Bertel Thorvaldsen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Karl Begas: Ritratto di Thorvaldsen

Bertel Thorvaldsen, in italiano Bartolomeo, giunto a Roma decide di chiamarsi Alberto (declinato in Alberto o Albrecht in contesto danese o tedesco), nome che mantenne fino alla morte (Copenaghen, 19 novembre 1770Copenaghen, 24 marzo 1844), fu uno scultore danese, esponente del Neoclassicismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Un genio precoce[modifica | modifica wikitesto]

Thorvaldsen: Venere con mela, 1805, Louvre

Thorvaldsen affermava di essere nato il 19 novembre 1770 (ma la data non è mai stata realmente chiarita, secondo alcuni sarebbe nato nel 1768, secondo altri nel 1771 o 1772) da Gotskalk Thorvaldsen, intagliatore di legno islandese che si era stabilito in Danimarca come commerciante, e da Karen Dagnes; quanto al luogo di nascita, alcune fonti citano la capitale danese, altre indicano una nave in viaggio tra l'Islanda e la Danimarca, e in Islanda alcuni ritengono che fosse nativo dell'isola. Il giovane Thorvaldsen seguì le prime lezioni d'arte del padre, per poi entrare all'età di soli undici anni nella Libera Scuola della Reale Accademia di Belle Arti a Copenaghen, dove fu seguito principalmente da Nikolaj Abraham Abildgaard.

Nel 1787 Thorvaldsen ottenne una piccola medaglia d'argento quale riconoscimento per le sue qualità nel modellare i materiali e due anni dopo fu premiato con la grande medaglia d'argento per il suo bassorilievo "Amore che riposa". In seguito alla premiazione del bassorilievo "La cacciata di Eliodoro dal Tempio" (1791), il ministro conte Christian Frederik Reventlow prese Thorvaldsen sotto la sua ala protettrice e gli procurò i mezzi finanziari necessari per la prosecuzione dei suoi studi.

Nel 1793 il bassorilievo Gli apostoli Pietro e Giovanni guariscono uno storpio venne premiato con una grande medaglia d'oro e con una regia borsa di studio per un viaggio di studio a Roma, che Thorvaldsen non poté dapprima intraprendere a causa dei molteplici lavori che gli erano stati commissionati. Per altri tre anni lo scultore impartì lezioni private di disegno e soprattutto creò numerose statue per il palazzo del principe ereditario Federico nel Palazzo di Amalienborg. Dello stesso periodo sono anche i busti dei politici conte Andreas Peter von Bernstorff e Tyge Rothe.

Il soggiorno romano[modifica | modifica wikitesto]

Thorvaldsen: Carità cristiana, Louvre

Fu soltanto il 29 agosto 1796 che Thorvaldsen poté finalmente iniziare il suo viaggio per Roma, dove giunse l'8 marzo dell'anno successivo a causa di soste a Malta e Napoli. Tale data venne in seguito festeggiata dall'artista come il suo "compleanno romano"; nell'Urbe Thorvaldsen si fece chiamare "Scultore Alberto". Poco tempo dopo il suo arrivo a Roma Thorvaldsen conobbe l'archeologo Jörgen Zoega, che lo aiutò nello studio dell'antichità classica e che col tempo divenne anche il suo mentore, nonché il pittore Asmus Jacob Carstens, che parimenti si prese cura di lui. Nel 1797 Thorvaldsen inaugurò il suo primo studio in via del Babuino 119, nell'atelier previamente utilizzato dallo scultore inglese John Flaxman.

Quando poco prima della scadenza della borsa di studio Thorvaldsen inviò il suo Bacco e Arianna all'Accademia di Belle Arti di Copenaghen, quest'ultima gli estese il finanziamento del suo soggiorno romano per un altro biennio e nel 1802 per un ulteriore anno. In questo periodo l'artista danese patì tuttavia notevoli ristrettezze economiche e visse in una situazione di incertezza politica. Quando nel 1803 Thorvaldsen era in procinto di ritornare a Copenaghen assieme allo scultore berlinese Hagemann la partenza venne differita per alcuni giorni; fu proprio in questo frangente che egli conobbe il banchiere e collezionista inglese Thomas Hope (già mecenate di Flaxman), che gli commissionò la traduzione in marmo del Giasone. Un primo modello del 1801 del soggetto era già stato distrutto da Thorvaldsen, mentre un secondo - pur altamente lodato da Georg Zoëga ed Antonio Canova, non piacque all'artista. Varie vicissitudini rallentarono però il lavoro, cosicché solamente nel 1828 Thorvaldsen poté terminare la scultura ed inviarla a Hope in Inghilterra. Sta di fatto che lo scultore danese ottenne un enorme successo, che fino al 1818 lo trattenne in Italia.

