Canone di Tolomeo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Canone di Tolomeo, conosciuto anche come Canone dei re, o Canone regio, è una base cronologica lunga quasi mille anni applicabile alla storia del Vicino Oriente antico e costituita tramite liste di sovrani, ordinate in successioni dinastiche[1].

Claudio Tolomeo da un'edizione della Geografia del 1482

Evoluzione storica[modifica | modifica wikitesto]

Conosciuto, in principio, come il "Canone dei re", fu stilato dagli antichi astronomi babilonesi per dare un riferimento temporale ai fenomeni celesti, come le eclissi, i solstizi e gli equinozi, o i passaggi di comete.

In seguito, nel II secolo dopo Cristo, l'astronomo greco Claudio Tolomeo di Alessandria riprese questi elenchi di sovrani e provvide a ricalcolarne la durata secondo l'anno vago del calendario egizio. Avvalendosi di calcoli astronomici, riuscì a stabilire con buona precisione la durata dei regni dei vari monarchi babilonesi e persiani succedutisi sul trono dell'antica Babilonia. L'anno vago dura sempre esattamente 365 giorni e perciò risulta più agevole avvalersi del canone per inquadrare temporalmente i fenomeni celesti[2]

Lista dei re di Uruk

Questo breve documento è contenuto[2] nelle Πρόχειροι κανόνες ("Tavole astronomiche manuali")[3], opera minore di Tolomeo ed è stato considerato la spina dorsale della cronologia del Vicino Oriente antico. Ha trovato la conferma della sua correttezza sostanziale, nel raffronto con tavolette in terracotta, come la "Lista dei re di Uruk" o i "Diari astronomici", conservate nel Museo di Bagdad e nel British Museum[1].

Il Canone, nella sua stesura, prevedeva solo i sovrani regnanti per almeno un anno. In genere, l'anno in cui avveniva la morte era l'ultimo a portare il nome di un determinato re. Coloro il cui governo era inferiore ad un anno venivano ignorati.

Tolomeo aggiunse alle epoche originarie, e cioè, quella babilonese (747 a.C. - 539 a.C.), quella persiana (538 a.C. - 332 a.C.) e poi macedone (331 a.C. - 305 a.C.), quelle del periodo tolemaico (304 a.C. - 30 a.C.) e del periodo romano (29 a.C. - 160). Quest'ultimo si concluse, e contemporaneamente anche il canone, con Antonino Pio, ultimo imperatore avvicendatosi durante la vita dell'astronomo alessandrino. Il canone, comunque, fu preso in considerazione anche da altri studiosi di astronomia, che lo inserirono nelle loro pubblicazioni, continuandone, per loro uso, l'aggiornamento[2]

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Re assiro-babilonesi, 747 a.C. - 626 a.C.[modifica | modifica wikitesto]

Sargon II (709 a.C. - 705 a.C.)
Nabucodonosor II
(604 a.C. - 562 a.C.)

Re neobabilonesi, 625 a.C. - 539 a.C.[modifica | modifica wikitesto]

Re persiani, 538 a.C. - 332 a.C.[modifica | modifica wikitesto]

Ciro il Grande
(538 a.C. - 530 a.C.)

Re macedoni, 331 a.C. - 305 a.C.[modifica | modifica wikitesto]

Alessandro Magno
(331 a.C. - 324 a.C.)

Tolomei d'Egitto, 304 a.C. - 30 a.C.[modifica | modifica wikitesto]

Tolomeo I Soter
(304 a.C. - 285 a.C.)

Imperatori romani, 29 a.C. - 160[modifica | modifica wikitesto]

Augusto (29 a.C. - 14)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Jona Lendering, Il canone di Tolomeo. 2006. Per Livius.org . Fonte
  2. ^ a b c Felice Romani e Antonio Peracchi, Dizionario d'ogni mitologia e antichità incominciato da Girolamo Pozzoli sulle tracce del Dizionario della favola di Fr. Noel, continuato ed ampliato dal prof. Felice Romani e dal dr. Antonio Peracchi, volume 1, parte seconda del Supplemento, pag. 555 - Ranieri Fanfani tipografo e calcografo, Milano - 1827 . Fonte
  3. ^ G. Treccani, Enciclopedia Italiana, Vol. XXXIII - Istituto Poligrafico dello Stato - Roma - 1933 . Fonte

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jona Lendering, Il canone di Tolomeo. 2006. Per Livius.org
  • Felice Romani e Antonio Peracchi, Dizionario d'ogni mitologia e antichità incominciato da Girolamo Pozzoli sulle tracce del Dizionario della favola di Fr. Noel, continuato ed ampliato dal prof. Felice Romani e dal dr. Antonio Peracchi. Volume 1, parte seconda del Supplemento - Ranieri Fanfani tipografo e calcografo, Milano - 1827
  • G. Treccani, Enciclopedia Italiana, Vol. XXXIII - Istituto Poligrafico dello Stato - Roma - 1933
  • Ludwig Ideler, Handbuch der Mathematischen und Technischen Chronologie Vl. II. Ed. August Bucker. Berlino - 1826

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]