Non credo agli alibi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando la raccolta di Rex Stout, vedi Non credo agli alibi (raccolta).
Non credo agli alibi
Titolo originaleBullet for One
AutoreRex Stout
1ª ed. originale1948
Generenovella
Sottogeneregiallo
Lingua originale inglese
AmbientazioneNew York
ProtagonistiNero Wolfe
CoprotagonistiArchie Goodwin
SerieNero Wolfe
Preceduto daLunga vita al morto
Seguito daCosì parlò Nero Wolfe

Non credo agli alibi (titolo originale Bullet for One) è la decima novella gialla di Rex Stout con Nero Wolfe protagonista.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un industriale, Sigmund Keyes, viene ucciso mentre cavalca in Central Park. I sospetti ricadono su Victor Talbott, fidanzato di sua figlia, ma l'uomo ha un alibi di ferro. Altre cinque persone sono sospettate e assumono Wolfe affinché smonti l'alibi di Talbott, o, in alternativa, scopra chi di loro è il colpevole, scagionando gli altri quattro.

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Nero Wolfe: investigatore privato
  • Archie Goodwin: assistente di Nero Wolfe e narratore di tutte le storie
  • Saul Panzer e Orrie Cather: investigatori privati
  • Sigmund Keyes: la vittima
  • Dorothy Keyes: figlia di Sigmund
  • Victor Talbott: fidanzato di Dorothy
  • Frank Broadyke: designer industriale
  • Ferdinand Pohl: socio di Sigmund
  • Audrey Rooney: segretaria di Talbott
  • Wayne Safford: stalliere
  • Cramer: ispettore della Squadra Omicidi
  • Purley Stebbins: sergente della Squadra Omicidi

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]