Alessandro Criscuolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Alessandro Criscuolo
Criscuolo Napolitano.jpg
Il presidente della Repubblica Napolitano e il presidente Criscuolo (a destra).

Presidente della Corte costituzionale
Durata mandato 12 novembre 2014 –
24 febbraio 2016
Predecessore Giuseppe Tesauro
Successore Paolo Grossi

Giudice costituzionale della Repubblica Italiana
Durata mandato 11 novembre 2008 –
11 novembre 2017

Alessandro Criscuolo (Napoli, 15 luglio 1937) è un magistrato italiano, giudice costituzionale dal 2008 al 2017 e Presidente della Corte costituzionale dal 12 novembre 2014 al 24 febbraio 2016.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

In magistratura dal 1964, ha iniziato la sua attività prima alla pretura di Pomigliano d'Arco e poi a Napoli. Nel 1975 è passato al tribunale di Napoli e poi nel 1987 alla Corte d'Appello della stessa città.

Dal 1984 al 1988 è stato presidente dell'Associazione nazionale magistrati.

Nel 1990 è stato eletto nel Consiglio superiore della magistratura di cui ha fatto parte fino al 1994.
Rientrato in ruolo, è stato nominato consigliere di Cassazione; presso tale corte ha raggiunto, nel 2005, il rango di presidente prima della sesta sezione penale e poi della prima sezione civile.

Il giudice costituzionale Alessandro Criscuolo giura davanti agli allora Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, della Camera, Gianfranco Fini, e del Senato, Renato Schifani

Il 28 ottobre 2008 è stato eletto alla Corte costituzionale con un'elezione al primo turno (non succedeva da 27 anni che non si dovesse ricorrere al ballottaggio). Ha giurato, ed è quindi entrato ufficialmente in carica, l'11 novembre successivo.
Il 12 novembre 2014 è stato eletto presidente della Corte Costituzionale con 8 voti a favore su 14 votanti succedendo a Giuseppe Tesauro. Il 24 febbraio 2016 ha rassegnato, dopo averle annunciate l'11 del mese, le proprie dimissioni, per motivi familiari, dall'incarico di Presidente della Corte rimanendo in carica come giudice; lo stesso giorno gli è succeduto Paolo Grossi.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di gran croce dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
«Giudice costituzionale. Di iniziativa del Presidente della Repubblica»
— 10 novembre 2008[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autoritàVIAF (EN250971651 · GND (DE1023229455