Aldo Corasaniti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Aldo Corasaniti
Aldo Corasaniti Napolitano.jpg
Aldo Corasaniti incontra il presidente della Camera, Giorgio Napolitano, 1992

Presidente della Corte costituzionale
Durata mandato 15 luglio 1991 –
14 novembre 1992
Predecessore Ettore Gallo
Successore Francesco Paolo Casavola

Senatore della Repubblica Italiana
Legislature XII legislatura
Gruppo
parlamentare
Progressisti-Federativo poi Sinistra Democratica
Circoscrizione Calabria
Collegio 4-Catanzaro-Lamezia Terme
Sito istituzionale

Dati generali
Titolo di studio laurea in filosofia
Professione magistrato

Aldo Corasaniti (San Sostene, 9 novembre 1922Roma, 7 luglio 2011) è stato un giurista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in filosofia con lode nel 1945 presso l'Università di Pisa e poi nel 1949 in giurisprudenza nell'Università di Roma, sempre con lode, è entrato in magistratura nel 1950[1].

Entrato in magistratura presta servizio prima alla Pretura di Genova e poi al Tribunale di Roma, e quindi alla Corte di cassazione.Come consigliere delle Sezioni Unite è estensore di alcune "storiche" sentenze in materia di diritto alla salute e di interesse diffuso; presidente della Corte d'appello di Cagliari e infine in Corte di Cassazione alla Procura generale.

Nominato giudice costituzionale dalla Corte di Cassazione il 26 ottobre 1983, giura il 14 novembre 1983.
È eletto presidente il 12 luglio 1991. Ha esercitato le funzioni dal 15 luglio 1991. Cessa dalla carica di presidente il 14 novembre 1992.[2]

Durante la sua presidenza la Corte Costituzionale affermò il principio di leale cooperazione tra i poteri dello Stato.

Nel 1994 è eletto come indipendente nelle liste dell'alleanza dei Progressisti al Senato della Repubblica nel collegio di Catanzaro-Lamezia Terme, ed è tra i fondatori del gruppo della "Sinistra democratica" al Senato e successivamente Presidente della Commissione Affari Costituzionali.

Il 26 luglio 2001 presenta, insieme con un gruppo di studio composto dal professore Antonio Baldassarre e da Achille Chiappetti la bozza di Statuto della regione Lazio.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 30 dicembre 1988[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Alfonso Quaranta, Commemorazione del Giudice Maria Rita Saulle e del Presidente emerito Aldo Corasaniti (DOC), su cortecostituzionale.it, 20 settembre 2011. URL consultato il 18 dicembre 2014.
  2. ^ Giudici costituzionali dal 1956, Corte costituzionale. URL consultato il 20 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2012).
  3. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN90310910 · ISNI (EN0000 0004 1964 9504 · SBN IT\ICCU\RERV\023921