Porcellana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Porcellana (disambigua).
Porcellana
Porcellana di Capodimonte
Porcellana di Capodimonte
Caratteristiche generali
Composizione caolino, feldspato

La porcellana è un particolare tipo di ceramica, che si ottiene a partire da impasti con presenza di caolino, feldspato e per cottura a temperature tra i 1300 e i 1400 °C.

Indice

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le origini, in Cina[modifica | modifica wikitesto]

Vasi del periodo Qing.

La porcellana è stata prodotta per la prima volta dai cinesi, si suppone durante la dinastia Tang, che durò dal 618 al 907.

Con il miglioramento delle tecniche la dinastia imperiale Song (960-1279) decise di istituire fabbriche reali per la sua fabbricazione, destinata ai palazzi reali. Verso il 1100 la produzione si diffuse con apprezzati risultati artistici anche in Corea. Successivamente raggiunse il Giappone, di cui sono caratteristiche le porcellane a semplici disegni su fondo bianco, e Imari o Arita a decori su fondo blu e rosso.

Dal 1300 la produzione di porcellana dura in Cina raggiunse una vera epoca dell'arte, in cui si distinse la città di Jingdezhen, dove venne alla luce la maggior parte delle opere di quel secolo. I due periodi che si distinsero di più furono quello della dinastia Ming (1368-1644) e Qing (1644-1912), le cui opere sono ancora oggi considerate tesori artistici insostituibili.

In Occidente[modifica | modifica wikitesto]

Le prime testimonianze dell'esistenza della porcellana arrivano tramite gli scritti di Marco Polo, nel XIII secolo.

Tuttavia la sua composizione rimase un mistero a lungo. Venne definita oro bianco e divenne un prodotto di altissimo lusso.

Gli Olandesi riuscirono a stabilire accordi commerciali per importare la porcellana cinese a partire dal 1500 e in seguito ne detennero il monopolio.

Nel XVI secolo l'importazione della porcellana cinese e il relativo commercio divennero di norma in Europa, fortemente incentivati dall'estendersi dell'uso di bevande in tazza: , caffè, cacao.

La prima porcellana in Europa: Meissen o Dresda[modifica | modifica wikitesto]

Un esempio di servizio da tavola di Meissen

Gli europei tentarono svariate volte di raggiungere la perfezione della porcellana dura cinese, senza tuttavia riuscirci.

Risultati di qualche valore furono conseguiti solo nella Firenze del Cinquecento, dove i laboratori di alchimia di Francesco I de' Medici, già intorno al 1575, riuscirono ad ottenere un tipo di porcellana a pasta tenera nota appunto come Porcellana Medicea; imperfetta sul piano tecnico (bollicine, screpolature, ecc.), veniva decorata a motivi blu cobalto, vagamente ispirati alla contemporanea produzione cinese. Se ne conoscono in tutto una cinquantina di pezzi. Non sembra, tuttavia, che la produzione sia sopravvissuta alla morte di Francesco[1], né che tali esperimenti abbiano avuto conseguenze per la successiva storia della porcellana europea.

La produzione si affinò in seguito e sorsero importanti centri di produzione in Italia, in Inghilterra e in Francia, ritenuto il centro più importante. Le prime fabbriche furono a Rouen, St. Cloud, Lilla, e Chantilly, ma il centro divenuto più famoso fu senz'altro Sevres dove la produzione si trasferì dalla città di Vincennes.

Marchio di fabbrica di Meissen

Agli inizi dell'anno 1700 l'alchimista diciottenne Johann Friedrich Böttger venne letteralmente catturato dall'elettore di Sassonia Augusto il Forte perché questi riteneva che fosse in grado di trasformare i metalli vili in oro.

Venne tenuto prigioniero in Dresda, e obbligato a portare avanti esperimenti in tal senso, che rimasero senza frutto. Nel 1703 tentò la fuga verso Praga, ma venne ripreso e condotto indietro. Per sua relativa fortuna venne in contatto con il proprietario di una fabbrica di vetro, Ehrenfried Walther von Tschirnhaus. Questi aveva speso i precedenti vent'anni a cercare di riprodurre la porcellana dura e si convinse del talento di Böttger. Si adoperò perché dalla ricerca della formula per l'oro vero e proprio, si passasse a quella per l'oro bianco.