Il successo varca le Alpi[modifica | modifica wikitesto]

Nel maggio 1805 l'Accademia delle Belle Arti di Copenaghen nominò Thorvaldsen membro ordinario e nello stesso anno egli fu nominato membro onorario dell'Accademia di belle arti di Bologna. In quel periodo Thorvaldsen ottenne alcuni incarichi di stato da parte di Napoleone, parte dei quali vennero accollati dal mecenate e collezionista conte Giovanni Battista Sommariva per la sua villa al lago di Como in seguito alla caduta dell'imperatore dei francesi. Il fregio L'entrata trionfale di Alessandro Magno a Babilonia venne poi replicato nel 1829 per il castello di Christiansborg a Copenaghen e fu inciso in rame da Samuel Asler.

Lo scultore danese cadde in una crisi creativa, da cui poté risollevarsi nel 1815 grazie ad un soggiorno a Montenero, presso Livorno, che gli diede un rinnovato impulso creativo da cui scaturirono negli anni seguenti alcune delle sue più belle opere.

La tomba di Pio VII Chiaramonti nella Basilica di San Pietro
Particolare della tomba di Pio VII

Copenaghen, Roma e ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Il 3 ottobre 1818 Thorvaldsen fece ritorno a Copenaghen, dove divenne professore all'Accademia di Belle Arti, ottenendo l'anno successivo anche la nomina a consigliere di stato danese (un titolo più onorifico che politico). Nella capitale danese Thorvaldsen venne incaricato di eseguire la colossale serie di statue di Cristo e dei dodici apostoli per la ricostruzione della Vor Frue Kirke (l'attuale cattedrale di Copenaghen), che era stata distrutta dai bombardamenti inglesi del 1807. La serie fu eseguita in seguito al suo ritorno a Roma e non fu completata fino al 1838, quando Thorvaldsen tornò in Danimarca.

Tuttavia, nell'agosto 1820 Thorvaldsen lasciò nuovamente la sua città natale e, viaggiando attraverso la Germania, la Polonia e l'Austria, fece ritorno in Italia, dove tornò a creare i suoi capolavori, quale la statua bronzea di Niccolò Copernico che venne eretta nel 1830 di fronte all'Università di Varsavia. Quando il cardinale Ercole Consalvi commissionò a Thorvaldsen l'abbellimento della sua tomba, il Vaticano iniziò a mostrare interesse per lui; nonostante l'artista fosse un fervido protestante, il papa Pio VII giunse ad affidargli l'incarico di eseguirgli un monumento, che dal 1830 si trova nella Cappella Clementina della basilica di San Pietro.

Nel 1838 Thorvaldsen tornò per la seconda volta in Danimarca, dove venne accolto con grandi onori. Nel suo paese natale Thorvaldsen si dedicò a nuove opere: i busti di Ludvig Holberg, Adam Oehlenschläger e Henrik Steffens, nonché - su esplicito desiderio della Casa Reale - anche uno di sé stesso. Tre anni dopo, nel 1841, Thorvaldsen tornò nuovamente a Roma per svolgere alcuni incarichi già da tempo accettati, per poi fare definitivamente ritorno a Copenaghen nell'ottobre 1842.

Il lascito ed il Museo Thorvaldsen[modifica | modifica wikitesto]

Il 24 marzo 1844, durante uno spettacolo teatrale nel Teatro Reale della capitale danese, Thorvaldsen ebbe un collasso e morì il giorno stesso all'età di 73 anni, destinando gran parte della sua fortuna alla costruzione di un museo a Copenaghen, per il quale riservò la sua collezione di opere d'arte ed anche tutti i modelli e i calchi delle sue sculture. La città di Copenaghen funse da esecutore testamentario ed incaricò quindi il rinomato architetto danese Gottlieb Bindesbøll della progettazione e costruzione di quello che oggi è il Museo Thorvaldsen.

L'edificio fu inaugurato nel 1846 su di un'isola nel centro di Copenaghen e custodisce una vasta collezione di opere di Thorvaldsen, nonché la tomba dello scultore, che per suo espresso desiderio si trova nel cortile centrale sotto un letto di rose.

Thorvaldsen non contrasse mai matrimonio, ma dalla sua compagna ebbe una figlia che, riconosciuta dal padre, ha dato origine ai Thorvaldsen che risiedono oggi negli Stati Uniti ed in Sicilia.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Copenaghen, Vor Frue Kirke, Cristo

Thorvaldsen fu uno dei massimi rappresentanti del neoclassicismo nella scultura, che interpretò rigorosamente aderendone ai canoni estetici con grande purezza formale. Pur essendo spesso paragonato a Canova, rispetto a quest'ultimo Thorvaldsen incarnò in misura maggiore lo stile dell'arte classica greca. Le pose ed espressioni delle sue figure sono molto più rigide e formali di quelle di Canova.

