Sherlock (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sherlock
Sherlock BBC.JPG
Titolo originale Sherlock
Paese Regno Unito
Anno 2010 – in produzione
Formato serie TV
Genere giallo, drammatico
Stagioni 3
Episodi 9
Durata 90 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Colore colore
Audio
Crediti
Ideatore Steven Moffat, Mark Gatiss
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione BBC Wales
Prima visione
Prima TV Regno Unito
Dal 25 luglio 2010
Al in corso
Rete televisiva BBC One
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 22 dicembre 2011
Al in corso
Rete televisiva Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 18 febbraio 2011
Al in corso
Rete televisiva Joi (stagioni 1 e 2)
Premium Crime

Sherlock è una serie televisiva britannica del 2010 liberamente tratta dalle opere di Sir Arthur Conan Doyle, creata da Steven Moffat e Mark Gatiss e interpretata da Benedict Cumberbatch (Sherlock Holmes) e Martin Freeman (John Watson).

La prima stagione, composta da tre episodi di 90 minuti ciascuno, è andata in onda in prima visione dal 25 luglio all'8 agosto 2010 su BBC One. In Italia è stata invece trasmessa dal 18 febbraio 2011 su Joi, della piattaforma pay Mediaset Premium; mentre in chiaro è andata in onda in prima visione dal 22 dicembre 2011 su Italia 1. La seconda stagione, anch'essa composta da tre episodi da 90 minuti, è andata in onda su BBC One nel gennaio 2012[3] e, in Italia, su Joi nell'ottobre 2012. Le riprese della terza stagione sono iniziate nel marzo 2013[4] e verrà trasmessa a partire dal 1 gennaio 2014, in esclusiva, sulla rete televisiva BBC One.

Nel gennaio del 2014, il produttore esecutivo Steven Moffat ha annunciato la produzione della quarta stagione della serie.

La serie ha ricevuto critiche positive, vincendo nel 2011 un Premio BAFTA come "miglior serie drammatica".[5]

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Creazione e sviluppo[modifica | modifica sorgente]

Steven Moffat e Mark Gatiss, ideatori, produttori esecutivi e principali sceneggiatori della serie. Gatiss è anche l'interprete di Mycroft Holmes. Steven Moffat e Mark Gatiss, ideatori, produttori esecutivi e principali sceneggiatori della serie. Gatiss è anche l'interprete di Mycroft Holmes.
Steven Moffat e Mark Gatiss, ideatori, produttori esecutivi e principali sceneggiatori della serie. Gatiss è anche l'interprete di Mycroft Holmes.

I produttori esecutivi della serie, Steven Moffat e Mark Gatiss, hanno entrambi lavorato in precedenza su adattamenti televisivi di opere vittoriane.[6] Moffat adattò infatti Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde nella miniserie televisiva del 2007 Jekyll,[7] mentre Gatiss sceneggiò un episodio della serie televisiva Doctor Who (I morti inquieti, della prima stagione), dedicato a Charles Dickens.[8] I due autori, entrambi fan delle opere di Conan Doyle,[9] iniziarono a discutere di un eventuale adattamento per la televisione delle sue opere quando si ritrovarono a lavorare insieme a Cardiff, dove viene prodotto Doctor Who.[10] A entrambi attirava il tema dell'amicizia[11] e l'idea che la serie potesse essere ambientata nel presente.[12] I due non iniziarono a lavorare finché a convincerli non fu la moglie di Steven Moffat, la produttrice televisiva Sue Vertue.[12]