Sempre sotto custodia Böttger eseguì svariati esperimenti e trovò la formula giusta per produrre la porcellana dura, probabilmente nel 1708 o 1709, presso Dresda. Venne riportato in un laboratorio del castello di Albrechtsburg, nella città di Meissen, dove si avviò la produzione vera e propria. Poiché la scoperta avvenne a Dresda, la porcellana di Meissen è spesso definita Porcellana di Dresda.

Statuine di Jacob Ungerer: "Giardiniere con cane, oca e gatto", 1902

La scopertà non gli portò affatto fortuna: per timore che rivelasse un segreto industriale con un valore economico impressionante (e per dispetto di non aver ottenuto la formula dell'oro), Böttger venne letteralmente rinchiuso nel castello e condusse la manifattura da una prigione dorata. Di qui fu liberato solo nel 1714. Sebbene avesse poco più di 30 anni era profondamente malato, molto probabilmente per aver dovuto lavorare con pesanti catene in un laboratorio privo di aerazione. Morirà nel 1719.

La Manifattura di Meissen stabilì un monopolio della produzione di porcellana dura e si ispirò inizialmente agli originali orientali per forme e decori. Successivamente lo stile si evolse seguendo le mode e facendo emergere soluzioni del tutto inedite soprattutto per la pittura su porcellana, ad opera di Horoldt.

Ancora oggi ha sede in zona una fiorente industria artistica, di valore riconosciuto.

Fra le tante aziende che prosperarono al tempo, rimane ancora in attività la Unter Weiss bach.

Attraverso una serie di vicende i dettagli della produzione giunsero infine a Limoges, dove si erano scoperti depositi di caolino, successivamente alla Manifattura di Vienna e infine al resto dell'Europa.

Le porcellane francesi: Chantilly, Limoges, Sèvres[modifica | modifica wikitesto]

La produzione della porcellana francese ha origine in Chantilly dove, nel 1730, il Duca di Borbone stabilì una manifattura presso il castello locale. Poiché il Duca era un appassionato collezionista di porcellane giapponesi, la manifattura fece di questo stile la sua priorità. I primi pezzi furono dunque ispirati allo stile Kakiemon, caratterizzato da decori in blu con disegni di ramoscelli o peonie. Nel 1735 la manifattura ottenne persino una speciale patente da Luigi XV, che specifica il diritto di fabbricare porcellane in imitazione della porcellana del Giappone.

L'artista ingaggiato dal Duca fu Jean-Antoine Fraisse, che trasse ispirazione dal Libro dei Disegni Cinesi, del 1735.

A prescindere dalla delicatezza del disegno e della smaltatura, va ricordato che la produzione non fu di vera e propria porcellana dura, ma di porcellana tenera o ceramica il cui color crema veniva mascherato da una smaltatura bianco latte. Poiché già nel 1750 iniziò la concorrenza da parte dei centri di Vincennes - Sevres, la produzione fu limitata e i pezzi di questa provenienza sono assai rari.

Stoviglie in porcellana di Sèvres (1784) creata per la regina Maria Antonietta

Nel 1738 artigiani provenienti da Chantilly, fondarono la manifattura di Sèvres, presso Chateau de Vincennes. La produzione si dedicò a pezzi finemente decorati e smaltati in oro, che si rivolgevano alle classi altamente privilegiate. La famiglia reale stessa garantì un contratto di esclusiva per la produzione di porcellana in Francia, insieme con il titolo di Manifattura reale di Porcellana. Il re Luigi XV possedeva, di fatto, una parte della manifattura, e rilevò quanto restava nel 1759: ritenne di essere il miglior ambasciatore possibile della superba qualità delle porcellane francesi, che avevano raggiunto una clientela ampia, sia nel loro paese che all'estero. Il re viaggiò molto per mostrare la reputazione di Sèvres, che fu famosa per i suoi colori intensi e brillanti e per la finezza dei suoi smalti. Inoltre commissionò lavori monumentali per la sua collezione personale.

Tuttavia, tanta preferenza destò forti malumori negli altri artisti e produttori che si videro danneggiati dal monopolio imposto. Luigi XV fu costretto a cedere, ma volle mantenere l'esclusiva alcune tecniche particolari, come la doratura. Queste accortezze mantennero Sèvres in una posizione di privilegio per la produzione di pezzi maggior finezza e costo, in un'epoca che basava tutta l'arte decorativa sull'ostentazione sfrenata. La produzione conobbe una vera epoca d'oro quando si rinvennero depositi di caolino presso la regione di Limoges, il che eliminò la necessità di importare il materiale dall'Austria. In quella zona sorsero anche altre piccole manifatture di porcellana, con produzioni più limitate. In tal senso il termine porcellana di Limoges indica la provenienza di un'area geografica generica e non di un vera e propria manifattura specifica.

