Assassin's Creed (serie)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Logo della serie

Assassin's Creed è una saga di videogiochi che si compone di una serie principale composta da 6 capitoli, a cui si aggiungono numerosi spin-off nei più svariati mezzi di comunicazione: 3 videogiochi, 3 giochi on-line, 3 cortometraggi, 5 romanzi e 6 fumetti. La serie principale è apparsa su PlayStation 3, Xbox 360, Wii U, Microsoft Windows, PlayStation 4 e Xbox One; gli spin-off sono stati realizzati per PlayStation Portable, PlayStation Vita, Nintendo DS, iPhone, Android e Windows Phone. In poche parole, alla casa videoludica è riuscito di realizzare quella crossmedialità inseguita da tanti concorrenti[1]. I 6 giochi principali del franchising sono stati sviluppati da Ubisoft Montreal.

La trama principale copre un arco temporale che va dalla fine degli anni 90 a fine 2013 seguendo di pari passo la vita reale ed integrando alcuni elementi in modo da creare una realtà alternativa sempre più simile a quella che viviamo tutti i giorni.

Il tema principale è la lotta tra l'Ordine Templare, un gruppo di uomini che ha come obiettivo il totale controllo sulla vita degli uomini per dar loro uno scopo e guidarli alla vera pace, e la Confraternita degli assassini, un'altra fazione che invece vuole migliorare il mondo con l'esempio, ispirando la giustizia ed eliminando i tiranni lasciando comunque agli uomini il libero arbitrio. Nel Presente i Templari usano come facciata un'industria farmaceutica di nome Abstergo Industries, mentre gli Assassini sono ridotti in clandestinità a causa dei rastrellamenti perpetrati dai loro nemici ai loro nascondigli.

Principale protagonista della serie di videogame è Desmond Miles, un barista venticinquenne di Manhattan, fuggito a 16 anni da un rifugio di Assassini chiamato "La Fattoria" perché incapace di comprendere il vero scopo dei suoi estenuanti allenamenti e stanco dell'iperprotettività dei suoi genitori che lo mettevano in guardia da un nemico che lui non aveva mai visto. Egli si ritroverà a rivivere le memorie dei suoi antenati grazie ad uno speciale dispositivo chiamato Animus per trovare dei manufatti misteriosi chiamati Frutti dell'Eden i quali sembrano essere dotati di straordinari poteri. Inizialmente costretto dai Templari successivamente li cercherà volontariamente assieme agli assassini in una corsa contro il tempo per salvare il mondo da un'immane catastrofe.

Con Assassin's Creed 4 Black Flag si è passati ad impersonare un impiegato Abstergo che lavora all' Abstergo Entertaiment una succursale con il compito di diffondere la tecnologia Animus per raccogliere più dati possibili per proseguire la ricerca dei Frutti dell'Eden.

Tramite i fumetti canonici abbiamo conosciuto due nuovi protagonisti: Daniel Cross e Jot Soora.

Inoltre all'interno dei giochi principali e soprattutto grazie al DLC L'Archivio Perduto si venuti a conoscenza del folle e criptico Soggetto 16 alias Clay Kazmareck.

Ad oggi, l'intreccio dei videogiochi principali ha fatto rivivere al protagonista le vite di quattro assassini: Altaïr Ibn-La'Ahad, Ezio Auditore, Connor Kenway ed Edward Kenway. Tramite media alternativi si è venuti a conoscenza di Nikolai Orelov e Arbaaz Mir.

Con il DLC Freedom Cry si è potuto impersonare il quartiermastro di Edward Kenway chiamato Adewale mentre grazie al gioco per Playstation Vita Assassin's Creed 3 Libération si è incontrata Aveline de Granpré contemporanea di Connor.

Inoltre enormi fonti di dati sono il gioco social su Facebook Project Legagy (ormai inattivo) e il sito ancora funzionante Assassin's Creed Initiates tramite il quale si può venire a conoscenza di approfondimenti sulla trama principale e di avventure e personaggi inediti come Gavin Banks, la rete Erudito, i misteriosi Iniziati e tanti altri.

Punti caratteristici della saga sono ormai le contestualizzazioni storiche dei relativi intrecci, che traslano l'epica trama della guerra millenaria tra Assassini e Templari nelle ragioni occulte della storiografia, facendo interagire il giocatore con quanti più eventi importanti presenti nell'epoca in questione, anche se raramente anacronistici.

Il gameplay, che ha subito diverse piccole variazioni nel corso dell'uscita dei capitoli, fa muovere il protagonista in paesaggi per lo più urbani d'epoca ricreati verosimilmente, tramite acrobazie e mosse che da molti sono state identificate nel parkour. Alterna peraltro fasi d'azione e combattimenti ad azioni caute e di strategia.

La saga, oltre a essere una delle più vendute nel panorama videoludico, ha spopolato per ambientazione, intensità dei personaggi e trama al punto da raggiungere il titolo di videogioco di culto[2].

A marzo 2013 la serie ha venduto 55 milioni di copie.

Il 16 ottobre 2013 l'attore Michael Fassbender dichiara a The Daily Beast che il progetto di realizzare un film sul videogioco con lui protagonista è in corso.