Gatiss ha criticato i recenti adattamenti delle storie di Conan Doyle come «troppo reverenziali e troppo lenti», mirando verso l'irriverenza della serie di film degli anni '30 e '40 interpretati da Basil Rathbone.[9] Commentando la serie, Moffat e Gatiss hanno dichiarato di ritenere come canonici non solo le opere originarie ma anche i film con Rathbone e gli adattamenti della Granada Television.[12] Lo Sherlock interpretato da Benedict Cumberbatch usa la tecnologia moderna, come gli SMS, internet e il sistema GPS, per risolvere i crimini.[9] Secondo il regista Paul McGuigan, questa caratteristica è in linea con il personaggio creato da Conan Doyle, che «usava qualunque risorsa a lui disponibile e passava il tempo in laboratorio a fare esperimenti. È semplicemente una versione moderna di ciò. Userebbe tutti gli strumenti a portata di mano pur di risolvere il mistero».[13]

L'adattamento ha comunque mantenuto alcuni elementi tradizionali, come l'indirizzo di Baker Street e la nemesi di Holmes Moriarty.[14] Come nei romanzi, inoltre, il Dottor Watson è reduce della guerra in Afghanistan.[15] Discutendo del fatto che il personaggio originale aveva invece partecipato alla seconda guerra anglo-afghana (1878-1880), Gatiss ha commentato dicendo che «è ancora la stessa guerra di oggi, ho pensato. La stessa, invincibile, guerra».[9]

Presso l'Edinburgh International Television Festival del 2008 Sherlock venne annunciato come la produzione di un singolo episodio televisivo di 60 minuti,[6] che sarebbe dovuto essere trasmesso verso la fine del 2009.[14] L'intenzione era di produrre un'intera serie solo se il pilota fosse risultato di successo.[14] Tuttavia la BBC decise di non trasmettere il pilota, per il quale vennero spese 800000 sterline, e chiese che questo venisse interamente riscritto come un episodio di 90 minuti.[16][17] Il pilota originale venne comunque incluso nelle edizioni home video; nei commenti al video, il team creativo della serie spiega che la BBC fu «molto felice» dell'episodio, ma richiese che ne venisse cambiato il formato.[12] Il critico Mark Lawson dichiarò che il primo episodio «fu sostanzialmente espanso e riscritto, migliorandone in questo modo l'aspetto, il ritmo e il suono.»[16]

Casting[modifica | modifica sorgente]

Benedict Cumberbatch e Martin Freeman, interpreti rispettivamente di Sherlock Holmes e John Watson. Benedict Cumberbatch e Martin Freeman, interpreti rispettivamente di Sherlock Holmes e John Watson.

Benedict Cumberbatch venne scelto per interpretare Sherlock Holmes. Secondo il The Guardian, l'attore «ha la reputazione di interpretare molto bene uomini inusuali e brillanti e il suo Holmes è freddo, permaloso e introverso».[18] Cumberbatch ha dichiarato: «Interpretarlo ti dà una grande carica, grazie al volume di parole nella tua testa e alla velocità dei suoi pensieri – devi davvero ragionare velocemente. È sempre un passo avanti allo spettatore e a chiunque abbia un normale intelletto. Nessuno riesce a stargli dietro.»[18] Piers Wenger, Head of Drama alla casa di produzione BBC Wales, descrive lo Sherlock della serie come «un supereroe dinamico del mondo moderno, un arrogante, un geniale segugio trasportato dal desiderio di dare la prova di essere più intelligente del criminale di turno e della polizia – di essere più intelligente di tutti, in effetti.»[14] Volendo stare al passo coi tempi e favorendo le restrizioni della messa in onda, la canonica pipa venne sostituita da diversi cerotti alla nicotina.[13]

In un'intervista al The Observer, il co-creatore Mark Gatiss spiegò che fu più difficile trovare un attore che interpretasse John Watson.[9] La produttrice Sue Vertue ha dichiarato che «Benedict fu l'unica persona ad essere visionata per [la parte di] Sherlock [...] Una volta che fu ingaggiato Benedict, l'unica cosa da fare era trovare un attore che avesse con lui la giusta chimica per essere John [Watson] – e credo che non appena i due entrano in una stanza, tu debba poter intuire che lavorano bene insieme».[19] Diversi attori (tra cui l'undicesimo Dottore della serie "Doctor Who", Matt Smith[20]) fecero l'audizione per la parte di John Watson,[12] che fu infine ottenuta da Martin Freeman.