Lo splendore di Sèvres ebbe una brusca battuta d'arresto con la violenta crisi economica e i disordini generati dalla Rivoluzione Francese. Praticamente in rovina, la manifattura venne dichiarata proprietà del governo e cercò di sopravvivere con una forza lavoro molto ridotta.

All'inizio dell'Ottocento passò in carico alla direzione di Alexander Brongniart, un uomo con scarsa competenza del settore, ma grande cultura in chimica, botanica, zoologia e geologia. Brogniart applicò la sua non comune cultura e intelligenza a far rinascere la manifattura, che vide rifiorire tanto la qualità del design quanto il livello produttivo. Sèvres si indirizzò infine anche su linee meno esclusive, ma più spendibili presso la ricca borghesia. Riuscì, negli anni, a mantenere tanto il favore della corte, come con Napoleone, quanto a conquistare ampi strati di società, grazie a una qualità che non venne a compromessi nemmeno per le produzioni più semplici e di largo consumo. Furono molti gli artisti famosi che lavorarono per la manifattura, che era di per sé garanzia di altissima ricerca stilistica e poteva pagare i migliori pittori del mercato. Tra di essi ricordiamo Jean-Honoré Fragonard.

Sèvres creò anche il primo museo del mondo dedicato esclusivamente alla porcellana, e vi espose tanto veri gioielli di antichità quanto le sue stesse produzioni.

Capodimonte, Napoli[modifica | modifica wikitesto]

La scoperta dello sfortunato Böttger diede grande impulso alla produzione di porcellane in tutti i paesi. Nel 1738 Carlo di Borbone sposa Maria Amalia di Sassonia, nipote di Augusto il Forte, che aveva patrocinato la prima fabbrica di porcellana dura europea. Carlo volle avviare una produzione che fosse alla pari di quella, ormai famosissima, di Meissen e fece avviare i lavori per la prima fabbrica.

Questa sorse poco distante dal suo palazzo, sulla collina di Capodimonte e venne quindi detta Real Fabbrica di Porcellana di Capodimonte. Furono addetti alla fabbrica pochi artigiani specializzati: Livio Vittorio Schepers e suo figlio Gaetano Schepers, Giovanni Caselli furono incaricati dell'impasto. Lo scultore fiorentino Giuseppe Gricci venne ingaggiato come modellatore. Il pittore Giuseppe Della Torre e l'intagliatore Ambrogio Di Giorgio chiudevano l'equipe artistica. Furono, come in tutti gli altri casi, necessari vari esperimenti per trovare la giusta formula della porcellana. Solo alla scoperta di un deposito di caolino presso Catanzaro fu, infine, possibile avviare una produzione, che venne ben presto considerata superiore a quella francese.

Nel 1759, tuttavia, Carlo successe a Filippo V come Re di Spagna e diede ordine che tutta la produzione, artisti e operai inclusi, venissero in blocco trasferiti presso il Palazzo Reale di Buen Retiro, a Madrid. Qui la fabbricazione cessò nel 1808. Perdurò ininterrotta, invece, a Napoli.

Carlo di Borbone ebbe un figlio, Ferdinando. Questi successe al trono di suo padre in Napoli come Ferdinando IV Re di Napoli (1759-1816) e, successivamente, con il nome di Ferdinando I Re delle due Sicilie (1816-1825). Volle avviare una nuova produzione di porcellane, cosa che fece nel 1771 nella Reggia di Portici, e successivamente nel Palazzo Reale di Napoli.

Nacque così la Real Fabbrica Ferdinandea le cui opere furono contrassegnate da una lettera N coronata, in colore azzurro. Il periodo di maggior splendore fu dal 1780 al 1799, tuttavia nel 1806 Napoli venne conquistata dai francesi. Questi non avevano alcun interesse a mantenere una produzione in concorrenza con la loro e vendettero le attrezzature ad imprenditori locali, tra cui Giovanni Poulard-Prad. Questo permise alla zona di mantenere viva la sua tradizione artistica, fiorente ancora oggi e famosa per i suoi fiori in porcellana.

Ginori e Richard-Ginori[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana Ginori a Doccia e Richard Ginori.

