Cesare Mirabelli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cesare Mirabelli
Iotti Mirabelli.jpg
Cesare Mirabelli a colloquio con la Presidente della Camera, Nilde Iotti, 1986

Presidente della Corte costituzionale
Durata mandato 23 febbraio 2000 –
21 novembre 2000
Predecessore Giuliano Vassalli
Successore Cesare Ruperto

Cesare Mirabelli (Gimigliano, 29 dicembre 1942) è un giurista italiano, presidente della Corte costituzionale dal 23 febbraio al 21 novembre 2000.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Allievo di Pietro Gismondi, è stato magistrato, avvocato e professore ordinario di diritto ecclesiastico presso le Università di Parma, di Napoli e - dalla fondazione - di Roma Tor Vergata, nonché presso l'Università Europea di Roma, e di diritto costituzionale nella Pontificia Università Lateranense di Roma. [1][2][3][4]

È stato vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura dal 1986 al 1990.[5][6]

Eletto giudice costituzionale dal Parlamento in seduta comune il 14 novembre 1991, giura il 21 novembre 1991. È eletto presidente della Corte costituzionale il 23 febbraio 2000. Cessa dalla carica di presidente il 21 novembre 2000.[7]

È stato direttore scientifico dell'Istituto regionale di studi giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo.[8]

Dal 2006 è membro del consiglio superiore della Banca d'Italia.[9]

Ricopre la carica di consigliere generale della Pontificia commissione per lo Stato della Città del Vaticano[10], il ruolo più elevato che un laico possa ricoprire in Vaticano.[senza fonte]

Riveste la qualifica, in seno alla Federazione Italiana Giuoco Calcio, di componente della commissione di garanzia della giustizia sportiva, presieduta da Pasquale De Lise.[11]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 12 dicembre 1986[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Docenti. Prof. Cesare Mirabelli, su Università degli Studi di Roma "Tor Vergata". Facoltà di Giurisprudenza. URL consultato il 29 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 15 giugno 2009).
  2. ^ Cesare Mirabelli (PDF), su Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato. URL consultato l'8 novembre 2020.
  3. ^ Cesare Mirabelli. Emerito di Diritto ecclesiastico nell’Università di Roma Tor Vergata, su Università Europea di Roma. URL consultato l'8 novembre 2020.
  4. ^ Autori. Cesare Mirabelli, su Fondazione Internazionale Oasis. URL consultato l'8 novembre 2020.
  5. ^ Consiliatura 1986-1990, su Consiglio Superiore della Magistratura. URL consultato l'8 novembre 2020.
  6. ^ Composizione Consiglio 1986-1990, su Consiglio Superiore della Magistratura. URL consultato il 29 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2009).
  7. ^ Giudici costituzionali dal 1956. I Presidenti dal 1956 ad oggi, su Corte Costituzionale. URL consultato il 29 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 9 febbraio 2012). Note biografiche del presidente.
  8. ^ Alessandro Sterpa, Auguri ai componenti della Convenzione per le riforme, istituita dal Governo Letta, su Arturo Carlo Jemolo. Istituto regionale di studi giuridici del Lazio, 5 giugno 2013. URL consultato l'8 novembre 2020.
  9. ^ Consiglio Superiore, su Banca d'Italia. URL consultato il 29 aprile 2009 (archiviato dall'url originale il 31 maggio 2009).
  10. ^ Organi di Governo, su Stato della Città del Vaticano. URL consultato l'8 novembre 2020.
  11. ^ Commissione di Garanzia della Giustizia Sportiva, su Federazione Italiana Giuoco Calcio. URL consultato il 3 aprile 2011 (archiviato il 4 febbraio 2010).
  12. ^ Dettaglio decorato. MIRABELLI Avv. Cesare. Cavaliere di Gran Croce Ordine al Merito della Repubblica Italiana, su Presidenza della Repubblica Italiana. URL consultato il 6 luglio 2012.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN71518286 · ISNI (EN0000 0000 2978 3900 · SBN IT\ICCU\RAVV\036071 · LCCN (ENn00100902 · BNF (FRcb127854714 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n00100902