La serie[modifica | modifica sorgente]

Il videogame nasce in realtà come uno spin-off della popolare serie Prince of Persia: un video recentemente comparso online mostra un primo concept del gioco chiamato Prince of Persia: Assassin's, in cui si nota un combattente nizarita del tutto simile ad Altair combattere in una città araba. Le dinamiche di gioco sembravano quelle tipiche di un Prince of Persia, più votate all'azione che allo stealth, ma di sicuro esistevano, in fase embrionale, già molti elementi tipici di Assassin's Creed.

Lista dei capitoli[modifica | modifica sorgente]

Serie principale

Altri videogiochi:

Videogiochi annullati:

Giochi online:

Cortometraggi:

Libri:

Libri annullati:

  • Assassin's Creed: L'Imam invisibile
  • Assassin's Creed: L'occhio del Paradiso

Trama della serie[modifica | modifica sorgente]

Prologo: La Caduta della Confraternita e il Progetto Animus[modifica | modifica sorgente]

  • Fumetto Assassin's Creed The Fall:

Daniel Cross è un teppista che vive a Philadelphia. Egli soffre di allucinazioni continue e per questo si è rifugiato in alcool e droga. Dopo una violenta crisi avuta in un bar il ragazzo viene soccorso da una ragazza di nome Hannah Muller che lo ferma prima che uccida un uomo. Prima del tentato omicidio il ragazzo gli aveva dato del "templare". La ragazza si rivela un'assassina e porta Daniel al suo rifugio. Li Cross conosce Paul Bellamy, il supervisore. Quest'ultimo però è turbato dal fatto che la sua affiliazione a uno dei due ordini non risulti in nessuno dei loro registri. In astinenza da psicofarmaci Cross chiede ad Hannah di accompagnarlo nel suo appartamento. Lei decide di aiutarlo, ma poco dopo Bellamy li raggiunge affermando che le allucinazioni del ragazzo sono in realtà ricordi di una vita precedente. I ricordi di un assassino russo di inizio ventesimo secolo di nome Nikolai Orelov. Sentendo quel nome Cross ha una violenta allucinazione nella quale assiste a "Li incidente di Tunguska" evento al quale sembra sia sopravvissuto solo il suo antenato inviato li assieme ad una squadra di assassini per recuperare il Bastone dell'Eden, un manufatto dal potere inimmaginabile appartenuto alla Zar di Russia e poi caduto in mano ai templari che vi stavano eseguendo ricerche. Dopo la crisi Cross afferma di voler trovare il Mentore, il capo supremo degli assassini. Passano due anni (siamo nel 2000) e Daniel diviene un leale e dotato assassino. Un giorno viene rapito da alcuni uomini e condotto dal Mentore a Dubai. Egli si dimostra orgoglioso della sua dedizione alla causa e per omaggiarlo gli fa provare la sua "lama celata" l'arma simbolo degli assassini, ormai usata solo come strumento rituale. In quel momento un comando represso scatta nella mente di Daniel e uccide il Mentore. Confuso esegue un "salto della fede", un "tuffo" da altezze vertiginose usato come ultima risorsa dagli assassini per sfuggire alla cattura, e si getta in mare. Rendendosi conto della gravità del suo gesto Daniel si reca all'Abstergo di Philadelphia e li viene accolto dal dottor Warren Vidic, un templare che anni prima gli aveva fatto il lavaggio del cervello inserendo nella sua mente dei comandi subliminali per guidarlo fino a quel momento. Il dottore inserisce Daniel nell'Animus una macchina capace di far rivivere alla persone le memorie dei propri antenati in maniera controllata. Prima però gli viene estorta la posizione di molti dei rifugi degli assassini e così ha inizio la Grande Purga, cioè il rastrellamento sistematico di tutti gli assassini viventi i quali sono così costretti alla clandestinità e perdono la loro influenza sulla società che diventa monopolio templare (come si evince dal fatto che alle elezioni del 2000 vince J.W.Bush, candidato dai templari e non Clinton supportato dagli assassini).

  • Fumetto Assassin's Creed The Chain:

Daniel rivive random i ricordi di Nikolai Orelov ma nel 2002 viene fatto uscire dall'Animus perché al limite delle sue forze. Conosce il suo medico, la Dottoressa Sung e viene a sapere di essere diventato un eroe tra i templari. La gentilezza dei templari mista al disprezzo per la confraternita degli assassini trasmessagli dal suo antenato Nikolai Orelov ed unito al senso di colpa per le sue azioni lo trasformano in un templare a tutti gli effetti. Il suo antenato infatti, dopo gli eventi della Rivoluzione Russa, aveva lasciato gli assassini per cercare di farsi una vita normale con la sua famiglia in America ma viene ostacolato da questi ultimi che gli portano via moglie e figlia lasciandolo solo col figlio più piccolo. Divenuto un agente operativo di primo livello e con le visioni ormai sotto controllo Daniel viene inviato a Mosca nella Biblioteca Segreta di Ivan il Terribile situata sotto il Teatro Bolscioi nella quale dovrebbe essere custodito un manoscritto appartenuto ad un Maestro Assassino del Rinascimento di nome Ezio Auditore: il Codice del Profeta. Tra le sue pagine Cross legge di una conversazione tra l'assassino ed una donna di nome Minerva che afferma di appartenere ad un Prima Civilizzazione e la quale si riferisce ad un certo Desmond avvisandolo di un'immane catastrofe che avverrà in un tempo lontano. I templari sanno che la catastrofe avverrà in quegli anni e che quel Desmond vive nell'epoca odierna. Così iniziano la sua ricerca per utilizzare i suoi ricordi nel recupero di una Mela dell'Eden necessaria ai loro piani di dominio.