Nel 1735 nasce, a Sesto Fiorentino, la Manifattura di Doccia, su progetto del marchese Carlo Ginori che veniva definito scienziato dilettante. L'intento era di fornire ad un paese soprattutto dedito all'agricoltura nuovi orizzonti commerciali che lo aiutassero a uscire da una forte crisi politica segnata dalla successione dei Medici verso i Lorena.

Ginori investì molto sul progetto, sia per aiutarli a superare i noti problemi tecnici e di approvvigionamento delle materie prime sia per fornire agli artisti riferimenti culturali di pregio. Acquistò varie opere tardo barocche di valore, pubblicazioni di arte e di architettura, calchi di opere d'arte, cammei, terrecotte, sculture, cere.

I primi due decenni di attività furono pionieristici, e produssero soprattutto gruppi di statue, servizi da tavola e bassorilievi istoriati per decorarli. Tuttavia l'impegno ripagò dello sforzo, Nello spazio di pochi decenni la manifattura divenne un'azienda di notevoli dimensioni; nel 1774 occupava già oltre 100 operai.e fabbricava maioliche e porcellane da arredamento e da tavola di grande gusto artistico, per le quali era conosciuta in tutta Europa. Tipiche di questa produzione sono i decori del tulipano e del galletto, tanto apprezzati da venire prodotti per tutto il secolo.

La produzione ha grande successo e dà un tocco squisitamente italiano alle sue opere. Nel 1850 e 1851 viene prodotto il Vaso dei Medici o Vaso Mediceo un modello destinato ad avere una considerevole fortuna: un vaso di ampie dimensioni dalla forma a campana rovesciata che poggia su un unico piede, spesso di forma quadrata, e presenta due piccole anse in basso. Venne detto così poiché si ispirava alla forma dei grandi vasi marmorei della Villa Medici a Roma. Ne vengono tutt'oggi prodotti diversi esemplari.

Nel 1896, a causa di problemi finanziari, i marchesi Ginori sono costretti a vendere la Manifattura di Doccia al produttore di ceramiche milanese Richard. Nasce così la Richard-Ginori fallita il 7 gennaio del 2013.

Chelsea, Worcester e la Bone China, Wedgwood[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Josiah Wedgwood.

Come gli altri paesi l'Inghilterra non mancò di avviare la sua produzione di porcellana. A differenza di quanto avvenne in molti altri paesi d'Europa le manifatture furono del tutto private e prive di sponsorizzazioni da parte della casa regnante. La prima produzione fu di porcellana tenera, ma ben presto la produzione si affinò. Una svolta si ebbe nel 1800 nella città di Bow, quando Josiah Spode prende ad aggiungere all'impasto cenere di ossa di animali. L'additivo conferisce una traslucenza, bianchezza e resistenza notevole a questo nuovo tipo di porcellana, che venne detto Bone China. Questo nuova ricetta divenne, con il tempo, lo standard della produzione inglese. Tutt'oggi marchi prestigiosi quali Royal Worcester, Coalport e Royal Crown Derby usano porcellana Bone China.

È probabile che il primo centro di una certa rilevanza sia stato quello di Chelsea, dove la produzione si avviò a metà del Settecento molto probabilmente grazie alla presenza di artigiani francesi provenienti dalle manifatture di St. Cloud o di Chantilly. La manifattura venne fondata dagli ugonotti Charles Gouyn Nicholas Sprimont, quest'ultimo un orefice che lavorava a Londra.

Manca una data certa di inizio dei lavori, ma il primo reperto datato di cui si ha notizia è una salsiera sostenuta da due caprette, con un'ape in dimensioni naturali e marchiata Chelsea 1745. La produzione Chelsea non durò a lungo, poiché venne venduta a William Duesbury che risiedeva nella città di Derby. Lì si trasferì, quindi, la produzione nel 1784. I lavori di quest'ultimo periodo si distinsero per qualità, ma va notato che le porcellane di Chelsea avevano scarsa resistenza al calore e all'uso. Questo diede forte impulso alla Manifattura a produrre figurine e porcellane decorative, più che servizi da cucina.

La manifattura Chelsea siglò in diversi modi le sue opere: un triangolo inciso, all'inizio, una piccola ancora sollevata rossa oppure dorata, o ancora un'ancora dorata con la lettera D e la corona, successivamente.