Per la quasi totalità delle sue opere (bassorilievi, statue e busti) Thorvaldsen scelse figure e motivi tratti dalla mitologia greca, che raffigurò con tratti semplici ed idealizzati. Si dedicò anche a ritratti di personalità di spicco, come per esempio la statua di Pio VII. Le sue opere possono essere ammirate in molti paesi europei, ma soprattutto in Italia e nel Museo Thorvaldsen di Copenaghen.

Parte delle sue opere sono caratterizzate da una sensibilità pederastica, tradizionalmente rappresentata nell'arte europea col mito di Zeus e Ganimede. Tra le sue creazioni che attingono a questa tematica spiccano il suo Eros, numerosi Ganimede, il Pastorello col cane e il bassorilievo di Ila e le ninfe.

Tra gli allievi di Thorvaldsen vanno ricordati Hermann Vilhelm Bissen, Hermann Ernst Freund, Emil Wolff, Ludwig Schwanthaler, Eduard Schmidt von der Launitz, Pietro Tenerani e Luigi Bienaimé. Anche se al di fuori dell'Europa la fama di Thorvaldsen non è paragonabile a quella di cui gode nel vecchio continente, alcune sue opere sono state riprodotte oltreoceano: ad esempio, la statua del Cristo risorto nel centro visitatori nord della piazza del Tempio di Salt Lake City, e l'autoritratto dello scultore a Central Park, nei pressi della East 97 Street.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace)
— 1842

Opere scelte[modifica | modifica wikitesto]

La statua di Schiller a Stoccarda (1839)
  • 1789 - Amore che riposa (bassorilievo)
  • 1791 - La cacciata di Eliodoro dal tempio (bassorilievo)
  • 1792 - Numa ed Egeria (bassorilievo)
  • 1793 - Gli apostoli Pietro e Giovanni guariscono uno storpio
  • 1798 - Bacco e Arianna (gruppo di statue)
  • 1800 - Raffaello, Cicerone, Agrippa (busti)
  • 1801 - Achille e Pentesilea (statuetta)
  • 1803 - Giasone
  • 1804 - Bacco, Ganimede, Barone Schubart (busti)
  • 1815 - Contessa Elizabeth Ostermann-Tolstaja (statuetta)
  • 1817 - 1828 - il principe Józef Poniatowski, (monumento equestre, a Varsavia)
  • 1820 - Zar Alessandro (Alessandro I di Russia)
  • 1821 - Monumento del Leone (a Lucerna)
  • 1825 - Nicolò Copernico (monumento, a Varsavia)
  • 1837 - Gutenberg (monumento, a Magonza)
  • 1839 - statua del Cristo per la cattedrale di Copenaghen
  • 1839 - 1848 - I dodici apostoli per la cattedrale di Copenaghen

Dediche[modifica | modifica wikitesto]

Piazza a Roma[modifica | modifica wikitesto]

La città di Roma dedica all'artista la piazza Thorvaldsen che si trova a ridosso di Villa Borghese, dunque in un luogo simbolo per le arti per questa città; è circondata da varie prestigiose accademie e siti, fra cui Accademia di Romania, Accademia belgica, Villa Giulia, Accademia britannica, Caffè delle arti; La piazza è attraversata nel mezzo da viale delle Belle Arti.
Il nome Thorvaldsen è altresì abbastanza noto ai romani in quanto l'importante linea tranviaria numero 3, che attraversa praticamente tutta la città e importanti quartieri, espone come capolinea i nomi di Stazione Ostiense-Thorvaldsen[1][2].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Fra i suo discendenti v'è l'autore televisivo italiano Pierfrancesco Diliberto, meglio conosciuto come "Pif"[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Trovalinea" in ATAC. URL consultato il 28 aprile 2012.
  2. ^ Dalla Piramide a Valle Giulia. Torna il tram sulla linea 3 in Corriere della Sera, 17 agosto 2012. URL consultato il 6 ottobre 2012.
  3. ^ 'Il Testimone', episodio 3 - stagione 5, "L'Islanda, la crisi e le bionde" in MTV.it. URL consultato il 28 novembre 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Bjarne Jørnaes, Bertel Thorvaldsen. La vita e l'opera dello scultore, Roma, De Luca Editori d'Arte, 1997, ISBN 88-8016-191-1.
  • Stefano Grandesso, Bertel Thorvaldsen (1770-1884), a cura di Laila Skjothaug, introduzione di Fernando Mazzocca, traduzione di Lucilla Rodinò, Cinisello Balsamo (MI), Silvana Editoriale, 2011, ISBN 978-88-366-1912-2.
  • (DA) Knud V. Rosenstand, Bertel Thorvaldsen (1905), Whitefish (Montana), Kessinger Publishing, 2010, ISBN 1-167-51233-2.
  • (DE) Johannes Myssok, Deutsche Künstler in Rom um August Kestner und Bertel Thorvaldsen: Das Rehberg-Album, Rhema, 2012, ISBN 3868870105.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 13100325 LCCN: n80017594