  • DLC L'Archivio Perduto e informazioni varie all'interno dei videogiochi:

Gli assassini ormai allo sbando vengo guidati da William Miles il quale diviene il nuovo Mentore. Per cercare di scoprire i piani dei templari Bill decide di tagliare i contatti con una giovanissima assassina di nome Lucy Stillman in modo che i templari la rintraccino e la assumano attirati dalle sue idee sui ricordi genetici. Così accade e la giovane Lucy diviene l'assistente del dottor Warren Vidic e assieme a lui lavora per migliorare l'Animus, mentre in segreto invia informazioni agli assassini. I templari avevano infatti iniziato ad utilizzare gli assassini catturati per raccogliere informazioni sul passato e sui Frutti dell'Eden utilizzando l'Animus di Vidic. Purtroppo la famiglia Miles viene sconvolta dalla fuga del figlio Desmond stanco di quella vita isolata e incapace di comprendere chi egli è veramente. Desmond si reca a New York e fa perdere le tracce. Successivamente William decide di infiltrare un assassino, Clay Kazmareck all'Abstergo come soggetto di ricerca. Egli avrebbe poi dovuto durante la notte, coperto da Lucy inviare agli assassini dettagli sul Progetto Animus e sul vero obiettivo dei templari. Clay diviene il Soggetto 16. Vidic lo sottopone a sessioni interminabili nell'Animus alla ricerca di qualcosa e le cose peggiorano quando scopre che Ezio Auditore era un suo antenato. Purtroppo non era un suo diretto discendente e così i ricordi di quest' ultimo sono incompleti. Clay rischia di impazzire per la sovraesposizione all'Animus. Un giorno però scopre che Lucy è infine passata ai templari, plagiata da Vidic e che il malefico dottore sta progettando di trovare Desmond Miles e di usarlo come Soggetto 17. Nel caso le sessioni non fossero andate velocemente, Lucy avrebbe dovuto fingersi sua amica e portarlo tra gli assassini per farlo sentire a suo agio. Quando la Mela sarebbe stata nelle sue mani avrebbe dovuto riportarla all'Abstergo e loro l'avrebbero messa su di un satellite, L'Eye-Abstergo e spedita in orbita per controllare le menti di tutta l'umanità. Lucy, tramite il sistema di sorveglianza scopre che Clay l'ha scoperta. Promette di mantenere il segreto, ma lo avverte che non gli permetterà di uscire di li. Allora l'assassino usa le proprie doti informatiche per creare un constructo digitale di se stesso all'interno dell'Animus e in più vi introduce files criptati contenenti informazioni strabilianti ottenute durante le sessioni. Poi lascia degli strani simboli con il suo sangue e infine la sua follia lo conduce al suicidio. E' il 7 Agosto 2012. Il 10 Settembre l'Abstergo localizza Desmond Miles poco prima degli assassini che non avevano mai smesso di cercarlo.


Assassin's Creed: Altaïr's Chronicles[modifica | modifica sorgente]

Cronologicamente, il primo dei ricordi vissuti da Desmond avviene in Assassin's Creed: Altaïr's Chronicles. 1190: la Terza Crociata si è scatenata in Terra Santa. Altaïr Ibn La-Ahad, neofito assassino viene inviato in missione dall'Ordine per recuperare un semplice calice. Svolgendo la sua missione, Altaïr trova tre chiavi di cui ha bisogno, recandosi successivamente a Gerusalemme. Appena arrivato nella città, l'assassino scopre che il Calice non è un oggetto, bensì una donna di nome Adha. Essa gli rivela che un assassino chiamato Harash ha tradito l'Ordine degli Assassini, facendo il doppio gioco con i Templari. Svelato l'inganno del traditore, Altaïr lo affronta e lo uccide, per poi scontrarsi col Comandante dell'Ordine dei Cavalieri Templari, Basilisk. Dopo aver ucciso i suoi nemici, l'assassino tenta di salvare Adha dalla prigionia, ma arriva troppo tardi[4]. Gioco solo per iPhone, iPad e Nintendo DS.

Assassin's Creed[modifica | modifica sorgente]