In questo periodo le porcellane inglesi a contatto con liquidi bollenti erano ancora soggette a creparsi. È tipico dei servizi da tè dell'epoca avere un piattino profondo, a coppetta: si versava il latte freddo nella tazzina, si aggiungeva il tè e si versava prontamente nel piattino a coppa, da cui veniva bevuto. Tutto questo allo scopo di evitare che la porcellana si rompesse per il calore.

Nel 1751 venne fondata la Worcester da un gruppo di imprenditori. La manifattura ebbe una notevole fortuna poiché le sue porcellane avevano un'alta resistenza al calore e non rischiavano di rompersi a contatto con bevande bollenti, come era frequente per quelle di Chelsea. Ciò diede impulso alla produzione di servizi da tè, anziché a quella della porcellana decorativa. Fu presso la Worcester che venne inventata la tecnica della stampa a trasferibile che diede un enorme impulso alla produzione di grandi volumi.

La Worcester cambiò proprietà diverse volte e si unì a manifatture rivali. Nel 1862 nasce The Worcester Royal Porcelain Co oggi nota in tutto il mondo come Royal Worcester. Le porcellane Worcester sono considerate essere tra le migliori porcellane inglesi.

Nel 1759 nasce un'altra produzione destinata ad avere grande seguito e fortuna. Josiah Wedgwood fonda l'omonima azienda e con un temperamento votato all'innovazione affina la tecnica mettendo a punto i suoi materiali peculiari: il Queen's Ware, il Basalto Nero, e il Jasper. Nel 1800 la Wedgwood perfeziona la Bone China, sviluppandone una qualità superiore. La Fine Bone China presto troverà posto sulle tavole dei potenti di mezzo mondo: uno dei più noti esempi è il servizio da tavola Wedgwood che Theodore Roosevelt volle per la Casa Bianca.

Altre produzioni piuttosto famose del panorama inglese furono le produzioni di Limehouse, Bristol, Longton Hall, Vauxhall, Lowestoft, Liverpool, Plymouth, Caughley e New Hall.

Royal Copenhagen, Bing & Grøndahl[modifica | modifica wikitesto]

Anche la Danimarca avvia una produzione di porcellana. Nasce il primo maggio 1775 la Reale Fabbrica di Porcellana di Copenaghen, sotto la protezione della Regina Maria Giulia di Danimarca. Dopo i consueti tentativi falliti, tipici dell'avvio di tutte le Manifatture di questo tipo, Frantz Müller ottiene i primi successi. Il primo stabilimento sorge nel cortile di un ufficio postale, nella cittadina di Købmagergade. Le porcellane di questa scuola hanno come marchio di fabbrica tre linee d'onda che simboleggiano i tre canali di Danimarca: Øresund, Store Bæelt e Lille Bælt.

Con il successivo patrocinio del Re Cristiano VII la sviluppa il suo stile peculiare. Il decoro si orienta al solo uso del blu cobalto, con uno stile copiato quasi integralmente dalle preziose porcellane di Meissen.

Questo decoro caratteristico venne chiamato Blue Fluted e sarà distintivo di tutta la successiva produzione danese. Il Blue Fluted è un decoro a pattern di stile floreale, esile, dallo sviluppo vagamente geometrico e spiraliforme, che ricorda le volute della filigrana. Si sviluppa sempre e comunque in blu cobalto su fondo bianco. Il Blue Flute si modificherà diverse volte nel tempo sino a giungere ai giorni nostri dove troviamo il Blue Fluted Plain, Blue Fluted Half Lace e il Blue Fluted Full Lace. Particolarmente famoso sarà il restyling che l'architetto Arnold Krog ne fece nel 1913.

Ultimo della famiglia, il Blue Fluted Mega, fu introdotto nel 2002 dalla designer Karen Kjaeldgård-Larsen. Il Blue Fluted è ancora oggi rigorosamente dipinto a mano e per ogni pezzo si rendono necessarie circa 1000 minute e minuziose pennellate.

Sebbene la porcellana danese fosse caratterizzata dall'intensivo uso del blu cobalto, questa non fu una scelta esclusiva. Una delle opere più famose di quel primo periodo fu, infatti, in smalti policromi e oro: è il servizio Flora Danica.

Venne commissionato nel 1790 dalla famiglia reale danese come dono per l'imperatrice Caterina II di Russia, appassionata collezionista di porcellane.