Rupert Graves, interprete dell'ispettore Lestrade

Secondo la giornalista Victoria Thorpe «il Watson di Freeman, affidabile e capace, riesce ad aprire questo Holmes moderno, un uomo che ora si descrive come "un sociopatico ad alto rendimento"».[9] Gatiss ha voluto sottolineare l'importanza di armonizzare il personaggio: «Watson non è un idiota, nonostante Conan Doyle lo prenda sempre in giro. Solo un idiota si circonderebbe di idioti».[9] Moffat ha aggiunto che Freeman è «per un certo senso il contrario di Benedict, eccezion fatta per grado di talento [...] Martin trova quasi poetico l'uomo ordinario. Adoro il meticoloso realismo di tutto ciò che fa».[12]

Rupert Graves venne scelto per interpretare l'ispettore Lestrade. Gli autori chiamarono inizialmente il personaggio "Ispettore Lestrade", finché Gatiss non si rese conto che nel mondo moderno il suo titolo sarebbe stato quello di "Detective Ispettore". Moffat and Gatiss notarono che Lestrade non appare molto spesso nei romanzi e in essi è piuttosto inconsistente; decisero quindi di ispirarsi alla versione che apparve nell'episodio televisivo I sei Napoleoni: un uomo frustrato da Holmes ma che lo ammira e che Holmes considera il migliore a Scotland Yard.[12]

Andrew Scott fece la sua prima apparizione nei panni di Jim Moriarty nell'episodio Il grande gioco. Moffat ha dichiarato: «sapevamo cosa fare con Moriarty fin dal principio. Moriarty è spesso un cattivo piuttosto cupo ed elegante, quindi pensammo a qualcuno che potesse essere davvero spaventoso. Qualcuno che fosse un vero e proprio psicopatico».[19] Inizialmente, Moffat e Gatiss avevano deciso di non inserire una scena in cui Sherlock e Moriarty si confrontassero. In seguito cambiarono idea, ispirati dagli eventi narrati in Il problema finale.[21]

Il cast fisso della serie include inoltre Una Stubbs nei panni di Mrs. Hudson, Louise Brealey in quelli di Molly Hooper, Vinette Robinson nel ruolo del sergente Sally Donovan, Zoe Telford in quello di Sarah, e il co-creatore Mark Gatiss in quello di Mycroft Holmes.[22]

Regia e sceneggiatura[modifica | modifica sorgente]

North Gower Street di Londra è stata utilizzata per le scene esterne dell'abitazione di Holmes.

La serie è co-prodotta da Hartswood Films[6], BBC Worldwide[23] e Masterpiece[24][25] per BBC Wales. L'episodio pilota originale venne girato a Cardiff e Londra a partire dal gennaio 2009;[12] venne scritto da Steven Moffat e diretto da Coky Giedroyc.[26] La scena in cui Sherlock e John mangiano insieme nel primo episodio venne girata in un bar di Swansea, in Galles. Il locale, scelto poiché situato vicino a un vicolo,[27] venne ridisegnato per fare in modo che sembrasse un ristorante italiano.[28] Altre scene vennero girate a Newport Road (Cardiff), a Baker Street (Londra),[28] e nella città gallese Merthyr Tydfil.[29] In seguito, le scene ambientate davanti al 221B Baker Street vennero girate al 185 di North Gower Street,[30] poiché l'indirizzo originale risultò impraticabile a causa del traffico e del turismo.[21][31]

Paul McGuigan ha diretto quattro dei sei episodi della serie.

