manette, in la Repubblica, 26 settembre 2007, p. 54. URL consultato il 29 settembre 2021.
  28. ^ a b c d Kiefer Sutherland in carcere per 48 giorni, su corriere.it. URL consultato il 29 settembre 2021.
  29. ^ (EN) Kiefer Sutherland released from jail, in Reuters, 21 gennaio 2008. URL consultato il 29 settembre 2021.
  30. ^ (EN) Christine Kearney, Kiefer Sutherland charged with assault in NY, in Reuters, 8 maggio 2009. URL consultato il 29 settembre 2021.
  31. ^ (EN) Actor Kiefer Sutherland dodges headbutt charge, in Reuters, 22 luglio 2009. URL consultato il 29 settembre 2021.
  32. ^ (EN) Assault charges dropped against Kiefer Sutherland, su edition.cnn.com. URL consultato il 29 settembre 2021.
  33. ^ (EN) Sutherland swaps cocaine for cooking, su irishexaminer.com, 2 marzo 2006. URL consultato il 29 settembre 2021.
  34. ^ Sapo Matteucci, CUCINA IN TV IL RISCHIO È L'OVERDOSE, in la Repubblica, 26 gennaio 2013, p. 41. URL consultato il 29 settembre 2021.
  35. ^ entrambi i doppiaggi

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN85415887 · ISNI (EN0000 0001 1450 4902 · LCCN (ENno96050395 · GND (DE133058360 · BNF (FRcb13931942d (data) · BNE (ESXX1276703 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no96050395