Il servizio, monumentale, richiese anni di lavorazione. L'artistà che vi dedicò gran parte della vita fu Johann Christoph Bayer che modellò a mano i 1802 pezzi del servizio, per poi decorarli seguendo le illustrazioni del Flora Danica, ovvero l'Enciclopedia Botanica Danese. L'impresa terminò nel 1806, quando l'artista aveva 66 anni.

L'opera non venne mai realmente consegnate in Russia e venne infine donato per il matrimonio della Principessa Alessandra di Danimarca con il futuro Edoardo VII di Inghilterra nel 1863. Flora Danica è oggi uno stile ben preciso, ancora oggi modellato e decorato a mano nella fabbrica della Royal Copenhagen.

Abolita la monarchia assoluta nel 1849 si aprirono prospettive di mercato libero. Nel 1853 lo scultore della Manifattura Royal Frederik Vilhelm Grøndahl decide di fondare una fabbrica di porcellana propria e si associa con i fratelli Meier Herman e Jacob Herman Bing, commercianti in Copenaghen. La produzione di focalizza su quanto il mercato richiede: figure in bisquit dell'emergente artista Thorvaldsen. Nasce così, Il 19 aprile, Bing & Grøndahl.

L'Esposizione Mondiale di Parigi del 1889 consacra le porcellane danesi al successo internazionale che raggiunge il suo apice quando lo Zar Alessandro III acquista svariati pezzi, oggi esposti in San Pietroburgo. Nel 1890 la Royal Copenhagen apre un primo negozio a Parigi, cui seguirà, nel 1897 un altro punto in Old Bond Street, a Londra. Nel 1895 inizia una serie che ebbe una enorme fortuna: Hallin, artista di punta della Bing & Grøndahl, realizza il primo piatto di Natale. I piatti di questa serie, che variano soggetto ogni anno, sono tutt'oggi in produzione.

Fu subito (ed è ancora) tipico della porcellana danese l'avere applicato lo smalto prima della cottura e non dopo. In tal modo fu possibile saltare il passaggio della seconda cottura a 1400º. Questa tecnica di presmaltatura è nota come underglaze e diede un carattere distintivo alla produzione artistica danese.

In questa particolare applicazione della tecnica, lo smalto viene steso in strati leggeri successivi, in modo molto simile a quanto avviene nell'aquerello. Il colore acquista sfumature tenui e pattern particolari.

Questa tecnica, si unì a lievi decori in rilievo, a trafori leggeri e a un gusto orientato a paesaggi, marine e figurine animali. Un esempio molto noto di questo stile è il Servizio dei Gabbiani, detto anche Servizio Nazionale Danese, opera di gusto delicato, tipicamente art nouveau della pittrice Fanny Garde.

La Bing & Grøndahl si è, infine, unita alla Royal Copehagen nel 1987.

Produzioni di porcellana in Europa nel XVIII secolo[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Allach[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Allach (porcellana).

Porcellana di Ansbach[modifica | modifica wikitesto]

Ansbach fu sede di una produzione di maioliche sin dai primi anni del Settecento. Fu grazie al Margravio, che aveva assunto maestranze provenienti da Meissen se intorno al 1757 iniziò a realizzare manufatti a pasta dura (porcellane). La sede della manifattura durante la direzione di uno dei più grandi modellatori e pittori della storia della porcellana, Johann Friedrich Kaendler, era nel castello di Bruckberg, ed ebbe fra gli artisti che vi lavorarono: il capo dei pittori J. M. Schollhammer, il pittore di paesaggi J. Stenglein e J. K. Gerlach che era arrivato ad Ansbach da Meissen nel 1759. Produsse deliziosi servizi dipinti a soggetto naturalistico e delicati gruppi e statuine sempre più sensibili al gusto di Berlino che a quello di Meissen. La fabbrica ebbe vita lunga fino al 1860 quando cessò la sua produzione.

Porcellana di Berlino[modifica | modifica wikitesto]

A Berlino una piccola produzione di porcellane fu iniziata da Wilhelm Caspar Wegely con la protezione di Federico II di Prussia. S'ispirarono a Meissen e alla fabbrica francese di Vincennes per le decorazioni con riferimenti alle scene tratte da Watteau e produssero anche grandi vasi modellati con fine repertorio floreale. Fra i lavoranti di maggior rilievo figurano Isac Jacob Clauce e per le plastiche E. H. Reichard. La marca di questo periodo è una W impressa nella pasta. Poco dopo, nel 1761, nacque a Berlino un'altra fabbrica di porcellane, quella di Johann Ernst Gotzkowsky, dove lavorarono maestri provenienti sia da Wegely sia da Meissen. Successivamente, nel 1763, Federico II volle far sua la fabbrica acquistandola e dandole nuovo impulso.