Nel luglio 2009 la BBC annunciò la produzione di una serie di tre episodi da 90 minuti ciascuno, da trasmettere nel 2010.[32] Moffat aveva precedentemente annunciato che Sherlock fosse stata commissionata, Gatiss avrebbe ottenuto il ruolo di produttore esecutivo in modo che egli potesse concentrarsi su Doctor Who.[6] La prima stagione iniziò ad essere girata nel gennaio 2010; e i tre episodi vennero girati nell'ordine inverso in cui poi furono mandati in onda.[21] Paul McGuigan diresse il primo e terzo episodio, mentre Euros Lyn il secondo.[33][34] Diversi interni vennero girati pressi gli studios Upper Boat, usati anche per Doctor Who.[35]

Ray Holman, costume designer vincitore di un Premio BAFTA, si occupa dei costumi della serie.[36] Cumberbatch indossa sul set un cappotto Belstaff del valore di 1000 sterline.[37] La costumista Sarah Arthur ha spiegato: «dal momento che Holmes non ha alcun interesse nella moda, scelsi un completo classico: pantaloni stretti sulle gambe e una giacca dal taglio stretto. Decisi inoltre di dargli camicie sottili e un ampio cappotto volteggiante a favore delle scene d'azione».[37]

Gli autori dichiararono di non voler forzare la modernità all'interno della trama.[12] Gatiss e Moffat dovettero riflettere sulla scelta di lasciare il numero "221B" sulla porta d'ingresso del palazzo; sebbene non sia usuale vederlo nel mondo moderno, finirono per mantenere l'elemento poiché troppo iconico da poter esser eliminato.[12] Gli autori decisero inoltre che i personaggi si sarebbero chiamati per nome, anziché usando i tradizionali cognomi Holmes e Watson.[12] Questa scelta si rifletté anche sul titolo della serie. Al regista Paul McGuigan venne l'idea di inserire i testi degli SMS sullo schermo anziché riprendere ogni volta da vicino lo schermo del cellulare.[12]

I produttori trovarono difficoltoso programmare le riprese della seconda stagione. Cumberbatch e Freeman stavano infatti lavorando entrambi al film The Hobbit, programmato per il 2012, mentre Steven Moffat era occupato con Doctor Who.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La serie è un libero adattamento dei romanzi e dei racconti di Conan Doyle con protagonista il detective Sherlock Holmes e il suo amico e assistente, il dottor John Watson: le avventure dei due si svolgono però nella Londra odierna.

Watson è un reduce della guerra in Afghanistan e deve ancora ritrovare il suo posto nella società civile. Quando un amico gli suggerisce di trovarsi un coinquilino con cui dividere le spese di un appartamento, si ritrova a vivere con l'eccentrico Holmes.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Sherlock.
Stagione Episodi Prima TV UK Prima TV Italia
Prima stagione 3 2010 2011
Seconda stagione 3 2012 2012
Terza stagione 3 2014 2014

Personaggi e interpreti[modifica | modifica sorgente]

Principali[modifica | modifica sorgente]

Ricorrenti[modifica | modifica sorgente]

