Il diritto di morire

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il diritto di morire
Titolo originaleA Right to Die
AutoreRex Stout
1ª ed. originale1964
Genereromanzo
Sottogeneregiallo
Lingua originale inglese
AmbientazioneNew York
ProtagonistiNero Wolfe
CoprotagonistiArchie Goodwin
SerieNero Wolfe
Preceduto daNero Wolfe, difenditi!
Seguito daNero Wolfe contro l'FBI

Il diritto di morire (titolo originale A Right to Die) è il ventisettesimo romanzo giallo di Rex Stout con Nero Wolfe protagonista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nero Wolfe si trova costretto a pagare un vecchio debito di riconoscenza con Paul Whipple, che lo aveva aiutato anni prima nelle indagini in Alta cucina. Whipple è ora professore universitario a New York, e vuole che Wolfe dissuada suo figlio Dunbar, nero, dal matrimonio con Susan Brooke, bianca, in quanto è preoccupato dai problemi che una coppia interrazziale potrebbe avere nella stagione calda della lotta per i diritti civili degli anni sessanta. Ma prima che Wolfe arrivi a qualche risultato, Susan viene ritrovata assassinata nell'appartamento di Dunbar e l'investigatore deve lavorare per evitare al figlio del suo creditore di finire accusato di omicidio.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Nero Wolfe: investigatore privato
  • Archie Goodwin: suo assistente
  • Paul Whipple: professore universitario
  • Dunbar Whipple: figlio di Paul
  • Susan Brooke: fidanzata di Dunbar
  • Kenneth Brooke: fratello di Susan
  • Dolly Brooke: cognata di Susan
  • Peter Vaughn: venditore di automobili
  • Harold Oster, Thomas Henchy, Adam Ewing, Rae Kallman, Beth Tiger, Maud Jordan, Cass Faison: del comitato per i Diritti Civili
  • Cramer: ispettore della Squadra Omicidi

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]