In Assassin's Creed, per l'Abstergo le memorie di Altaïr sono fondamentali per trovare il Frutto dell'Eden. Altaïr, sempre a Gerusalemme, si confronta col crociato Roberto di Sable, membro dell'Ordine dei Templari, per recuperare il frutto dell'Eden. Sotto al tempio di Gerusalemme, Altaïr pecca di presunzione e arroganza, mandando a monte la missione e mettendo a rischio la vita dei suoi compagni. Per questo motivo Al Mualim, capo degli Assassini, per aver tradito molti principi del Credo degli Assassini e non avendo concluso la sua missione, decide di non ucciderlo, come il codice indicherebbe, ma retrocede il nostro protagonista ad Assassino novizio per umiliarlo. Per riscattare l'orgoglio perduto, Altair viene spedito ad eliminare nove obiettivi in tre città diverse della Terra Santa: Acri, Damasco e Gerusalemme. Con ogni uccisione, Altaïr impara che c'è una connessione tra i suoi obiettivi: uniti dalle trame coi Templari di Roberto di Sable, desideroso di prendere il controllo della Terra Santa con la forza. Dopo l'uccisione di otto obiettivi, Altaïr si confronta con Roberto davanti a re Riccardo Cuor di Leone, leader dell'esercito crociato. Altaïr informa il re che Roberto stava tramando di tradirlo e ucciderlo, il che lo porta a favorire un duello all'ultimo sangue tra Altair e Roberto. Al momento di morire, Roberto confessa ad Altaïr che non erano nove gli obbiettivi per scongiurare la cospirazione ma dieci. Il decimo si rivela essere Al Mualim, che voleva possedere il Frutto dell'Eden per sé stesso e quindi aveva inviato Altair a uccidere gli altri. Al Mualim rivela che la Mela è un potente artefatto di antiche origini che riesce a controllare le menti umane e chi usa la Mela può controllare il mondo intero. Nella Fortezza di Masyaf, Altaïr riesce a sconfiggere il mentore in un estenuante duello, uccidendolo. Una volta preso in mano l'Artefatto, ad Altaïr e altri assassini viene rivelato un fatto sconcertante: la Mela dell'Eden è uno solo dei molti artefatti sparsi per il globo. Difatti nell'ologramma apparso davanti agli assassini si notano quindici punti diversi. All'Abstergo non serve altro: apprese le ubicazioni, i Templari inviano una squadra a recuperare tutti i pezzi. Decidendo di non aver più bisogno di lui, i Templari danno l'ordine di uccidere Desmond. Lucy Stillman, una dipendente Abstergo che si rivelerà essere un'Assassina, li convince a non ucciderlo fino a quando non avrà recuperato i pezzi. Desmond è lasciato solo nella stanza dell'Animus e con l'uso dell'Occhio dell'Aquila ereditato da Altaïr vede molti simboli disegnati su parete e pavimento[5].

Assassin's Creed: Bloodlines[modifica | modifica sorgente]

Assassin's Creed: Bloodlines si svolge tra gli eventi di Assassin's Creed e Assassin's Creed II, è trascorso un mese da quando Altair ha ucciso il suo maestro Al Mualim, rivelatosi essere un membro dei Templari e colpevole di aver tradito la confraternita tentando di usare il Frutto dell'Eden per scopi personali. Divenuto di fatto il nuovo capo spirituale degli Assassini, Altair scopre che i Templari sopravvissuti si sono ritirati sull'isola di Cipro sotto la guida di Armand Bouchart, nuovo gran maestro dell'ordine. Dopo essersi introdotto ad Acri e aver catturato Maria, la donna Templare che aveva risparmiato a Gerusalemme, Altair salpa assieme a lei alla volta dell'isola, approdando nella città di Limassol; qui trova l'appoggio di Alessandro, uno dei capi della resistenza cipriota che si oppone all'occupazione crociata, e con il suo aiuto inizia ad indagare in merito ad un misterioso archivio di cui i Templari sarebbero in possesso e che potrebbe avere qualcosa a che fare con il Frutto dell'Eden ora in mano agli Assassini. Alla fine del gioco Altair e Maria riescono ad abbandonare il castello prima che crolli, e una volta all'esterno discutono sul loro futuro: entrambi decidono di compiere insieme un viaggio attorno al mondo, alla ricerca rispettivamente della conoscenza e della libertà, e Altair decide di non distruggere il Frutto dell'Eden, com'era nei suoi piani, volendo invece comprenderne interamente la natura. Una scelta che inevitabilmente avrà delle conseguenze[6].

Assassin's Creed II[modifica | modifica sorgente]

All'inizio di Assassin's Creed II Desmond viene portato in un nascondiglio da Lucy, dove i suoi alleati Shaun e Rebecca lo invitano ad entrare in un nuovo e più potente Animus, l'Animus 2.0, chiamato da Rebecca "Baby". È il momento di esplorare i ricordi di Ezio Auditore da Firenze, un giovane nobile del 1476. Da giovane, il padre di Ezio e i fratelli vengono giustiziati da Uberto Alberti, un funzionario corrotto in combutta con i Templari. Ezio uccide Uberto per vendetta e dopo la fuga con la sua famiglia nella villa a Monteriggioni, nella campagna toscana, apprende della sua eredità di Assassino e inizia la formazione da suo zio Mario. Ezio fa amicizia anche con l'inventore Leonardo da Vinci, che aiuta Ezio con la sua opera nella decodifica di un codice criptato che contiene le memorie di Altaïr Ibn-La'Ahad. Nel corso di un decennio, Ezio uccide i cospiratori coinvolti nella morte di suo padre, arrivando a Rodrigo Borgia, capo dell'Ordine dei Templari, che ha recuperato la Mela dell'Eden. Ezio e gli altri Assassini rivendicano il frutto, ma Borgia fugge. Ezio è formalmente un Assassino e viene detto che potrebbe essere il profeta, come descritto nel codice. Durante il corso del gioco Desmond ha un certo numero di esperienze anomale. In primo luogo egli scopre strani segni lasciati apparentemente dal Soggetto 16, la persona che prima di lui è stata nell'Animus, simili a quelli visti nel primo episodio, che nascondono una storia segreta del mondo. Molti ricordi sono saltati (questi ricordi sono giocabili scaricando i DLC La Battaglia di Forlì e Il Falò delle Vanità), lanciando la linea temporale in avanti di oltre un decennio in Vaticano, dove ora risiede Rodrigo Borgia come Papa Alessandro VI. Il Borgia è in possesso di un altro frutto dell'Eden, il Bastone Papale. Ezio incontra l'ologramma di una donna, che afferma di essere Minerva, e che sostiene anche di provenire da una civiltà i cui membri sono stati osservati anche nella stessa luce dai popoli antichi. Minerva rivela di un grande disastro che aveva colpito e distrutto la sua civiltà e avverte che potrebbe verificarsi di nuovo, presto. Parlando direttamente a Desmond, lei gli dice "Il resto spetta a voi". Desmond è tirato fuori dall'Animus, l'Abstergo ha localizzato il loro rifugio. Lui, Lucy e il resto della squadra riesce a fuggire e ben presto si preparano a tornare all'Animus per la ricerca di indizi che possano aiutarli[7].