La fabbrica prese il nome di Koenigliche Portzellan Manufaktur con la sigla KPM sormontata da un'aquila, impressa o dipinta negli oggetti. La produzione di questo periodo è distinta da servizi da tavola (Zuppiere, vassoi, alzate, piatti ecc.) con decori che guardano ai dipinti di Watteau, Boucher e dei Teniers, mentre per il modellato e le figure, in particolare, i pezzi più pregevoli si rifaranno ai soggetti mitologici e naturalistici. Federico II di Prussia volle regalare alla zarina Caterina di Russia un imponente servizio da tavola, per dar lustro al suo casato con questa nuova impresa nel campo delle arti. Il grande servizio è oggi conservato all'Ermitage di Leningrado. Gli stili che si susseguono ricalcano il mutamento del gusto che trapassa dal Rococo al primo Neoclassicismo per trionfare nell'Impero.

Come per molte altre fabbriche di porcellana europea i soggetti in quest'ultimo periodo prediligono i ritratti, le vedute di città e monumenti, e una discreta produzione di biscuit. Inoltre si produrranno a Berlino nella K. P. M. placche a rilievo con scene sacre e mitologiche e raffinate placche dipinte a soggetti anche di paesaggio e nature morte. Fra i modellatori degni di rilievo si ricorda J. G. Schadow per le sue plastiche in biscuit. La fabbrica ha continuato a lavorare per tutto l'Ottocento fino a produrre pregevoli manufatti secondo i canoni stilistici dell'Art Nouveau.

Porcellana Biscuit[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana Biscuit.

Porcellana di Bow[modifica | modifica wikitesto]

La fabbrica di Bow fu fondata, dal pittore di origine irlandese Thomas Frye e da Edward Heylyn, fra il 1744 e il 1748, in Stratford Langthorne nelle vicinanze di Londra. Sin dai primissimi anni si produssero le porcellane a pasta tenera di un color bianco candido, così reso dall'aggiunta nella pasta di polvere di ossa. Nell'eseguire con ottima qualità i manufatti, la porcellana di Bow, s'ispirò sin dagli inizi ai decori delle porcellane orientali e alla tipologia Kakiemon in particolare. Per questo fu coniata per la produzione del primo periodo l'espressione "New Canton" e dal 1754 la fabbrica iniziò ad arricchire la produzione di tipologia all'orientale con la tecnica della decalcomania. Si distinguono nelle plastiche o nelle pitture, sia la presenza dei fiori di pruno, ben noti a Meissen, sia le conchigliette.

Gli oggetti tipici di questa manifattura furono: tazzine, calamai, zuccheriere, figurine della "commedia dell'arte", sia in gruppi o singole, i gruppi mitologici e le classiche scene galanti. Il colorato riflette il gusto rococò, che risulta allo stesso tempo vivace e ricercato. Nei soggetti rimasero celebri quelli di Kitty Clive tratta dalla farsa Lethe di Garrick e di cui un esemplare è conservato al Fitzwilliam Museum di Cambridge. Furono realizzate anche Civette, plastiche tratte da soggetti di Boucher e famosa rimane la serie delle nove Muse da cui prenderà il nome l'ancora ignoto modellatore Muses Modeller. Ma la qualità purtroppo declinò rapidamente e la fabbrica fallì nel 1763. Riacquistata venne inglobata nella fabbrica di Derby, che da quel momento in poi poté giovarsi dell'esperienza maturata dalla manifattura di Bow.

Porcellana di Capodimonte[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana di Capodimonte.

Nel 1738 Carlo di Borbone sposa Maria Amalia di Sassonia, nipote di Augusto il Forte, che aveva patrocinato la prima fabbrica di porcellana dura europea. Carlo volle avviare una produzione che fosse alla pari di quella, ormai famosissima, di Meissen e fece avviare i lavori per la prima fabbrica.