  • Mrs. Hudson (stagione 1-in corso), interpretata da Una Stubbs, doppiata da Anna Teresa Eugeni.
    È la proprietaria dell'edificio situato al 221B di Baker Street, dove coabitano Sherlock e John.
  • Ispettore Greg Lestrade (stagione 1-in corso), interpretato da Rupert Graves, doppiato da Pasquale Anselmo.
    Detective della polizia britannica che si avvale dell'aiuto di Sherlock in diverse occasioni.
  • Molly Hooper (stagione 1-in corso), interpretata da Louise Brealey.
    Giovane e impacciata medico patologo che lavora presso un obitorio e laboratorio scientifico londinese dove Sherlock spesso conduce i suoi esperimenti.
  • Mycroft Holmes (stagione 1-in corso), interpretato da Mark Gatiss, doppiato da Franco Mannella.
    È il fratello maggiore di Sherlock, come lui meticoloso e distaccato. Lavora nei servizi segreti britannici.
  • Sarah (stagione 1), interpretata da Zoe Telford.
    Una dottoressa e, per un breve periodo di tempo, la fidanzata di John.
  • Dott. Anderson (stagione 1-in corso), interpretato da Jonathan Aris, doppiato da Alberto Bognanni.
    È il capo della scientifica della squadra investigativa dell'ispettore Lestrade. Al contrario del suo capo, è incapace di tollerare il comportamento di Sherlock sulle scene del crimine.
  • Jim Moriarty (stagioni 1-in corso), interpretato da Andrew Scott, doppiato da Fabrizio Manfredi nelle prime due stagioni e da David Chevalier nella terza.
    È la nemesi di Sherlock Holmes. Come il suo nemico si paga da vivere grazie a un lavoro di sua scelta e creazione: il consulente criminale.
  • Irene Adler (stagione 2), interpretata da Lara Pulver, doppiata da Chiara Colizzi.
    Una donna che lavora come dominatrice; si ritrova al centro di un caso che Sherlock Holmes viene chiamato a risolvere. Nonostante tenti di negarlo, si rivela attratta da Sherlock.
  • Mary Morstan (stagione 3-in corso), interpretata da Amanda Abbington.
    È la fidanzata di John. Mary aiuta John a superare la sua crisi dopo la "morte" di Sherlock e iniziano una relazione. John, nel primo episodio della terza stagione, le fa la proposta di matrimonio, e lei accetta. Il giorno del matrimonio scopre da Sherlock di essere incinta. In passato è stata una criminale
  • Charles Augustus Magnussen (stagione 3), interpretato da Lars Mikkelsen, doppiato da Angelo Maggi.
    Viene definito da Sherlock come l'uomo peggiore di Londra.È il villain principale della terza stagione[38].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Trasmissione Joi e edizione Home video.
  2. ^ Trasmissione Italia 1 e Italia 2.
  3. ^ (EN) Sherlock to return for second series, guardian.co, 10 agosto 2011. URL consultato il 5 settembre 2011.
  4. ^ (EN) Megan Masters, TVLine Items: Sherlock Season 3 Delayed, HBO Orders Beyoncé-Centric Documentary and More!, TVLine, 26 novembre 2012. URL consultato il 26 novembre 2012.
  5. ^ (EN) Television Awards Winners in 2011, BAFTA. URL consultato il 22 maggio 2011.
  6. ^ a b c d (EN) Robin Parker, Doctor Who's Moffat to pen modern Sherlock Holmes in Broadcast, Emap Media, 23 agosto 2008. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  7. ^ (EN) James Walton, The weekend on television, The Telegraph, 18 giugno 2007. URL consultato il 28 luglio 2007.
  8. ^ (EN) Mark Gatiss, Doctor Who: The Shooting Scripts, BBC Books, 2005. ISBN 0-563-48641-4.
  9. ^ a b c d e f g (EN) Vanessa Thorpe, =Sherlock Holmes is back… sending texts and using nicotine patches, The Observer, 18 luglio 2010. URL consultato il 18 luglio 2010.
  10. ^ (EN) Nathan Bevan, Benedict Cumberbatch, Martin Freeman star in new BBC Sherlock Holmes drama filmed in Cardiff in South Wales Echo, Western Mail and Echo, 15 gennaio 2009.