Assassin's Creed II: Discovery[modifica | modifica sorgente]

Assassin's Creed II: Discovery segue le orme di Ezio Auditore da Firenze, 15 anni dopo l'inizio della sua controparte console, negli anni che separano i due DLC del gioco. In questa avventura Ezio si reca nella Spagna del XV secolo, per andare in soccorso di alcuni amici Assassini catturati dall'Inquisizione, ma una volta lì si ritroverà a fermare i Templari che pianificano di navigare verso il Nuovo Mondo[8].

Assassin's Creed: Brotherhood[modifica | modifica sorgente]

In Assassin's Creed: Brotherhood, Ezio Auditore, nei ricordi di Desmond Miles, arriverà alla resa dei conti finale con i Templari e i Borgia per la riconquista di Roma, dove avrà la meglio. Desmond Miles, insieme alla squadra di Assassini che lo ha accompagnato nel capitolo precedente, si reca a Monteriggioni mentre rivive questi ricordi, installando una base di lavoro sotto la roccaforte di Monteriggioni, nel rifugio segreto. Dopo un po' di giorni si scopre la posizione della Mela, che è stata in mano ad Ezio secoli prima. Si trova nei sotterranei di Santa Maria in Aracoeli, a Roma. Desmond, grazie all'effetto osmosi, sa esattamente cosa fare, e così aziona strani congegni che lo instradano in un percorso acrobatico dove raggiunge insieme agli altri la Mela. Al solo tocco la Mela sprigiona poteri sovrannaturali tra cui un campo mistico che ferma il tempo e immobilizza Desmond. Appare così la voce di Giunone che, nel suo monologo, iniziato tempo prima con spezzoni di effetto osmosi, comunica a Desmond di non sapere nulla di ciò che sta accadendo e lo guideranno lei e i suoi simili. La forza del potere della Mela ordina al corpo di Desmond di ferire con la lama celata Lucy Stillman, comando che viene eseguito, portando Desmond a uno stato di shock. Nei titoli di coda si sentono le voci di Bill Miles e di un altro Assassino che vedendo lo stato in cui versa Desmond decidono di rimetterlo nell'Animus, per permettergli di sopravvivere.

Assassin's Creed: Revelations[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver sentito delle voci fuori campo che parlano di un funerale di Lucy, Desmond, in uno stato di coma, per tornare al mondo reale, deve uscire dall'Animus, con l'aiuto e i consigli del Soggetto 16 dovrà separarsi dagli antenati Altaïr Ibn La-Ahad ed Ezio Auditore rivivendo i loro ultimi ricordi, scoprendo la fine della loro vita e venire a conoscenza della rivelazione che va oltre la guerra tra Assassini e Templari. Desmond dovrà salvare il mondo per evitare che si ripeta la catastrofe di millenni fa, quando gli umani vivevano insieme ad esseri superiori e miracolosamente pochi sopravvissero alla tempesta solare.

Ezio Auditore in Assassin's Creed: Revelations

Dopo la vittoria contro i Borgia Ezio si mette in viaggio per Masyaf, alla ricerca della biblioteca di Altair. Tuttavia Ezio viene scoperto dai Templari del villaggio e, quando viene catturato, sfugge per un soffio alla morte. Scopre, inoltre, che l'ingresso alla biblioteca è sigillato e che anche i Templari hanno lungamente provato ad accedervi, ma senza successo. Per aprire la biblioteca Ezio deve recuperare cinque chiavi da inserire nelle aperture scavate nella porta.

Per recuperare le chiavi, Ezio si reca a Costantinopoli. Al suo arrivo, dopo essersi casualmente imbattuto in Solimano, nipote del sultano, si trova suo malgrado invischiato negli intrighi per la prossima successione al soglio imperiale ottomano.
Dopo aver trovato ed esaminato le singole chiavi, Ezio sperimenta strani "sogni ad occhi aperti" nei quali rivive chiaramente alcuni eventi della vita di Altaïr.
Nel frattempo, quasi al termine della sua ricerca, Ezio scopre che lo zio di Solimano, il principe Ahmet, successore designato dal padre, ma poco amato tanto dal popolo quanto dalle forze armate, è alleato dei Templari bizantini. Ahmet è interessato ad impossessarsi dei segreti custoditi nella biblioteca di Masyaf e dei poteri da essi derivanti allo scopo di riunificare l'impero che è destinato a guidare. Nonostante l'interferenza dei Templari, Ezio recupera le chiavi e ritorna alla biblioteca di Masyaf. Qui, tuttavia, non vi è alcun libro, ma solo il corpo ormai scheletrico del grande Altaïr, che tiene in mano una sesta chiave. Come le altre, anch'essa provoca in Ezio una visione da cui si evince che la stanza segreta non è una biblioteca, ma una cripta. Altaïr moribondo dice addio a suo figlio e si sigilla nella cripta con la Mela dell'Eden aspettando l'arrivo di un altro assassino (Ezio) pronto a custodirla.

