Antonio Baldassarre

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Baldassarre

Presidente della Corte costituzionale
Durata mandato 26 febbraio 1995 –
8 settembre 1995
Predecessore Francesco Paolo Casavola
Successore Vincenzo Caianiello

Presidente della RAI
Durata mandato 5 marzo 2002 –
26 febbraio 2003
Predecessore Vittorio Emiliani
Successore Paolo Mieli

Dati generali
Partito politico Il Popolo della Libertà
Università Università degli Studi di Roma "La Sapienza"

Antonio Baldassarre (Foligno, 18 dicembre 1940) è un accademico e costituzionalista italiano, presidente emerito della Corte Costituzionale.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Attività accademica[modifica | modifica wikitesto]

Diplomatosi al Liceo Classico "G.C. Tacito" di Terni, nel 1963 si laurea in Giurisprudenza presso l'Università di Roma. Cattedratico a 29 anni, ha insegnato Diritto Costituzionale presso le Università di Camerino e Perugia. Baldassarre è stato professore ordinario presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università LUISS Guido Carli di Roma, di cui è stato anche vicepreside. È inoltre docente di Institutiones iuris civilis publici presso la Pontificia Università Lateranense. È membro dell'Albo d'Onore della UNINTESS di Mantova.

Giudice costituzionale (1986-95)[modifica | modifica wikitesto]

L'8 agosto 1986 viene nominato giudice costituzionale dal presidente della Repubblica Italiana Francesco Cossiga (giura l'8 settembre 1986).[1] Il 23 febbraio 1995 è eletto a presidente della Corte Costituzionale. A 45 anni è uno dei più giovani giudici ad aver mai ricoperto tali funzioni. Cessa dalla carica di Presidente l'8 settembre 1995.[1] Nei nove anni alla Corte Costituzionale ha redatto quasi 400 sentenze.

Successivi incarichi[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni successivi è stato presidente del Giurì della pubblicità (1996), presidente della filiale italiana della banca inglese Greenwich National Westminster (1998), presidente del Comitato di autocontrollo della Borsa di Milano, presidente della SISAL (1999-2003) e presidente del Consiglio di amministrazione della RAI (2002), nominato durante il Governo Berlusconi II.[2]

Caso Alitalia e sanzioni disciplinari (2007)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 è stato advisor legale di un gruppo di imprese in corsa per l'acquisto di Alitalia.[3]. La Consob gli ha irrogato una sanzione di 400.000 €, con la perdita per 4 mesi dei requisiti di onorabilità, per i seguenti motivi, citati nel provvedimento disciplinare:[4][5]

«egli ha diffuso, nel periodo agosto-dicembre 2007 - attraverso reiterate dichiarazioni dal medesimo rilasciate e pubblicate dalla stampa - informazioni false e comunque idonee a fornire indicazioni false e fuorvianti in merito alle azioni Alitalia, che hanno accreditato la sussistenza di una "cordata" di imprenditori italiani e stranieri dotati delle risorse finanziarie e tecniche necessarie a rilevare la quota del capitale di Alitalia posta in vendita dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, laddove, invece, nessuno dei soggetti di volta in volta partecipanti alla Cordata ha mai assunto in concreto l'impegno a mettere a disposizione le risorse necessarie a sostenere l'iniziativa»

«la credibilità di tali informazioni e la loro conseguente fuorvianza è risultata amplificata in ragione delle prestigiose cariche, istituzionali e non, ricoperte in passato dal Prof. Baldassarre e del ruolo concretamente svolto nel caso di specie, non soltanto di advisor legale della Cordata, ma anche di coordinatore e, in taluni casi, di promotore della stessa»

Rinvio a giudizio e assoluzione[modifica | modifica wikitesto]

Per questa vicenda, il 25 novembre 2010 la procura di Roma ha chiesto il processo per il reato di aggiotaggio[6][7]; secondo l'accusa Baldassarre presentò un'offerta di acquisto con finte garanzie di disponibilità economiche, in quanto due documenti che dimostravano la disponibilità di un fondo di 500 000 euro erano falsi[6][7]. Nel luglio 2016 è stato comunque assolto in appello perché il fatto non sussiste[8]

Attività politica[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni ottanta Baldassarre ha ricoperto, per pochi mesi, l'incarico di consigliere comunale del Partito Comunista Italiano al Comune di Terni[9].