Questa sorse poco distante dal suo palazzo, sulla collina di Capodimonte e venna quindi detta Real Fabbrica di Porcellana di Capodimonte. Furono addetti alla fabbrica pochi artigiani specializzati: Livio Vittorio Schepers, suo figlio Gaetano Schepers e Giovanni Caselli furono incaricati dell'impasto. Lo scultore fiorentino Giuseppe Gricci venne ingaggiato come modellatore. Il pittore Giuseppe Della Torre e l'intagliatore Ambrogio Di Giorgio chiudevano l'equipe artistica. Furono, come in tutti gli altri casi, necessari vari esperimenti per trovare la giusta formula della porcellana. Solo alla scoperta di un deposito di caolino presso Catanzaro fu infine possibile avviare una produzione che venne ben presto considerata superiore a quella francese.

Nel 1759, tuttavia, Carlo successe a Filippo V come Re di Spagna e diede ordine che tutta la produzione, artisti e operai inclusi, venissero in blocco trasferiti presso il Palazzo Reale di Buen Retiro, a Madrid. Qui la fabbricazione cessò nel 1808. Perdurò ininterrotta, invece, a Napoli.

Carlo di Borbone ebbe un figlio, Ferdinando. Questi successe al trono di suo padre in Napoli come Ferdinando IV Re di Napoli (1759-1816) e, successivamente, con il nome di Ferdinando I Re delle due Sicilie (1816-1825). Volle avviare una nuova produzione di porcellane, cosa che fece nel 1771 nella Reggia di Portici, e successivamente nel Palazzo Reale di Napoli.

Nacque così la Real Fabbrica Ferdinandea le cui opere furono contrassegnate da una lettera N coronata, in colore azzurro. Il periodo di maggior splendore fu dal 1780 al 1799, tuttavia nel 1806 Napoli venne conquistata dai francesi. Questi non avevano alcun interesse a mantenere una produzione in concorrenza con la loro e vendettero le attrezzature ad imprenditori locali, tra cui Giovanni Poulard-Prad. Questo permise alla zona di mantenere viva la sua tradizione artistica, fiorente ancora oggi e famosa per i suoi fiori in porcellana.

Porcellana di Doccia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana Ginori a Doccia.

Porcellana di Bristol[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Chantilly[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Chelsea[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana di Chelsea.

Porcellana di Copenaghen[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Delft[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana di Delft.

Porcellana di Derby[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Royal Crown Derby.

Porcellana di Dresda[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Frankenthal[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Fulda[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Fürstenberg[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Höchst[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Limoges[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Ludwigsburg[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Madrid Buen Retiro[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana Medici[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana Medici.

Porcellana di Meissen[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana di Meissen.

Porcellana di Mennency[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Minton[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Mosca[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Nymphenburg[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana di Nymphenburg.

Porcellana di Nove[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Parigi[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di San Pietroburgo[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana di San Pietroburgo.

Porcellana di Rouen[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Saint-Cloud[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Sèvres[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Manufacture nationale de Sèvres.

Porcellana di Strasburgo[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Venezia[modifica | modifica wikitesto]

La prima manifattura di porcellana realizzata in Italia di cui si hanno tracce e riferimenti storici è quella di Giovanni Vezzi il quale iniziò nel 1720 la propria produzione nella città lagunare. Fu con Christopher Conrad Hunger, collaboratore di Bottger (scopritore del segreto di Meissen), che il segreto della fabbricazione della porcellana europea giunse tra le lagune. Dopo la chiusura della fabbrica Vezzi avvenuta nel 1727, per circa trent'anni a Venezia non ci furono altre manifatture. Nel 1757 però un mercante sassone, Friederich Hewelcke successivamente in società con Geminiano Cozzi, iniziò dapprima in terraferma e poi in laguna una nuova manifattura che ebbe vita fino al 1763. Il solo Cozzi poi, continuò la propria attività manifatturiera fino a dopo la caduta della Repubblica di Venezia.

Porcellana di Vienna[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Vincennes[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Porcellana di Vincennes.

Porcellana di Vinovo[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Vische[modifica | modifica wikitesto]

Porcellana di Zurigo[modifica | modifica wikitesto]

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1975 la Danimarca ha dedicato al suo famoso decoro Blue Fluted un francobollo, noto con il nome di Danish China.

Karen Blixen è stata un'appassionata collezionista di porcellane Blue Fluted, che usava come servizio da tavola nella sua fattoria africana, in Kenia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ulrich Middeldorf: Porcellana Medicea, in Palazzo Vecchio: committenza e collezionismo medicei (Catalogo della Mostra), Firenze 1980, pp.181-186

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]