Così, Ezio scopre un piccolo antro in cui trova la Mela dell'Eden di Altair. Quando prende in mano la Mela, torna l'ologramma di Minerva, questa volta affiancata anche da Giove e Giunone, che si rivolgono a Desmond spiegandogli che per salvare il mondo si dovrà recare in un tempio sotterraneo in cui avevano operato. Alla fine di questa visione, Ezio capisce di essere solo un mezzo attraverso il quale "Coloro che vennero prima" volevano comunicare con Desmond, e, riposta la Mela dove l'aveva trovata, decide di non prenderla con la frase "ho visto troppo per una vita sola". Il gioco si conclude con Desmond che, si risveglia dall'Animus e dice la frase "So cosa dobbiamo fare".

Assassin's Creed III[modifica | modifica sorgente]

In Assassin's Creed III Desmond raggiunge il tempio insieme a suo padre, Rebecca e Shaun. Arrivati davanti ad una porta Desmond subisce l'effetto osmosi, introducendolo così alla sua nuova missione: trovare il luogo in cui è sepolta la chiave in grado di aprire la porta del tempio. Per farlo deve rivivere i ricordi di Connor, figlio di madre nativa americana e padre templare inglese. Connor, persa sua madre in un incendio del loro villaggio ad opera degli amici templari del padre, inizia il suo viaggio alla ricerca della vendetta. Inizia così una nuova vita, grazie alla guida di un assassino ormai vecchio, Achille, Connor apprende la storia della confraternita, le tecniche di combattimento e soprattutto col tempo capisce che questo "viaggio" lo porterà a dover affrontare vari nemici, tutti guidati da suo padre (col quale dovrà quindi prima o poi scontrarsi). La vicenda di Connor si intreccia con la Rivoluzione Americana, nella lotta tra i coloni e la Corona inglese, incontrando così personaggi del calibro di George Washington e partecipando a molte battaglie importanti, tra le quali quella di Bunker Hill. I ricordi vissuti nell'animus si alternano con alcune missioni nel presente, nelle quali Desmond e compagni dovranno recuperare delle fonti di energia necessarie insieme alla chiave per far aprire il tempio. Alla fine dei ricordi di Connor, Desmond riesce a recuperare la chiave, quindi inserite le fonti di energia finalmente la porta si apre. A guidare Desmond fin lì è stata Giunone: essa chiede a Desmond di azionare un meccanismo per liberarla, ma prima che lui possa far qualcosa viene bloccato da Minerva. Minerva e Giunone sono in contrasto tra loro, ognuna persegue un obiettivo che comporterà un diverso destino per l'umanità. Dovendo scegliere tra un futuro con distruzione seguita dalla rinascita (con un'infinita ripetizione di ciò che era e sarà) ed uno in cui saranno dominati da Giunone e pieno di incertezze, Desmond decide di dare una possibilità all'umanità, per quanto incerta possa essere. Giunone si allontana lasciando il corpo di Desmond lì a terra dicendo che lui ormai ha già fatto la sua parte.

Assassin's Creed IV: Black Flag[modifica | modifica sorgente]