Alle elezioni amministrative del 2009, si è poi candidato come Sindaco della stessa città[9]. Appoggiato dalle liste civiche Rinnoviamo insieme Terni, Baldassarre Sindaco e dal Popolo della Libertà, ha ottenuto il 37,13% delle preferenze al primo turno[10]. Al successivo ballottaggio del 21 e 22 giugno 2009 ha poi ricevuto il 46,99% dei voti contro il 53,01% ottenuto dall'avversario Leopoldo Di Girolamo (centrosinistra)[10]. Baldassarre è stato quindi eletto consigliere comunale ed ha ricoperto anche gli incarichi di componente della commissione consiliare permanente Garanzia e Controllo del Comune di Terni e presidente del gruppo consiliare Baldassarre Sindaco.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • In materia di limiti del diritto di cronaca, Torino: Unione tipografico-editrice torinese, 1972
  • Critica dello stato sociale(a cura di A. Baldassarre e A. A. Cervati), Roma-Bari, Laterza, 1982
  • Gli uomini del Quirinale. Da De Nicola a Pertini (insieme a Carlo Mezzanotte), Roma-Bari, Laterza, 1985
  • I limiti della democrazia (a cura di A. Baldassarre), Roma-Bari, Laterza, 1985
  • Introduzione alla Costituzione (insieme a Carlo Mezzanotte), Roma-Bari, Laterza, 1986
  • Diritti della persona e valori costituzionali, Giappichelli, 1997, ISBN 88-348-7050-6
  • Una Costituzione da rifare. Il progetto della Bicamerale sotto la lente di un costituzionalista, Giappichelli, 1998, ISBN 88-348-8008-0

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
— 27 luglio 1987[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Giudici costituzionali dal 1956, Corte costituzionale. URL consultato il 20 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 20 novembre 2012).
  2. ^ ||| RAI ||| Bilancio 2002 |||
  3. ^ Alitalia svela i soci di Baldassarre - Il Sole 24 ORE
  4. ^ CONSOB Archiviato il 9 novembre 2012 in Internet Archive. Delibera n. 17538, applicazione di sanzioni amministrative nei confronti del Prof. Antonio Baldassarre, ai sensi degli articoli 187-ter e 187-septies del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58
  5. ^ Corriere della Sera, 29 ottobre 2010
  6. ^ a b Vendita Alitalia, chiesto rinvio a giudizio per Baldassarre: «Diede false garanzie», in Corriere della Sera, 25 novembre 2010. URL consultato il 25 novembre 2010.
  7. ^ a b Caso Alitalia, per Baldassarre chiesto rinvio a giudizio per aggiotaggio, in la Repubblica, 25 novembre 2010. URL consultato il 25 novembre 2010.
  8. ^ Alitalia: assolti in appello Baldassarre e Valori, su affaritaliani.it, 13 luglio 2016.
  9. ^ a b TERNI: È UFFICIALE, IL PROF. ANTONIO BALDASSARRE SI CANDIDA A SINDACO - Tutt'oggi, in Tutt'oggi, 29 gennaio 2009. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  10. ^ a b Speciale elezioni 2009 - Elezioni Amministrative 6-7 giugno 2009 - Comunali - Terni, su www.repubblica.it. URL consultato il 25 gennaio 2018.
  11. ^ Sito web del Quirinale: dettaglio decorato, su quirinale.it. URL consultato l'8 febbraio 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN90248891 · ISNI (EN0000 0000 8163 3731 · SBN IT\ICCU\MILV\178327 · LCCN (ENn82017765 · BNF (FRcb120969398 (data) · WorldCat Identities (ENn82-017765