Assassinio indiretto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Assassinio indiretto
Titolo originaleMethod Three for Murder
AutoreRex Stout
1ª ed. originale1960
Generenovella
Sottogeneregiallo
Lingua originale inglese
AmbientazioneNew York
ProtagonistiNero Wolfe
CoprotagonistiArchie Goodwin
SerieNero Wolfe
Preceduto daIl segreto della signorina Voss
Seguito daColpo di genio

Assassinio indiretto (titolo originale Method Three for Murder) è la trentunesima novella gialla di Rex Stout con Nero Wolfe protagonista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Mira Holt, una bella ragazza che lavora come modella, vuole ottenere il divorzio da suo marito Waldo Kearns, dal quale vive separata. Il marito però non vuole dare il suo consenso, e rifiuta anche solo di rivolgerle la parola. Mira ricorre ad uno stratagemma: si fa prestare il taxi di proprietà della sua amica Judith e si reca, travestita da tassista, a prendere suo marito. Quando quest'ultimo non compare, Mira si allontana per qualche minuto; al suo ritorno, scopre un cadavere nel proprio taxi. Terrorizzata, guida la vettura fino alla casa di arenaria per chiedere aiuto a Nero Wolfe. Qui incontra Archie sugli scalini, per scoprire che si è appena licenziato dal suo lavoro per Wolfe.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Nero Wolfe: investigatore privato
  • Archie Goodwin: assistente di Nero Wolfe e narratore di tutte le storie
  • Fritz Brenner: cuoco e maggiordomo
  • Nathaniel Parker: avvocato
  • Lon Cohen: giornalista
  • Mira Holt: figurinista
  • Waldo Kearns: pittore, marito di Mira
  • Judith Bram: tassista
  • Phoebe Arden: amante di Waldo
  • Gilbert Irving: amico di Mira
  • Signora Irving: moglie di Gilbert
  • Carl Prosch: pittore
  • Cramer: ispettore della Squadra Omicidi
  • Purley Stebbins: sergente della Squadra Omicidi

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]