Il gioco comincia nel 1715 a Capo Bonavista, nel bel mezzo di una tempesta; la nave su cui Edward presta servizio come marinaio si trova in battaglia con altre navi nemiche, battaglia nella quale il timoniere rimane ucciso perciò Edward prende il controllo della nave. Dopo aver affondato le navi nemiche, essa viene attaccata da un Assassino, Duncan Walpole, che uccide il capitano e si appresta ad uccidere anche Edward, il quale però riesce a sopravvivere nonostante l'esplosione della nave e cade in acqua dove, svenuto, ha un flashback in cui parla con sua moglie Caroline del fatto di diventare un pirata. Risvegliatosi subito dopo l'esplosione della nave nuota verso un'isola in cui incontra l'assassino, che gli dice di dover andare a l'Avana e che lo pagherà con 1000 corone. Edward si alza, l'assassino prende la pistola, la punta contro di lui e spara, senza però riuscirvi in quanto la polvere da sparo è bagnata, quindi scappa nella giungla riempendo di insulti il pirata. Edward lo insegue e dopo un duello lo uccide. Cercando nel cadavere, vi trova una lettera del governatore dell'Avana che gli chiede di raggiungerlo il prima possibile alla sua residenza all'Avana perché in possesso di uno strano oggetto, un cubo di cristallo. Dopo aver preso le sue vesti sente degli spari e va a vedere cosa succede, notando un gruppo di soldati inglesi parlare ad un uomo e alla sua ciurma. Quest'uomo, il quale si rivelerà nel corso della storia un amico molto stretto di Edward, viene preso in ostaggio dalla pattuglia inglese e liberato dopo un intervento repentino di Edward; quindi prende la nave dell'uomo liberato e con lui si reca a l'Avana per incontrare il governatore della città, Laureano de Torres y Ayala, che doveva incontrarsi con Duncan Walpole ucciso in precedenza da Edward. Egli spera di poter raggirare il governatore e trarre un buon profitto dalla truffa fingendosi Duncan. Alla residenza del governatore Edward fa la conoscenza di due uomini, Woodes Rogers e Julien Du Casse, mentre si esercitano al tiro con la pistola che si riveleranno essere appartenenti alla fazione dei Templari. Dopo una piccola dimostrazione delle abilità assassine di Edward con la lama celata ai due su bersagli impagliati il terzetto raggiunge il governatore Torres che si presenta come il Gran Maestro dell'Ordine dei Templari. Edward consegna il cubo di Duncan al governatore che comincia a spiegare il suo piano. Torres spiega ai presenti dell'esistenza di un luogo chiamato "l'Osservatorio" che conterrebbe una sfera di metallo in grado di controllare le menti. Porge inoltre a Rogers, Du Casse ed a un sorpreso e indeciso Edward l'anello templare recitando nel mentre lo scopo che si prefigge l'ordine. Il governatore dopo un brindisi congeda Edward dicendogli di presentarsi al molo nord l'indomani. Qui, dopo un incontro con Bonnet, trova Woodes Rogers che lo accompagna dal governatore Torres e conosce "Il Saggio" che si chiama Roberts e viene a sapere che serve il sangue di un Saggio per trovare l'Osservatorio. Dopo una piccola passeggiata il gruppo viene attaccato da degli uomini incappucciati che Rogers chiama "Assassini". Senza farsi domande Edward inizia a combattere e si sbarazza facilmente dei nemici. Nonostante una piccola ripresa gli assassini hanno la peggio ma riescono a liberare Roberts che scappa. Dopo un lungo inseguimento Edward cattura Roberts e lo riporta dal governatore. Poi viene ricompensato da Torres ma esprime il suo disappunto con una smorfia per il misero compenso ricevuto. Edward, dopo un incontro con Bonnet, decide di infiltrarsi nella residenza del governatore per liberare Roberts con l'intenzione di farsi guidare da lui all'Osservatorio prima dei Templari o di chiunque altro. Quando arriva alle prigioni della residenza però non trova Roberts, già fuggito, ma il governatore assieme a Rogers e Du Casse. Smascherato Edward viene portato via dai soldati e imbarcato su una nave facente parte della Flotta del Tesoro Spagnola per essere condotto in una località penitenziaria a Siviglia. Edward libera Adèwale, un pirata di colore incatenato vicino a lui, e insieme reclutano i prigionieri della flotta e rubano un brigantino riuscendo a fuggire dalla flotta spagnola nonostante una potente tempesta, dopodiché Edward e la sua ciurma fanno porto a Nassau dove incontrano Edward Teach e Benjamin Hornigold. Benjamin insegna a Edward il metodo del razziare navi e rubare il carico, in seguito i tre decidono di formare una nuova Repubblica formata da uomini liberi con proprie leggi e regole. Successivamente Edward giunge su un'isola e incontra James Kidd e discutono su il saccheggio di una piantagione. Edward, interessato alla cosa, si fa dare i dettagli da James sul da farsi e sul proprietario, che ucciderà dopo aver depredato il magazzino aiutato dal suo equipaggi Edward dopo il tradimento di Hornigold diventando un templare Edward

Assassin's Creed: Unity[modifica | modifica sorgente]

Del settimo capitolo della serie si sa solo che è ambientato nel '700 con la rivoluzione fracese.

Media[modifica | modifica sorgente]

Un romanzo di Assassin's Creed, l'imam invisibile, presumibilmente il primo di una trilogia, è stato annunciato, ma è stato successivamente annullato. Tuttavia, un romanzo intitolato Assassin's Creed: Renaissance è stato pubblicato nel Regno Unito e in Australia il 26 novembre 2009, e negli Stati Uniti[9] è uscito il 23 febbraio 2010. Un breve film, Assassin's Creed: Lineage, è un prequel che ha luogo prima degli eventi in Assassin's Creed II. La prima parte del film è stata diffusa su YouTube il 26 ottobre 2009 e su EuroGamerTV il 2 novembre 2009[senza fonte]. Le parti 2 e 3 sono state diffuse sul sito di Ubisoft. Da un po' di tempo anche le parti 2 e 3 sono visibili su YouTube. Inoltre la 20th Century Fox ha acquistato i diritti per produrre un film, probabilmente basato sulle vicende di Altaïr. Nel 2012 è stato reso noto che Michael Fassbender produrrà e reciterà nella pellicola. L'uscita del film è prevista per il 2015.

Fumetti[modifica | modifica sorgente]

Il franchise di Assassin's Creed ha portato alla produzione di vari fumetti: Assassin's Creed: The Fall, che tratta le vicende di un altro assassino, Daniel Cross, e del suo antenato russo, Nikolai Orelov; Assassin's Creed: Desmond, Assassin's Creed: Aquilus e Assassin's Creed: Accipiter sono un'altra serie di fumetti, usciti tra gennaio e marzo 2012 in Italia. In seguito è stata creata anche la serie Assassin's Creed: The Chain, che riprende la storyline di Assassin's Creed: The Fall, con il ritorno della coppia Daniel/Nikolai e in cui sono presenti riferimenti al capitolo Assassin's Creed III.