  11. ^ Steven Moffat, nell'introduzione di: (EN) Arthur Conan Doyle, Sherlock: A Study in Scarlet, Random House, 2011, xi-xii. ISBN 1-84990-366-2.
  12. ^ a b c d e f g h i j k l Sue Vertue, Steven Moffat and Mark Gatiss. DVD audio commentary for "A Study in Pink"
  13. ^ a b (EN) Brian Pendreigh, Times have changed but crimes are the same for new Sherlock Holmes, The Herald, 19 luglio 2010. URL consultato il 20 luglio 2010.
  14. ^ a b c d (EN) BBC to make a modern-day Sherlock Holmes, The Telegraph, 19 dicembre 2008. URL consultato il 20 luglio 2010.
  15. ^ (EN) AP, Life outside The Office for Martin Freeman in Wales on Sunday, Western Mail and Echo, 16 agosto 2009.
  16. ^ a b (EN) Mark Lawson, The rebirth of Sherlock, The Guardian, 2 settembre 2010. URL consultato il 7 settembre 2010.
  17. ^ (EN) Stuart Heritage, Replay the best of 2010, The Guardian, 24 dicembre 2010. URL consultato il 18 gennaio 2011.
  18. ^ a b (EN) Amanda Mitchison, Benedict Cumberbatch on playing Sherlock Holmes, The Guardian, 17 luglio 2010. URL consultato il 18 luglio 2010.
  19. ^ a b (EN) Vicky Frost, Sherlock to return for second series, The Guardian, 10 agosto 2010. URL consultato il 10 agosto 2010.
  20. ^ (EN) Dan French, Matt Smith rejected for BBC's 'Sherlock', Digital Spy, 4 febbraio 2010. URL consultato il 4 febbraio 2010.
  21. ^ a b c Mark Gatiss, Benedict Cumberbatch and Martin Freeman. DVD audio commentary for "The Great Game"
  22. ^ (EN) Network TV BBC Week 31: Sunday 1 August 2010, BBC. URL consultato il 18 luglio 2010.
  23. ^ (EN) Steve Clarke, Can Holmes solve co-prod mystery? in Variety, Reed Business Information, 1º ottobre 2009. URL consultato il 2 ottobre 2009.
  24. ^ (EN) Jon Weisman, PBS climbs 'Upstairs' with BBC in Variety, Reed Business Information, 22 febbraio 2010. URL consultato il 24 febbraio 2010.
  25. ^ (EN) BBC Press Office, Sherlock Press pack, 12 luglio 2010. URL consultato il 12 luglio 2010.
  26. ^ (EN) BBC Drama announces 'Sherlock', a new crime drama for BBC One, BBC Press Office, 19 dicembre 2008. URL consultato il 27 dicembre 2008.
  27. ^ (EN) Staff, Bar mystery solved by detective work in South Wales Evening Post, Northcliffe Newspapers Group, 19 gennaio 2009.
  28. ^ a b (EN) Staff, Exclusive: Gossip from city filming of BBC drama Sherlock in South Wales Evening Post, Northcliffe Newspapers Group, 24 gennaio 2009.
  29. ^ (EN) Staff, Actors on set for detective drama in South Wales Evening Post, Northcliffe Newspapers Group, 21 gennaio 2009.
  30. ^ (EN) Sadie Nelson, Holmes sweet Holmes in Nelson's Column, London Town, 26 luglio 2010. URL consultato il 4 ottobre 2010.
  31. ^ (EN) Sherlock Holmes, and the riddle of the packed sandwich bar, Daily Mail, 15 agosto 2010. URL consultato il 16 ottobre 2010.
  32. ^ (EN) Kate McMahon, BBC1 unveils new dramas in Broadcast, Emap Media, 14 luglio 2009. URL consultato il 21 luglio 2009.
  33. ^ (EN) Filming Begins on 'Sherlock' (PDF), Hartswood Films, gennaio 2010. URL consultato il 28 gennaio 2010.
  34. ^ (EN) Levine, Nick, Mark Gatiss talks 'Who', 'Sherlock', Digital Spy, 17 aprile 2010. URL consultato il 28 maggio 2010.
  35. ^ (EN) Parker, Robin, Hartswood set to develop projects from Welsh office, Emap Media, 20 agosto 2009. URL consultato il 20 agosto 2009.
  36. ^ (EN) Sherlock, Ray Holman website. URL consultato il 21 luglio 2009.
  37. ^ a b (EN) Paul Bignell and Rachel Shields, Sherlock chic! Fashion? It's elementary, thanks to BBC, The Independent, 8 agosto 2010. URL consultato il 10 agosto 2010.
  38. ^ (IT) Francesca Cremonesi, Sherlock, svelato il villain della terza stagione dell’amata serie tv inglese in Bestmovie.it, 29 luglio 2013. URL consultato il 29 luglio 2013.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
Televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Televisione