Irmfried Eberl

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Irmfried Eberl
Irmfried Eberl.jpg
8 settembre 1910 – 16 febbraio 1948
Nato aBregenz
Morto aUlma
Cause della morteSuicidio
Dati militari
Paese servitoGermania Germania
Forza armataWaffen-SS
GradoUntersturmführer
Altre caricheMedico
voci di militari presenti su Wikipedia

Irmfried Eberl (Bregenz, 8 settembre 1910Ulma, 16 febbraio 1948) è stato un medico e militare austriaco naturalizzato tedesco (dopo l'Anschluss). Ufficiale nazionalsocialista fece parte del corpo delle Schutzstaffel (SS) con il grado di SS-Untersturmführer.

Eberl fu il primo comandante del campo di sterminio di Treblinka, unico medico a raggiungere questa posizione ed esempio estremo di terapeuta trasformato in assassino[1].

Laureato in medicina nel 1933 ad Innsbruck, dopo l'annessione dell'Austria al Terzo Reich collaborò con il regime nazista. Al termine della Seconda guerra mondiale lavorò come medico a Blaubeuren sotto mentite spoglie: scovato dagli alleati nel gennaio del 1948, nel corso di quell'anno si suicidò.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Robert Jay Lifton. I medici nazisti. Milano, Rizzoli, 2004, pp. 169-171. ISBN 88-17-10103-6

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN23270538 · ISNI (EN0000 0000 5375 6400 · LCCN (ENno2006098513 · GND (DE131395890