Assassin's Creed: Subject Four è un fumetto che raccoglie Assassin's Creed: The Fall e Assassin's Creed: The Chain, pubblicandoli in una sola edizione da collezione.Un nuovo fumetto annunciato da Ubisoft è Assassin's Creed:Brahman,la cui storia gira intorno all'assassino indiano Arbaaz Mir

Assassin's Creed: The Fall[modifica | modifica sorgente]

Nel luglio 2010, Ubisoft ha annunciato un fumetto in tre uscite, Assassin's Creed: The Fall. Ubisoft ha assunto i disegnatori Cameron Stewart e Karl Kerschl, entrambi vincitori di molti premi per fumettisti. La prima parte è uscita in America il 10 novembre 2010, la seconda parte il 1º dicembre 2010 e la terza nel gennaio 2011. Il fumetto, inizialmente doveva essere un nuovo viaggio da parte di Ezio Auditore, ma successivamente è stato scelto di creare un contesto completamente nuovo per garantire una maggiore libertà per gli scrittori. Tuttavia, la storia segue ancora la guerra tra Templari e Assassini. Il fumetto, allora, si svolge nel XX secolo, in Russia: Nikolai Orelov ed il suo discendente Daniel Cross sono i protagonisti.

Assassin's Creed: The Chain[modifica | modifica sorgente]

È il seguito di Assassin's Creed: The Fall, esso narra le vicende di Nikolai Orelov quando sbarca in America con la sua famiglia e intanto mostra che cosa fa Daniel Cross dopo gli avvenimenti del precedente fumetto. In questo fumetto sono presenti anche delle informazioni riguardo ad Assassin's Creed III

Assassin's Creed (fumetto francese)[modifica | modifica sorgente]

Assassin's Creed è una serie di fumetti suddivisa in diversi volumi, pubblicata in francese originariamente solo per il mercato francese e per quello canadese. La serie si suddivide in cinque volumi: Desmond, Aquilus, Accipiter, Hawk ed El Cakr. Mentre il primo volume basa la sua trama su quelle di Assassin's Creed ed Assassin's Creed II con qualche differenza, il secondo ed il terzo volume si scostano decisamente dalla storia narrata nei titoli videoludici, raccontando le vicende di Aquilus ed Accipiter, sebbene prendendo in prestito elementi da Assassin's Creed: Brotherhood. L'ultimo capitolo invece è una vicenda completamente nuova, che non prende spunto da nessun episodio apparso nella serie principale. Ufficialmente, è considerata canonica da Ubisoft solamente la parte della trama riguardante la vita di Aquilus e Accipiter.

Recensioni[modifica | modifica sorgente]

I giochi di Assassin's Creed hanno ricevuto un'accoglienza generalmente positiva da parte della critica. La serie è stata accolta con successo, con la vendita di oltre 8 milioni di copie con il primo episodio e 9 con il secondo. Ubisoft ha inoltre dichiarato di aver venduto più di 1 milione di copie di Assassin's Creed: Brotherhood solo nella prima settimana, record di miglior incasso in poco tempo, oltre che - avendo recentemente stabilito l'ambizioso traguardo di circa 55 milioni di copie vendute in tutto il mondo - il record di essere diventata una delle serie di videogiochi più amate e vendute della storia[10].

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Una puntata della serie "Mistero" su Italia 1 ha parlato della possibilità che i ricordi degli antenati vengano ereditati attraverso il DNA come accade nel videogioco.

Fanno eccezione solo Connor Kenway, Edward Kenway (i quali d'altronde non nascono in una famiglia di assassini interessati a continuare la tradizione), William Miles e lo stesso Desmond.

Oltre che nei nomi, la simbologia è presente anche in alcuni dettagli: posseggono tutti la capacità extrasensoriale nota come "Occhio dell'Aquila"; i punti di osservazione sono segnalati da un'aquila; nello stemma della famiglia Auditore è presente un'aquila; in una scena Ratonhnhaké:ton viene tramutato in un'aquila, "Aquila" è il nome della sua nave e sul suo cappuccio è raffigurata un'aquila; sulla maglietta di Desmond è rappresentata un'aquila ed è lo stesso Desmond a esplicitare l'analogia tra l'aquila e i nomi degli antenati nel fumetto Assassin's Creed.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ fonte: Assassin'sCreed Encyclopedia
  2. ^ http://www.affaritaliani.it/toscana/monteriggioni-i-videogiochi-diventano-realt080213.html
  3. ^ Data relativa all'uscita per Play Station 3
  4. ^ Marco Pellini, Assassin's Creed: Altair Chronicles, Spazion Games.it, 1º aprile 2008. URL consultato il 28 maggio 2011.
  5. ^ (EN) Vincenzo, Assassin's Creed - Review, Eurogamer.net, 13 novembre 2007. URL consultato il 28 maggio 2011.
  6. ^ David, Assassin's Creed: Bloodlines (PSP): prime immagini ufficiali, Gamesblog.it, 11 giugno 2009. URL consultato il 28 maggio 2011.
  7. ^ Giorgio Melani, Assassin's Creed II sarà diverso dal primo perché "Ezio ha una vita", Multiplayer.it, 28 settembre 2009. URL consultato il 28 maggio 2011.
  8. ^ Ubisoft News, Assassin’s Creed II: DISCOVERY, Assassinscreed.it.ubi.com, 25 settembre 2009. URL consultato il 28 maggio 2011.
  9. ^ (EN) Assassin's Creed Renaissance, The Guardian, 6 novembre 2009. URL consultato il 28 maggio 2011.
  10. ^ (EN) Ubisoft unveils Assassin's Creed II, Ubisoft group.com, 16 aprile 2009. URL consultato il 28 maggio 2011.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]